Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (43)

  • Avatar

    ilBuonPeppe

    |

    Ecco, se si deve fare affidamento su uno come D’Alema… davvero non c’è più speranza.

    Reply

  • Avatar

    Lusk19

    |

    Articolo simpatico e condivisibile nell’analisi del personaggio fatta eccezione per la conclusione. Non mi fiderei e soprattutto non mi af-fiderei troppo a D’Alema e alle sue frecce per vincere questo referendum, ho quasi la sensazione che possa portar sfiga….
    D’Alema è stato un peccato di gola per la sinistra italiana, uno che ha perso e ha fatto perdere tante buone occasioni, il fuoriclasse che che per troppo narcisismo porta la squadra ad essere sconfitta nelle partite decisive.
    Tutti da vedere poi a mio avviso i voti che riuscirà a portarsi dietro…
    Se salta l’italicum, e a mio avviso salta, Bersani e compagnia votano sì felici e contenti, e credo che si portino dietro più persone di D’Alema. Il vecchio elettore Pd (ex PCI Pds ds) alla fine preferisce votare sempre come dice il partito.
    Un saluto

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Quiz de quizzibus.
    In quale lavoro si è cimentato il duo comico formato da Pippo Santonastaso
    http://img.alguer.it/468x234_pippo-santonastaso.jpg
    e il giovane Mr Bean?
    1. Sgrat sgrat, ovvero il rush cutaneo da referendum;
    2. Ci eravamo tanto votati (alla sconfitta);
    3. Per un pugno (il vezzeggiativo al femmiile non si può scrivere) di voti in più cosa non si fa;
    4. Un biglietto A/R Passato-Futuro per D’Alemik;
    Il vincitore potrà assistere ad un comizio di D’Alema.

    Reply

  • Avatar

    Allora ditelo

    |

    Non risultano disponibili sondaggi di popolarità né dati non aggregati che consentano di stabilire a chi venga concesso spazio a quali comitati appartiene e quanto tempo a ciascuna persona (figuriamoci un trascritto delle argomentazioni)

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/09/06/sondaggi-referendum-costituzionale-i-partiti-fanno-campagna-elettorale-e-aumentano-astensione-e-indecisi/3015908/

    Indicativamente per una campagna di sensibilizzazione sarebbe auspicabile una persona verso la quale non sussistano pregiudizi e che porti argomentazioni ben formulate e sufficientemente informative.

    Generalmente si preferisce semplificare il messaggi ma non tutto il pubblico può desiderarlo.

    http://tv.ilfattoquotidiano.it/2016/08/09/referendum-se-dovessimo-votare-sulla-costituzione-familiare-ecco-il-corto-che-immagina-i-risvolti-della-riforma/551096/

    Reply

  • Avatar

    Paolo Selmi

    |

    Professore buongiorno! Tifo anch’io, ovviamente, per il conte, che da quando è battitore libero dà il meglio di sé, muovendosi con intelligenza e giusta scelta dei tempi. E non è solo. Proprio ora che non comanda correnti, che non dirige gloriose macchine da guerra e che – in quanto rottame – dovrebbe starsene al suo posto in discarica, ecco che si permette di prendere la parola, di ammiccare, di ironizzare, di sbugiardare, di tirare frecciate sarcastiche che colpiscono il segno… di fare insomma quello che gli riesce meglio. E qualcuno lo sta lasciando fare. Non penso di lavorare troppo di fantasia se penso, per esempio, a un suo conterraneo con un cognome glorioso che rimanda nientepopodimeno che… alla rivoluzione messicana! Ottimo gioco di squadra, quindi: l’ex-campione sta facendo il gregario per qualcun altro, è in fuga solitaria obbligando l’avversario a mettere l’intera squadra alla frusta per riprenderlo, fiaccandolo e tirando la volata per chi ora corre coperto e uscirà a tempo debito. Per vincere. Un caro saluto e buona giornata!
    Paolo

    Reply

  • Avatar

    david cardillo

    |

    Professor Giannuli, Lei, forse involontariamente, ha dato una notizia molto interessante, che io non escludo di essere stato l’unico ad aver sin qui ignorato, e cioè che D’Alema puntasse a guidare la NATO. Il che mi rende più chiaro il motivo della partecipazione italiana alla criminale guerra contro la Serbia nel 1999, con il baffino a Palazzo Chigi. Aggiungo, Professore, che questa notizia, per vie traverse, mi rende più chiaro anche il motivo del rinnovato attivismo di D’Alema, dopo un paio di anni in cui sembrava che la sua stella fosse definitivamente tramontata. Siccome oggi sono in vena di essere criptico, mi fermo qui e lascio a Lei e agli altri frequentatori della sua pagina l’onere di decifrare il mio commento. Buona giornata.

    Reply

    • Avatar

      Gaz

      |

      Si fosse chiamato D’Alemsen avrebbe avuto le sue chances.
      Ma davvero qualcuno pensa che l’angliterra terra terra, che ha in
      appalto la nato, possa dire di si ad un italiano?
      Brosio è un caso a parte.

      Reply

      • Avatar

        foriato

        |

        Se venne nominato il coglione di Solana…

        Reply

        • Aldo S. Giannuli

          Aldo S. Giannuli

          |

          be ma ci sono situazioni in cui l’essere coglione è una referenza!

          Reply

          • Avatar

            Tenerone Dolcissimo

            |

            Quando Mussolini stava per nominare Achille Starace segretario del Partito Nazionale Fascista, ricevette la visita di un gerarca che gli disse
            “Duce, non puoi nominare Starace segretario del Partito”
            “E perché?” chiese Mussolini
            “Ma perché Starace è un cretino”
            “Sì, ma è un cretino ubbidiente”
            Anche ai tempi del Duce la coglioneria era titolo di merito, ma lo era in forma episodica, come dimostrano le nomine di Beneduce e Menichella e Crollalanza e mille altri uomini capaci che hanno disseminato il nostro paese di opere pubbliche eccezionali (lo sapete che a Roma esiste una piscina sospesa nel vuoto da 80 anni?
            E non e’ venuto giu’ nemmeno un pezzo di intonaco a differenza di certe scuole dove crollano i soffitti. Avete idea del peso di una piscina?
            Certo il fascismo era una dittatura e Mussolini un autocrate, mentre Monti …

          • Avatar

            foriato

            |

            Nel caso di specie -bombardatore di Belgrado, galoppino di Kissinger, premio Carlo Magno- pure condicio sine qua non. E come Cipolla ci insegna, attenti ai coglioni perché sono più pericolosi degli intelligenti…

        • Avatar

          Gaz

          |

          Chi lo spiega ai presidenti del consiglio italiani -Renzi incluso- che l’Italia non può esprimere certe altissime cariche internazionali, per quanto possa contribuire in termini di uomini e contributi, ma solo quelle di seconda fila, cioè i vice?
          P.s. Anche nella stupidità c’è un limite. Se fanno il concorso per un posto di stupido e si presenta uno troppo stupido non lo prendono per mancanza del giusto titolo di accesso.

          Reply

  • Avatar

    Giovanni Talpone

    |

    Cerco di contribuire, nel mio piccolo, alla campagna per il NO. Ma quando ho visto D’Alema scendere in campo, ho avuto un momento di sconforto: abbiamo perso.

    Reply

  • Avatar

    Brugial

    |

    Lei Giannuli ha il pregio di saper cogliere l’attimo nella scelta del tema del pezzo.
    Solo che poi lo sviluppa o al minimo sindacale o distorcendolo malamente con le sue convinzioni ideologiche.
    Indubbiamente il personaggio merita la prima pagina, ma non tanto per quanto riguarda il referendum bensì per l’interessante, interessantissimo esperimento che sta portando avanti.
    Un esperimento psicosomatico a fondo politico: cercare di sopravvivere a se stesso.
    E’ per questo che sta richiamando così tanta attenzione in molti suoi colleghi di avventure: se gli riesce a lui, pensano, magari posso farcela anch’io!
    Vediamo come andrà a finire.
    Una annotazione sul Referendum.
    Attenzione perchè allo stato attuale se vincerà ii NO i padri e padrini che ne reclameranno il successo saranno in tanti, ed ognuno con le sue proprie idee.
    Se vincerà il SI invece a trionfare sarà uno solo.
    E ho detto tutto.
    Quanto all’entusiasmo grillino per la scelta di campo del conte Max, vorrei solo ricordare le parole della vostra senatrice Taverna che lamentava un complotto per far vincere i 5stelle a Roma, affermazione che al momento suonava alquanto bizzarra ma che poi si è dimostrata “profetica” visto quanto sta venendo oltre.
    Ebbene, se dovessimo individuare un responsabile per questa “congiura” il primo della lista sarebbe senz’altro il conte che ha fatto campagna per il ballottaggio a favore della Raggi.
    Attenzione quindi adesso ai facili entusiasmi: magari per il M5S questa strana alleanza si rileverà essere il bacio della morte……

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Sono d’accordo col professore.
    Ma vorrei impetrare la vostra comprensione e pietire la vostra carità.
    Ho sempre esecrato d’alema e soci e ora mi ritrovo ad apprezzarne l’opera per sopprimere questa nuova sinistra che fa capo al cazzarone di firenza.
    Ho sempre esecrato la nostra cosiddetta costituzione, pateracchio buonista che non si occupa dei diritti dei cittadini che vogliono essere difesi dallo stato, ed ora mi trovo a doverla difendere contro il suddetto cazzarone che la vuole peggiorare.
    Che vita di m …. la mia

    Reply

  • Avatar

    MURIZIO LEONARDI

    |

    Che tristezza essere costretti a decantare uno come D’Alema. Mi perdoni Prof. Giannuli ma non riesco a non anteporre alla ragion di stato il mio stomaco.

    Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    Che dire? A parte il sospetto che porti sfiga, cosa che rifiuto razionalmente in modo categorico, debbo purtroppo rilevare che il suo “NO” non è dettato da avversione verso le modifiche proposte da Renzi, ma da avversione per Renzi, oltretutto anche per motivi personali, come ha giustamente rilevato il prof.
    Il che, a parte ogni altra considerazione, non me lo fa vedere come un alleato.

    Reply

  • Avatar

    pietro

    |

    premesso che quelle che il prof esalta a virtù di d’alema sono l’esatto contrario. per quanto mi riguarda, penso che questo squallido figuro, insieme alla CGIL (che ormai niente ha a che fare con i lavoratori) alla luce dei sondaggi, si stia imbarcando sul camion del vincitore per mungere qualche posizione dopo il referendum, oltre a sfidare i conigli del pd che si nascondono dietro la riforma dell’italicum, come se la legge elettorale avesse qualche cosa a che fare con la riforma della Costituzione che resta una schifezza, qualunque sia la legge elettorale.
    detto questo il sig d’alema non sposta un voto, cerca solo di appropriarsene.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      sinceramente non sarei così drastico nel dire che non sposta un voto. Certo non è lui che sposta un voto come il mio o il tuo, ma nella nase del Pd èmolto diverso e credo che in questo momento ci serva

      Reply

      • Avatar

        Herr Lampe

        |

        L’impressione personale, da estraneo a quella tribù, è che sia ormai un battitore libero.

        Del resto la sua ultima vera decisione mi pare sia stata la scelta di Cuperlo come candidato alternativo.

        Qui le reazioni della base:

        https://m.youtube.com/watch?v=_1X1GlT7QsE

        Reply

        • Avatar

          Gaz

          |

          La serva serve, eccome …
          persino se ha il baffino,
          come avrebbe detto Totò.
          Si vince o si perde persino
          per una manciata di voti.

          Reply

  • Avatar

    Giorgio Pirre'

    |

    Le Regionali erano quelle del 2000. Dopo le dimissioni ci fu per un anno il governo Amato e visto quello che aveva fatto il centro sinistra negli anni precedenti, fecero vincere Berlusconi.

    Ho sempre pensato che D’Alema si dimise perche’ si era accorto che era finito anche lui nella palude.

    Concordo sul giudizio positivo circa le sue capacita’, anche se ha fatto scelte, come per es. il credito dato a Berlusconi, poco comprensibili, salvo a pensare a condizionamenti internazionali che hanno sostenuto la figura di Berlusconi per traghettare una fauna politica impresentabile all’interno dell’alveo costituzionale (consiglio: Giovanni Fasanella, Una Lunga Trattativa, Chiarelettere 2013) . Ed e’ stato pur sempre il Pres. del Consiglio della Guerra nel Kossovo.

    Pero’, quando ha potuto, insieme a Prodi si e’ inventato soluzioni ottime: come la missione in Libano del 2006, una delle piu’ fortunate scelte diplomatiche italiane del secondo dopoguerra

    E’ in ottimi rapporti con i Clinton; penso si stia posizionando sull’oggi italiano oltre che per le ragioni gia’ enunciate anche per eventuali sviluppi che facessero seguito alla vittoria alle Presidenziali.

    Eppoi studia; ha rapporti in Europa con quello che resta dei socialisti e la sua Fondazione e’ comunque un luogo di elaborazione con relativa rivista: impostazione tradizionale ma solida.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      giusta correzione, sto invecchiando, era il 2000 e non il 1995

      Reply

  • Avatar

    marco bechini

    |

    Caro Professore, ho visto come la hanno trattata senza lasciarla concludere un singolo discorso stamattina all’aria d’estate.

    Parenzo vergognoso e interrompeva assieme alla viscida Meli e il coglione di Gasparri.

    La7 sta diventando un coacervo di teste di cazzo legate a renzi.

    Non parliamo poi della leccaculo meli.

    Scusate se è scurrile il mio commento, ma se guardate il video non vengono in mente aggettivi dolci per codesti vermi.

    Complimenti professore per la compostezza, io al posto suo gli avrei mandati a quel paese!

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      be veramente ho perso un po le staffe e non avrei dovuto

      Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Mi associo. Non ho visto La7 stamane ma ricordo quando un ignobile individuo, in una trasmissione sul recente terremoto (non ricordo se fosse La7) accuso’ il professore di nulla sapere della conformazione orografica del nostro paese invitandolo a verificare di persona e ironizzando sul fatto che la stazza glielo avrebbe impedito.
      A me venne voglia di andare a trovare il tizio e rompergli l’osso sacro a pedate, ma il professore rispose con atarassia degna di un filosofo greco.
      In ogni caso La7 resta sempre la migliore televisione del bel paese e questo la dice lunga sullo stato della nostra informazione via etere. D’altronde basta vedere la fauna che vi parla normalmente per capire che aria tira e perché i Giannuli, i Borghi, i Bagnai e lo stesso Tremonti spopolino quando vanno davanti alle telecamere.
      Mi si consenta di esecrare le anime candide che hanno voluto la TV di stato. Se abbiamo una simile informazione televisiva la colpa è loro

      Reply

    • Avatar

      Paolo

      |

      io da anni non seguo la televisione (quasi nulla eccetto qualche trasmissione in internet-replay ).

      mi sono incuriosito…potreste darmi qualche link sulla puntata (se c’è ) ?

      Reply

    • Avatar

      Giorgio Pirre'

      |

      Seguivo Maria Teresa Meli quando scriveva su La Stampa. Dava informazioni esattissime sul PDS-DS, mi ero sempre chiesto chi la informava.

      La conversione Renziana mi ha lasciato basito, E’ Illeggibile.

      Reply

  • Avatar

    Paolo

    |

    io non sono di sinistra (ma neanche di destra ) sono un fantasma elettorale ……….D’Alema non mi è proprio simpatico ..neanche poco…ma ben venga chiunque si oppone allo smantellamento della nostra Costituzione.

    mi limito a linkare questo “paper” della Jp Morgan…è chiaro chiaro al servizio di chi è il PD…e a chi è funzionale lo smantellamento della Costituzione.

    Reply

    • Avatar

      Allora ditelo

      |

      JPMorgan: The Euro area adjustment: about halfway there

      http://www.slideshare.net/zappullagaetano/jpm-theeuroareaadjustmentabouthalfwaythere/12

      Non basta dire “Jpmorgan” vanno criticati i contenuti in modo da diffondere le risposte adeguate.
      https://en.wikipedia.org/wiki/Constitutional_economics
      https://en.wikipedia.org/wiki/Elective_dictatorship

      Alla luce delle prolungate proteste in francia vecchie dichiarazioni di Schäuble sortirebbero un maggiore effetto.

      «In some other member states it’s very difficult to get structural reforms in relation to labor market implemented. If you discuss with my French friends whether it’s Michel Senpa, whether it’s Emanuel Macron, they can tell you a long story about how difficult it is in French public opinion. And, of course, political parliamentary majorities to convince that factual reforms in the labor market are needed. Spain did. Spain was, by the way, forced by the institutions — what we used to call troika — in the programs and it was very successful. France would be happy if someone could force the parliamentary, but that’s democracy. It’s difficult to get. As long as you give them a way out, you will never get the hard decisions you have to take and that is what I call — you know, any democratic system, in my long experience, tends to take the more comfortable decision, if you have the alternative to do so. And you have only get tough and long-term needed decision if you have no more comfortable alternative, therefore, I am thinking we must give the right incentives. » — Wolfgang Schäuble (traduzione @Apr 16, 2015)

      https://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:YEKAhb9AZqUJ:https://www.brookings.edu/wp-content/uploads/2015/03/20150416_germany_eurozone_schauble_transcript.pdf#12

      Reply

      • Avatar

        Allora ditelo

        |

        per la traduzione sembra che il sistema abbia rimosso il link che includesse l’intero test da tradurre.

        Nel caso serva bisogna incollare manualmente il testo su https://translate.google.it/

        Reply

    • Avatar

      Paolo

      |

      scusate a distanza di un paio d’ore ..mi accorgo che non ho messo il link (che comunque probabilmente tutti conoscono)..

      http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/19/ricetta-jp-morgan-per-uneuropa-integrata-liberarsi-delle-costituzioni-antifasciste/630787/

      è chiaro che Renzi applica l’agenda decisa altrove in sedi estere.

      https://www.google.it/?gws_rd=ssl#q=jp+morgan+costituzioni+antifasciste

      come è altrettanto chiaro che chi ancora vota PD (ma anche Sel ) credendo di essere ancora di sinistra…o
      —->> è un imbecille
      oppure è
      ——>>>un imbecille

      è questo che non capisco: la base….(ci son milioni di elettori avanti ieri PCI , ieri DS,oggi PD…e da sempre si adeguano volta per volta alla vergognosa metamorfosi..:da formazione politica marxista a formazione politica neoliberista e del peggior neoliberismo…sempre restando “fedeli”…io questa cosa qui non la capisco…) oggi accettano cio che ieri combattevano…mah…boh….

      sti qua…per sessanta anni si son lamentati perché non c’era alternanza…poi vanno al potere e buttano giu le poche cose buone che il Mussolini aveva fatto (IRI, regolamentazione bancaria, pensioni etc etc preciso che mi reputo antifascista ..per non essere frainteso 😉 e per assurdo promuovono il peggior capitalismo fascista tecnocratico elitario neoliberista…(che va molto ma molto oltre il semplice “liberalismo” )

      chiamarli voltagabbana, traditori e senza dignità (in relazione alla loro storia ) è dire poco.

      insisto—->> è la base che non capisco…(qualche anno fa sarebbero scesi in piazza se una qualsiasi formazione politica avesse fatto quello che sta facendo ora il PD ).

      Reply

  • Avatar

    Brugial

    |

    Ultime di oggi dal fronte 5 stelle / Raggi:
    1- Ancora caos per la Giunta: De Dominicis aspirante assessore fuori ancor prima di entrare causa avviso di garanzia (a lui ben noto ma non comunicato)
    2- La Taverna è pronta a querelare chi dovesse sostenere che sia stata lei stessa a passare alla stampa la posta elettronica inviata a Luigi Di Mail (e c’è da crederle)
    Mi chiedo chi ancora possa pensare che dietro tutto questo non vi sia una regia occulta, una subdola collaborazione di qualche infiltrato ad alto livello passato al soldo del Sifar, mah!
    Intanto qualcuno deve metterci la faccia in tv e prendersi frizzi e lazzi a causa di tutto ciò: che mondo!
    Per fortuna questa sera la CGIL ha detto NO al referendum, così domani avremo modo di leggere i mordenti sali del pezzo del nostro amico professore che potrà così (sì, giustamente) sfogare il suo dente avvelenato.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Diciamo pure tranquillamemente che il vice conte Max, ovvero il conte diviso due, su questo blog non gode di grande seguito e ancor meno popolarità, se non prestigio politico. E’ tuttavia riucito a produrre come in nessun’altra occasione commenti molto simili e divertiti.
    Qualcuno sa una barzelletta su D’Alema?
    Voltiamo pagina.

    Reply

  • Avatar

    Gaetano Criscenti

    |

    Che Gianuli prenda come campione D’Alema, mi fa capire a quanta disperazione sia arrivato. Ed assieme a lui quella parte della sinistra -o presunta tale – che aveva pensato di mettere il cappello sugli ondjvaghi a 5 stelle per condurli nel recinto del marxismo leninismo. Cari miei, è la destra affarista ad aver fatto il nido dentro i pentastellati, ed il prode Dibba,ne sarà entusiasta. A voi rima D’ Alema. Un amore che ricorda quello di certi popoli: festeggia o le peggiori sconfitte che hanno avuto!

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      lei non capisce molto di quel che legge

      Reply

      • Avatar

        Gaetano Criscenti

        |

        E lei è senza dubbio meglio come storico che come politico.

        Reply

        • Aldo S. Giannuli

          Aldo S. Giannuli

          |

          si fa quel che si può

          Reply

  • Avatar

    Gaetano Criscenti

    |

    Caro storico, se lei avesse la voglia e sopisse il suo orgoglio politico, e si mettesse a guardare la scena dal punto di vista storico, lei capirebbe bene le mie osservazioni. A lei risultano incomprensibili per il semplice fatto che non sa,non vuole vedere i contorni storici della questione. Abbiamo una sinstra di classe – mi consenta di chiamare così tutto quello che si agita, dal movimentismo, al neo leninismo- che è cosciente di aver perso ogni presa ed ogni capacità di ascolto presso la pubblica opinione. Abbiamo un movimento politico, fortemente anti casta, e connotato da una serie di slogan che richiamano parole d’ordine della sinistra, ma anche della destra, che,invece, fa il pieno di voti, ma è chiaramente sotto dimensionato in quanto capacità di direzione politica. Abbiamo poi un “caro leader” da tempo sconfitto ed inviso ai più, che si getta nell’agone politico con un’unica speranza: far perdere il proprio avversario del momento, in questo caso Renzi. E che, per farlo, si appoggia, sottobanco, al M5S. Abbiamo poi il fatto, sia storico che contemporaneo, che il leader Maximo, non ha alcunissima strategia di vittoria, se non quella di un rilancio di un asse con Berlusconi, e che, come ha sempre ottenuto, la sconfitta dell’avversario interno sarà anche una sconfitta della sua parte politica. Abbiamo, per finire, il fatto, ormai chiarissimo e provato,che il M5S, vero convitato di pietra in tutto ciò,ha mostrato a tutti,con l’affaire Roma ma non solo, di essere stato chiaramente infiltrato da una destra affarista romana e non solo, con fortissimi addemtellati ideologici con una buona parte del M5S, a partire da quel simpatico conciatore di popolo che risponde al nome di DIBBA. Abbiamo, per finire, uno storico di buona fattura, che s’incaponisce a darsi alla politica, in questo caso con il M5S, nella segreta speranza di riuscire a condurlo nell’alveo leninista di cui sopra. E non si accorge che il suo progetto è già naufragato verso due rive: l’affarismo dei Previti o l’inciucio paludoso dalemiano. Una prece per la sinistra di classe.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      guardi che non sono io a non capire le sue osservazioni, ma lei a capire a modo suo quel che scrivo

      Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!