Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (18)

  • Enrico Olivetti

    |

    Caro professore, per cortesia le consglio di fare una pagina dedicata con un’immagine del libro e POCHE frasi di presentazione, affinché la si possa linkare sui social.
    Linkare questo articolo in quel contesto non è abbastanza producente, perché la maggior parte degli utenti è frettolosa e una paginetta come questa, seppur breve, è considerata un’articolessa, un vero pippone.

    • Martino Iniziato

      Martino Iniziato

      |

      Gentile Enrico, su facebook useremo come sempre la pagina del professore. Aprire in continuazione pagine che poi muoiono in breve tempo è poco utile, dalla pagina posteremo secondo le regole del social, quindi come lei ci suggerisce post brevi e sintetici. Grazie per i consigli!

  • mirko g. s.

    |

    Da utonto di Facebook avrei bisogno di qualche dritta su come diffondere su FB. Farò come al solito il possibile.

    • Martino Iniziato

      Martino Iniziato

      |

      Corretto, errore di battitura. Grazie per la segnalazione!

  • Roberto B.

    |

    Caro prof. a parte l’opera di diffusione che certo non mancherà, per me e credo per molti altri sarebbe comodo poterlo comprare online.
    Abito in un piccolo condominio di 10 app.ti, e ogni giorno, più volte al giorno, mi capita di incrociare un DHL o altri spedizionieri che vengono a consegnare pacchi acquistati online.
    Se una massaia può usare questo sistema per acquistare un completino per la nipotina, potremo bene anche noi acquistare cultura, non credi?

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      credo sia possibile farlo rivolgendosi al Ponte alle Grazie

  • Roberto B.

    |

    Ok, trovato.

  • Paolo Selmi

    |

    Professore, buongiorno e buongiorno Martino!
    Sono a-sociale, anti-sociale per tutto quanto concerne le odierne reti, tranne che per flickr (in quanto incallito fotoamatore a pellicola) e per academia.edu (per quelle cose che riesco a scrivere ogni tanto).
    Ora, ho visto che su academia.edu non c’è la pagina del professore. La consiglio vivamente, perché una volta fatta potrebbe caricare copertina e scheda libro (anche in inglese), io la segnerei con un bookmark e già un centinaio di persone ne verrebbero a conoscenza, magari andando a “seguire” (follow) direttamente il professore. questo centinaio poi a sua volta farebbe conoscere a quelli che lo seguono il suo segna-libri, e così via… considerando che ci sono utenti di academia con molti più contatti rispetto ai miei, l’effetto virale penso sia assicurato. Attendo la pagina di academia per aggiungere un bel “follow”! 🙂
    Un caro saluto.
    Paolo

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      giro la cosa a Martino trattandosi di un sortilegio che non sono assolutamente in grado di eseguire

      • Paolo Selmi

        |

        Davvero, è un sortilegio di cui vale veramente la pena apprendere la formula. Mette in contatto ricercatori, indipendenti o all’interno di strutture accademiche, studenti e professori da tutto il mondo. Per questo varrebbe la pena anche inserire materiali o abstract in lingua straniera. Un caro saluto!
        Paolo

  • Mirko

    |

    per caso ci sara’ anche l’e-book?
    (vivendo all’estero, sarebbe la soluzione perfetta..)
    O magari si puo’ spedire fuori dall’Italia?
    (beh, immagino che in questo caso il corriere costi piu’ del libro stesso 🙂 )

    Altrimenti poco male, una volta all’anno si passa in Italia e si compra in qualche modo..

  • Emiliano

    |

    Per me la P2 si può simbolicamente rappresentare con gli articoli della nuova costituzione(con la c minuscola) che vanno dal numero 70(che ha 9 parole quello attuale, mentre 438 ne ha quello riformato) fino ai numeri 71,72,73,74 e 75(nei quali si spiega come faranno parlamento e governo ad annullare gli effetti del referendum popolare e renderlo praticamente inutile se non addirittura funzionale ai voleri del governo di turno).

  • fulvio vizzotto

    |

    caro Giannulli, ho apprezzato il tuo lavoro sui servizi segreti e ora leggerò con interesse questa tua ultima fatica. Un argomento sensibile e di cui sentivo il bisogno.
    Potresti darmi delle tracce per ripercorrere la storia del secolo scorso attraverso una analisi marxista che sfati, per esempio, con chiarezza quanto l’ intervento militare americano sia stato una occupazione e non già una liberazione? Occupazione che da allora permane avendoci trasformato in colonia mistificata con ‘amicizia’ o ‘alleanza’.
    Colonia militare-politica e soprattutto culturale.
    Grazie

  • Andrea

    |

    Buon giorno. ..come mai in una ragione come la Toscana è state governata dalla sinistra dal dopo guerra in poi ???

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      per diverse ragioni: l’antico ceppo anticlericale ca cui rpese vigore la radice socialista ed anarchica, poi la resistenza con il peso delle Garibaldi, la particolare violenza fascista che spinse a radicalizzare la lotta e molte altre ragioni più contingenti

  • Michele

    |

    Buongiorno professore,

    sarebbe bene distinguere tra il Gelli che, con l’aiuto dei tecnici della P2 , elabora lo Schema R ( che sta per Rinnovamento) e il Piano di Rinascita Democratica e il Gelli che sostiene e prende forza dai Governi di Centro-Sinistra guidati anche da Aldo Moro, come ha sempre sostenuto Federico Umberto D’Amato.

    Infatti, un mediatore come Licio Gelli ha sempre avuto in cuor suo l’Arte della diplomazia, dei rapporti tra i vari settori politici rappresentati nel Parlamento. Che sia stato un antiparlamentarista tout court, non c’è alcuna prova in questa direzione.
    E’ pur vero che lo stellone principale del Piano Rinascita era la Repubblica Presidenziale ( anche se non era specificato il modello, se quello americano o quello francese-tipo gollista), cioè un rafforzamento del Potere Esecutivo. Un’idea di riforma che in quei tempi piaceva anche al missino Almirante e poi negli anni a venire anche al socialista Craxi…

    E poi bisognerebbe ricordare che è nell’ambito di un incontro al Quirinale col Presidente Leone, presente il Gran Maestro del GOI Lino Salvini, che il Gelli espose i suoi 58 punti dello Schema R. Se fosse stato un piano “eversivo” o “antiparlamentare”, non ne avrebbe certamente parlato con il Presidente della Repubblica, no?
    Il fatto poi che Gelli abbia usato l’aggettivo Democratico nel Piano di Rinascita depone certamente a favore di un Gelli ben in sintonia con i Poteri democratici del Tempo, di cui fu certamente una quintessenza.

Commenti chiusi

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!