Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (29)

  • Avatar

    paolo

    |

    Ho rivisto Mastella, Fini, Prodi, Bersani,…uscire come vermi dalla terra adesso che è finita la pioggia…e pronti a mangiare e a fare i leoni per le prossime campagne piangendo percentuali di rispetto per tutto ciò che non hanno fatto…d’Alema non l’ho menzionato perché sappiamo tutti essere sempre attivo burattinaio.
    Sai come la penso ma non credo che la piazza risolva molto visto che le manifestazioni vengono trasformate dai “compagni” in guerriglie idiote con danni costosi che tutti noi dobbiamo risarcire, concentrando la loro idiozia (non è rabbia o protesta mi spiace) contro” operai in divisa” che hanno anch’essi le pezze al culo, perdendo di vista (se mai l’hanno avuto) l’obbiettivo principe della protesta. Cancellare la classe politica degli ultimi 30 anni.
    Non sarebbe male interdire dai pubblici uffici tutti coloro che direttamente o indirettamente hanno avuto a che fare con la politica da 30 anni a questa parte….
    …si hai ragione fa troppo “catramatore”!!!!
    A presto

    Reply

  • Avatar

    Heraclio

    |

    “Compagni del Pd”? Forse, professore, non si è accorto che ormai la cultura di destra ha preso pienamente possesso della base elettorale e militante (soprattutto) del partito. Di cosa stiamo parlando?
    Un’azione forte non verrà nè dal sindacato, nè dalla minoranza democratica: per il semplicissimo motivo che questi due soggetti hanno approvato la precarizzazione di intere generazioni, sostenendo le terribili leggi sul lavoro degli ultimi 20 anni (persino la Fiom non è esente da colpe).
    Renzi ha il sostegno non solo di Forza Italia, centro montiano, Confidustria, finanza, Ue, Fmi, Napolitano: Rezi ha l’appoggio dello stesso elettorato di centrosinistra. Questa è la tragedia vera. La riforma passerà e con essa tutte le altre che ha elencato nell’articolo.
    Bisogna accettare che la battaglia contro la precarietà è persa e l’accanimento continuerà fino al consolidamento non solo legislativo, ma anche e soprattutto culturale (ricorda molto Germania-Brasile di questi ultimi mondiali: la Germania poteva fermarsi al 3 o 4-0 e invece ha scelto di umiliare i brasiliani, andando 7-1).
    Questo non significa che tutto è morto e ci dobbiamo rassegnare: con senso storico e politico, dobbiamo fare un lavoro in preparazione della prossima generazione non ancora ideologizzata sotto il neoliberismo, non più berlusconiana e non ancora renziana; bisogna recuperare il senso dell’organizzazione tra i giovani precari, invece, cresciuti nell’ultimo ventennio e formatisi sotto la cultura berlusconiana e neoliberista.
    Lavoro politico. Seminare. E nel frattempo fare più casino (ragionato preferibilmente) possibile, sapendo bene di guardarsi dai falsi riformismi e dai “parenti-coltelli” della Cgil e degli ex-Ds.

    H.

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      Heraclio: lo so che la cultutra di destra si è tatta molta strada nelle teste di quelli del Pd, ma so anche che c’è ancora una robusta componente di gente di sinistra che sbaglia tutto restando in quel partito. Però, visto che c’è, potrebbe anche farsi sentire

      Reply

  • Avatar

    davidem

    |

    Io credo che una frase detta da Civati ieri riassuma tutta la natura del problema:
    “Se invece si parla di persone che non avranno mai la tutela del reintegro in caso di licenziamento illegittimo, a questo punto potevamo votare Berlusconi e facevamo prima”.
    Che cosa intendo? Che Civati lo dica in modo provocatorio è chiaro: a lui sembra ancora strano che il pd faccia quello che fu negato a Silvio. Eppure è proprio quel che ha sempre fatto il cosiddetto centrosinistra al governo: la precarizzazione l’ha realizzata lui (santificando i poveri giuslavoristi uccisi ma al tempo stesso equiparando ogni critica al pacchetto lavoro al brigatismo), i centri di detenzione per immigrati, la tav, ecc. Se in Italia governa la destra esiste la possibilità che ci sia un’opposizione in grado di bloccare devastanti decisioni; il problema nasce quando è la presunta sinistra a fare le politiche di destra.
    Con la presunzione e la disonestà intellettuale di credere e cercare di autoconvincersi che la “destra avrebbe fatto peggio”: io ricordo discussioni surreali con diessini che mi dicevano: ma noi in afghanistan andiamo con uno spirito diverso da quello di berlusconi…
    Lo spirito che si aggirava per l’Europa è diventato anche spiritoso…

    La minoranza pd non trarrà le sue conseguenze per due motivi: il primo è che credono di durare più di renzi, il secondo è che credono che per non perdere i propri elettori basti mugugnare un po’, chiedere rispetto e fare l’occhiolino per dire: alla fine non cambierà nulla, vedrete.
    E’ un peccato perché c’è anche gente un po’ dignitosa che mi ricorda i tempi lontani in cui li votavo.

    Per finire, la riforma dell’articolo 18 serve secondo me a tre scopi:
    1) distogliere l’attenzione dai fallimenti del governo sollevando un polverone con napolitano che accusa i sindacati
    2) ribadire che la Margherita esiste ancora e ha preso il potere nel pd
    3) seguire le indicazione dei veri ghostwriters di renzi: economisti di oltreoceano, Micheal Ledeen, l’hedgefondista Davide Serra, per esempio

    Reply

  • Avatar

    Gerardo

    |

    Insegno in una scuola privata, ho dovuto aprire una partita iva grazie alla Fornero (prima avevo un contratto a progetto, non credevo che sarei potuto finire più in basso, e invece è accaduto). Nella mia situazione tanti, troppi. Con la direzione ho buoni rapporti, anche se dicono che non ci sono le condizioni per assumermi. Fare sciopero non servirebbe a nulla: non ho un contratto, solo una foglio che dice che “collaboro” e sono pagato per le mie prestazioni. Questa carta dice che sono un libero professionista, anche se di fatto non sono libero di fare niente, né scegliere i miei orari, per esempio, neppure le mie mansioni. Niente. Non vado bene? Nessun problema, semplicemente un altro prenderebbe il mio posto, e ce ne sono decine e decine in fila. Nessun licenziamento, solo fine della collaborazione. Lo sciopero, in questo caso, mi pare una forma di contrattazione totalmente inadeguata.

    Reply

  • Avatar

    gianfranco d'atri

    |

    Come al solito, affidi il tuo messaggio al rivoluzionario Casaleggio : completa però l’esortazione, trasformandola in azione.
    Il 10/11 ottobre Grillo radunerà 100mila persone al ForoItalico, trasformi la manifestazione in convocazione degli stati generali per il lavoro , inviti allo sciopero generale etc etc…
    Oppure, continuiamo a fare chiacchiere.

    Reply

  • Avatar

    marco t

    |

    Buongiorno prof. Giannuli,

    “siete diventati tutti democristiani?” Mi permetto di risponderLe io: sì, e da 25 anni. Quello che è in corso nel PD è un banale gioco delle parti. Fanno finta che nel PD esista un’ala “liberista” e un’ala “sociale” con l’intento di intercettare il voto degli uni e degli altri: di quegli Italiani convinti che l’abolizione dell’art. 18 porti davvero ad un aumento dei posti di lavoro e di coloro che credono ancora ai diritti del lavoratore (“voto PD perché c’è dentro Bersani”…!)
    Non esiste nessun conflitto nel PD; è tutta una mascherata. Se nel PD vi fosse gente davvero convinta di difendere i diritti del lavoro se ne sarebbero andati via all’epoca del Pacchetto Treu, o della revisione della Legge Biagi (se la ricorda? Fu modificato solo il Job On Call), o della Legge Fornero. Invece sono ancora tutti lì.

    E’ penosamente ovvio come andrà a finire. Aboliranno l’art. 18; inseriranno nella riforma del lavoro qualche micro-clausola che sarà spacciata come salvataggio dei diritti, ma che in realtà non cambierà nulla sotto il profilo pratico: però nelle prime pagine di tutti i giornali la “minoranza PD” dichiarerà: “Abbiamo salvato i diritti dei lavoratori”. E il partito resterà compatto.
    Saluti,
    Marco

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      Marco t: Non guardare solo al guruppo dirigente

      Reply

  • Avatar

    Vincenzo Cucinotta

    |

    Io distinguerei tra opinione in proposito, ed io sono favorevole a mantenere l’articolo 18, e azione politica in proposito.
    Mi spieghi per favore chi sta organizzando l’opposizione nel senso in cui la intendiamo tu ed io, opposizione di popolo?
    Nel sindacato, già la CGIL è stata lasciata sola. La cosiddetta sinistra PD ha scritto un documento in 7 punti, ma si è subito affrettata a chiarire che è solo un canovaccio su cui discutere. Ho sentito parte dell’intervista a Bersani di ieri, e rimango basito dalla sua palese incapacità di vedere che quella strada che egli immagina non esiste più.
    Questi che dicono di opporsi in realtà stanno solo contrattando la resa, garantendo a sè stessi un minimo di futuro politico, l’articolo 18 non è tra le loro priorità, è solo la bandiera dietro cui tentare di non capitolare (salvare almeno l’onore delle armi).
    In queste condizioni, schierarsi al fianco di costoro pensando di combattere una comune battaglia, sarebbe di un’ingenuità esagerata.
    Rimane per completare il quadro da capire il contesto, ad esempio l’incontro a mio parere molto significativo tra Renzi e i coniugi Clinton, e il quasi contestuale articolo stroncatorio quanto inatteso da parte di De Bortoli.
    Queste cose sono a mio parere ben più rilevanti delle sorti dell’articolo 18, soprattutto perchè la tanto annunciata battaglia semplicemente non ci sarà, potranno certo esserci delle scaramuccie, ma questo annuncio gridato su tutti i media, come se si trattasse del giudizio di Dio, non ci sarà, si sgonfierà come sempre si sono sinora sgonfiate tutte le iniziative presentate clamorosamente della vecchia guardia PD/DS.

    Reply

  • Avatar

    Vincenzo Cucinotta

    |

    Solo per scusarmi per la “i” di troppo che ho aggiunto a scaramucce.

    Reply

  • Avatar

    gennaro

    |

    Il Suo articolo è davvero encomiabile : sono riflessioni che faccio da tantissimi anni. Pensavo che caduto il “Muro”, finalmente la sinistra potesse concorrere per il Governo di questo Paese, ma mantenendo la gran parte del bagaglio degli ideali propri della Sinistra : e invece…. E invece gli eredi di quella storia hanno fatto di tutto per scrollarsene, dichiarando, molti di loro, che non erano mai stati comunisti, e abbracciando entusiasticamente l’unica ideologia rimasta in campo : il neoliberismo. Quindi il Pacchetto Treu del 1997, ce lo ricordiamo benissimo ! Dopo Gerhard Fritz Kurt Schröder e Tony Blair, che han fatto quello che han fatto in tema di riforme “strutturali” nei loro rispettivi Paesi, togliendo diritti alle fasce più deboli della popolazione , cosa potevamo aspettarci dagli ex Pci ex Pds ex Ds ex Ppi ex Margherita e ora tutti PD? Questo è ormai un partito che incarna alla perfezione la vecchia DC della prima Repubblica, quindi…. L’ultima volta che io l’ho votati, ed ho sbagliato, è stato nel 2008, e non credo di votarli nei prossimi lustri. La degenerazione degli ideali di questi eredi è evidentissima, testimoniata anche dalla diffusissima corruzione a tutti i livelli, coniugata con una incapacità di immaginare e progettare un futuro per questo Paese. Peccato che il M5S non abbia saputo gestire bene quel voto politico del 2013, poteva ben andare a vedere le carte di Bersani e condizionarne l’azione di governo, sarebbe stata tutta un’altra storia. Speriamo che quella condizione si riproponga alle prossime elezioni politiche.

    Reply

  • Avatar

    HECTOR

    |

    Gentile Professore, credo che la sua analisi sia piuttosto anacronistica se non avulsa dalla realtà che ci circonda. Sono un libero professionista, che ha iniziato a lavorare all’età di 28anni e che non mette minimamente in conto l’opportunità di andare in pensione, un giorno, e ricevere l’assegno a fine mese. Fatta questa premessa, vorrei affrontare i due argomenti da lei menzionati da un differente punto di vista. Primo, le industrie o aziende : credo che si debba seguire l’esempio della Germania, (se non ricordo male) dove i dipendenti dialcune aziende(W.W. per es.), sono diventati piccoli azionisti, con tutti i cambiamenti di atteggiamento che comporta tale status. Secondo, La Pubblica Amministrazione : sapere di non poter perdere in nessun caso il proprio posto di lavoro, solitamente, porta a due tipi di distorsioni. Da un lato ci sono gli scansafatiche che passano i giorni aspettando la fine del mese, causando enormi danni al buon andamento dell’Amministrazione e al cittadino, che spesso si vede negati i propri diritti. Dall’altro, non incentiva le persone capaci ad impegnarsi e fare sempre meglio. Io credo che, invece, sarebbe molto più fruttuoso per lo Stato e quindi per la collettività, pretendere dai dipendenti della P.A. il massimo rendiemto: quindi, partire da uno stipndio base (800-1000 euro,per es.) ed elargire una serie di incentivi economici per coloro che si mostrano meritevoli e capaci, con la possibilità di mandare a casa coloro che, al contrario, palesano evidenti incapacità e negligenza al servizio.
    Grazie

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      Hector: le risulta che qualcuno stia offrendo ai lavorastori, come contropartita, di diventare azionisti delle loro imprese? A me non pare

      Reply

  • Avatar

    Paolo Federico

    |

    A Gianfranco D’Atri
    Ogni tanto ho il piacere di leggere una critica sensata a Grillo. Una critica e una proposta nello stesso tempo:io sono pronto a scioperare.

    Reply

  • Avatar

    Tullio

    |

    Il passaggio nel quale il dott. Giannuli denuncia l’inefficacia dei precedenti pacchetti precarizzanti – Treu in testa – dovrebbe illuminare le coscienze di coloro che alle primarie PD hanno votato Renzi.
    Ravvedetevi, voi che avete spianato la strada a questo campione del tatcherismo fuori tempo massimo, a questo modernizzatore che ci porterà dritti verso il default, che non ha usato il suo 40 % di consensi come “leva” per deviare la politica europea dalla spirale recessiva ma per sterzare subito a destra una volta posto alla guida di un soggetto politico erede di quello che fu il più grande partito comunista dell’Europa occidentale.
    Il ragazzo, che ben maneggia le parole ma poco conosce i fondamenti dell’economia, punta tutto sulla deflazione salariale via depotenziamento della contrattazione nazionale ed abolizione dell’articolo 18; l’obbiettivo è fare un passo deciso verso il Bangladesh, non certo verso la Danimarca: la definitiva distruzione della domanda interna è il traguardo.
    Stipendi da fame per i lavoratori sempre più ricattabili del nuovo terziario arretrato, tutto questo in un paese che si deindustrializza alla velocità della luce.

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    beh sul piano europeo renzi sta seguendo la strada di rajoy: fare crollare occupazione e salari in cambio di uno sforamento di deficit (la famosa “austerità”) e non è nemmeno detto che la strada porti da qualche parte se non ad ulteriore miseria (vedi spagna appunto), ma si sa che il ragazzo è iperattivo e dopo avere dato un colpo al cerchio ne dà uno alla botte.
    in realtà anch’io ho trovato molto più interessante l’editoriale di debortoli: è strano che un direttore di un giornale che è da sempre in aria di massoneria parli in modo non circostanziato di massoneria, peraltro proprio il giorno di cambio veste grafica. d’altra parte dopo descalzi sono arrivati babbo e mamma renzi, e la corte dei conti si è casualmente accorto che già vent’anni fa il vitellone nazionale si dilettava a danneggiare l’erario. debenedetti è sempre più morbido e amichevole con renzi, ma sembra che certa classe dirigente si stia stancando. tuttavia l’impressione è che sia troppo poco e troppo tardi: qua si è creato il vuoto pneumatico, come dimostra la scarsissima opposizione nei confronti dell’articolo 18, e renzi è il prodotto di questo vuoto. non è certo lui che ha iniziato con la politica fatta a slogan, dato che è berlusconi è arrivato prima, e non è certo lui che ha sdoganato gli slogan anche per l’opposizione, dato che beppe grillo è venuto prima. e come ho già detto trovo noioso e inutile pensare che si arrivi da qualche parte tentando di sostituire gli slogan di renzi con altri slogan migliori, casomai di quelli che curano le scrofole come per re taumaturghi di bloch: se non si sviluppano modalità nuove di fare poltica, ci terremo renzi come dei coglioni

    Reply

  • Avatar

    Ian

    |

    Non credo si possa bloccare il latente e datato obiettivo intorno alla questione sindacati-art.18.
    Dagli anni’80, infatti, stiamo assistendo ad una progressiva disintermediazione dei sindacati, di cui i principali portavoce furono la coppia Agnelli-Romiti. A nulla è servita la finta nascita della concertazione avvenuta nei primi anni ’90. La verità è che Treu nel suo famoso pacchetto ebbe le mani bloccate dall’ala sindacalista della coalzione di centro-sinistra, ma a distanza di quasi 20 anni l’ala conservatrice non avrà lo stesso ruolo di ‘freno’ alla fine dei sindacati.
    L’unica possibilità per Camusso e Landini? Rassegnarsi e plasmarsi sui sindacati-flessibili tedeschi.

    Reply

  • Avatar

    mezzo pensante

    |

    Questa volta Fassina vota contro. non so gli altri se avranno le palle. ma Fassina ne ha a basta di Renzi e del renzismo e delle ricette di austerità. chissà che non aiuti l’outing di altri.

    si dice che il Renzi, che sole 3 settimane fa derubricava a “non fondamentale” la questione articolo 18, sia stato preso a male parole da Draghi nel loro incontro in Umbria e, come prevedeva lei prof., abbia deciso di eseguire tutto.
    Infatti in questi giorni è alla silicon valley a promettere più deregolamentazione in Italia. si dice che anche lì abbia qualche promessa di investimento (che poi sarà sicuramente della serie “acchiappa il brevetto e scappa” come al solito) se riuscirà a piegare quel che resta del lavoro.

    Renzi ha compiuto la metamorfosi cui forse non poteva sfuggire. è diventato il terzo curatore fallimentare del paese in successione.

    Ah, ogni parola su Napolitano è superflua ormai. bastano le sue. Sono ormai convinto che senza quest’uomo molto di quel che è successo dal 2010 in poi avremmo potuto evitarlo.

    Reply

  • Avatar

    luigi

    |

    Caro Professore,
    sperare in Bersani e compagnia cantante è sperare sul nulla. Mi ricordo quando minacciava di fare le barricate per difendere non so quale principio. Le barricate non le ha viste nessuno. Un tempo pensavo che fosse un idiota, ma avendo l’idiozia superato ogni limite non so più cosa pensare.
    Vincenzo Cucinotta ha ben descritto la situazione attuale.

    Reply

  • Avatar

    Germano Germani

    |

    Il compianto senatore Agnelli,quando era proprietario della FIAT, che sarà bene ricordare attualmente è di proprietà dei “cosmopoliti” Elkan, (dopo lo strano suicidio di Edorado Agnelli) era solito dire, che per “fare una politica di destra ci vuole un governo di sinistra”. Rammento il milione di contestatori che la sinistra portò a Roma,quando lo stesso tentativo lo attuò Berlusconi. I torpedoni erano carichi di festaioli, che beneficiarono della manifestazione, per fare un fine settimana nella capitale gratuitamente.Ricordo con nostalgia i tempi in cui a capo della FIAT, vi era un gran signore,mentre il suo amministratore delegato era Vittorio Valletta. Ora abbiamo Lapo Elkan, e Sergio Marchionne cosmopolita anche lui,entrambi degni esemplari di un fallimento epocale.

    Reply

  • Avatar

    pietro

    |

    bersani & c, non hanno alcuna autorevolezza per poter pensare di rappresentare il mondo del lavoro in questa fase squallida che il paese sta attraversando.
    questi signori sono gli stessi che hanno offerto il fondoschiena dei lavoratori ai vari monti – fornero, e sono gli stessi (vecchi ora come allora) delle riforme treu, e sono gli stessi che hanno permesso al compagno napolitano di compiere ogni indecenza, e rieleggendolo per proseguire nella sua indegna campagna di annichilimento di qualsiasi risorsa questo stato possa avere.
    per questi signori, come per sel e, purtroppo, la ex cgil, è solo una questione di poltrone e centri di potere.
    l’art. 18 è una questione di dignità, anche se riguarda pochi “privilegiati”, e non una questione di “quantità” di applicazione, come chiede la cgil, per far finta di ottenere qualche risltato, in cambio di qalche posizione, questa si, privilegiata.

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    @pietro che il pd era così lo sapevamo: ma cosa dire del “nuovo”, del movimento 5stelle? troppo impegnato a raccogliere l’elettorato di lavoratori autonomi in uscita dal pd, non ha mai pensato di rivolgersi ai lavoratori dipendenti. il solito atteggiamento da mmerda, come quando i sindacati se ne sono sbattuti altamente dei precari. e gli elettori di grillo non hanno detto “pio” al riguardo, quindi benissimo parlare di “certa gente”, solo che è meglio metterci anche quelli del pdl e del moviemnto 5 stelle, sia eletti che elettori: sono tutti della stessa pasta.

    Reply

  • Avatar

    Giacomo Bandini

    |

    @Heraclio

    “na serie di incentivi economici per coloro che si mostrano MERITEVOLI E CAPACI, con la possibilità di mandare a casa coloro che, al contrario, palesano EVIDENTI INCAPACITA’ e NEGLIGENZA AL SERVIZIO.”

    Il problema, Heraclio, è proprio questo: chi e con quali criteri stabilisce chi è il lavoratore meritevo e capace? Quali criteri OGGETTIVI permettono di discriminare un lavoratore meritevole da uno che non lo è?

    Un paio di esempi: il quadro dirigenziale che stabilirà quale fra dipendenti donna deve essere incentivata e quale punita o licenziata, sceglierà la dipendente più capace o quella che va a letto con lui?
    Un azienda che deve scegliere fra due dipendenti egualmente capaci, quale sceglierà? forse quello che è disponibile a fare un ora di straordinario non pagato ogni giorno?
    Un lavoratore decennale di mezza età, impiegato modello, che ha difficoltà ad adattarsi ad un nuovo sistema informatico: l’azienda premierà il suo impegno o la sua dedizione o gli preferira un ragazzino semplicemente più produttivo per ragioni di età?

    Il problema di chi vuole affidarsi al mercato come giudice ultimo è che non tiene conto che questi non è ne’ EQUO, nè GIUSTO, nè EQUILIBRATO. Il mercato non persegue il benessere della collettività.

    Reply

  • Avatar

    leopoldo

    |

    salve qualcuno si è accorto che sulle tesi dell’art. 18 nessuno ha posto un progetto economico alternativo sia che lo abolisca sia che lo perpetui. Sostanzialmente non sanno cosa fare in termini economici, se non indebolire i ceti più indifesi come elemento di novità non come rimedio economico. Il reintegro lavorativo, cosa che dovrebbe essere prevista dalla comunità europea lotta per la quale spendersi, quando applicato non è vittoria, ma una situazione al limite di vessazioni e umiliazioni che subisce una persona che spesso è isolata nell’ambiente di lavoro (non è una cosa facile) e spesso avviene perché il lavoratore non ha alternative. Perciò estendere e mantenere questo diritto è giusto, ma questo non risolve l’inerzia di propositiva per avviare l’offerta di lavoro retribuito sotto contratto, e richiede alle forze politiche una iniziativa più energica come proposte sia come partecipazione. La linea degli scioperi personalmente non la condivido sopratutto perché il reintegro viene presentato come privilegio e il mondo del lavoro oggi è troppo frammentato come condizione contrattuale. Secondo è meglio creare un consenso culturale sull’argomento per arrivare a una coscienza il più condivisa possibile.

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Egregio Professore, se vuole Le fornisco io una spiegazione del perché si vuole abrogare l’articolo 18 e nulla ha a che vedere con il presunto liberalismo imperante, anzi riguarda molto le nostre belle tradizioni italiane. Se crede posso mandarle una bozza. Cordiali saluti

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Va bene. Glielo mando nel fine settimana. Ma si tratta di uno scritto un po’ lungo (sulle sei pagine). Posso postarlo qui o glielo mando prima in visione? In tale caso dovrebbe darmi un Suo indirizzo e-mail. Se vuole può postarlo alla mia casella che dovrebbe ben conoscere come getore del blog. Cordiali saluti.

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      tenerone, me lo mandi alla mail del blog aldo.aldogiannuli….

      Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Inviato. Mi faccia sapere se è arrivato bene ed è leggibile. Saluti cordiali.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!