Aldo Giannuli
Mattia Rodini

Mattia Rodini

Mattia Rodini, 1990, Laureato in Scienze Sociali per la Globalizzazione con tesi dal titolo: "Insicurezza e uso della Forza Legittima nel mondo contemporaneo". Collabora con il sito di Aldo Giannuli dal 2018.

Commenti (5)

  • vinicio giuseppin

    |

    Interessante e inquietante .Se anche le eventuali indicazioni UN sono e sarebbero tecnicamente gravide di insicurezza,siamo ancora nelle sabbie mobili.Finchè i contenuti informativi transitano per le reti tradizionali (telefono,wireless,onde),non ci sarà sicurezza che tenga,saremmo in balia della presunta neutrale buona fede ed onestà altrui,cioè dei padroni di queste reti.Conclusione raccapricciante.Forse ritorneranno in auge i criptomessaggi o criptocomandi di nuova generazione con cui potremmo senza timore scambiarci gli auguri di natale e non solo.Anche inviare un missile,interrompere la luce in una città o in un territorio,hacherare e impedire il funzionamento di una amministrazione,distruggere i futures di una banca o paralizzare un esercito,ecc.L’importante secondo me è avere realisticamente una buona regola nei comportamenti quotidiani:saper distinguere tra gli onesti e i disonesti ,,stare dalla parte delle regole sottoscritte senza cadere nel richiamo del moralismo.

    Reply

  • Valerio

    |

    Hanno dato il Pulitzer a quella scemenza del Russiagate è ci preoccupiamo degli attacchi degli hacker?

    Reply

  • Giovanni Talpone

    |

    Come se non bastasse questo inquietante scenario, è noto che è volutamente sottovalutato il rischio che forti tempeste magnetiche di origine solare possano bloccare le reti elettriche ed elettroniche per settimane o mesi. La ragione di questa disattenzione sono ovviamente i costi che la schermatura e l’irrobustimento delle reti comporterebbe. Una delle analisi che dovrebbero essere condotte rapidamente sui sistemi a tutti i livelli è la capacità di continuare a lavorare, magari in modo parziale, per sotto-aree o sotto-segmenti, in mancanza di collegamenti con la struttura generale. Credo che le energie rinnovabili, da questo punto di vista, avrebbero un immenso vantaggio rispetto a quelle distribuite da parte di grandi centrali. Per i sistemi elettronici la situazione è indubbiamente più complessa, non so se esiste una direttiva almeno europea per la robustezza dei sistemi e la protezione dai cyberattacchi.

    Reply

  • Agnoletto Ugo

    |

    nelle aziende c’è o ci sono i custodi che aprono al mattino e chiudono alla sera. I proprietari si fidano di loro, ma non possono esserne certi. Ci vorrebbe qualcuno che li controlli e qualcuno che controlli anche chi li controlla. Basta poco per infettare un computer e quindi un server, e una azienda senza computer non può più lavorare. Siamo ridotti che tutti devono essere controllati da qualcuno: dalle forze dell’ordine, dal fisco, ecc. Ma anche loro devono essere controllati. E’ un circolo vizioso (e costoso soprattutto) dal quale non se ne esce più, come le serrature delle porte che devono diventare sempre più complicate perché i ladri dopo un po’ riescono a neutralizzarle. Cosa che conviene ovviamente a chi produce chiavi. Col rischio che se, uno perde le chiavi o la combinazione, non rientra più in casa. La soluzione più semplice sarebbe fidarsi ed eliminare la chiavi, ma ormai non si può più. Dobbiamo difenderci da tutto e da tutti.

    Reply

  • Gaz

    |

    O.t.
    A Silvio.
    Io sto con gli addetti alle pulizie.
    Periodicamente pulisco la mia abitazione, durante il servizio di leva …
    Ringrazio i pulitori degli autogrill, degli ospedali, degli uffici pubblici.
    Silvio non rispetta i lavoratori.
    P.s. Abbiamo trovato chi sporca ..

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!