Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (12)

  • Avatar

    Gaz

    |

    .. e pensare che nelle favole il grillo impersona la saggezza.
    Per tempo, su queste pagine il Professore ha avvertito su come le cicale hanno passato l’estate dell’opposizione a cantare, piuttosto che a preparasi per governare.
    Per i concerti c’è pur sempre la folk singer Virgin Rays.

    Reply

  • Avatar

    Valerio

    |

    Sembra scritto da Oscar Giannino.

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Saggiamente i francesi ogni tanto fanno una rivoluzione e tagliano un po’ di teste di appartenenti alla classe di potere.
    Anche stalin e Mao facevano la stessa cosa e con ottimi risultati.
    Purtroppo agli italiani non entra in testa che un sistema di stato pesante, come quello francese che noi abbiamo adottato, tende ad ingripparsi e, quindi, va lubrificato e il miglior lubrificante è il sangue

    Reply

    • Avatar

      Luca

      |

      Esatto

      Reply

      • Avatar

        Gaz

        |

        @Tenerone e Luca
        Sangue di quale gruppo ?
        Ammetto di non frequentare ematologia, per cui chiedo delucidazioni.
        Gli anemici sono esentati ?
        E con il colesterolo come la si mette ?
        E chi ha sangue blu ?

        Reply

  • Avatar

    Tom

    |

    Mah, tutti quelli che davano del mono neurone a Salvini, se lo sono poi ritrovato al governo.
    Ora il mantra è 5 Stelle ignoranti. E vabbé, loro sono ancora li e alle prossime elezioni se non faranno il pieno, rimarranno comunque nei paraggi.
    Non che si tratti di opinioni sbagliate, ma credo che convenga cambiare tattica. La denigrazione non paga.
    Piuttosto, non c’era stato nella scorsa legislatura un pronunciamento della ragioneria generale di stato che confermava la fattibilità del reddito di cittadinanza?

    Reply

  • Avatar

    Lorenzo

    |

    Adesso che si sono alleati colla Lega facendo crollare il suo sogno di una Rifondazione socialdemocratica stile Linke e Mélenchon, Giannuli scopre tutti gli altarini pentastellati in precedenza a malapena accennati.

    Sentir parlare di “nuovi barbari” porta alla mente le migliori esperienze politiche e ideali del XX secolo e scalda cuori inariditi dalla demoplutocrazia. Ancora una volta il trionfo della volontà e l’investitura carismatica si contrappongono all’esangue Zivilisation messa in piedi dai signori dell’oro.

    Negli ultimi decenni il servidorame del capitalismo di rapina ha messo in piedi un apparato normativo di bizantina complessità ed autoreferenzialità, quasi impossibile non dico da smontare ma semplicemente da comprendere, mirato a garantire la sua dittatura sui popoli. Un costrutto che nemmeno risponde a criteri di kelseniana coerenza ordinamentale dato che è in eclatante contrasto con altre fonti del diritto (si pensi ai trattati euristi inconciliabili coll’impostazione lavorista e col capitolo III della costituzione; o alle norme umanitarie che, rendendo impossibile limitare l’invasione extracomunitaria, vanificano ogni garanzia di ordine pubblico e di certezza della pena).

    Scontata la decisione delle forze identarie di (cominciare a) muoversi nella logica dell’eccezione (quella nel cui alveo “la forza della vita reale rompe la crosta di una meccanica irri¬gidita nella ripe¬tizione”) ignorando le scartoffie e riportando il confronto politico a suoi termini reali, quelli dell’interazione fra ideali e interessi concreti, cioè fra volontà di potenza contrapposte (delle quali ogni normativismo è formula, a parole di contemperamento, in realtà di subdola imposizione – come gli stessi marxisti hanno sempre ribadito).

    Ogni diritto è ricapitolazione di un atto fondativo che lo precede. Ogni legalità presuppone una legittimità. La crisi della plutocrazia imposta dal conquistatore transatlantico forza quella dell’ordinamento vigente nella periferia dell’impero.

    Reply

  • Avatar

    Luca

    |

    Eh caro professore, la sua è un analisi lucidissima sui piccoli dettagli ( ragioneria dello stato, corte costituzionale ) ma la smania di unirsi all’ Elite che da addosso al governo popolare ( il primo da decenni ad esser sostenuto da partiti che hanno preso più del 50% dei voti ) , non le permette di vedere gli aspetti sostanziosi. Andiamo verso un ventennio duro e buio, le amministrazioni che contano presto non saranno tribunali e ragionerie. Saranno Esercito e Forze dell’ ordine. Non c’ è seduta di Corte Costituzionale che non possa essere interrotta dall’ ingresso di uomini bene armati e disposti a tutto.

    Reply

    • Avatar

      Gaz

      |

      Spero di non incorrere nelle ire sessiste della Boldrini, ma nell’esercizio delle mie disfunzioni private, almeno una volta, ho sognato di essere interrotto da donne, marescialle, vice-questore, (non le prefette), disposte a tutto.

      Reply

  • Avatar

    Antonio Palumbo

    |

    chapeau !!! Le rinnovo il mio plauso per la sua onestà intellettuale nello scrivere questo articolo. I 5stelle purtroppo si stanno rivelando per quello che temevo; cioè un branco di dilettanti allo sbaraglio che hanno avuto l’accortezza di mischiare il vero con il falso e arrivati a governare con la complicità di uno “sgarrupato” Pd, rissoso e autolesionista.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Casalino non è il solo a guadagnarsi lo meritatamente stipendio.
    I portavoce del governo francese non sono da meno. Hanno una capacità diabolica di mescolare il vero col falso e di distorcer la realta a fini propagandistici notevole. Servono bene i loro ministri.

    Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    Avrei solo una domanda: ma a Giannuli ed a chi commenta (questo, come altri post), c’è qualcuno che gli sta minimamente bene?
    Il nichilismo impera in queste pagine. Poi si dice che il PD è autolesionista e rissoso, ma se nessuno va bene, come pare di capire leggendo queste pagine, ne deriva per forza che tutti vanno bene, perchè è certo che qualcuno deve pur governare.
    Il non prendere mai posizione è l’atteggiamento tipico di chi non vuole responsabilità, e si arrocca sull’immaturo (ed anche leggermente opportunista), “tutto va male per colpa di questi incapaci , io non mi faccio fregare e non mi mischio a costoro”. Che se la vedano loro! Se ne sono capaci (ma tanto lo so che non sono capaci).
    Ma si sa: l’Italia è il Paese di 60 milioni di Commissari Tecnici della Nazionale; meglio farci sopra una bella risata…

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!