Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (29)

  • Allora ditelo

    |

    Ci si aspetterebbe che alle amministrative non valgano molti dei criteri applicabili per le politiche, “europeismo” fra tutte. Andrebbe forse valutata l’astensione nelle votazioni online del M5S ed il dato ignoto della crescita degli iscritti (il minimo che ci si aspetterebbe da ci valorizza la democrazia diretta sarebbe quelli di costernazione ove il numero di iscritti stagnasse e l’astensione “interna” crescesse).

    Il fatto di avere ex politici del calibro di Amato nella Consulta non mi lascia sereno e mi chiedo se per la Corte non sia opportuno evitare cittadini che abbiano avuto trascorsi politici.

    http://www.huffingtonpost.it/2017/06/13/la-consulta-non-e-per-il-proporzionale-amato-respinge-le-crit_a_22139165/

    Reply

    • Gaz

      |

      E’ di oggi una sua intervista sul Corsera.
      Sulla Brexit ha parlato anche il ministro delle finanze tedesco, che ha spalancato le porte al rientro della Gran Bretagna.
      Come giudice costituzionale tra i celesticieli rischia di essere più bravo che come ministro del tesoro.

      Reply

      • Tenerone Dolcissimo

        |

        Sulla Brexit ha parlato anche il ministro delle finanze tedesco, che ha spalancato le porte al rientro della Gran Bretagna.
        —-
        Finché gli inglesi non gli distruggeranno nuovamente Dresda con un nuovo Bomber Harris gli alemanni non saranno contenti
        Grande errore non avere sganciato una atomica sulla Germania

        Reply

        • Gaz

          |

          @Tenerone Dolcissimo
          Non sono d’accordo.
          Le migliori bombe sono quelle alla crema.

          Reply

          • Tenerone Dolcissimo

            |

            Apprezzo il tuo spirito pacifista, ma non penso serva a molto contro i tedeschi e gli altri poteri forti che ci stanno spennando

          • Gaz

            |

            @Tenerone dolcissimo.
            Pacifista??
            Ma se le ho scritto di tutti i colori … non ultimo “venditrice di aringhe” …
            Cosa altro devo scriverle ?
            Non per questo bisogna però fare milioni di morti.

    • Tenerone Dolcissimo

      |

      vere ex politici del calibro di Amato nella Consulta non mi lascia sereno e mi chiedo se per la Corte non sia opportuno evitare cittadini che abbiano avuto trascorsi politici.
      —-
      Una volta tanto siamo perfettamente d’accordo

      Reply

    • Tenerone Dolcissimo

      |

      avere ex politici del calibro di Amato nella Consulta non mi lascia sereno e mi chiedo se per la Corte non sia opportuno evitare cittadini che abbiano avuto trascorsi politici.
      —-
      Una volta tanto siamo perfettamente d’accordo

      Reply

  • frederic

    |

    Secondo me Renzi ha teso un trappolone al M5S invitandoli alle discussini della legge elettorale, finte.

    Reply

  • tonino b

    |

    Prof,
    impeccabile l’analisi sui 5* .
    se permette aggiungerei un’altro elemento di riflessione: sta cambiando il mondo, e pure abbastanza velocemente, da quello industriale e post industriale ci si sta avviando, ad ampie falcate, a quello informatico e ciò, inesorabilmente, cambia il paradigma della politica. molto probabilmente, tra una decina di anni (o giù di lì) nulla sarà come ciò che “vediamo” oggi.
    così com’é morto marx morirà anche qualche dio (woody allen docet), anche se taluni rossi tra cui, qualcuno dice che, sono anch’io, tenteranno con tutte le proprie forze di opporsi al vento del cambiamento.
    saluti rossi… di quelli veri!
    tonino basile – roma

    Reply

    • Tenerone Dolcissimo

      |

      Dio è morto; Marx è morto e anche io non mi sento tanto bene

      Reply

  • Vincenzo

    |

    Se si va sul dettaglio dei singoli comuni la Lega Nord, unico partito antieuro, ha avuto un balzo impressionante.

    Reply

    • Tenerone Dolcissimo

      |

      “Piano piano, ma irrestistibilmente” cantata illo tempore la francese Francoise Hardy.
      Piano piano, ma irrestistibilmente gli italiani si stanno accorgendo che unione europea e tedeschi e collaborazionisti nazionali glielo stanno mettendo in (bip)
      Contestualmente i francesi -che si piccavano di impertire lezioni di democrazia e libertà a tout le monde e che sghignazzavano perché avevamo un presidente del consiglio malato perché andava con ragazze giovanissime- i francesi, dicevo, si sono scelti come presidente uno psicopatico il cui sviluppo mentale si è fermato all’età di quindici anni e che si è sposato con nonna Abelarda perché ha bisogno di una mamma che lo accompagni a far pipi’.
      Grande e’ la confusione sotto il cielo

      Reply

  • Venceslao di Spilimbergo

    |

    Buonasera professore
    Per quanto non ritenga ancora opportuno esprimere una opinione in merito a quanto accaduto questa Domenica, riguardo le elezioni comunali avvenute (attendo i risultati del II turno prima trarre conclusioni), spero non me ne vorrà se mi permetterò di sollevare alla sua interessantissima analisi una critica su un determinato punto: Lei professore sostiene che sia in atto, in Italia, una situazione similare a quella d’Oltralpe (ovvero “destrutturazione del sistema dei partiti”)… personalmente invece ritengo che nel Belpaese una simile esperienza la si sia già vissuta (e in maniera decisamente più drammatica) oltre venti anni fa, nel periodo 1989- 1993 con la conclusione della cosiddetta “Guerra Fredda”. Mentre la Francia (e poco alla volta anche altri paesi come i Paesi Bassi e la Spagna) sta cominciando solo ora a vivere lo sfaldamento del sistema socio- politico comparso dopo la II Guerra Mondiale (con le relative conseguenze), “l’Italietta” è orami da anni che vive una situazione di sempre più evidente e inarrestabile “scioglimento” della sua società e pertanto della sua organizzazione politica (sia materiale che istituzionale); della serie, a mio parere la “destrutturazione” non solo noi Italiani la abbiamo già conosciuta ma altresì la stiamo man mano tentando di superare sperimentando continue nuove proposte che, ora messe in pratica ora lasciate solo nel mondo delle idee, ci rendono un vero e proprio laboratorio socio- antropologico. Come ebbe modo di confidarmi un mio caro e purtroppo da poco scomparso amico Tedesco, il nostro Paese è in realtà una “officina che al suo interno, producendo continuamente invenzioni, anticipa di anni quanto poi accadrà presso le altre Nazioni del Continente”. Se poi questo sia un bene o invece una iattura lascio agli altri esprimere liberamente un giudizio.
    La saluto augurandole ogni bene e una buona serata

    Reply

  • Herr Lampe

    |

    Magari è scontata come domanda ma la pongo ugualmente. Come valuta la reazione del gruppo dirigente 5*?

    Perché a me è parsa oscillare tra la confusione e la negazione.

    E se sbaglio mi corigerà

    Reply

  • Lorenzo

    |

    Un partito o movimento che fa la sua bandiera dell’onestà e del rispetto della legalità (!) sarebbe antisistema?! Ossimori del genere sono uno specchio dei tempi.

    Reply

    • Gaz

      |

      @Lorenzo
      Quanti sono i Pdl – Pd-l pescati con le mani nella marmellata?
      Quanti sono i 5* ?

      Reply

  • Aliquis

    |

    Per quanto riguarda il PD come partito io voglio riferire l’unico dato che ho a disposizione, cioè quello del mio comune (Pistoia). Nel 2012 la lista PD ebbe il 33%; adesso ha preso il 22%. Il candidato, sindaco uscente PD, appoggiato da una miriade di liste civiche, ha preso il 37%; nel 2012 prese il 59% vincendo al primo turno.
    E faccio notare che nella vicina Rignano sull’Arno, patria di Renzi, ha vinto il candidato fuoriuscito dal PD contro l’ex sindaco renziano.

    Reply

    • Gaz

      |

      Ecco cosa succede cosa succede quando Renzi non si avvale dei miei servigi: lo avrei aiutato a perdere meglio !

      Reply

  • Tenerone Dolcissimo

    |

    Considerato che il PD
    1) ha introdotto il canone in bolletta fottendo 70 euro a povere vecchiette
    2) col decreto Lorenzin ha imposto il pizzo sulla vita dei nostri figli (dammi 7000 euro o avveleno il bimbo)
    CONSIDERATO TUTTO QUESTO
    Mi sorprende che il PD a Pistoia abbia ancora preso il 22%. O il 22 per cento dei pistoiesi si è rincoglionito o il 22 per cento dei pistoiesi fa voto di scambio.

    Reply

    • Ali Babà

      |

      no..è semplicemente che sia gli italiani che i francesi a quanto pare sono dei poveri inguaribili coglioni…cosi si spiega il voto a Macron e ancora i milioni di sostenitori del PD. Una cosa buona: le botte che son state date a quei poveri deficienti del M5s : ottimo.

      Reply

      • massimo ceci

        |

        I poveri deficienti come li chiama lei, sono l’ultima speranza a mio parere. Pensa come la pensiamo agli antipodi.

        Reply

        • Tenerone Dolcissimo

          |

          Sempre che aprano gli occhi

          Reply

    • Gaz

      |

      … i pistolesi …

      Reply

      • Aliquis

        |

        Parliamo del 22% di quelli che hanno votato (55,62%). E io conosco qualcuno, purtroppo, di questo 22%. Uno di essi, soltanto perchè nel referendum io ho votato No mi ha detto: “Tu hai ancora la bandierina di Che Guevara”. Si tratta di anziani, pensionati, alcuni cresciuti nella macchina comunale (questa è una città dove il PCI prima, il PDS, il DS e il PD poi non hanno mai perso un’elezione dal 1945) o nell’apparato del partito che qui è quasi unico ed eterno da oltre 70 anni, anche se non è più quello. Questa gente non pensa, obbedisce e basta.
        “Contro la stupidità, neanche gli dei possono nulla” disse Schiller.

        Reply

        • Tenerone Dolcissimo

          |

          Dovresti obiettare a questo signore che è lui ad essere ancora legato a vecchi schemi della sinistra considerato che il referendum era finalizzato a inserire regole che consentissero di meglio gestire espropri “proletari” del patrimonio degli italiani.
          A vantaggio delle aristocrazie finanziarie ovviamente, ma sempre espropri
          PS questo dovrebbe far riflettere il buon Giannuli sulle radici aristocratiche del comunismo che io sostengo e che lui non prende sul serio

          Reply

          • Aldo S. Giannuli

            Aldo S. Giannuli

            |

            e i nfatti le radici aristocratiche del comunismo (a meno che non ci si riferisca a a Platone) sono una balla totale

          • Tenerone Dolcissimo

            |

            Non a caso qualcuno -mi sembra Borges- ha detto che gli uomini nascono o platonici o aristotelici.
            Forse andrebbe fatta una riflessione sul fatto che tanti uomini della sinistra sono cosi’ sudditi delle aristocrazie finanziarie.
            In genere a sinistra li bollano come traditori. Ma quando i traditori sono troppi qualche domanda magari scomoda bisogna farsela.

        • Tenerone Dolcissimo

          |

          Dimenticavo di dirti, caro Aliquis, che sarei felice se mi comunicassi la risposta del piddino in questione.

          Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!