Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (15)

  • Tenerone Dolcissimo

    |

    “il Pd … un partito … a concentrazione centro meridionale, all’opposizione in tutto il Nord padano”
    Come dire — la nuova DC votato dai parassiti a cominciare dagli immbucati nello Stato a non fare una ceppa e a prendersela con gli evasori fiscali, perché se tutti pagassero le tasse loro magnerebbero di più.

  • giandavide

    |

    morire renziani non sarà un destino ineluttabile, ma ci si sta buttando a vele spiegate verso questo destino. infatti renzi ha sbagliato e si è complicato la vita, ma, come è già successo, sta fiutando l’aria e si sta buttando giù duro nella comunicazione. e, dato il livello di gonzaggine degli italiani, qualcuno penserà pure che si è ricreduto.
    d’altra parte renzi ha un vantaggio inequivocabile rispetto al m5s: sta governando. e può usare il suo ruolo per fare marketing elettorale. il m5s invece non può più fare opposizione in modo decente. dato che l’opposizione richiede un certo livello di apertura verso l’esterno per creare aggregazioni più ampie. per fare un esempio, il m5s non potrebbe oggi organizzare un evento referendario come faceva in passato (o come ha fatto dipietro con l’acqua), dato che 1) lo organizzerebbero solo loro 2) apparirebbe come un’iniziativa partitica e non movimentistica. mentre renzi può dare anche i 100 dollari che nixon elargiva in futurama, e qualche elettore lo voterà volentieri ricordando come erano buoni i 100 caffè che si è bevuto.
    d’altra parte, anche se gli elettori scappano, renzi rimane sempre primo.e ci resterà. l’unico modo che ha per complicarsi definitivamente la vita è l’italicum. e qui è importante il ruolo che avrà grillo. se non si fa superare dalla lega potrebbe sperare di salire sul palo della cuccagna: candida dibattista che è il politico più sexy dopo civati (secondo un sondaggio), e spera nel voto della casalinga di voghera. e potrebbe anche farcela.
    se, come penso io, il m5s si farà superare da salvini, e ci sarà una scelta renzi salvini, vince renzi senza problemi. e il m5s avrà esaurito le sue funzioni. che, a quanto si è visto sono due: 1) garantire al blocco neoliberista di governare 2) traghettare l’opposizione italiana verso l’estrema destra.
    non credo che abbia molto senso chiedersi se ilm5s sia di destra o di sinistra, dato che ha detto sempre di volere superare queste distinzioni. ha senso piuttosto vedere come sono andate le cose negli ultimi 5 anni, constatare le metamorfosi subite nel campo che era la sinistra italiana, e chiedersi se oggi l’opposizione abbia qualche speranza in più rispetto al passato. e mi sembra evidente che oggi si speri molto meno di prima. se le cose non si fanno quando la gente ci crede, come è possibile pensare di farle quando nessuno ci crede più?

  • Marco

    |

    Pure supponendo che il flusso di voti passati dal PD al M5S provenga da elettori di sinistra delusi, come mai questa “emoraggia sul fianco sinistro” collocherebbe “il M5S oggettivamente su questo versante”? Professore… l’avverbio “oggettivamente” mi sembra un auspicio o un suggerimento al M5S più che un’analisi….. Nell’ottica del suggerimento, i flussi in uscita che stanno alimentando il M5S sono tanti… perchè il M5S dovrebbe prediligere quello proveniente da sinistra? Forse perchè la Lega sta catalizzando quello proveniente da destra?

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      non è un auspicio ma l’applicazione di un metodo: se il Pd ha fatto il Nazareno e il M5s si è oppodto, dopo essere stato sempre contrto Berluscono e i suoi alleati legjisti, per convenziopne si collocano a sinistra, come dimostra il fatto che difficilmente elettori del centro moderato scelgono divotatre questo partito
      Mom è un giudizio di valore: è una descrizione dello spazio politico

      • Tenerone Dolcissimo

        |

        Pessima idea considerare tutti quelli del centro destra come moderati. Spesso i liberali come me sono autentici estremisti, a cominciare da quelli aderenti al Tea Party. E non sono il solo liberale a votare M5S Saluti

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          si vero, ma possiamo dire che i liberali estremisti come lei sono proprio pochini e poco indicativi dell’area del centro destra^?

          • Tenerone Dolcissimo

            |

            Siamo esatti, Professore, sono i liberali ad essere pochini. Gli è che spesso anche persone esperte come Lei considerano liberali gente che liberale non è a cominciare dalla Confindustria, che è il vero sindacato comunista … altro che Landini. Le pare strano quale che dico???? Si ricordi chi si oppose a che Einaudi diventasse ministro dell’economia nel primo governo Mussolini. COrdiali saluti.

      • giandavide

        |

        in realtà il m5s si è opposto al pd anche senza nazareno. senza contare che anche salvini si oppone al nazareno, ma non è che per questo diventa di sinistra. senza contare che il cosiddetto centro moderato è una cosa che non esiste da tempo, come dimostrano i voti presi prima da monti poi da casini eccetera: da quando il pds ha avuto la grande idea di imbarcarsi i margheriti per andare un pò più a destra, il centro in italia ha smesso di esistere, diventando destra tout court, e la sinistra italiana si è arricchita di figure come rutelli o marini, che però si sono scordati a casa gli elettori, e che finora non li hanno più ritrovati

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          si ma salvini è stato alleato di Fi ed il M5s mai

          • giandavide

            |

            dai voti che prende la lega sembra che la gente non se lo ricordi, quindi la memoria oggigiorno non è più un buon argomento

  • andrea z.

    |

    Da che io mi ricordi, il maggior partito della sinistra( PCI, PDS o PD) è sempre stato il partito degli intellettuali, degli scrittori più o meno allineati, dei grandi registi cinematografici, dei professori universitari.
    Che questa montagna di cultura abbia espresso il topolino Renzi lascia basiti.
    Abbiamo davanti un ex concorrente della Ruota della Fortuna, un personaggio più adatto ad una televendita di materassi, che a risolvere i problemi del lavoro.
    Se il PD vuole ritrovare un po’ di dignità, deve innanzitutto liberarsi di questo politico, dietro cui si muovono settori probabilmente non progressisti della finanza e dell’economia nazionale e internazionale.

  • Alessio

    |

    A votare non si andrà prima del luglio 2016 quando entrerà in vigore l’ italicum. Quel termine non è casuale ma quello che serve a maturare una parte del vitalizio. Sul non andare a votare prima di quella data il Parlamento (M5S compreso) è granitico. Le minoranze Pd sono il niente o al massimo la rappresentanza di qualche interesse particolare e personale che ha bisogno di stare al Governo e qualche personalità che si lancia in moralmente rispettabili quanto politicamente inutili avventure solitarie. Infatti considerando il livello di questi (Bersani, Cuperlo, Speranaza, Civati, etc..) Renzi li preserva come la Chiesa con le sacre reliquie. Non è un caso che l’ unica personalità che si è preoccupato di rottamare sia stato D’ Alema. In 10 minuti al meeting delle minoranze a Roma ha spiegato l a situazione, la strategia di Renzi e come provare a contrastarla. Non ha mai detto che al Pd bisogna volergli bene, né che è casa mia, o altro sciocchezze della penosa retorica di Bersani e Cuperlo

  • cinico senese

    |

    Bisogna anche vedere che succederà da qui ai prossimi mesi a livello internazionale ed economico.
    1) l’immigrazione: continuando il flusso verso l’Italia, è tutto carburante per la Lega di Salvini.
    2) economia: questione Grecia: se fa default ci potrebbero essere dei grossi problemi ai nostri Btp a livello di spread e di finanza internazionale. Gli USA non sono messi bene e dai dati economici veri (non quelli della propaganda dei mass media) sembra che sia già finita la ripresina, una crisi USA arriverebbe sull’europa.
    3) geopolitica: gli USA stanno alzando la tensione soft militare contro la Russia (questione Ucraina, sanzioni etc) la Cina (questione isole Stratly) e il mondo BRICS.

  • io

    |

    Prof. come scritto in altri post, ritengo che la visione “nazionale” fin che si vive in condominio (Europa) sia poco interessante. Non credo che il problema sia tra destra – centro – sinistra ma tra partiti che esprimono una mediazione tra il centro (Bruxelles) e la periferia (Roma), ormai solo uno (PD) quasi (non esiste altra nazione di peso in Europa dove il partito europeo di centrodestra, leggi PPE, sia di fatto internamente irrilevante), con un partito nazionalista o che si proietta come tale (Lega Nord) in opposizione aperta a Bruxelles, ed un movimento peculiare e di un certo peso nazionale come il M5S, che si propone il rinnovamento della classe politica senza però avere alle spalle un orientamento omogeneo

  • io

    |

    PS quando mi riferivo al PPE intendevo richiamare la forte contrazione elettorale patita da FI che lascia l’area di centrodestra, che ha sempre avuto un ruolo significativo nel Paese, del tutto sguarnita (l’astensionismo in quell’area é forte presumo). Francamente credo che l’alleanza con la Lega, se avverrà, segnerà l’eclisse politica di quel movimento. Avrebbe avuto più senso coltivare il Nazareno e rompere su qualcosa di concreto, di politica economica-sociale, conservando così il proprio ruolo interno e soprattutto in Europa. Chi pensa alla riedizione del 94 non fa il calcolo con un soggetto istituzionale che all’epoca non esisteva, cioé Bruxelles e l’incidenza nelle dinamiche politiche interne ad ogni Paese

Commenti chiusi

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!