Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (35)

  • Avatar

    Peter Yanez

    |

    Non è vero che l’€ è “una moneta pensata non a caso con una parità 1 a 1 con il marco”

    Reply

  • Avatar

    gio

    |

    stesso discorso vale per il m5s, lei che ha dei contatti, glielo faccia capire, i 7 punti per le elezioni sono assurdi e incoerenti

    Reply

  • Avatar

    leprechaun

    |

    Solo una precisazione: evidentemente si tratta di una svista, ma è “Consiglio Europeo”, non “Consiglio d’Europa”, che è tutt’altra cosa.
    Ammiro inoltre (e forse invidio) la pazienza con la quale si risponde ad un attacco squadristico (che è qualcosa di diverso da “fascista”), perché tale è l’uso dell’aggettivazione negativa verso chiunque la pensi diversamente.
    E’ una vecchia storia. Chiunque criticasse la costruzione europea, fin dagli anni ’90, era bollato come “antieuropiesta” o “nazionalista”.
    http://documentazione.altervista.org/appello_europa_1997.html
    “In quanto critici dell’Emu, ci si imputa di mettere in pericolo la cooperazione europea, e ci si dice che faremmo meglio a stare zitti.”

    Reply

  • Avatar

    Andrea M

    |

    Mi sono letto entrambi i pezzi (quello di Luciano e il tuo) e credo ci si stia impiccando attorno ad un falso problema. Si può benissimo parlare se è meglio demolire l’UE attuale o riformarla ma se l’obbiettivo è “un’altra UE” o, se vogliamo usare una desueta locuzione che una volta andava di moda “un altro mondo” (con un accetto vagamente internazionalista), il punto è crearlo il popolo e, di conseguenza, il consenso al progetto. È inutile costituire una lista per riformare l’Euro se nessuno la vota, è inutile demolire l’Euro se si torna a valute nazionali e a nazionalismi. Non sono un grande esperto di economica ma sono abbastanza sicuro che la crisi economica non sia data dall’Euro in sé ma dal contesto economico: uscendone così, il risultato migliore è che non cambi nulla. Se si migliora allora ci sarà un certo consenso ai nazionalismi e vi ricorderete certamente meglio di me a cosa ci hanno portato, se peggiora, beh, peggiora.

    Per tornare al popolo trovo interessante l’esperimento Tsipras non nel fatto in sé ma in quel passettino in più che potrebbe essere fatto se il consenso fosse veramente molto alto. Il condizionale è d’obbligo ma non sarebbe interessante se si formasse un partito veramente europeo? Non sarebbe rivoluzionario andare oltre e creare una comunità, attorno ad un partito di questo genere, che siano le radici di una cultura europea? Questa è la cosa interessante a mio avviso, la parte sociale del progetto in divenire. Magari dopodomani sarò smentito e la sinistra di dividerà, di nuovo, in mille rivoli dal peso nullo ma una volta l’impossibile era il minimo sindacale da pretendere.

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    non sono assolutamente d’accordo, e trovo l’articolo abbastanza disfattista. e francamente quando leggo che l’europa è troppo poco di sinistra per fare delle politiche di sinistra e che è meglio l’italia, faccio notare che in italia le destre sono dominanti: siamo il paese dove non solo berlusconi fa il bello e il cattivo tempo da 20 anni e si è fatto fare una legge elettorale che gli consente di rivincere a mani basse, ma abbiamo un leader di sinistra che è una persona sfacciatamente di destra, e un partito di opposizione antisistema che non fa un cazzo e comunica come una cellula degenerata di casapound. a questo punto mi chiedo: sarò io troppo disfattista, che considero l’italia un paese troppo arretrato e nepotista perchè si applichino politiche di sinistra, oppure sto vivendo nel paese della bambagia e non me ne sono accorto? perchè delle due l’una…
    infatti tutto sommato non è che mi sorprenda per il rigore con cui viene considerato l’abito della ue, ma per la totale mancanza di questo rigore una volta che si debbano applicare gli stessi ragionamenti su scala nazionale. e non mi si venga a dire che le ferie, le assicuraazioni sanitarie, il divorzio per fare esempi sono frutti degli stati nazionali e non della ue: è chiaro che al tempo c’erano solo quelli. ma le conquiste sociali della storia del novecento sono state portate avanti solo grazie a una determinata e aggregante visione politica di sinistra, non certo da movimenti contro la lira (o il marco o lo scec) e contro la kasta. e onestamente non capisco come un cittadino di sinistra possa pensare il contrario.

    è logico che solo i governi nazionali possono camniare la situazione, e il voto ad una lista legata a syriza, in caso di successo europeo, porrebbe le basi a un cambiamento delle politiche nazionali nei singoli stati attraverso le elezioni politiche degli stati in questione. anche sotto questo aspetto non capisco come aldo si sia scordato che il mondo non finisce dopo queste elezioni europee e che ci saranno elezioni nazionali anche in futuro. e questo non vale solo per l’italia, ma anche per il resto dei paesi ue: che in essi esista una elettorato aggregato a livello europeo che proponga una visione di sinistra è una condizione necessaria ad un qualsiasi cambiamento politico che verta a sinistra. non sarà condizione sufficiente, ma non c’è dubbio che se l’alternativa è quella di un orizzonte dominato dal neoliberismo e dal nazionalismo, syriza tutta la vita.
    e non mi si dica che ilmovimento no europossa essere convertito verso impostazioni di sinistra: cose del genere vanno bene solo finchè si rimane al tavolino e nel mondo delle teorie: quando si deve scendere nella pratica di un movimento di massa, bisogna innanzitutto fare i conti con la società dello spettacolo. e credere che una massa sociale possa essere considerata alla stregua di un singolo individuo che può scegliere, sbagliare e imparare dai propri errori è una cosa semplicemente ridicola. con le masse il principio prevalente di convinzione è quello dell’autorità. e quindi, sarò un disfattista, ma credo che l’autorità di un berlusconi varrà molto di più della vostra per decidere la direzione in cui ilmovimentoin cui vi volete imbarcare andrà a parare. buona navigazione.

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    ma forse la vera differenza è che io sto a messina, e che qua abbiamo accorinti e il teatro pinelli che tentano di dimostrarci ogni giorno che cambiare le cose è possibile…

    Reply

  • Avatar

    antonella

    |

    Finalmente professore. Analisi basata su dati di fatto e non teorie che stanno con le gambe in aria.

    Reply

  • Avatar

    eliogabalo

    |

    Bravo!
    Condivido tutto. Non voler capire che tenersi l’euro e riformare la UE è infantilismo politico. Infatti l’euro è stato concepito per disciplinare i lavoratori, ridurre il potere d’acquisto e demolire il walfare, quello che di fatto sta succedendo. L’unica posizione di sinistra in senso stretto è quella di reintrodurre le monete nazionali e ritornare a fare una politica monetaria nell’interesse della nazione. Ma i signori non l’hanno ancora capito e confondono interesse nazionale con nazionalismo, abbandonando le classi lavoratrici alle quali non rimane che rivolgersi alle varie destre populiste. Un danno politico di cui pagheremo le conseguenze negli anni a venire. In fondo era Lenin che diceva: ‘Il disprezzo del proprio Paese è l’internazionalismo degli imbecilli’ .

    Reply

  • Avatar

    Peucezio

    |

    Splendida analisi!

    Reply

  • Avatar

    Robert

    |

    qua si vuole allegerire troppo …si parla di calcio di kazakistan…volevo fare una battuta anch’io ma chi leggo peter yanez il troll preferito di bagnai …e allora mi incazzo di nuovo…

    l’italia è entrata nell’euro per questo
    ve lo dice andreatta in faccia (notate la scritta nella fascia in alto :monti presto nell’unione monetaria o saranno guai !)
    poi da vero ipocrita andreatta ci dice che il problema dell’italia sono gli alti tassi di interesse sul debito quando proprio lui con ciampi è il principale responsabile degli alti tassi…
    http://www.youtube.com/watch?v=eqEjhQ0RMlw
    ( a questo e molto altro gli intellettuali PiDddini lo sanno …anche quelli del manifesto per dire …l’ha scritto pure cavallaro sul manifesto , quindi non si puo’ neppure dire che non si sappia..
    non a caso renzi ha invocato andreatta come ispiratore…)

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    @Eliogabalo: questa facilità di dare di imbecille a chicchessia e questo ipertrofismo dei giudizi a priori sono segni evidenti della tendenza ad abusare del principio di autorità da parte dei movimenti populisti. grazie per avere fornito la prova empirica

    Reply

  • Avatar

    Robert

    |

    e quanto dice andreatta ovviamente è proprio accaduto ovvimente…poi le materie prime ora le paghiamo pochissimo…peccato benzina e gasolio costino molto piu’ in italia che austria a germania (e tutti gli altri …)
    peccato che il finanziamento del debito ora costi 200 punti piu’ che in germania …(lo spread…) e sono 200 per granzia ricevuta dalla bce dopo aver perso sovranita’ economica con il fiscal compact in costituzione…per non parlare che ora gli italiani possono perfino emigrare in germania in cerca di lavoro ! in germania Wow ! a gli stipendi ? leggere goofynomic di oggi…
    e se le bundesbank invoca la patrimoniale per gli italiani che sia patrimoniale lo dice la camusso (meglio di andreatta) e dice pure che la disoccupazione aumentara’ (e il salario diminuira’ implicitamente) ma tanto che gli frega? anzi
    dai peter yanez dicci qualcosa sulla camusso o sui miliardi di euro risparmiati di interessi …quando gli interessi erano vicino a zero per tutti causa politica espansiva della fed..

    Reply

  • Avatar

    SantiNumi

    |

    @Yanez

    Il punto è che la costruzione europea è stata fatta “1 a 1 con la Germania”. Così ti piace di più? Mi spiace, ma qualcuno che onora la Sinistra esiste ancora.

    @leprechaun

    Peggio. Le argomentazioni erano già state usate dagli anni ’70: invito a visionare gli interventi dell’on. Spaventa alla camera durante la discussione per l’entrata dell’Italia dello SME. Il “fascismo” esisteva già allora e non inodossava già più la camicia nera.

    @Robert

    Non prendere con leggerezza il riferimento al Kazakistan: l’obiettivo americano (leggi oligarchie finaziarie angloamericane) di spingere a est la Germania è lo stesso degli anni ’30. Dovresti ben sapere chi sono i maggiori fomentatori in Turchia e in Ucraina (e dovresti anche sapere cosa è “l’heartland” e CHI e PERCHE’la vuole controllare).

    La geopolitica non rispetta le ere geologiche ma non cambia neanche così in fretta.
    —–

    Per chi ha ancora qualche dubbio: la UE è una delle facce “civili” della NATO (leggi: braccio armato delle oligarchie oil&finance). A Putin non piace essere circondato.

    Di “sinistro” il progetto europeo ha solo il ghigno di Draghi: chi lo sostiene è un filonazista e un collaborazionista. E non è un’opinione.
    (Per buona pace degli intellettuali tinti di rosso pagati con i soldi della famiglia Quandt… un brivido su per la schiena di qualcuno…).

    @Professore

    Siamo tutti vittime della neolingua e della nuova idolatria feticistica neoliberista: non diamo all’unità di misura della nostra schiavitù l’ingiusto privilegio della capital letter.

    Reply

  • Avatar

    SantiNumi

    |

    p.s.

    La Germania, dal punto di vista commerciale, ha sempre voluto avere una moneta sottovalutata per attuare efficacemente il proprio (storico) mercantilismo. E in questo, un certo “coefficiente di cruccaggine” c’è e come. Almeno rispetto la propria classe dirigente che per la terza volta in un secolo ha raso al suolo l’industria europea.

    Nell’asse franco-tedesco il desiderio egemonico è culturalmente da ascrivere maggiormente alla seconda che non ha mai brillato per equità sociale: quello tedesco è un equilibrio socioeconomico instabile per sua natura (compressione salariale + mercantilismo). Questa cultura delle sua èlite finanziaria la porta necessariamente, per non saltare, ad espandere i propri mercati tramite politiche beggar thy neighbour (come ora) o con metodi che non vogliamo ricordare. Questo gli USA lo sanno bene e bisogna comprendere perché hanno voluto celebrare il matrimonio tra le due Germanie.

    Vediamo cosa farà ad est: se rimbalzerà ancora contro la grande madre Russia vedremo di nuovo risvegliarsi i progressisti americani e magari ci verrà dato il tanto agognato New Deal.

    (Vorrei ricordare ai diversamente europei che il giardino felice di questa estremità dell’eurasia è da ascriversi, negli ultimi secoli, a questo “incomprensibile” popolo slavo che ha fatto molto, ma molto, ma molto di più delle Alpi…)

    Reply

  • Avatar

    Giovanni Talpone

    |

    No, il ragionamento non mi convince. Se è così difficile riformare l’Europa attuale, perchè dovrebbe essere più facile demolirla? La metafora edilizia, comunque, non regge: è più facile fare a meno di una casa che di strutture politiche e sociali, che non possono essere sostituite da tende e roulotte. Inoltre, che senso ha dire che l’Europa attuale è più vicina alla concezione di Richard di Coudenhove-Kalergi, e per questo mandarla in malora? Sarebbe come se i socialisti di cento anni fa, poichè l’Italia era stata fondata da una dinastia reazionaria e analfabeta, avessero proposto di tornare al Granducato di Toscana e al Regno delle Due Sicilie. Tornando al tema principale, penso che un lungo e difficile ma non impossibile percorso potrebbe essere che la linke e i partiti analoghi negli altri paesi europei si confrontino seriamente a livello di base (non con inutili incontri al vertice), discutano davvero delle diverse storie ed esperienze nazionali (oggi, e non ieri, grazie a internet, si può), e in un futuro non remoto si presentino ovunque in Europa (sia per il parlamento europeo, sia per quelli nazionali, sia per quelli regionali) con un unico simbolo, un’unica sigla, e un programma generale comune. E su questa base battersi per costruire l’Europa del Manifesto di Ventotene, cioè un’Europa quasi opposta a quella attuale. La proposta della lista degli intellettuali non mi convince perchè mi sembra l’ennesimo trucco dell’ultimo minuto per partecipare alle elezioni imminenti sperando che nessuno noti l’assenza di un vero progetto politico. Inoltre, il suo prevedibilmente modesto risultato (naturalmente spero di sbagliarmi) porterebbe ulteriore ragioni agli iperrealisti renziani e agli antieuropeisti.

    Reply

  • Avatar

    Roberto Buffagni

    |

    Complimenti, concordo in pieno. Aggiungo solo una noterella: l’asse franco-tedesco su cui si regge la UE si romperà, probabilmente, con una defezione della Francia (dove si trova, non per caso, il maggior partito euroscettico del Continente). Se poi il FN non piace perché di destra, capisco, ma allo stato dell’arte non vedo proprio partiti di sinistra euroscettici con un peso men che trascurabile.

    Reply

  • Avatar

    Robert

    |

    da orizzonte48 mauro gosmin perfetta e sintetica spiegazione del cui prodest (euro):

    ‘io penso che chi ci tiene dentro questa gabbia ci stia guadagnando alla grande. Una piccola parte, a danno del resto del paese e della sua parte produttiva migliore.
    Penso che Confindustria ragiona più o meno così: abbiamo la moneta forte che ci consente di avere un alto potere d’acquisto all’estero, le nostre filiere produttive sono dislocate fuori dai confini nazionali e la moneta forte ci fa comodo. Inoltre abbiamo una moneta che non viene erosa dall’inflazione e funge bene come riserva di valore e per questo dobbiamo ringraziare solo i nostri fratelli maggiori tedeschi Per mantenere la competitività si abbassano i salari, ci pensano i media a dirre che è per il bene dei lavoratori, e se la domanda interna muore chi se ne frega, noi guardiamo la realtà non con la lente tolomaica rivolta alla nazione, che brutta parola, ma con la lente copernicana, noi guardiamo al mondo e vendiamo ai ricchi dei paesi emergenti. Con la distruzione della domanda interna muoino le piccole/medie aziende e che problema c’è, è la Legge della natura. Inoltre grazie all’europa a guida tedesca abbiamo anche lo Stato da spolpare vivo. Quindi via le privatizzazioni per un tozzo di pane.
    Qui siamo soli non possiamo contare su nessuno, inutile farci illusioni. Se vogliamo che la situazione cambi dobbiamo lavorare sul territorio a fianco delle piccole/medie imprese che sono il vero bottino di guerra, cercando di far capire loro che il peggior nemico non è lo Stato, ma la loro sorella Maggiore Confindustria. Tre milioni di piccole e medie industrie se si unissero avrebbero i numeri e anche la forza finaziaria per rovesciare il tavolo. Mille euro a ditta sarebbero 3miliardi e con quella cifra non c’è patto Berlusconi Renzi che tenga.’

    Reply

  • Avatar

    Robert

    |

    chiosa (a quanto dice mauro gosmin) :il problema che il significato ‘pratico’ dell’adottare una moneta forte a bassa inflazione non è un segreto …era perfino spiegato nei corsi di economia politica complementari a giurisprudenza degli anni ’70 apprendo!
    Quindi politici (e sindacalisti) che hanno firmato i trattati e voluto fortemente l’euro lo sapevano …i discorso (l’ultimo?)
    di craxi al parlamento lo dimostra …mario draghi ha fatto la tesi con caffè sull’impossibilita’ di un unione monetaria europea…prodi e monti dichiaravano che crisi in europa erano necessaria per fare salti in avanti…quindi c’era consapevolezza e un disegno segreto implicito nei trattati europei dal ’90 in poi…verso una progressiva costruzione di un europa iperliberista o ordoliberista come la chiama barra caracciolo (e gli scritti di carli dell’epoca sono eloquenti…)

    Reply

  • Avatar

    mariagrazia

    |

    Mi sento di ringraziarla per la sua onesta e pragmatica analisi che si snoda toccando molti dei falsi miti in uso nella sinistra. Una sinistra ceca e sorda che sta lasciando nelle mani delle destre una probabile e auspicabile uscita dall’euro e dall’Europa. Aggiungo che per costruire una società dove i popoli siano più importanti della finanza è necessario uscire dall’Europa unitamente alle politiche liberiste. Questo però non potrà succedere se la sinistra lascerà l’iniziativa in mano alle destre.

    Reply

  • Avatar

    Robert

    |

    ps: l’inps presenta conti gravemente in rosso …cosa avevo detto aspettiamo 3anni 3 anni e mezzo poi vediamo come finisce l’italia…in stagnazione ‘strutturale’ quando non recessione senza potere svalutare senza potere fare politica economica anticiclica…vedrete i conti dell’inps fra 3 anni (che necessita di un moderata crescita per autosostenersi) è uno schifo una vergogna…arriva l’8 settembre anche per ‘voi’ prima o poi , magari poi che prima ma arriva…

    Reply

  • Avatar

    Peter Yanez

    |

    @ Robert e SantiNumi

    Mi sono limitato ad evidenziare un errore nel timore che l’autore lo potesse ripetere.

    P.S. Sul sito di Bagnai non lo posso fare, il Prof mi “modera” a comodo suo, forse teme di essere messo in difficoltà

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      yanes nella fretta si fanno delle papere e ne ho preso una

      Reply

  • Avatar

    paolo raffone

    |

    La cosa assurda è che il cambio fisso deciso in tutta fretta con regolamento 1467/97 ha convertito a parità la LIRA e il MARCO sull’Euro: 1€=1.95DEM; 1€=1.93 ITL!!! http://www.ecb.europa.eu/euro/intro/html/index.it.html
    Quindi il MARCO si è tenuto sottovalutato e la LIRA sopravvalutata. L’Italia di Ciampi, Prodi, e Visco, fu costretta ad accettare questo cambio in guisa di garanzia sul debito pubblico, portando quindi ad un veloce e consistente trasferimento interno alla zona monetaria dall’Italia alla Germania.

    Reply

  • Avatar

    Stefano Ferrari

    |

    Tutto essenzialmente corretto, ma per far politica dentro una “macchina statale”, bisogna aver una “macchina statale”, e i Padri Fondatori han deciso di cominciare dall’economia per costruirla, sessant’anni fa, senza poter immaginare che l’economia reale sarebbe nel frattempo diventata economia finanziaria, che è IL problema globale, attualmente.
    Quindi sarebbe bene che “i tecnocrati” più o meno elitari si dessero una mossa verso il passo successivo, l’integrazione politica: se questo deve prima forzatamente passare per il fiscal compact e l’unione bancaria pazienza, è questione ancora tecnica, diverrà politica poi… e poi si potrà riprendere forse anche a veder un po’ di Politica, e non solo isterie…

    Reply

  • Avatar

    Peter Yanez

    |

    @ paolo raffone

    In pratica il tasso di conversione della LIRA e del MARCO fu deciso il 24 novembre 1996, quando in sede di riunione ECOFIN l’Italia trattò le condizioni per il rientro nello SME : fu deciso un rapporto di conversione di 990 LIRE contro 1 MARCO ( all’epoca il MARCO valeva 985 LIRE)

    Questa decisione fu la base del passaggio successivo cioè 1€=1.95DEM e 1€=1.93 ITL

    Quindi l’apparente parità della LIRA e del MARCO rispetto all’€ non era arbitraria ma in linea con i valori reali delle valute in questione

    Reply

  • Avatar

    Que se vayan

    |

    Aldo, una precisazione che è quasi altrettanto scientifica quanto quella del cambio euro/marco.

    I partiti che citi alla fine dell’articolo sono fascisti. Nigel Farage Pim Fortuyn…

    Non è che se sono dei nazionalisti impiantati in culture anti-tedesche e dunque non hanno riferimenti culturali al Reich non sono fascisti. O comunque la stessa merda condita in altra salsa.

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      Leon: Pim Fortuyn era xenofobo ma non fascista, non tutti gli xenofobi sono fascisti

      Reply

  • Avatar

    Robert

    |

    @Roberto Buffagni
    la francia esce dall’euro comunque…vinca o non vinca il FN…semplicemente sono un paese sovrano e i francesi non si faranno imporre le politiche economiche dalla bce e dalla germania …quando questo avverra’ è impossibile dirlo , probabilmente non tanto presto perchè è molto problematico anche per loro…certo quando accadra’ sara’ nascosto il piu’ possibile fino al giorno dopo…
    o magari sara’ un operazione unilaterale non concordata , un vero incidente della storia

    @paolo raffone : e la lira ha rivalutato sul marco prima dell’aggaccio definitivo…

    Reply

  • Avatar

    Adriano Ottaviani

    |

    @Giovanni Talpone
    Hai colto un punto importante : se riformare la UE è impossibile perché distruggerla dovrebbe essere più facile ?

    E la risposta è semplice : perché mentre per cambiarla bisogna che tutti siano d’accordo, per distruggerla basta che uno solo degli stati più importanti esca dall’euro, per esempio l’Italia o la Francia.
    E allora ragionando in termini di salvezza della nazione , se conveniamo che l’intero tessuto produttivo e sociale italiano siano sull’orlo della catastrofe, e se conveniamo che la prima condizione necessaria anche se non sufficente sia il ritorno alla sovranità monetaria, per poter riattivare una politica di investimenti e di crescita economica impossibili da far digerire alla UE, allora in questa ottica è pensabile , anzi doveroso, fare fronte comune anche con quelle destre che a modo loro abbiano a cuore i destini della nazione.
    Intanto riprendiamoci la moneta poi ognuno tesserà la sua tela.

    Reply

  • Avatar

    Que se vayan

    |

    Adesso in Olanda c’è Wilders e non Pim Fortuyn.

    Reply

  • Avatar

    Franco Astengo

    |

    LA LISTA TSIPRAS FALLIRA’ IN ITALIA PERCHE’ NON SERVE A CHI SOFFRE SUL SERIO LA CRISI. Di Patrizia Turchi e Franco Astengo
    La lista pro-Tsipras fallirà in Italia non tanto perché proposta dai soliti “intellettuali degli appelli” che si pongono in contrasto con presunti dirigenti di partiti oscillanti tra il 2% e lo 0,6%.
    Fallirà perché non ha dentro le due idee di fondo che servirebbero: 1) Portare lo scontro sociale in Europa al livello della contraddizione di classe, come invece stanno facendo i gestori del feroce capitalismo di oggi (e di sempre); 2) Richiamarsi concretamente alla costruzione di una soggettività politica, di un partito per essere chiari che oltre a basarsi proprio sulla contraddizione di classe sappia anche porsi per intero nel contrasto al riguardo del tentativo in atto di cancellare il concetto stesso di rappresentanza politica.
    Due questioni molto semplici ma anche difficili da affrontare che nel “pasticcio” della costruzione di questa lista e/o di queste liste non compaiono all’ordine del giorno, mentre si pensa semplicemente alla sopravvivenza esprimendo anche analisi in forte ritardo rispetto alla realtà internazionale in movimento (si arresta la globalizzazione; torna la geopolitica: tanto per dirla con due slogan).
    Del resto, per quel che riguarda l’Italia, il punto non è quello degli intellettuali che escludono i partiti, ma della ricostruzione urgente di un partito comunista e della sinistra anticapitalista collegato anche alla storia e all’identità della sinistra italiana, che faccia ”opposizione” e progetti “alternativa “fornendo un senso alla possibile militanza delle tante e dei tanti che in questi anni, opportunamente, si sono messi ai bordi.
    Per richiamarli non basterà certo l’imitazione “soft” , senza insulti, del Movimento 5 Stelle: saranno necessarie le idee, quelle grandi della trasformazione del mondo e della rivoluzione, quelle forti di una militanza seria, impegnata, finalizzata all’espressione collettiva delle idee e alla loro concretizzazione nel quotidiano tenendo assieme opposizione politica e opposizione sociale.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!