Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (103)

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    quando a muoversi sono 70 milioni di persone nel mondo (ed altrettante se ne prevedono nel prossimo decennio) non c’è politica di respingimenti che tenga:
    —-
    A me sembra che in Francia e Germania e Austria tenga benissimo.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      mica vero: in Francia ci sono 5 milioni di immigrati (regolari) ed in Germania 7.

      Reply

      • Avatar

        Silvia

        |

        MA BASTA!!!! Un conto sono quelli regolari un conto questa massa di schiavi deportati:
        1) Qui le principali rotte delle migrazione dimostrano che il dramma dei cladestini impatta soprattutto sul nostro paese
        http://www.limesonline.com/vertice-ue-migranti-conte-merkel-macron-tanto-tuono-che-piovve/107486
        2) Qui IPSI chiarisce il fenomeno e i costi per l’Italia. Dopo 16 anni il 60% di loro è occupato, nel frattempo costa 11.000 euro /anno che per 16 equivale a 175.000 euro/clandestino che ora che le restituisce in pensioni è già morto. Peraltro mentre i migranti che arrivavano in germania erano da paesi che se li riprendevano, quelli che arrivano in italia non se li riprendono.
        https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/fact-checking-migrazioni-2018-20415

        Reply

        • Avatar

          Que se vayan

          |

          Cara Silvia, si faccia da parte, si trasferisca nell’Ade per esempio.
          Non dovrà più sopportare questa umanità che suda, puzza, dice fesserie.
          La capisco, ha ottime ragioni per odiare il prossimo, per questo le suggerisco di levarsi di mezzo.

          Reply

      • Avatar

        Tenerone Dolcissimo

        |

        Io parlavo dei disperati che stanno arrivando e non dei cittadini delle ex colonie (che poi sono colonie ancora oggi per via del Franco CFA), cittadini che hanno il sacrosanto diritto di esigere dai francesi vitto e alloggio.
        Senza contate che anche questi nuovi disperati vengono da paesi del franco CFA e anche loro in fondo avrebbero il diritto di battere cassa da Macron. ma da noi che vogliono?

        Reply

          • Avatar

            Tenerone Dolcissimo

            |

            Cosa fattibilissima. Basta una seduta spiritica. Chiederemo un aiuto a PRODI

          • Avatar

            foriato

            |

            Seduta spiritica e Prodi… Deciditi, Tenerone! Bere o affogare?

          • Avatar

            Gaz

            |

            @Tenerone dolcissimo.
            https://www.youtube.com/watch?v=eTZ33EVK3Ug
            Glenn Gould qui prende in giro Mozart, perchè conosceva il suo “segreto compositivo”. Ne salvava solo la prima produzione. La cosa fu affermata con termini più grevi.
            Tra gli economisti …

  • Avatar

    david cardillo

    |

    Professor Giannuli, mi permetta un garbato dissenso dal suo articolo. Partiamo dalla premessa stessa, ovvero che ci sono settanta milioni sbarcati in Europa: Professore, questi sono numeri non di un naturale e fisiologico fenomeno migratorio, ma di una vera e propria invasione! E Lei, al di là della sua legittima visione internazionalista del mondo, è persona troppo accorta per ritenere che non sia il caso di porre un argine a questo flusso di persone, in molti casi figure umane poco raccomandabili. Paesi con la reputazione di essere modelli di apertura, e che sono stati fondati da immigrati, come Canada e Australia, sono di una selettività e di un rigore in fatto di immigrazione che noi ci sognamo (se possiede un televisore, le consiglio di guardare il programma Airport Security Australia), il che dimostra come l’approccio vetero progressista al tema sia quantomeno fuori luogo (fine prima del commento).

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      intanto i 70 milioni non si riferiscono alla sola Europa ma al Mondo (Usa, Austrialia, Canada inclusi ed anche flussi interni all”Asia) ,
      poi guardi che le grandi migrazioni di massa sono un venomeno storico ben conosciuto che nessuno ha mai confuso con le invasioni: quando 30 milioni di europei (italian, spagnoli, polacchi, irlandesi, ebreiorientali, ed anche tedeschi) si riversarono sugli Stati Uniti ci furono resistenze decise degli abitanti ma nessuno parlò di invasione. Pensare che Soros abbia la forza di provocare flussi di questa entità è credere alle favole. Si tratta di un assestamento strutturale della popolazione mondiale che nessun può provocare artificialmente

      Reply

      • Avatar

        Paolo

        |

        i milioni che arrivavano negli Stati Uniti , arrivavano in bastimenti con transatlantici regolari…non erano clandestini e sbarcavano in centri (come Ellis Island ) con documenti , venivano visitati , controllati accuratamente , tenuti in una sorta di quarantena e poi inseriti (avevano talmente bisogno di manodopera che il mondo del lavoro li assorbiva subito ) , chi non era idoneo da Ellis Island veniva reiimbarcato e rispedito indietro (quell’immigrazione …esattamente come la nostra dal meridione al nord o dal meridione al nord europa aveva tutt’altre caratteristiche di questa ..tutta una altra cosa: i miei familiari son tutti emmigrati (e tutti diventanti più o meno non ricchi ma benestanti e perfettamente integrati ) compreso mio padre. Non si puo assolutamente fare il paragone. Su Soros , proprio pochi giorni fa ha dichiarato pubblicamente che RADDOPIERA gli sforzi economici per implementare l’immigrazione. Ovvio che non è il solo (c’è tutto un establishment che promuove questa immigrazione in questi termini ). Ne è il massimo rappresentante è non è ne complottismo ne una favoletta. Lei è una persona di un certo spessore lo vedo come uno intellettualmente onesto ed è tutto tranne che sprovveduto: mi sorprende che metta la questione in questi termini strumentali e non veritieri. Saluti .Questa è invasione programmata ed un tentativo di una sorta di sostituzione etnica o miscuglio etnico/culturale violento perché subitaneo e di massa. (e lo dice il compagno di una “colorata” anche se di nazionalità inglese e non c’è nessuna valenza razzista in cio che dico 😉 (20 righe ..avrei voluto scrivere di più…ma pazienza )

        Reply

        • Aldo S. Giannuli

          Aldo S. Giannuli

          |

          be gli europei non poevano arrivaci a nuoto
          ma i messicani spesso ci arrivavano via terra e in modo non perfettamente regolare. Studiate qualcosa ogni tanto

          Reply

      • Avatar

        Tenerone Dolcissimo

        |

        “le grandi migrazioni di massa sono un venomeno storico ben conosciuto che nessuno ha mai confuso con le invasioni:”
        +++++++++++
        Mah … l’imperatore Valente non penso che sarebbe tanto d’accordo.
        E non per partito preso, ma per esperienza vissuta.

        Reply

        • Aldo S. Giannuli

          Aldo S. Giannuli

          |

          e infatti le migrazioni sono una cosa e le invasioni un’altra: a volte coincidono ma restano cose diverse

          Reply

          • Avatar

            Tenerone Dolcissimo

            |

            A volte coincidono … come questa volta …. anche perché quando le migrazioni sono chiaramente provocate ad arte e si capisce che esiste un centro di coordinamento, la conclusione non puo’ essere che una e una sola

  • Avatar

    david cardillo

    |

    (seconda parte del commento).
    Per quanto concerne l’odio interazziale, non c’è niente che lo aizzi di più della convivenza forzata tra poveri autoctoni e poveri importati e portatori di culture, rispettabili quanto si vuole, ma poco compatibili con la nostra, e che soprattutto (qui sta il vero cuore della questione) vengono sradicati dalle loro terre per essere deportati in neanche tanto metaforiche catene da noi per lavorare come schiavi e indebolire le tutele e le conquiste sindacali conseguite in un secolo e mezzo di lotte (un marxista come Lei dovrebbe conoscere il concetto di “esercito industriale di riserva”). La guerra tra poveri che ne consegue è esattamente il risultato deliberatamente perseguito dai plutocrati mondialisti artefici di questa invasione, i quali agiscono come i faraoni dell’antico Egitto, la cui strategia per conservare intatto il proprio potere consisteva nel seminare zizzania tra gli schiavi in modo che si combattessero tra di loro, anzichè coalizzarsi contro i loro sfruttatori. In quanto a indegnità morale, credo che tale patente spetti di diritto a quelle organizzazioni finto umanitarie, finanziate dagli usurai apolidi quali George Soros per favorire la deportazione e la schiavizzazione di milioni di africani. Buona giornata, Professore.

    Reply

    • Avatar

      adamo

      |

      salve,
      David Cardillo mi ha risparmiato la fatica di controbattere (garbatamente) il post del prof. Giannuli.

      Reply

    • Avatar

      Francesco

      |

      Niente, non ci arrivate proprio…sembrate essere lì lì per individuare il problema, ma poi cascate sempre nei luoghi comuni triti e ritriti, citate Marx per accreditarvi di sinistra, continuate ad alimentare la storiella dello scontro tra culture diverse e incompatibili. Vero: esiste l’esercito industriale di riserva che il padronato usa per tenere bassi i salari e limitare i diritti (ma mai Marx dice di fare la caccia allo straniero). Vero: il padronato alimenta la guerra tra poveri, mettendo in concorrenza i lavoratori e spingendoli ad accettare condizioni sempre peggiori. Ammettiamo pure, concedendo il beneficio del dubbio, che sia Soros che fa arrivare masse di schiavi disperati . Ma diamine…c’è mai per voi altra soluzione che non sia la barbarie dei respingimenti e delle deportazioni? riuscite a dire che non è colpa del migrante brutto e cattivo se i diritti del lavoratore italiano sono carta straccia e i salari sono da fame? Cosa crede: che se non ci sono migranti scompare l’esercito di riserva e guadagniamo tutti più diritti? L’unica soluzione è fare fronte comune, lavoratori italiani e stranieri, al di là delle differenze culturali, per rivendicare uguali diritti e uguale salario per tutti. Ciò che non credo alla Lega e alla sua base elettorale (per lo più piccoli imprenditori) possa fare piacere…perché, vede, non è che il ceto imprenditoriale italiano sia poi così refrattario allo sfruttamento…

      Reply

  • Avatar

    Valerio

    |

    Ma partale di etica ai leghisti ed ai loro seguaci è come fare lezione di analisi matematica ad una tribù di boscimani, per cui non insisterò sul punto.
    Questo è il vero sentimento, razzista e suprematista, della sinistra.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      +razzismo? No direi, solo constatazione delal sostanziale immoralità di quel mondo

      Reply

        • Avatar

          Gaz

          |

          @Silvia
          Feltri è un mio collega d’arte … e poi, molto poi un giornalista.
          Che lo critichio proprio io, che qui vi ho inondato di satira, diciamo che non è elegante.

          Reply

        • Avatar

          Que se vayan

          |

          In periferia vivono molti immigrati.
          Vero
          Quindi i ceti popolari sono composti in gran parte di immigrati.
          Quindi la contrapposizione tra ceti popolari e immigrati è un imbroglio.
          Se si concentra ci arriva persino lei che non abita in collina.

          Reply

          • Avatar

            Valerio

            |

            Gli stranieri residenti sono 5 milioni. I residenti sono 60 milioni. La popolazione urbana assomma al 70% circa, cioè 42 milioni. Togliendo il primo decile (che sicuramente non abita in periferia, e facciamo finta che vivano tutti in città), vuol dire che nelle periferie vivono 30 milioni di italiani, 6 volte gli stranieri residenti totali (facciamo finta che non ci siano stranieri residenti extraurbani).
            Come fanno ad essere solo loro gli abitanti delle periferie, mi sfugge. Ma capisco che qui il livello umano lasci desiderare.

      • Avatar

        Gaz

        |

        .. se è per questo vi sono molti matematici,o presunti tali, che trasformano, grazie alla loro pessima didattica autoreferenziale, la loro disciplina in qualcosa di magico e incomprensibile non solo ai boscimani, ma anche agli europei.

        Reply

      • Avatar

        Venceslao di Spilimbergo

        |

        … … … ?!? … … …

        Reply

      • Avatar

        Paolo

        |

        infatti la abbiamo vista la famosa “superiorità morale e culturale” in questi ultimi 30 e passa anni. Già……ancora il vizietto della presunzione non è ancora tramontato nonostante tutto: La sinistra TUTTA la sinistra è stata un gran letamaio. Questa è la verità. .E gli italiani mi sa che se ne sono accorti…..

        Reply

      • Avatar

        Valerio

        |

        Quindi esistono i selvaggi, incapaci di comprendere perché portatori sani di inferiorità. Nel nostro caso quelli buoni, i boscimani, che, almeno, accettano docili la loro subumanità, mentre le plebi italiane osano ribellarsi ai metodi più feroci e selvaggi di riproduzione capitalistica (tipo la ricostituzione di eserciti industriali di riserva) e non si convertono immantinente al verbo profferito dagli intellettuali neoliberisti (come Saviano, Fico o Giannuli).
        Naturalmente, le élite sono un padre, che deve essere severo, per il bene della plebe italiana, incapace di governarsi e di capire che essi sanno cosa è meglio per loro. Anche meglio di loro stessi.

        Reply

        • Aldo S. Giannuli

          Aldo S. Giannuli

          |

          no non ci siamo capiti. Non esistono esseri umani che, attraverso un adeguato processo di acculturazione non siano in grado di capèire qualsiasi disciplina, ma esistono popoli che questo processo di acculturazione non lo hanno avuto e se si pretendesse di parlare si una cosa culturalmente raffinata come la analisi matematica, non capirebbero per mancanza di basi culturali. Dunque non è una questione razziale ma di livello di civiltà e qui, dal punto di vista etico stiamo sprofondando ne peggiore primitivismo
          Lei ha delle idee piuttosto confuse mi pare

          Reply

          • Avatar

            Valerio

            |

            Mi sembra che siate voi a confondere etica e moralismo.

    • Avatar

      caffé++

      |

      Al bar sotto casa ora va di moda il Salvini, sarebbe il classico affogato al caffé

      Reply

  • Avatar

    Gaspare

    |

    Se fossi in lei non sarei tanto entusiasta delle dichiarazioni di Fico,anche Laura Boldrini, provò a fare della Presidenza della Camera una tribuna, uscendone abbastanza scornacchiata, bisogna starci attenti porta iella !!!!

    Reply

  • Avatar

    Cettina

    |

    Che delusione. il fico. ha sbagliato partito nei pdioti lo vedrei benissimo

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Questo articolo sull’etica andrebbe letto alla luce del precedente e di altri sui muri.
    Sul piano politico, dubito fortemente che a Roma abbiano capito il significato dell’isolamento in cui si è trovata l’Italia nell’ultimo Consiglio europeo sull’immigrazione. Cosa si aspetta a chiamare il medico, il prete e il becchino per questo cadavere di Europa disunita?
    Una partita così grossa la può giocare a tutto campo un ministro degli interni da solo? Slvini, al netto della propaganda, lovedo consegnato all’aurtea mediocirtas dei suoi predecessori. Per fortuna c’è gente che lavora bene.
    Siamo al punto che qui è stato detto più volte: Palazzo Chigi e Farnesina sono sedi vacanti.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Come si chiama la folk singer immortalata di fronte a Fico?

    Reply

  • Avatar

    Paolo Bartolini

    |

    La mia solidarietà a Fico, anche se mai più il Movimento 5 Stelle vedrà il mio voto. E solidarietà anche ai boscimani, che semplicemente non hanno bisogno dell’analisi matematica, mentre invece i leghisti potrebbero solo migliorare se conoscessero l’etica del bene comune. Concordo puntualmente con le parole di Aldo Giannuli. E’ un momento delicatissimo per questo Paese allo sbando. Le parole sono atti performativi, sortiscono effetti e possono essere armi pericolose. Salvini e i cinquestelle che lo lasciano fare si stanno confermando per quello che sono: populisti senza popolo, subalterni all”egemonia neoliberista e alle logiche competitive del capitale. Qui un articolo dell’amico Demichelis che può integrare la questione: http://www.economiaepolitica.it/il-pensiero-economico/ordoliberalismo-ordoliberalismo-2-0-e-ordopopulismo-2/

    Un cordiale saluto,
    Paolo Bartolini

    Reply

  • Avatar

    Augusto Pesce

    |

    Ma guarda, sette commenti tutti piú o meno contrari; come mai?
    l’immigrazione é possibile se é organizzata e commisurata alle possibilitá di REALE accoglienza. Per come é stata gestita fino ad oggi ha generato solo sfruttamento degli immigrati e malaffare.
    Non vorrei dedurne che quest’ultimo tipo di immigrazione piaccia a Fico o a lei. Null’altro da dire.
    P.S. pubblicherá questo commento? 😉

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      io pubblico tutto purche nei limiti dell’educazione, del codice penale e di una accettabile lunghezza

      Reply

    • Avatar

      Mirko G. S.

      |

      E sfruttamento degli italiani costretti a rincorrere gli immigrati nella gara al ribasso.

      Reply

      • Avatar

        Que se vayan

        |

        Carissimo,
        risolvere il problema della disoccupazione eliminando i disoccupati di troppo mi pare una soluzione tendenzialmente sfavorevole per i ceti popolari.
        Allorché se lei è ricco non si interessi di questa gara al ribasso, giacché non la riguarda. Se lei non lo è, le consiglio di cambiare proposta o potrebbe toccare a lei prima o poi.

        Reply

  • Avatar

    Venceslao di Spilimbergo

    |

    Con il dovuto rispetto, portare sul piano dell’Etica una questione eminentemente politica non la ritengo una scelta molto saggia. Possa piacere o meno, la Storia ha sempre dimostrato come non sempre salvaguardare (e valorizzare) il proprio legittimo interesse Nazionale sia possibile rimanendo entro i limiti della moralità… anzi! Talvolta purtroppo, per realizzare l’interesse della propria Comunità, è necessario agire scientemente contro i valori a cui si appartiene e si crede; porre i principi dinnanzi alla realtà (cadendo pertanto nella ideologia) è sempre stata una sciagura… l’anticamera del disastro.
    I miei ossequi

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      certo la politica ha una sua autonomia dalla morale, ma una visione totalmente amorale della politica è possibikle ed auspicabile? Insomma il nazismo fu un regime criminale o no?

      Reply

      • Avatar

        Gaz

        |

        Si può dire che le politiche colonialiste in Africa di Macron sono delle porcherie ?
        Si può dire che l’aggressione alla Libia di Gheddafi è stata una porcheria di cui come italiani dobbiamo profondamente vergognarci, grazie a Silvio e Giorgio ?
        Si può dire che alla Merkel del sud Europa interessa poco in termini politici, se non come mercato … da sfruttare, anche a fini politici interni?
        Si può dire che avevamo e abbiamo dei politici di carta pesta, che inviati a Bruxelles, sono bravi a ritornare con le pive nel sacco, pur essendo di fronte alle delle mediocrità, talvota peggiori di loro stessi ?
        Si può dire che abbiamo pubbliche amministrazioni i cui vertici non sempre sono all’altezza?
        Si può dire che per essere forti all’estero bisogna essere forti prima di tutto all’interno ?
        Si può dire che abbiamo i giornaloni telecomandati?
        In estrema sintesi:
        Libertè, legalitè, intu culu a te.

        Reply

      • Avatar

        Allora ditelo

        |

        La situazione di emergenza perenne è frutto dell’opera umana e dell’abuso del diritto per giustificare l’equivalente di una camera a gas e la rendita di posizione di aguzzini-trafficanti in perenne contrasto con misericordiosi salvatori: in questo equilibrio dinamico il tasso di mortalità della tratta è ineliminabile.

        Tra gli esempi di disimpegno morale si può dunque inserire anche il dislocamento delle responsabilità sull’Italia quando il traffico dei migranti nel mediterraneo è reso possibile dalla presenza di specifiche disposizioni che disincentivano il trasporto aereo di clandestini che per morire via mare pagano inspiegabilmente migliaia di dollari.

        Reply

      • Avatar

        Venceslao di Spilimbergo

        |

        Buonasera Professore
        La ringrazio del tempo che ha gentilmente dedicato al mio scritto di ieri. Prendo atto del suo punto di vista ma, non riesco a condividerlo: se una persona che ricopre incarichi pubblici non può non avere un’Etica di riferimento (propria della società in cui vive), la politica invece è da sempre amorale per sua stessa natura… sia a livello interno sia a livello estero, contando in tali contesti solo i rapporti di forza tra gli attori in scena (ognuno dei quali perseguenti solo i rispettivi interessi). Dinnanzi alla contraddizione di avere un politico necessariamente “moralizzato” e una politica invece amorale, vi sono solo due possibilità: uno dei due si deve piegare all’altro. Ogni volta che ha vinto il I ha vinto l’ideologia sulla realtà, con conseguenti catastrofi; ogni volta che ha vinto la II i problemi li si è potuti affrontare (e talvolta risolvere). Purtroppo “tertium non datur” in questi casi.
        Ringraziandola nuovamente per la sua cortesia, la saluto augurandole ogni bene e una buona serata

        Reply

    • Avatar

      Que se vayan

      |

      Sto interesse nazionale al tempo dell’interdipendenza globale fa schifo.
      Anche in precedenza non è stato bellissimo, la invito caldamente ad andare con una baionetta sul Piave e attendere le palle di cannone.

      L’interesse della nostra comunità, in relazione a quello dell’umanità (e non solo) dovrebbe essere l’orizzonte della politica. A proposito lo sa che nella comunità chiamata Italia vivono circa 6 milioni di stranieri senza diritto di voto e solo 5,5 elettori di Salvini Imperatore?

      Reply

      • Avatar

        Venceslao di Spilimbergo

        |

        “… vi sono Uomini che prendono atto della realtà e la accettano, in quanto la realtà è l’unica verità (…) vi sono poi altre persone che non accettano la realtà per quello che è (…) preferendo dedicare tutte le loro energie verso un mondo diverso, immaginario, irreale. I primi sono obiettivi (…) i secondi sono utopisti. I primi potranno non piacere… ma, con pragmatismo e talvolta anche cinismo, sono gli unici che possono tentare di risolvere i nostri reali problemi. I secondi appariranno invece più simpatici… però sono sempre stati questi sognatori ad occhi aperti a dare vita alle più grandi sciagure dell’Umanità…” T. Roosevelt, 1904; Maryland ,Annapolis

        Parafrasando il Presidente, in termini “moderni”: la strada per l’inferno è sempre lastricata di nobili intenzioni
        I miei ossequi

        Reply

        • Avatar

          foriato

          |

          T. Roosevelt…! Lo stesso che inaugurava delle chiuse del canale di Panama nello scantinato di casa sua per seppellire gli anzianotti uccisi dalle sue adorabili sorelle in “Arsenico e vecchi merletti”…? Che grande becchino, Teddy Roosevelt… Charge…!

          Reply

          • Avatar

            Venceslao di Spilimbergo

            |

            … … … ??? … … …

          • Avatar

            foriato

            |

            Ma come è possibile, caro Egregio … … … ??? … … …

            Eccolo il ‘rude incursore’ Teddy Roosevelt rievocando l’eroica carica della collina di San Juan…

            https://www.youtube.com/watch?v=EE8kOv26BuQ

    • Avatar

      Allora ditelo

      |

      La morale e la politica sono intimamente connesse perché ambedue sono fenomeni inerentemente sociali e questo implica che le valutazioni possano differire a seconda della collettività di riferimento .

      Giacché la percezione morale si manifesta mediante connotazioni emotive anche le presunte questioni “eminentemente politiche” possono essere valutate moralmente.

      Nulla vieta che scelte politiche possano essere valutate negativamente anche da chi le compie ma sono comunque stati studiati anche meccanismi cognitivi di “disimpegno morale” per cui ciò potrebbe non accadere.

      Reply

      • Aldo S. Giannuli

        Aldo S. Giannuli

        |

        sul tema scriverò un pezzo prossimamente

        Reply

      • Avatar

        mirko g. s.

        |

        Articolo interessantissimo il primo; il secondo avrebbe meritato la descrizione di una casistica per essere apprezzato meglio. Grazie 1000 per la condivisione di ambedue.

        Reply

      • Avatar

        Venceslao di Spilimbergo

        |

        Buonasera Esimio signor “Allora ditelo”
        La ringrazio per il tempo che ha voluto concedere al mio scritto di due giorni fa. Interessante il suo (legittimo) punto di vista, nonché in larga parte condivisibile… a patto che si accetti una premessa necessaria rispetto ad esso: che esista una Morale uguale a tutti gli Uomini, a prescindere dallo spazio e anche dal tempo. Io invece mi pongo su una posizione ben diversa: sono dell’idea che non esista un’Etica comune all’intera Umanità, bensì un’insieme di Etiche tra loro molto diverse (talvolta opposte) ma allo stesso tempo eguali. Ne deriva che dal mio punto di vista la Morale, in quanto relativa al tempo, all’ambiente, al contesto culturale contingente, non sia altro che una convenzione… puntualmente manipolata, aggirata, sospesa durante la sua applicazione ogni volta che vi è stata la necessità. Forse però la mia è una visuale troppo “storicista” per i tempi attuali…
        Ringraziandola nuovamente per la sua cortesia, la saluto augurandole ogni bene e una buona serata

        Reply

  • Avatar

    Allora ditelo

    |

    Clandestini possono giungere senza documenti via mare ma non via aerea?

    Anche agevolare il traffico di migranti nel mediterraneo è inutile, politicamente disonesto, dannoso, illegale e moralmente indegno.

    Quand’è che si “apriranno gli aereoporti” in modo che i clandestini possano scegliere se attendere i soccorsi in corso di naufragio nel mediterraneo oppure trovarsi in europa in poche ore?

    Come hanno fatto quei burloni che hanno lasciato viscidamente il cerino all’Italia a distogliere l’attenzione da una cosa così madornale in modo che non se ne parli mai?

    Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Come hanno fatto quei burloni che hanno lasciato viscidamente il cerino all’Italia a distogliere l’attenzione da una cosa così madornale in modo che non se ne parli mai?
      ////
      Semplice!!! Comprandosi i giornalisti.
      Ovviamente con i soldi nostri che gratifichiamo i suddetti giornalisti di pensioni d’oro e di platino a partire dai 50 anni. Altro che Fornero!!!

      Reply

  • Avatar

    Ercole

    |

    Il sig. Fico può insistere quanto vuole con la sua propaganda ma otterrà null’altro che far perdere ulteriori voti al M5S verso la Lega. Oltretutto come presidente della Camera neppure ha funzione di governo. Che pensi a tagliare per bene i vitalizi e gli stipendi dei parlamentari, così farà una cosa per la quale varrà la pena ricordarlo.
    Il problema di questa migrazione non è tanto se costoro vengono con navi, con barconi, con aerei, con documenti, senza documenti, con il visto o senza il visto, ma che – per quello che sono – non sono compatibili con la nostra visione di comunità, e soprattutto perchè arrivano in massa per insediarsi con le famiglie, spesso allargate; e perchè in tali numeri creano enclave etniche e culturali distinte e ostili.
    Notate la manipolazione del linguaggio dei media dominanti: da ‘extracomunitari’ sono passati a chiamarli ‘immigrati’ e ora li chiamano in modo eufemistico ‘migranti’; poi si sono inventati le ‘politiche di diversità’ – altro termine eufemistico per intendere politiche di sostituzione e di dispossesso delle popolazioni autoctone europee.
    La parola ‘migrante’ viene proprio utilizzata dai media per indicare un certo gruppo di popolazioni del terzo mondo, ben specifiche, comprendenti soprattutto islamici e ‘africani neri’: avete mai sentito questi media definire ‘migrante’ un ingegnere giapponese? O un programmatore indiano?
    Notate gli infami che paragonano lo sterminio industriale di europei ebrei negli anni ’40 con il respingimento di barconi di invasori che non solo buttano volontariamente i documenti in modo che le autorità non possano identificarli ma che non hanno neppure remore a imbarcare con sé bambini e neonati su delle carrette fatiscenti.
    Notate gli infami come a parole dicono ‘mai più antisemitismo’ e come facciano entrare milioni di antisemiti in Europa; che più o meno regolarmente commettono attentati. E dei numerosi attentati sventati spesso i media neppure ne parlano.
    La Lega in Italia, il FN in Francia, AfD in Germania ecc. sono una speranza, un inizio di cambiamento verso la direzione giusta; ma per risolvere il problema saranno necessarie delle organizzazioni più decise e radicali che avranno il compito di focalizzarsi sulle politiche di remigrazione. Che è cosa moralmente giusta perchè il diritto alla Patria è un diritto umano 🙂

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      per cortesia post più brevi, possibilmnte nelle 10 righe

      Reply

      • Avatar

        M

        |

        Telegrafico: Professore io sono stato quattro volte in missione volontaria nell’Africa Subsahariana. Condivido con la stragrande maggioranza dei missionari questa opinione: devono restare laggiù. Quando qualcuno particolarmente sveglio ottiene una borsa di studio si cerca di farlo studiare laggiù, perché se lo mandano in Europa facilmente “scappa”, cioè si prende il beneficio e poi si fa i fatti suoi senza restituire alla comunità quello che ha ricevuto. Sono rari i casi di altruismo. C’è molto da fare laggiù e lasciarli venire qui non risolve nulla.
        La ricchezza maggiore che loro conservano ancora e noi abbiamo perduto è la vita sociale e la mancanza di elettricità nelle loro capanne o casupole che gli permette di crescere i bambini senza ordigni audiovisivi. La mente dei giovani è quindi più robusta di quella dei nostri, almeno finché restano laggiù, sebbene sia ancora diffusa la superstizione animista.
        Se i servizi francesi, sospinti da quelli statunitensi e britannici, non avessero boicottato il progetto di Gheddafi e Bouteflika per un Fondo Monetario Africano con sede a Yaoundè, istituito la mattina del 17 Dicembre 2010, giusto poche ore prima della cosiddetta “rivoluzione dei gelsomini”, ora non staremmo qui a parlare al vento.
        Come Lei dice giustamente, bisogna studiare, e aggiungerei anche viaggiare un po’ di più.

        Reply

        • Aldo S. Giannuli

          Aldo S. Giannuli

          |

          capisco le sue osservazioni ma di fronte ad un fenomeno sociale di quelle dimensioni serve apoco dire che dovrebbero restare in Afriva per salvare la vita sociale. La gente non si ferma di fronte a queste considerazioni, senza tener conto della spinta che molti hanno dalla fame

          Reply

          • Avatar

            M

            |

            Le rivelo che c’è un programma che sarà presto sottoposto all’attenzione del governo giallo-verde per utilizzare il tradizionale mercato di crediti di carbonio, integrato di nuovi crediti similari (cosiddetti carbonio-equivalenti) che permetterebbe all’industria europea di sforare i più stringenti limiti alle emissioni di CO2, a patto di finanziare opere di rinverdimento delle aree predesertiche del Sahel. L’acquisto dei crediti presso i piccoli agricoltori locali potrà essere fatto sulla scorta delle rilevazioni satellitari atte a misurare la diminuzione di infrarosso emesso dal terreno rinverdito. Esistono moderni macchinari leggeri da poco brevettati in Italia, e anche a buon mercato, che possono essere impiegati su larga scala con successo nelle opere di rinverdimento erbaceo, preliminare a quello arboricolo. Dunque una soluzione efficace e potenzialmente molto gradita, per far nascere una miriade di piccole imprese laggiù, è già pronta.

  • Avatar

    Una

    |

    Ma il Presidente della Camera non deve essere Super Partes ? che è questo reprobo (è il caso di dirlo ) ..il neo boldrino ??? boldrina che va boldrino che viene….denominatore comune? rossi….appunto un reprobo.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    ACME NEWS
    L’Eliseo è andato in fibrillazione alla notizia diramamta dall’Agenzia di Infomazione Interafricana, secondo cui Paul Kagame, segretario generale dell’Unione Africana, ha proposto durante l’ultima sessione di lavori tenutasi ad Addis Abbeba, di negare l’ingresso nei paesi africani ai cittadini degli stati europei che vietano l’ingresso agli africani, in base al principio di reciprocità, proprio del diritto internazionale.
    Gli affari con l’Africa valgono il 22% del Pil francese, per cui Parigi non esclude di intervenire militarmente nel continente nero. Oltre la forza europea di intervento rapido al comando del generale Guy de Boombum, Macron potrebbe schierare le nuove batterie di missili balistici intercontinentali Brigitte 3 e 4 da 80 kilotoni e tre carburatori ciascuno.
    La Casa Bianca al momento appare disinteressata alla nuova avventura africana francese, essendo alle prese con il Russia Gate.
    Da Mosca, Putin ha avvertito Macron del pericolo di escalation in caso di uso dell’arma atomica.
    All’Angelus il Papa ha ammonito i governanti di tutto il mondo a salvaguardare il bene supremo della pace. Fonti vicine alla Segretaria di Stato riferiscono di un messaggio scritto di pugno da Sua Santità inviato al Presidente francese.
    Le nuove tensioni internazionali che vedono coinvolti alcuni dei maggiori Paesi produttori di petrolio hanno fatto schizzare il prezzo del barile a 112 dollari.
    Su iniziativa dell’Arabia SAudita giovedì si riunirà a Vienna il comitato dei ministri del petrolio dell’OPEC per analizzare il nuovo scenario internazionale.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Da Roma, il ministro degi interni e vice premier, Matteo Salvini, ha tweettato di essere d’accordo con il segretario generale dell’Unione Africana.
    Per domani è preannunciato l’incontro urgente al Viminale tra il ministro e i vertici dell’associazione importatori – esportatori con l’Africa di Sacile, collettore di voti a favore della Lega, al cui interno potrebbe verificarsi una spaccatura tra i governisti di Salvini e i populisti puri , duri e neri dell’associazione di Sacile.

    Reply

  • Avatar

    Francesco

    |

    Questo il presidente del senato francese:
    https://www.youtube.com/watch?v=bgq7FLdeX90

    Evidentemente le è sfuggito che la “criminalizzazione delle ONG” non è prerogativa leghista, ma piuttosto buonsenso e semplice applicazione della logica, dato che essere in combutta con dei criminali (gli scafisti) le rende per definizione criminali esse stesse. Lasci stare poi l’analisi matematica e i boscimani, primo per la grettezza del paragone, secondo perchè nell’entourage di Salvini c’è molta gente che può benissimo darle lezioni di analisi, ammesso che sia in grado di comprenderle.

    Reply

  • Avatar

    Lorenzo

    |

    Ben si comprende come, mentre la Lega raddoppia i consensi grazie al blocco navale, Giannuli smetta di parlare di politica e si concentri sulla morale, in piena contiguità col suo alleato di opposizione piddino: “l’umanità viene prima dei sondaggi” (Martina), che è un modo viscido per dire “il [nostro] pregiudizio umanista deve venire prima della democrazia”. Precisamente il ragionamento che sottende all’approvazione giannulea della propalazione di notizie false buone a salvare la pelle ai negri.

    Naturalmente né Martina né Giannuli ci spiegano perché, fra tutti i valori morali possibili e immaginabili (di ispirazione nazionale, razziale, religiosa, estetica, socioeconomica o altro), il loro pubblico sia tenuto a riconoscersi proprio in quello umanista, né perché lo si dovrebbe privilegiare rispetto all’altro Manitù imposto dal conquistatore di turno, quello demo(pluto)cratico. Il pregiudizio vive nel silenzio della ragione: “è impossibile studiare sperimentalmente la storia e non vedere il carattere contingente del diritto e della morale” (Pareto).

    “Le dottrine etiche non possono rivendicare alcun fondamento ontologico né alcuna specifica razionalità: esse sono dei sistemi di credenze, più o meno istituzionalizzate, che fanno parte del complesso delle abitudini, delle regole pratiche e dei codici simbolici che individui e gruppi sociali pongono alla base della loro vita sociale […]. Neurath osservava polemicamente che l’etica è sorta nell’antichità, assieme al diritto penale, come teoria del peccato e cioè come dottrina dei divieti divini. Un imperativo categorico non è che un residuo teologico: la legge di Dio separata dal suo soggetto e costruita come legge in sé […]. Anche il più rigoroso sostenitore moderno del carattere imperativo della morale non sa far di meglio, per giustificarne l’autorità, che appellarsi alla natura ‘intuitiva’ delle sue prescrizioni” (Danilo Zolo, Il principato democratico).

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      lei non capisce nulla di politica ma crede di capirne solo perchè è totalmente amorale

      Reply

      • Avatar

        foriato

        |

        Dissento, professore: ne fa appena finta e, nel contempo (petitio principii), tronfia esibizione di cialtroneria: “Il pregiudizio vive nel silenzio della ragione”. Carne da strizzatestine questo Lorenzo…

        Lo cretino, en ti,
        no excluye lo ruin.
        Lo ruin en tu sino,
        no excluye lo cretino.
        Así que eres, en fin,
        tan cretino como ruin.

        Luis Cernuda

        Reply

      • Avatar

        Lorenzo

        |

        In mancanza di argomenti ricorrere alle offese: è la mentalità del boscimane.

        Reply

        • Aldo S. Giannuli

          Aldo S. Giannuli

          |

          nessuna offesa: è una constatazione, è lei a sostenere l’irrilevanza della morale nelle questioni politiche ed a farne base delel sue analisi

          Reply

          • Avatar

            Gaz

            |

            @Lorenzo
            E’ vero che molti non occidentali riportano nei test di IQ punteggi inferiori alla media, ma questo è dovuto non a cause morfologiche, ma al fatto che quei test sono fatti da occidentali, per occidentali, con contenuti occidentali.

          • Avatar

            Lorenzo

            |

            Mi riferivo al “non capisce niente di politica”. Per il resto io non sostengo l’irrilevanza bensì l’irrealtà della morale. Non sarebbe male leggere con un minimo di attenzione.

        • Avatar

          Tenerone Dolcissimo

          |

          Scusate se esco dal “seminario,” ma approfitto dell’osservazione di Lorenzo per proclamare che, se il professore mi da’ spazio, potrei pubblicare le conversazioni per Wup con un mio amico divenuto piddino da me regolarmente smutandato e che regolarmente passa alle offese.
          Sarebbe un inserto divertente ora che la stagione calda induce a piu’ rilassanti attività

          Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Eppparlando di morale eppa …
      …Sarebbe anche interessante capire come mai i danni arrecati alle popolazioni di tutta l’Africa dall’occidente debbano essere risarciti dalla sola Italia.
      …Sarebbe anche interessante capire come mai i danni arrecati alle popolazioni dell’Africa francofona debbano essere risarciti dall’Italia e non dalla patria della lingua francese.
      …Sarebbe anche interessante capire come mai i danni arrecati alle popolazioni dell’Africa appartenente all’area del franco CFA debbano essere risarciti dall’Italia che il franco non lo ha mai avuto come valuta.
      …Sarebbe anche interessante capire come mai i danni arrecati alle popolazioni dell’Africa appartenente all’area del franco CFA, i cui stati versano magnam partem delle proprie riserve valutarie presso altre banche centrali straniere ed europee (indovina indovinello…) debbano essere risarciti dall’Italia, la cui banca centrale non ha mai visto nemmeno un soldo di quelle riserve.
      Evvisto che parliamo di franco CFA sarebbe anche interessante capire:
      – come l’unione valutaria chiamata franco CFA abbia consentito di mantenere politiche coloniali anche dopo che il colonialismo sarebbe teoricamente finito;
      – come l’unione valutaria chiamata franco CFA potrebbe aiutarci a comprendere come altre unioni valutarie consentono altre politiche coloniali ai danni di ….. eheheheh indovinate … mica posso fare tutto io.

      Reply

      • Avatar

        Gaz

        |

        @Tenerone
        Ottimo.
        Tutti i colonialismi sono delle porcherie, per non dir altro.

        Reply

        • Avatar

          Tenerone Dolcissimo

          |

          Singolare nemesi storica quella che addebita le colpe del colonialismo al paese europeo che è stato il meno coloniale.

          Non chiederti perché al giusto capiti la sorte dell’ingiusto ed all’ingiusto la sorte del giusto. Non è una domanda da saggio.
          Ecclesiaste

          Reply

          • Avatar

            Gaz

            |

            @Tenerone Dolcissimo
            Sicuro che la citazione sia dall’Ecclesiaste?
            Se è per questo la Grecia ha zero colpe colonialiste.
            Lo stesso fenomeno migratorio può essere inqudrato sotto categorie diverse in relazione ai fini.
            Tu (impersonale) puoi chiamarlo ocra, turchese o porpora, ma il fenomeno è sempre quello.
            La domanda che tu, ma non solo tu, pone è perchè proprio all’Italia e non anche ad altri?
            E’ solo una questione geografica di distanze da una Penisola proiettata al centro del MEditerraneo?
            Questo è un sito in cui la qualità dei commenti è elevata …

  • Avatar

    millepose

    |

    professore condivido e aggiungo: questo governo rappresenta il neo-sorelismo. Bisognerebbe rafforzare e approfondire l’insegnamento della storia nelle scuole e forse ci salveremo.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    ACME NEWS
    Gibilterra è al collasso. Intorno all’una di questa notte, alcuni migranti di origine ghanese raccolti nell’hot spot numero due di Heddalya hanno scavalcato le reti di protezione, immobilizzato il personale di guardia e procurato la più grande evasione di massa della storia, aprendo contemporaneamente i dieci campi della cittadina nord africana, appena al di qua delle Colonne d’Ercole.
    Una massa brulicante di circa cinquantamila esseri umani, per sfuggire alla reazione armata dei soldati marocchini si è diretta tumultusoamente verso il porto. Nella calca disordinata hanno perso la vita, calpestati, non meno di venti persone tra donne e bambini. Ogni natante è stato preso d’assalto. Navi, barche, velieri, pescherecci e pilotine si sono colmate di migranti con un solo obiettivo: salpare per lasciarsi alle spalle le gardes maroquinnes, che nel frattempo avevano preso a mitragliare le imbarcazioni.
    Le correnti marine, dopo un’ora, hanno portato la pletora di navigli sulle coste della Rocca di Gibilterra, precedentemente allertata dal Marocco.
    Sul bagnasciura un debole cordone di poliziotti è stato facilmente sfondato dai migranti, i quali si sono riversati nell’aeroporto, alla ricerca di un luogo dove trascorrere la notte. Sul posto, oltre le autorità locali, è intervenuta la Croce Rossa per fronteggiare la grave emergenza umanitaria.
    Con le prime luci dell’alba, un centinaio di migranti ha provato a forzare la frontiera con la Spagna. Ne è seguito una scaramuccia, che ha consentito ai Carabinieros di oltrepassare la liena di divisione tra i due stati, per motivi uamanitari, secondo quanto sostiene Madrid.
    La reazione del Primo Ministro Inglese, signora Theresa May, è stata energica e pronta.
    Alle nove, ore di Londra, durante una conferenza stampa al numero 10 di Dowing Street ha minacciato di inviare nel Mediterraneo sei portaerei e cinque sottomarini atomici della classe Birra, muniti di testate atomiche multiple e qunidici fregate, qualora la Spagna non lasci la Rocca. Nel contempo ha reso noto di aver attivato i canali diplomatici presso Portogallo, Italia, SAn MArino, VAticano, Monte Santo, Grecia, Egitto, Tunisia e Vanatu per ridistruire la totalità dei migranti.
    Intanto, la quinta compagnia dei Carabineros di Vila Real ha issato sul pennone più alto della Rocca la bandiera rosso e gialla e ammainato l’Union Jack, che vi sventolava dal 1713, quando con il Trattato di Utrecht fu assegnata all’Inghilterra.
    A seguito di questo atto, si è riunito d’urgenza i Gabinetto di crisi del Governo inglese e il Primo Ministro ha deciso di chiedere la convocazione d’urgenza del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per condannare la Spagna, accusata di fomentare l’immigrazione clandestina e di essere dietro la regia che ha portato all’annessione di Gibilterra alla Spagna, malgrado il voto nettamente contrario emerso dal referendum popolare sull’apparteneza della Rocca.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      anche tu mi fai accecare con un post cosi lungo!

      Reply

      • Avatar

        Gaz

        |

        Chiedo venia per il volo pindarico non autorizzato.

        Reply

  • Avatar

    enrico

    |

    Grazie professore! Ottimo articolo! Imbarazza sempre molto la povertà dei comenti cui deve far fronte!
    Consiglierei comunque a tutti questi haters prezzolati di studiare , studiare e studiare.
    A proposito: la storia delle migrazioni e dei flussi migratori risale addirittura alla preistoria!!

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      infatti un recente libro sulla storia delle migrazioni e ddegli usi alimentari definisce l’uomo “migrante ovvivoro”

      Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Certo che risale alla preistoria ed è cosparsa di sangue.
      Vogliamo lasciare le cose come vanno da sé -cioè dirette da soros atque macron boninoque- o provare a dare una regolata al fenomeno???

      Reply

      • Avatar

        Lorenzo

        |

        Ecco una parola di buon senso. I media di regime e la sinistra sinistrata passano senza soluzione di continuità dal ragionamento descrittivo a quello prescrittivo: dal dato di fatto che l’essere umano è animale in grado di migrare alla loro personale fregola che la cosa non debba risolversi nello sterminio dei migranti (l’idea che a scomparire possiamo essere noi non la turba eccessivamente).

        Diremo che l’invasione migratoria si è affiancata e va progressivamente sostituendo la sempre meno idealizzabile eurodittatura nell’affabulazione buonista della “sinistra zingaresca” (https://tinyurl.com/y9njftb9), per la quale ciò che compiace i suoi pregiudizi incarna il senso della storia e ciò che incarna il senso della storia – dal Sol dell’avvenire in poi – non può finire male.

        P.S.: chi menziona la preistoria avrà dimestichezza colla sempre più accreditata teoria secondo cui l’homo sapiens iniziò la sua carriera evolutiva cacciando e mangiando (e forse allevando in apposite grotte a scopi alimentari e di sacrificio rituale) i Neanderthal: https://dailym.ai/2MXLztn . Bisogna tornare alle origini.

        Reply

        • Avatar

          foriato

          |

          “l’idea che a scomparire possiamo essere noi…”
          _______________________
          Gentile Lorenzo, potrebbe indicare con precisione a quale ‘noi’ fa riferimento? Europa, Italia, i partecipanti a questo foro, qualche volto che le parla ogni mattina dal profondo dello specchio… Nel qual caso, “tornare alle origini” sarebbe piuttosto tornare alla radura (“in apposita grotta”), con tutti i vantaggi che tale condizione comporta:

          https://vimeo.com/108025529

          Reply

  • Avatar

    Venceslao di Spilimbergo

    |

    Con il dovuto rispetto, in risposta impersonale all’interessante scritto del Professore (che approfitto per salutare), gradirei proporre un altrettanto notevole elaborato: un articolo dell’Esimio signor C. Ocone, uno degli esponenti più alti (e proprio per questo poco ascoltati, purtroppo!) del Liberalismo Italiano:

    http://formiche.net/2018/07/e-tempo-di-essere-pragmatici-e-salvini-lo-sa/

    Buona lettura; i miei ossequi

    Reply

  • Avatar

    Camo

    |

    al signor M…. che è stato quattro volte in missione volontaria nell’Africa Subsahariana….

    ma caro signor M non lo sa che L’Italia ha tanto bisogno di lavoro immigrato? Non lo sa che ci sono i lavori che gli italiani non vogliono fare? Lo dicono quelli dell’Inps: “a noi ci servono!”… per sfruttarli, e inoltre ci pappiamo i loro terreni agricoli e le loro risorse minerarie e materie prime, compreso il turismo… e poi guardano i nostri anziani. E i loro anziani chi li guarda?

    Io dico questo, se ci sono lavori a sfruttamento…. non li deve fare nessuno!

    Grazie signor M, con stima.

    Reply

  • Avatar

    Libero Ferrari

    |

    Gentile professore,
    la sua “nota” (mi permetta di definirla così, senza volerla sminuire) mi trova assolutamente in sintonia. Provo rabbia e indignazione ogni volta che si tratta della vita umana solo per fini turpemente elettoralistici, perché questo è. Tutto ciò dà l’esatta cifra della bassezza a cui siamo giunti in decenni di esemplari pubblici di governanti senza nessuna idea di umanità a riferimento di qualsivoglia azione politica. Sono molti più decenni che gli Stati europei prima e l’Unione Europea poi finanziano governi africani corrotti e corruttori con il paravento di interventi umanitari o altre amenità simili. La coscienza del governo di turno è marcia perché, anzichè una seria ed efficace politica estera con gli Stati “esportatori di umani”, colludono con milizie tribali libiche colpevoli di atrocità di livello pari, se non superiore, a quanto avvenne nei Balcani. Gli italiani beoti, mentre a mo’ di slogan rivendicano la loro sovranità politica (cosa sacrosanta), sono in grado di comprendere che esiste ancora una sostanziale differenza tra realtà e mistificazione?

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Asterix & Friends giocano sporco. I nostri non sanno neppure di che si tratti: si vede dai risultati.
    Macron ci sta mettendo del suo per essere Asterix, ma questo non significa che io malveda i francesi. Neanche per errore!
    Basti dire che noi abbiamo avuto B., per le cui gesta, come Paese, abbiamo acquisito una fama mondiale indesiderata.
    Però, per Manu ho la colonna sonora per le prossime presidenziali.
    https://www.youtube.com/watch?v=ObvSnEYx_68

    Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    Mi rifiuto di scadere in una discussione morale, parlando di un problema eminentemente politico. Tra l’altro si finisce inevitabilmente nel moralismo che, come tutti gli ismi, è la brutta copia del sostantivo in radice.
    Preferisco Boeri, che almeno ne fa una questione di convenienza economica, tutta da dimostrare naturalmente, ma perlomeno onestamente e scopertamente disinteressata a dichiararsi eticamente “superiore”. Sempre di ricatto si parla: questo economico, l’altro morale.
    Un ricatto morale è sempre spregevole, dal mio punto di vista, ed è sempre stato usato per mettere a tacere gli oppositori scomodi, anche e soprattutto dai regimi autoritari.
    Mi chiedo piuttosto come si possa essere in perfetta sintonia con un filibustiere come Soros, un personaggetto che ci stava portando al default e ci ha fatto bruciare miliardi di euro, senza sentire un senso di disagio e senza chiedersi come ciò sia conciliabile mentre ci si dichiara di sinistra, di quella sinistra, si spera, degli anni ’60 -’70 del secolo passato.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    O.t.
    Secondo l’aforisma molto interessato sulla confusione emotiva e mentale degli italiani tra calcio e guerra, i politici italiani sarebbero dei pessimi players.
    Detto dall’eroe di Gallipoli, è quantomeno bislacco.
    Cercando di informarmi e di studiare oltre il mio orto, ho la sensazione di andare allo stadio a supportare una squadra, che malgrado l’incoraggiamento del pubblico, se va bene pareggia, quando va bene. La sconfitta è quasi di prammatica.
    Perchè?

    Reply

    • Avatar

      Enrico

      |

      Stupisce veder le analisi chiare ed equilibrate del prof Giannuli attaccate e giudicate in modo cosí becero dai commentatori abituali che pensano di poter spiegare la realtá delle cose in 5 o 6 righe. La realtá é sempre complessa e le analisi vanno fatte su piú livelli. Pensare di esprimere delle idee attraverso slogan é un abitudine triste ed ignorante. Parlare di problemi complessi come l’immigrazione in modo cosí superficiale mette i brividi. Non siamo mica allo stadio. E se per dar corpo alle vostre tesi citate pure Libero e i suoi cosiddetti articoli direi che siete messi proprio male. Ma non potreste aprirvi un blog per esprimere le vostre scemenze anziché intasare quello del prof.Giannuli? Oppure il vostro scopo é proprio quello di intasare i commenti per influenzare con la vostra propaganda?
      Grazie

      Reply

  • Avatar

    Pimander

    |

    Quindi per una questione “etica” dovremmo agire nel senso di agevolare questi spostamenti inevitabili di masse umane.
    Sempre per una questione “etica”, dobbiamo far in modo che questi nuovi arrivati dapprima si sistemino sul territorio (quindi dobbiamo dare loro un posto dove stare, qualcosa di cui nutrirsi, agevolare una profilassi sanitaria, provvedere alla scolarizzazione dei minori, …) e poi, finito l’acclimatamento sostenuto dalla nostra a solidarieta’, dare loro un posto di lavoro LEGALE al fine di farli integrare nella nostra societa’.
    Professo’…servono posti di lavoro…senno’ come si integrano? Se Lei fosse in grado di dare una risposta alla domanda di lavoro portata da queste masse, la sua questione “etica” avrebbe un senso. Poiche’ ne Fico, ne Lei avete suggerimenti su come creare nuove opportunita’ di lavoro, penso che la sua c.d. etica forse nutre (il suo ego) ma non alimenta (la gente). Per cui, piu’ che una questione “etica”, la questione migranti e’ pratica. Risolva la questione “pratica” e avra’ il rispetto di tutti…se crede di risolvere la questione migranti con la rampogna sulla mancanza di etica, con il senso di colpa, con l’accusa di razzismo, con l’accusa di fascismo e quant’altro, non ha speranza.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      mi scusi ma temo che lei non abbia le idee chiare. Io non ho mai sostenuto che la questione dell’immigrazione sia una questione etica, ma che siia una questione eminentemente politica, economica e sociale, con un aspetto etico che è semprer presente quando si parla di politica. Non penso a nessuna elemosima buonista , ma alla convenienza che potrebbe venire all’europa da una politica di accogliena (benintesio non senza limiti). E’ questo quello che tanto i buonisti quando i “cattivisti” (noti le virgolette) come lei non riescono a capire

      Reply

      • Avatar

        Pimander

        |

        La ringrazio per l’attenzione.
        La domanda rimane, purtroppo, senza risposta. Lei scrive una precisazione:
        “Non penso a nessuna elemosima buonista , ma alla convenienza che potrebbe venire all’europa da una politica di accoglienza.”
        Gia’ il termine “convenienza” suscita preoccupazione…convenienza per chi? Chi ha bisogno di disperati disposti ad accettare qualsiasi offerta di lavoro, anche la piu’ indegna?
        Ma la difficolta’ sta tutta nel dare contenuto alla parola “accoglienza” (siamo d’accordo che per “accoglienza” NON intendiamo solo il salvataggio a mare ma anche quanto viene subito dopo….
        In cosa consiste l’accoglienza se non c’e lavoro per queste persone? Oppure crede alle fandonie di Boeri che confonde una colf Romena (quelle poche messe in regola) con un migrante africano? Oppure pensa che i venditori di cianfrusaglie, gli abitanti delle baraccopoli sotto i ponti delle tangenziali o i musicanti della metro versano all’erario?
        Ma di che stiamo parlando o queste cose le vedo solo cattivissimo me?

        Reply

  • Avatar

    Io

    |

    @Allora Ditelo

    Allora ditelo accontentato sugli aerei come mezzo di trasporto degli immigrati ..leggete qua.

    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/13357798/matteo-salvini-immigrazione-42-milioni-di-euro-destinati-rimpatri-immigrati-irregolari.html

    —->> Di giorno in giorno, il piano di Matteo Salvini si fa più duro e articolato. Si parla di immigrazione, ovviamente. E dopo la circolare ai prefetti con cui chiede una stretta sui permessi umanitari ai richiedenti asilo, il vicepremier ha sottolineato che “l’obiettivo è che non arrivi più una sola persona coi barconi e che chi ha diritto di venire in Italia lo faccia in aereo, magari anche in prima classe, anziché illegalmente via mare”.
    ———

    una nota: nessuno ci ha fatto caso e lo dice..soprattutto il popolo di sinistra ..che prende come metro valido il “suo ” metro per stabilire cosa è etico e morale e cosa non lo è (si evince anche dai discorsi in questo blog )…sono loro i depositari della vera etica, morale e grado di civiltà…e sono solo i loro criteri che lo stabiliscono. Niente di nuovo sotto il sole, è da sempre che impongono culturalmente quel tipo di criterio (questo forum non ne è esente..). I depositari dogmatici del (in)giusto ..smentiti dalla stessa loro storia che è stata un tradimento continuo e un parla bene e razzola male .. La solita ben conosciuta Aureola di cui si son auto coronati. Gli italiani ma anche gli europei se ne sono accorti ed infatti gli stanno spazzando via.
    Vogliono solo volgarmente lo jous soli e in un mare di disperazione riproporre la tragica e fallita proposta marxista di cui son nostalgici. Speranza Vana. Le loro istanze e i loro ragionamenti collimano con le istanze e ragionamenti del sistema UE/euro , dei globalisti, dei fautori del Crony Capitalism, delle èlite e della Open Society…gli stessi identici ragionamenti. Dicesi coincidenza.

    Reply

  • Avatar

    Io

    |

    scusate ma nel precedente post non aveva concluso la frase ..avevo scritto : “nessuno lo dice ma…etc etc ..”

    concludo: nessuno lo dice ma l’Italia da anni è il SECONDO paese al mondo per Concessioni di Cittadinanza…lo sottolineo SECONDO PAESE AL MONDO.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!