Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (5)

  • leopoldotosi

    |

    se va avanti così quanto tempo ci impiega la turchia a reggiungere la syria?-:

    • M

      |

      Di fatto la Turchia sono anni che salta sulle bombe, sopratutto quando non ubbidisce ai padroni. A quei padroni che hanno fiumi di danaro da potersi permettere una rete di agenti addestrati a mettere dell’esplosivo sotto una macchina di due ignari giovani per farla saltare in aria quando passa accanto ad un autobus e così lanciare un avvertimento ad Erdogan, affinché di rassegni ad aprire il corridoio curdo, che tanto piace a Washington per raggiungere l’Asia Centrale. La storia del Pakistan e della Russia insegnano: “Come puoi o Corte Imperiale avere i tuoi avamposti in Asia Centrale se per rifornirli devi passare per Paesi che sono così popolati da non poterli agevolmente controllare? Quante volte ti è stato necessario colpire l’esercito pakistano per farlo desistere da ogni obiezione sul passaggio dei convogli per l’Afghanistan? Con questi precedenti ti vai a fidare dei turchi che sono quasi altrettanto forti e numerosi? Non è molto meglio transitare per uno stato curdo da te immediatamente riconosciuto e popolato da poche governabili anime?”
      E non è un caso che siano solo loro della “Suprema Corte” a mettere le bombe. Quanti Paesi emergenti farebbero altrettanto, mandando le loro squadre di agenti a far saltare in aria un po’ di contribuenti statunitensi e invece, dalla farsa delle due torri, nulla è successo oltreoceano.
      Non sarà forse che gli USA prima di attentare ai Paesi ribelli, o a quelli vassalli riluttanti, si sono premuniti di blindare le loro frontiere? Se provi ad entrare per via aerea ti beccano anche con una miccetta in tasca, via mare trovi un uomo della guardia nazionale ogni mezzo miglio di costa per intercettare quello che i radar non riuscirebbero a vedere, via terra con il Messico c’è già la cortina di ferro ed una più impenetrabile se ne costruirà tra un anno, resta solo la via canadese che potrebbe essere ancora utilizzata, ma anche le coste del Canada, dopo l’annessione, saranno presto pattugliate come quelle statunitensi.
      Eppure, ritorno a dire, la Corte perderà il suo potere per la diffusione di una tecnologia nuova, che essa non riuscirà a contenere alle sue frontiere, nonostante finora abbia gestito in esclusiva ogni brevetto mondiale strategico.

      • GherardoMaffei

        |

        Già nel corso della seconda guerra mondiale le frontiere USA si dimostrarono impermeabili.Due missioni di sabotatori tedeschi, che sbarcarono negli USA dai famosi U boot, per portare in casa americana un po’ di guerra terroristica, che quotidianamente i gangsters statunitensi facevano in Germania, fallirono entrambe. La prima a causa di uno dei sabotatori, che tradì i suoi camerati telefonando dalla famosa piazza di Times Square di New York all’ufficio locale del FBI, denunciando lo sbarco e collaborando poi nella loro cattura. Catturati finirono tutti sulla sedia elettrica, tranne il traditore che fu graziato. Finita la guerra tornato in Germania, a differenza dei traditori italiani, circondato dal pubblico ludibrio, emigrò in Spagna, ove morì solo come un cane. La seconda missione fallì grazie ad una guardia costiera in Florida che di fatto scoprì il tentativo di sbarco.Niente di nuovo sotto il sole…americano.

      • leopoldotosi

        |

        “…quando non ubbidisce ai padroni.” Sai trattandosi della turchia questa affermazione non mi convince. Un po’ perché Erdogan e in genere i turchi non sono burattini, ma burattinai sopra tutto a livello regionale; devono riuscire a mantenere la loro autonomia e non venire framentati nella galazia curda, che è la vera matrice dei guai dei curdi )-:; poi perché i turchi stanno faccendo affari d’oro col caos syriaco e iraqeno. I turchi mediano con sauditi, americani, europei presentano la loro tariffa per i profughi, schierano l’esercito e intervengono nei territori in conflitto(lo spostamento del mausoleo dalla Syria), fanno una politica precisa dei loro interessi nazionali e sono uno stato e non una accozzaglia di tribù come in Libia o Arabia Suadita. Quello che non emerge chiaramente è lo scontro interno tra i turchi, o che l’occidente non evidenzia, per il comando in turchia; è questo scontro tra fanatici islamici a produrre gli ultimi attentati, ma per logiche tutte interne ai turchi e non per scontri esterni: curdi, syriani, iraqeni, ecc.. Degli interventi dal esterno ci sono stati e ci sono, ma le posizioni turche verso l’esterno sono piuttosto omogenee qualsiasi sia la fazione o differiscono di poco.

  • Cinico Senese

    |

    Si l’ipotesi ha senso: creare una giustificazione morale per invadere con truppe di terra la Siria per difendersi dal terrorismo curdo. Già da diverse settimane i russi segnalano che ci sono assembramenti di truppe turche ai confini siriani. Alcuni autoblindo sono stati già inviati in terra siriana contro i curdi.
    Perché entrare in Siria? non solo per far fuori i curdi, ma anche per espandere il territorio in zona strategica a) viciniora a pozzi di petrolio b) per farci sopra un mega campo profughi dove trasferire le migliaia di rifugiati che si trovano in Turchia e metterci anche i nuovi per prendersi i miliardi EU per i rifugiati c) controllare e proteggere il flusso dei mercenari Daesh che scappano dalla Siria d) rifornire la logistica del Daesh che sta collassando sotto l’urto dell’esercito siriano e dei bombardamenti russi.

    Se i turchi invadono la Siria, i russi li attaccheranno e distruggeranno. Gli USA saranno allora così pazzi da aiutare Erdogan scatendando la terza guerra mondiale termonucleare? Storicamente mi ricorda la situazione della prima guerra mondiale. Ma ora è molto peggio, con le armi che ci sono in giro. E tremo.

Commenti chiusi

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!