Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (32)

  • Avatar

    Marco

    |

    Cosa ha fatto lunedì Berlusconi? Chi ha visto a Milano?

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      ira voce che fosse una riunione di famiglia per la questione della successione

      Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    sono d’accordo . se ci fosse stato un ciampi o uno scalfaro al posto di napolitano, berlusconi non starebbe a palazzo chigi. e invece con questo comportamento irresponsabile sta tenendo su un governo morto dal 14 dicembre (dato che da quella data tra scilipoti e bunga bunga sono stati a pettinare le bambole) che peraltro ci sta pure portando al default.
    penso anch’io che le elezioni anticipate siano fumo negli occhi, dato che la data prevista è strana e altri 6 mesi di berlusconi potrebbero farci ritornare alle pietre e ai bastoni, altro che fallimento. senza contare che appena il centrosinistra vince i popolari del pd e i veltroniani se ne vanno con casini, e la maggioranza al senato sembra che sarà comunque piccola, tanto piccola da essere influenzata anche da 2-3 piccoli fioroni. insomma un’altra mastellata alle porte, con eventuale ritorno di fiamma del berlusconismo.

    non capisco chi osteggia un governo tecnico considerandolo alla stregua di una dittatura: penso invece che la maggioranza di un tale governo sarà sempre poco solida, data la recalcitranza dei parlamentari a sostenerlo. il pessimo dagostino ha spifferato che monti non si renderebbe disponibile a un governo tecnico perchè la maggioranza sarebbe troppo esigua, e che napolitano stia quindi pensando ad amato (!).

    quindi, a meno che casini non riesca a prendersi qualche altro parlamentare pdl, altro che legge di stabilità, il pompetta potrebbe durare fino alle elezioni o fino alle pietre e ai bastoni se continua di questo passo. fatto sta che dovremo rassegnarci a parlare più spesso di casini. mentre fini sta rimanendo al palo perchè ha sbagliato i tempi (l’unica cosa divertente di questo squallido quadretto)

    Reply

  • Avatar

    mic

    |

    Caro Aldo, la penso esattamente come lei. Fin da ieri sera, questa farsa delle “dimissioni a scadenza” mi ha fatto scattare l’allarme rosso.
    E infatti, ecco quello che sta succedendo sui mercati. Così, il conto salatissimo che pagheremo per rimetterci in piedi sarà una vera mazzata.
    PS: tra l’altro, en passant (si fa per dire), ne esce molto male la nostra già fragile democrazia. Spero che qualcuno a sinistra abbia il coraggio di prendere in mano la situazione in modo chiaro, non da democristiani impalpabili. E poi confrontiamoci con la destra seria, anche quella conservatrice cattolica, ma per favore diamo il DASPO a quelli del PDL e della Lega.

    Reply

  • Avatar

    Caruto

    |

    Anch’io penso che B. voleva fare i suoi trucchi.

    Quello che mi incuriosisce e’ il comportamento di Napolitano in questi anni. Non riesco a capire se e’ frutto di valutazioni solo formali sul ruolo della presidenza della repubblica, o di opportunita’ (per evitare una sorta di corpo a corpo con Berlusconi che non avrebbe potuto permettersi) o politiche (l’alternativa pareva inesistente, non solo dal punto di vista numerico: lo scrive spesso Macaluso).

    Pero’, dal testo del comunicato di ieri sera, mi pare che Nap. abbia voluto mettere nero su bianco che e’ ora di mettere un punto.

    Da quello che sta succedendo in queste ore sui mercati finanziari forse gli avvenimenti avranno un’accelerazione.

    Mi pongo alcune domande.

    1) Se l’attacco e’ alla moneta unica (e non solo alla Grecia o all’Italia) l’attacco continuera’.

    Se e’ cosi’, mi domando perche’ Di Pietro o altri del centro sinistra vorrebbero le elezioni subito, gestite da questo governo con il pericolo serio di default.

    Il meno peggio secondo me sarebbe un governo Monti per fare una nuova legge elettorale e approvare alcuni provvedimenti sui quali il centro sinistra potrebbe influire.

    Lo stesso Berlusconi dovrebbe essere favorevole ad una soluzione di questo genere, perche’ potrebbe imputare ad altri i problemi che ci saranno (ce ne saranno in ogni caso). Il fatto che voglia le elezioni subito mi dice che e’ una sorta Attila fuori controllo.

    In un dibattito di qualche giorno fa Chiamparino a 8emezzo, rispondendo alla direttrice del Manifesto (che voleva le elezioni) replico’: “Ricordiamoci dell’errore del 1993 di non appoggiare il Governo Ciampi e poi ci siamo ritrovati con la vittoria di Berlusconi.”

    Visti i movimenti dei vari Giorgio Gori, penso che Chiamparino abbia ragione a richiamare i pericoli di un bis di quegli anni, sotto altre forme. Scalfari a proposito di Renzi ricorda l’elezione di Craxi del 1976.

    2) Giusto per una botta di ottimismo, la mia convinzione e’ che bisogna essere pessimisti sugli anni che seguiranno.

    Sto seguendo una parte del dibattito sul controllo dall’esterno delle democrazie nazionali ad opera di soggetti tecnici e finanziari (FMI, BCE, Direttorio Merkozy, Commissione Europea, ecc.). Lerner ne ha fatto l’argomento di un’intera trasmissione a L’Infedele lunedi’ scorso.

    In realta’, a me sembrava gia’ scritto che l’Europa avrebbe fatto la fine del vaso di coccio in questa fase di scontro economico, e forse geopolitico, tra gli emergenti (ma soprattutto la Cina) e gli Usa in difficolta’.

    I sistemi di welfare nazionali per come sono stati disegnati sono di fatto insostenibili.

    Cosa diversa e’ ipotizzare politiche nazionali e sovranazionali che si inventino migliaia di paracadute per i piu’ deboli e spingano sull’acceleratore della ricerca e dell’innovazione per vedere se si puo’ trovare qualcosa di (radicalmente) nuovo.

    Rimane da affrontare in maniera adeguata il problema della regolazione della finanza nazionale ed internazionale. Ma chi lo farebbe? Se e’ vero (ed e’ possibile) che Strass Kahn e’ stato adeguatamente accompagnato alla porta per la sua visione dei problemi finanziari internazionali, gli ostacoli sono belli grossi.

    Di certo gli attuali ceti dirigenti italiani mi sembrano inadeguati (di B. evitero’ persino di dire) ne’ quelli europei sono messi meglio, se e’ vero che i Merkozy hanno puntato il dito sull’Italia per distogliere i riflettori dai loro stessi guai, i britannici con Cameron vanno a cena con Murdoch ed i suoi giornalisti spioni, la Spagna ha le sue ferite da leccare, Obama pare bloccato.

    Dunque, meglio un governo Monti (o chi per lui) che tamponi per ora le ferite, che nuove elezioni subito con questa legge elettorale in un vuoto riempito solo da questo centrodestra.

    O no?

    Questa volta, devo dire, i miei dubbi sono molto piu’ numerosi delle mie certezze.

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      diciamo che il progettino di Silvio era quello ma che la reazione violenta dei mercati gli ha rotto il giocattolo in mano. I mercati hanno detto che non sono interessati a nessun “Mi dimetterò” ma vagliono semprlicenmte un “Mi dimetto”. Il guaio è che dopo l’accacco all’Italia, per colpire l’Euro, continuerà, anche se saremo un po’ meno deboli dopo esserci sbarazzati di questo cadavere. Non so però se possiamo permetterci il lusso di elezioni immediate, preferirei (se appena fosse possibile) un governo di ransizione per raffreddare l’attacco dei mercati e, soprattutto, fare una legeg elettorale decente. Vorrei evitare un altro Parlamento di escort, maggirdomi e lestofanti vari (non tutti e solo di destra: intendiamoci!).

      Reply

  • Avatar

    mic

    |

    Ancora una volta d’accordo con lei, Aldo (non lo faccio apposta…).
    Qui serve davvero una presa di responsabilità da parte di tutta questa classe politica – ultimo atto che le si chiede, a mo’ di riparazione dei danni – subito governo tecnico, provvedimenti urgenti e limitati, poi legge elettorale e FERREA LEGGE SUL CONFLITTO D’INTERESSI.
    E poi, che qualche divinità ce la mandi buona per le successive elezioni.

    Reply

  • Avatar

    ugoagnoletto

    |

    mi chiedo coma mai Napolitano è così ricattabile da Berlusconi e non prende delle decisioni serie.
    Ci sarà una manovra di sangue e lacrime. Berlusconi vuole l’appoggio della sinistra per non apparirne l’unico responsabile. La sinistra non vuole la caduta di Berlusconi per non apparire lei responsabile di questa manovra e perciò rischiare di perdere le elezioni. Ecco perché la sinistra vuole e non vuole la caduta di Berlusconi. Nel frattempo Berlusconi cercherà di fare quanto più male possibile all’Italia. E poi con le elezioni, saranno ancora i partiti a scegliere chi mandare su, quindi non cambierà nulla. “Le rivoluzioni arrivano quando si accumulano troppi mali e veleni” (citazione libera da “Le fonti e il significato del comunismo russo” di N. Berdjaev” )

    Reply

  • Avatar

    rosario

    |

    Io penso che si debba andare subito alle elezioni, pressando Berlusconi senza tregua, così come i mercati stanno facendo con l’Italia. Un governo “tecnico” che poi, visti i nomi, sarebbe chiaramente ispirato ai diktat dell’unione europea e delle istituzioni finanziarie internazionali è una palese dimostrazione dei contrasti interni alle opposizioni e anche una vigliacca tentazione di lasciare il “lavoro sporco” a qualcun altro. Ma quete cose in politica si pagano….

    Reply

  • Avatar

    Luca Nannelli

    |

    Purtroppo, certamente non per Lei, ma anche io sono d’accordo con la sua teoria delle dimissioni ritirate. Però a questo volevo aggiungere un’altra cosa. Possibile che la nostra democrazia non riesca ad emergere da sola senza che qualcuno ci indichi la strada? e così facendo si permette ad un saltimbanco di rimanere sulla poltrona? Ma devono essere davvero i mercati a decidere del nostro futuro oppure il voto espresso, magari con un’altra legge elettorale, potrebbe garantire l’Europa di più di un maxi-emendamento che prevederà le solite misure per i soliti che dovranno pagare e niente che possa in qualche modo favorire la crescita di questo nostro disgraziato Paese?
    Io mi pongo queste domande nell’attesa che venga tolto l’Art. 18, che venga aumentata l’età pensionabile e niente, ripeto, niente che mi faccia sperare in un nuovo Paese.

    Reply

  • Avatar

    Diego

    |

    Io penso che la nota del Quirinale stia ad indicare il momento in cui dovranno pervenire le dimissioni.
    Mettiamoci pure che B. ha subito una evidente sconfitta politica e questo non fa altro che stimolare tutti coloro che non vedono l’ora di approfittare della caduta del capo per conquistare posizioni di maggior potere e soprattutto per smettere di vivere da yes-men (e non devono esser pochi anche tra i cosiddetti “fedelissimi”).
    In definitiva penso che B. dovrà dimettersi (anche perché Napolitano si è tutelato in caso di un’azione di forza); secondo me il piano è quello di fare la figura del grande statista che si dimette e così mollare la patata bollente nelle mani di un esecutivo d’emergenza che finirebbe per fallire sotto il peso di una assenza di guida nella “grosse koalition”, magari trascinando con sé eventuali “traditori” che dovessero aderire al progetto.
    Dopo questo, con la conseguente delegittimazione di terzo polo e pd vari il pdl di pretoriani di B e la lega potrebbero tornare alla carica.

    Reply

  • Avatar

    Francesco Acanfora

    |

    Intanto ha nominato Monti senatore a vita, e al senato ci sarebbe un altro voto. Lo sfarinamento del Pdl è cominciato, e probabilmente prenderà velocità. L’unico modo che avrebbe B. di fermarlo è garantire che NON si va a elezioni immediate, e che la loro richiesta è solo un bluff. In quanti gli crederanno? Resta il fatto che invece un governo Monti certamente porta i peones alla sopravvivenza, e forse anche a qualche panettone o uovo di pasqua. In dubis cuppis, che dici?

    Reply

  • Avatar

    Giammarco Giacomini

    |

    Anche io la penso così e francamente sono sorpreso delle dichiarazioni di Di Pietro che spinge per le elezioni…

    Reply

  • Avatar

    Maurizio Melandri

    |

    Dato che conosciamo Monti e le sue idee abbiamo un’idea di quali saranno le sue prime mosse.

    Che tristezza…

    Reply

  • Avatar

    Paola Pioldi

    |

    Ciao,
    ma allora da domenica lo psiconano non sarà più Presidente del Consiglio? Ho capito bene?
    Paola

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      uesto punto, giorno piu giorno meno, direi di si, però non siamo stati noi a cacciarlo ma i mercati finanziari . E questo mi brucia…

      Reply

  • Avatar

    Luca

    |

    caro professore,
    come risultato delle aggressioni speculative ad Italia e grecia vengono posti a capo di tali stati due membri attivi (Monti, Papadopoulos) della Commissione Trilaterale (che non è esattamente una acli e che non credo del tutto estranea, per lo meno ideologicamente, ai protagonisti di tale speculazione).
    Mi pare che a questo punto la realtà superi le bufale (?) complottiste del web…

    con stima

    Reply

  • Avatar

    Luca

    |

    pardon,
    ovviamente mi riferivo a Papademos.

    caro saluto

    Reply

  • Avatar

    Francesco Acanfora

    |

    Quando ho letto ieri sera la notizia della nomina, ho pensato che Napolitano avesse già aperto e concluso le consultazioni. Il clima dovrebbe essere stato qualcosa del genere.
    N. lei, Bossi, chi vuole per capo del governo ?
    B. Berlusconi o a casa.
    N. si è già dimesso, non ha letto? segretario, scriva, a casa.
    N. lei, Di Pietro, chi etc..
    DP. elezioni subito, la parola al popolo sovrano
    N. segretario, scriva, a casa, tanti auguri per la campagna elettorale
    N. lei, Bersani, etc.
    B. le posizioni del Pd al netto delle primarie che sono nel DNA..
    N. segretario, vuole Monti
    N. lei, Alfano, chi vuole etc.
    A. Berlusconi per sempre, oppure un uomo indicato da Berlusconi, per esempio ci sarei..
    N. segretario, scriva Monti, Alfano non ha capito una beneamata maz..
    A. ma il capo mi ha promesso..
    N. la macchina del capo ha un buco nella gomma, la sa la canzone.. oggi ha perso il 12% e vuole che perda tempo con lei? Alfano si riprenda, si faccia spiegare tutto daccapo..
    N. lei, Rutelli, che vuole ancora?
    R. vorrei proporre l’arbitro Collina..
    N. non c’è Collina, c’è Monti, vada da Casini a farsi spiegare tutto
    R. sono metodi da dittatura stalinista, io dissento
    N. no, io sono solo un umile servo della democrazia. Collina come Fiordo o Atollo significa che ve ne andate a casa lunedì, e se siete in maggioranza a volerlo io vi accontento, e buona fortuna con la campagna elettorale, soprattutto quando i vicini di casa sua cominceranno a capire che vuol dire spread
    N. le consultazioni sono terminate, segretario prepari la nomina
    Berlusconi. un momento io devo far approvare ancora il maxi.., come dice Larussa in un mesetto forse due riusciamo..
    N. visto che sta ancora qua, si renda utile a qualcosa, controfirmi la nomina di Monti, e vada a farsi una chiacchierata con l’ala cattolica del suo partito, e anche con quella non tanto per bene, perchè mi sa che a questo giro Lombardia e Sicilia potrebbero riempirla di meraviglie.

    Reply

  • Avatar

    rosario

    |

    Io penso che un governo di legislatura, eletto dal popolo, avrebbe ottenuto almeno gli stessi effetti che ha avuto il governo spagnolo. Per un breve periodo, anche di pochi mesi, l’Italia è in grado di sostenere uno spread elevato, considerata la longevità dei suoi titoli di Stato. Questo avrebbe impedito a Berlusconi il tempo per riorganizzarsi e dato alla politica un’occasione per non nascondersi dietro le spalle di altre persone (…vedi Prodi) per poi scaricarli vigliaccamente. E’nei momenti di crisi che emerge la qualità di una classe dirigente. Comunque sono in totale discaccordo con la teoria economica che sta stolidamente portando avanti la Comunità europea mediante il direttorio (chi li ha richiesti?) Merkel-Sarkosy.

    Reply

  • Avatar

    Giulio

    |

    Caro Aldo,
    Io mi accontento e ringrazio i mercati finanziari. La prospettiva più auspicabile e percorribile mi pare quella di un esecutivo Monti fino ad aprile-maggio, che affronti le “rogne” più impellenti. In questo momento credo che nessuna coalizione abbia interesse ad andare alle elezioni o, peggio!, a vincerle.

    Reply

  • Avatar

    Giammarco Giacomini

    |

    Ma no Aldo, ti sbagli!!

    Non hai sentito ieri su Servizio Pubblico l’intervista a Bersani che diceva che il PD aveva fatto cadere Berlusconi?

    http://www.youtube.com/watch?v=7vzrli8Ov1A

    E’da ieri sera che rido poi la faccia di Bersani mentre lo dice è spettacolare!

    Reply

  • Avatar

    davide

    |

    il vero problema è un governo suddito e portavoce delle politiche economiche care ai settori di massimo potere del mondo capitalistico economico che ben conosciamo,dei quali Monti è un portavoce.Credo che il berlusconismo,fenomeno tristissimo e “oscemo” di devastante portata culturale e morale,sia ben cosa rispetto alla cricca di banchieri,finanzieri,faccendieri vari tutti nei posti chiave del turbocapitalismo,delle banche europee,nei partiti liberaldemocratici.
    Archiviamo il nanerottolo fetente,perchè talora i nemici possono anche mostrarsi :decenti,seri,responsabili,magnanimi,pur tuttavia applicando leggi classiste ,antipopolari e nazionali.Mi pare che il Pd si presti in parte a questo gioco.
    Per tutta una serie di eventi è stato il governo del nanerottolo a cadere in questa situazione,ma poteva capitare ad altre formazioni.Sarebbe meglio un voto ora,ma sicuramente arriverà il governo di transizione europeista nel senso di mazzate non solo sulle masse.
    Bè,chi vivrà vedrà

    Reply

  • Avatar

    ugoagnoletto

    |

    vedo l’ultimo commento di Giannuli. Proprio ieri pensavo: ma è la borsa adesso che, dando segnali positivi o negativi, decide chi ci deve governare?

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      La storia non ama i vuoti: se la politica latita è inevitabile che qualcuno (mercati finanziari o, in altri tempi, militari golpisti) ne prenda il posto

      Reply

  • Avatar

    Gianluca

    |

    Salve prof. Giannuli, sono un suo estimatore e volevo chiederle lei come vede la soluzione Mario Monti. Si stanno moltiplicando in questi giorni gli interventi che ricordano come monti faccia parte del gruppo bilderberg e della trilateral commission. Inoltre sentirlo parlare a volte mette i brividi per la freddezza con cui tratta temi dall’enorme paortata sociale come la crisi greca. Insomma si parla molto di un progetto finanziario organizzato, per espropriare l’italia della sua residuale sovranità e saccheggiarla e che avrebbe scacciato berlusconi con l’accondiscendenza di napolitano. In tal senso saremmo finiti dalla padella alla brace, nelle fauci di un vero squalo. Lei come vede queste questioni?

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      Su Monti dico nell’articolo seguente ed ancora dirò.
      Sui progetti in atto ovviamente li vedo come il fumo negli occhi, ma credo che occorra avere molto realismo e scegliere il male minore. Il guaio è la totale assenza soggettiva di qualcosa di sinistra: Il Pd è il Pdl senza il bunga bunga, Sel questi problmi non se li pone, l’Idv è piena di liberisti e para liberisti in odore di collusioni finanziarie. Di Rifondazione Comunista non dico nulla perchè dei defunti non si può parlare male…

      Reply

  • Avatar

    Gianluca

    |

    In effetti non sono mai riuscito a considerare l’idv una forza di sinistra. Oltre alle collusioni liberiste da lei ricordate si è sempre distinta per un populismo dai toni talvolta reazionari.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!