Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (3)

  • Paolo Selmi

    |

    Professore, buongiorno! Concordo pienamente, ovviamente nella critica di metodo non avendo letto il testo. La teoria degli “opposti estremismi” come strategia di conservazione e perpetuazione del potere nei periodi di stabilità, se non come strategia di acquisizione del consenso popolare sul progetto politico di dittatura dell’uomo solo al comando, l’unico in grado di “riportare ordine” e garantire “l’aurea mediocritas”, è uno schema riuscitissimo, quindi vecchio come il mondo, quasi un archetipo junghiano: da Catilina nel caso di Giulio Cesare, all’idea confuciana di Zhongyong (il “giusto mezzo”) nel caso del Figlio del Cielo cinese, ai “revisionisti” e ai “trotzkisti” in quello di Stalin, agli stessi (trapiantati sic et impliciter, anche su persone – la maggioranza – del tutto inconsapevoli di esserlo) nel caso di Mao, fino ai gruppi di estrema destra e di estrema sinistra nostrani. Un caro saluto.
    Paolo

  • Paolo Selmi

    |

    Professore, mi perdoni un PS post timbratura del cartellino (la bicicletta aiuta a pensare, come lavare i piatti…). In effetti, quella degli opposti estremisti è una “mossa” che, nel gergo scacchistico, si chiama “forchetta”: una azione con due effetti. Da un lato legittimo la conservazione del potere e la sua riproduzione, anche sotto una sua forma normalmente “estrema”, ma in quel momento più che “logica”, “razionale”, “di buon senso”, “l’unica possibile”, quale la dittatura; dall’altro, derubrico, marginalizzo, sposto il baricentro e confino agli estremi, quindi delegittimo la posizione avversaria; posizione che, fino a poco prima, se la giocava alla pari nell’agone politico, meglio, giocava in attacco, e che ora è costretta a chiudersi in difesa, e quindi ha già un piede nella fossa. Mi ricordo ancora i siparietti di un Bertinotti, costretto in difesa negli anni Novanta dalle accuse di estremismo, di irresponsabilità, di avventurismo dei diessini, a citare Jospin, Keynes, il papa, e quant’altro… in altre parole a cercare di spostare dialetticamente il baricentro sulla sua posizione. Perdoni ancora il PS e ancora una buona giornata!
    Paolo

  • Mohicano79

    |

    Chissà da Oltralpe, patria della dottrina Mitterand, che ne penseranno di
    Hyperion e Simioni…

Commenti chiusi

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!