Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (45)

  • Avatar

    Gaz

    |

    Tsipras capolista a Monte Athos

    Reply

  • Avatar

    Lorenzo

    |

    La cosa più bella è che Tsipras si è vantato di aver raggiunto il suo obiettivo principale: “la Grecia è rimasta in Europa”! Allora perché criticare Samaras?! Se avesse un minimo di dignità si sarebbe dimesso, ma leggo sui giornali tedeschi che probabilmente i partiti di regime ne chiederanno comunque le dimissioni per votare l’accordo-capitolazione.

    Però, caro Giannulli, mi faccia il piacere di non usare la parola socialdemocratici per designare la brigata Kalimera. Checché se ne pensi la socialdemocrazia è stata un grande movimento storico. Questi sono gli omologhi di Tsipras. E badi bene, la quasi totalità della (cosiddetta) ‘sinistra’ europea, specie nei suoi strati dirigenziali, si situa esattamente a quel livello.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      infatti non lo choiamo socialdemocratici ma “neo socialdemocratici” fa una importante differenza

      Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      nessuno, infatti avevo scritto che era una fesseria

      Reply

      • Avatar

        Que se vayan

        |

        Ora che sono sulla via del que se vayan pure Tsipras e co…
        Una domanda a te.
        Quindi come si esce dall’euro?
        Con una svalutazione annunciata con un anno di anticipo?
        La cosa si regge?
        Oppure è possibile farlo in un quarto d’ora?

        Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          no non si fa in un quarto d’ra o è un disastro.
          Ma ci sono due diversi modi di uscire: per rottura e di colpo e ci facciamo male tutti quanti, sia chi esce che chi resta
          o coin una uscita concotrdate e controllata e possiamo pensare di uscirne solo con qualche osso rotto e non di più

          Reply

          • Avatar

            Que se vayan

            |

            Scenario:
            Quando Le Pen vincerà le elezioni Schauble finalmente realizzerà l’euro del Nord.
            Contrapposti nazionalisti che si alleano tatticamente per fare fuori l’Europa. Se andrà così era meglio la rottura disordinata.

        • Avatar

          leopoldo

          |

          l’uscita ancora non si vede ma
          qui Pellegrini
          spiega come stanno messe le bocce della partita per la grecia , l’italia, la germania, ecc….

          Reply

      • Avatar

        Leonardo

        |

        Non capisco bene l’osservazione.
        Il punto di introdurre una moneta non ufficiale alternativa, di tagliare il valore dei bond del 2012 e di prendere il controllo della banca centrale greca avrebbero avuto lo scopo di mostrare che il Paese si stava preparando ad una possibile uscita dall’Euro e quindi instillare incertezza durante i successivi negoziati, almeno in coloro che, nella EU, erano interessati a non lasciar andare la Grecia.
        Ovvio che non sarebbe servito a niente nel caso avesse prevalso la linea Schauble di cacciare il Paese. Altrettanto ovvio che alla fine il bluff sarebbe stato svelato qualora il conflitto si fosse inasprito e il governo greco non avesse avuto la volontà di andare fino in fondo. Ma penso che sarebbe stato comunque preferibile rispetto al mostrarsi vulnerabili come ha fatto Tsipras, svelando il bluff anzitempo.

        Reply

  • Avatar

    cinico senese

    |

    Caro prof è per questo che dico che il partito che voglion fare i mammut come Cofferati Landini Fassina Boldrina etc è aria fritta: basta un tweet per giudicare un progetto politico: Fassina dice in 1 tweet: non è colpa di Tsipras, ma della Merkel. Ecco, da uno che dice ste cose, cosa puoi aspettarti? una cadrega per lui 🙂

    Seriamente: più vengono fuori dettagli dell’accordo dell’incaprettamento, e più mi convinco che non è una questione politica, ma di psichiatria: Tsipras non è capace di intendere e volere. Anche chi lo sostiene ancora oggi ha questo problema: come se fossimo in guerra, vieni sconfitto messo in catene in ginocchio davanti al vincitore e dici che hai vinto. Servono le goccine! 😉

    Reply

  • Avatar

    Pierluigi

    |

    Caro Aldo,
    non si infierisce così sulla fragile psiche dei kalimeri, tanto più se ci avevi sperato anche tu.
    Forza Tsipras! (però, dopo non fare errori) 24 gennaio 2015
    Ristrutturare il debito, sostenere Tsipras. 10 febbraio 2015
    E poi, oltre ai poveri neosocialdemocratici ricordati ogni tanto di citare tra i kalimeri anche Grillo, Salvini e la Santanchè
    Che, se no, si potrebbe pensare ad un uso strumentale dello psicodramma greco, ad una forma di propaganda negativa funzionale a denigrare una parte politica in competizione con il M5S.

    Reply

  • Avatar

    Gimo

    |

    Caro Algido, con il rischio di fare la figura del fesso, avanzo una diversa lettura. La Germania si trova a vivere un’Europa che non può garantire una sua crescita al rate finora avuto per oggettiva limitata domanda di importazione dei paesi membri. I BRICS sono un mercato incredibilmente più allettante e prospero. Ma esiste un ostacolo geopolitico insormontabile: la NATO. Sappiamo bene quanto Obama abbia brigato per tenere la Grecia dentro usando i suoi vassalli come portavoce in seno ai vari consigli europei. E sappiamo anche bene quanto gli USA temano che la Germania e la Russia capiscano quale enorme capacità egemonica avrebbero mettendo insieme il know how dell’una e le risorse dell’altra. Ora: io davvero non credo che questa situazione sia frutto di insipienza da parte greca e spirito vendicativo da parte germanica. Per una serie di motivi oggettivi e sensazioni soggettivi che ora sarebbe lungo esporre. Pongo allora la questione che mi ronza in testa. Può darsi che la Germania stia tentando di forzare la mano per ottenere una degenerazione (anche violenta) dell’equilibrio interno europeo usando la Grecia come ariete per sfondare le porte che la tengono confinata in Europa? Ovvero: non ci è dato sapere se e a quale punto siano i rapporti di Tsipras con Putin. Potrebbero essere saltati come dici tu o essere quiescenti in attesa di sviluppi. Mettiamo che disordini interni facciano cadere Tsipras e la “regola europea” che incarna aprendo la via a qualunque soluzione che garantisca la sopravvivenza immediata (che l’accordo NON garantisce, guarda caso). Si creerebbero magari le condizioni propizie per iniziare a lavorare al gasdotto russo e al porto commerciale cinese nel pireo. Ovvero avvicinare il mercato BRICS alla Germania senza che questa risulti direttamente responsabile dell’avvicinamento. Ma a quel punto potrebbe valutare come e se tentare un approccio. Insomma la Germania sta giocando sopra il tavolo europeo con gli USA e sotto il tavolo con i BRICS? attendo lumi. Grazie.

    Reply

    • Avatar

      Leopoldotosi Tosi

      |

      guarda che secondo varoufakis, nell’articolo segnalato ieri, la Grecia è una pedina nello scontro interno all’europa tra francia e germania ed è una posizione credibile dato che è l’opinione di uno dei giocatori in campo. Credo che le assurdità espresse da tsipras vadano contestualizzate lì.

      Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      plausibilissimo

      Reply

      • Avatar

        benito

        |

        l’ipotesi fatta da Gimo e’ interessante, sicuramente la Germania avrebbe un enorme interesse a stabilire un legame speciale con i BRICS e specialmente con la Russia (di cui e’ gia’ primo partner commerciale) mollando la NATO. Ma personalmente credo che per quanto i tedeschi siano sempre stati dei formidabili ed efficientissimi organizzatori, sul piano politico e diplomatico sono tuttora delle mezze calzette, e questo spiega come abbiano perso ben due guerre mondiali nonostante la loro temibilissima macchina bellica. E spiega anche il loro atteggiamento nei confronti della crisi Ucraina, ovvero un colpo alla botte e uno al cerchio cercando di trarre qualche vantaggio di qua e qualche vantaggio di la’. In altre parole nessuna strategia, ma solo una serie di tatticismi volti al tornaconto del momento.
        Questo e’ il mio personale pensiero, ma soprattutto sono convinto che personaggi come la Merkel (ma anche Holland, Cameron etc…) non vanno assolutamente sopravvalutati, anche se noi italiani a piu’ riprese ci siamo dovuti vergognare del buffone Berlusconi, questi leader europei non sono da meno in quanto a cretinaggine, hanno solo un apparenza piu’ seria, e come tali sono incapaci di qualunque strategia, eseguono solo il dettato di quegli oligarchi che gli hanno finanziato la campagna elettorale
        Per questo insisto a credere che non ci sia nessuna strategia.

        Reply

        • Avatar

          Gimo

          |

          Grazie per le risposte. Leggo però ora una dichiarazione della Lagarde secondo cui o l’UE (leggi Merkel) accorda un haircut o il FMI si chiama fuori. Le motivazioni addotte sono in punto di regolamento. Cosa risibile per un organismo che è elemento politico attivo e che ha fatto spesso strame di norme e codici. E questo lo dice da Washington. A me, molto modestamente, pare che questa palese provocazione avvalori la mia ipotesi. Schauble vuole la Grecia fuori per disordini o consunzione. Obama dentro a tutti i costi. La cosa inizia a venire alla luce.

          Reply

          • Aldo Giannuli

            Aldo Giannuli

            |

            direi che è il Washington DISSENSUS

          • Avatar

            benito

            |

            “… La cosa inizia a venire alla luce.”

            puo’ darsi che l’ipotesi sia giusta, lo vedremo in seguito se quella della Lagarde e’ stata una dichiarazione estemporanea qualsiasi, o se davvero c’e’ sotto la volonta americana di tenere unita lUE per tenere al guinzaglio la germania. La mia impressione e’ che neanche gli americani hanno le idee chiare su cosa realmente vogliono fare.

  • Avatar

    Andrea T

    |

    Ma vogliamo parlare del fatto che – come chiarito da Varufakis – il motivo per cui Tsipras si è dovuto appecoronare è il fatto che l’unica via praticabile per l’attuazione del referendum era PREPARARE l’uscita (o l’espulsione) dall’euro in tempi rapidi. E attenzione – lo voglio sottolineare – non sto parlando dell’uscita (per me auspicabile, soprattutto per un paese come l’Italia che ha ancora una struttura produttiva di tutto rispetto) ma della preparazione per la mera eventualità.

    E qui veniamo al punto che mi preme evidenziare (e secondo me non adeguatamente trattato dal Prof.): questa sinistra è succube e perdente perché, nel suo essere dogmatica, ignorante e gregaria, è tremendamente prevedibile e manipolabile.

    L’euro è un dogma che non può essere messo in discussione da questi pagliacci. Anche qualora a qualcuno di questi deficienti venisse il dubbio, è sufficiente un minimo di spicciola psicologia inversa, per farglielo passare. Basta che Schäuble (cui si può rimproverare tutto tranne di non essere un negoziatore diabolico) dica: “vogliamo la Grecia fuori dall’euro” per attivare lo spirito del gregge: se Schäuble minaccia Grexit, allora Grexit brutto e euro buono.

    Non è un’esagerazione. Questi coglioni ragionano proprio così! Volete la dimostrazione? Leggete quel fallito di Ferrero sul suo blog sul fattoquotidiano. Agghiacciante!

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Dove ci porteranno gli zaraffi anseatici e i cozzari greci (riferimento non a personaggi naif, ma a politiche tali)?

    Reply

  • Avatar

    andrea

    |

    a volera vedere in modo umanamente degradato,mi verrebbe da pensare che tsipras,voglia delegare la responsabilità dell’uscita dall’euro al parlamento per salvarsi la faccia,varufakis,vuole salvare la faccia facendo quello che non vuole accettare gli accordi fatti con l’unione europea.O forse i due hanno,trovato un bizzarro modo di dividersi per mantenere le redini del governo,a prescindere dalla strada che verrà presa,se il parlamento dovesse accetare questi accordi tsipras continuerebbe a governare,se in parlamento non passa la linea di tsipras,magari riescono ad ottenere una nuova maggioranza con varufakis,ed evitare quindi le elezioni anticipate.

    Reply

  • Avatar

    ilBuonPeppe

    |

    Da quando è stato eletto a gennaio, ho detto che era un bugiardo perché prometteva cose che sapeva di non poter mantenere.
    Mi sa che sono stato ottimista. Per essere un bugiardo bisogna sapere quel che si dice.
    Alla luce dei fatti concordo con te: è solo un ignorante incapace. Ed è peggio.

    Reply

  • Avatar

    Piergiuseppe

    |

    Quando Tsipras ha presentato la sua proposta fotocopia di quella della Commissione ho letto commenti della brigata kalimera secondo i quali la proposta di Tsipras era “meno recessiva”. Con una battuta ho commentato che “meno recessiva” mi sembrava l’equivalente de “l’abbiamo non vinto” di bersaniana memoria. Ora invece siamo veramente al livello di delirio di Hitler nel bunker, ci manca solo che inizino a muovere armate immaginarie su una mappa.

    Reply

  • Avatar

    Lorenzo Palumbo

    |

    Sul blog di Civati si legge che “il miglior commento a questo ore è tedesco ed è del 2012”. Qui il link: http://www.corriere.it/esteri/12_maggio_26/fischer-germania-europa_7dd3b360-a6f2-11e1-84cc-01e2a07cd5bc.shtml

    Prof. Giannuli, anch’io guardo con attenzione al progetto “Possibile”, però quando leggo certe cose mi cadono le braccia. Non che non apprezzi lo sforzo di chi, tutto sommato, accoglie delle istanze corrette (vedi europeizzazione del debito ed altro), ma effettivamente non si avverte né l’asprezza, né il rigore progettuale, né l’onestà intellettuale (e tutti gli annessi e connessi) di chi vuole porsi come alternativa maggioritaria per “rovesciare” il paradigma attuale. Sono tutti fermi a “L’altra Europa con Tsipras…e Schauble!”
    Nell’articolo si esterna persino ammirazione al Governo Monti, che “ha lavorato bene”. O ancora che l’euro è da difendere ad ogni costo, perché “è un progetto politico”, “il vettore per l’integrazione politica”. Non aggiungo altro.
    A Civati non sfiora minimamente l’idea che Tsipras abbia agito in modo pedestre, almeno da dopo il referendum. Infatti lo giustifica, sostenendo che a mancare sono stati tutti gli altri leader socialdemocratici, a partire da Schultz. Ora, assodato che di “social” quei leader conservano solo la memoria storica, la domanda è: ma perché vuoi prendere a modello Tsipras? Ammetti che è stato un bluff, e riparti più convinto di prima. E’ incredibile la vocazione a perdere di certi soggetti.
    Professore provi a scrivergli lei. Civati è una ragazzo intelligente…
    Saluti

    Reply

  • Avatar

    Moravagine

    |

    Egregio professore, fa bene a sottolineare che la catastrofica sconfitta di Tsipras si ripercuoterà sull’intera “sinistra” europea, che, nelle sue varie propaggini, continua a cianciare di “altra europa”, “non vogliamo uscire dall’euro” ecc.
    Personalmente, sono in preda allo scoramento. Finirà che, fra post e neosocialdemocratici, si dovrà sostenere la Le Pen, sperando che non sia anche lei chiacchiere e distintivo; o forse forse l’aveva vista lunga il KKE, che è rimasto, pur nella sua autoghettizzazione, perfettamente coerente. Saluti, Moravagine.

    Reply

  • Avatar

    Riccardo

    |

    Ammetto la mia crassa ignoranza in fatti di politica. Riconosco che in questa complessa materia non ho alcuna competenza. Tuttavia anche io non mi capacito di un comportamento così strano tsipras. Sembra che alla fine abbia avuto paura. E in questo non può certo dirsi diverso o peggiore di tutti i politici di oggi.

    Reply

  • Avatar

    Gherardo Maffeif

    |

    Professore una precisazione storica a proposito degli invasati nazifascisti s’impone. Guardi che come affermò Mussolini nel suo ultimo discorso pubblico al Lirico di Milano; non si trattava di armi segrete, ma di armi nuove. Che non fossero “segrete” ma nuove, lo sapevano bene i londinesi, che quotidianamente ne ricevevano una razione sul loro capo. Mi riferisco ai gioielli del padre della missilistica moderna Wener Von Braun, le famose V 2. Poi sempre per rimanere in tema storico ricordo che i greci attuali hanno pochissimo in comune con i greci antichi,Tsipras certamente non ha nulla a che spartire con il grande legislatore Licurgo di Sparta. Rammentate la famosa rupe Tarpea?I greci moderni sono un detrito razziale di turchi,bosniaci. Sono simili ai meridionali della nostra disgraziata penisola; ove prevale la tipica mentalità levantina del “chiagni e fotti”. In conclusione devo riconoscere però che i greci hanno un movimento anarchico che fa da modello agli altri membri della setta anarchica europea e questo fin dai tempi dei colonnelli greci. Gli anarchici nostrani sono dei loro scolaretti diligenti, uno dei leader italiani è stato per anni latitante in Grecia e nonostante la non più verde età ( avrà oggi se vivo circa ottanta anni)ai bei tempi non esitava a saltare il l bancone e rapinare le banche di Atene.Poi sarà utile ricordare la zia del “martire” del G8 di Genova, esplosa con la bomba che stava depositando presso l’ambasciata USA nella capitale greca. Esplosivo procurato dai confratelli spagnoli, che passava regolarmente per Milano e finiva ad Atene.Infine ricordo che anche Tsipras ha tentato di mettere a ferro e fuoco Genova durante il G 8 , ma fu bloccato alla frontiera e rispedito in Grecia.Un grande statista,leader e modello anche per tutti gli oltranzisti sinistroidi italioti.

    Reply

    • Avatar

      Herr Lampe

      |

      Chissà a quale detrIto razziale appartiene chi riesce a scrivere certa roba.

      Reply

      • Avatar

        benito

        |

        a proposito di “detriti razziali”, il mito della razza pura e’ cosa da trogloditi e mentecatti, ed e’ stato inventato da gente con forti complessi d’inferiorita’. La realta’ e’ che i cromosomi migliorano con gli incroci delle razze e le civilta progrediscono dall’incontro di culture diverse.

        Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          sottoscrivo

          Reply

      • Avatar

        Gherardo Maffei

        |

        I greci attuali non hanno nulla in comune con i trecento eroi delle Termopili, con Achile e Patroclo e la grande cultura ellenica dei Dori lasciataci in eredità, sicuramente nulla con Licurgo e Sparta. Sono un detrito razziale di turcomanni, bosniaci e i risultati si vedono. Sono entrati nell’euro falsando i bilanci, sono degli imbroglioni che vivono da parassiti di turismo, evadano le tasse sistematicamente e non solo i piccoli contribuenti ma anche i ricchi armatori perché il sistema glielo permette, mandano in pensione i pseudo lavoratori in maggioranza dipendenti statali a cinquanta anni, per non parlare di nepotismo, corruzione,criminalità. E’ una tragica realtà che ricorda molto il nostro meridione, hanno infatti un PIL pro capite che ricorda quello della Calabria.Cosa hanno da spartire costoro con le popolazione mitteleuropee e per quale ragione devono continuamente battere cassa per pagare stipendi e pensioni anche con i soldi nostri?E’ tempo che entrino nell’area geopolitica ed economica del sud dell’Europa, comprendente anche la Turchia, con una moneta propria che rispecchi la loro realtà economica che non è certo quella del nord Europa. Questo discorso vale anche per il nostro meridione. Rammento che la Val Padana era una realtà economica tra le più ricche del mondo, ora grazie ai “greci” di casa nostra, stiamo scivolando sempre più in basso. Una soluzione? Suggerisco di fare come hanno fatto i croati dopo la morte di Tito; ne varrà la pena.I croati sono entrati in Europa a pieno titolo dopo essersi liberati dei loro “greci” e non rimpiangono di certo Tito e la ex Jugoslavia socialista.

        Reply

        • Avatar

          Herr Lampe

          |

          A proposito di cultura, la rupe Tarpea sta a Roma (e Achille vorrebbe due “L”).

          Sarà un problema razziale anche l’ignoranza?

          Reply

          • Avatar

            Gherardo Maffei

            |

            Benito, puoi cambiare idea, puoi cambiare nazionalità, puoi cambiare religione, infine puoi cambiare perfino sesso basta andare a Casablanca, ma non puoi cambiare razza; se nasci cannibale congolese non puoi trasformarti in caucasico.Le razze esistono sono un dato biologico, scientifico, il tuo è solo un pregiudizio ideologico.

        • Avatar

          benito

          |

          caro Maffei, il tuo intervento e’ da incorniciare perche’ non capita tutti i giorni di
          leggere un tale concentrato di luoghi comuni e sciocchezze di bassa lega, non c’e’ una sola cosa vera o sensata in quello che hai detto, complimenti perche’ infondo anche questo e’ un record!

          Reply

  • Avatar

    Marco

    |

    che tristezza, da parte di uno studioso intelligente, dei commenti talmente insulsi e volgari. poi sputare su tsipras e su qualsiasi cosa tenti di muoversi a sinistra definendolo neo-socialdemocratico da parte di chi ha individuato nel movimento proprietà di due miliardari e associato nel parlamento europeo all’ukip… a Roma si dice “il bue che dice cornuto all’asino”

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      caro marco quella è neo socialdemocrazia ed anche di catrtiva qualità, convinciti

      Reply

      • Avatar

        Herr Lampe

        |

        A me non pare si sia sputato, ma dato un giudizio fortemente critico su una Caporetto (che avrà pure le sue alte ragioni geopolitiche) che, per come si è prodotta, è umiliante e grottesca se non tragica.

        Reply

  • Avatar

    Herr Lampe

    |

    Ultimo commento poi mi taccio.

    Gentile professore, ho una domanda: è sensato un parallelo storico tra Tsipras e Serrati?

    In entrambi i casi mi pare si sia posto il problema della contraddizione tra un programma formalmente radicale (nonostante l’ambiguità su austerità e euro) e una sostanziale impreparazione quando il gioco si è fatto serio.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      sotto il profilo che Lei indica si, c’è una effettiuva somiglianza, poi Serrati è un personaggio storico e Tsipras è un piccolo imbonitore da fiera

      Reply

  • Avatar

    piero

    |

    Tsipras sarà anche un incapace, non lo nego. Ma l’alternativa è Alba Dorata. Quando saranno loro a vincere le elezioni in Grecia l’UE si troverà con una controparte altrettanto incapace, ma che probabilmente sarà – inizialmente – comoda anche per la Trojka. E li lasceranno fare. E po ci ritroveremo nel giro di dieci anni con nazisti dappertutto, esattamente come negli anni ’30

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      e se questo incapace fa un governo di unità nazionale con Nd e Pasok non credi che le azioni di Alba Dorata andranno alle stelle?

      Reply

  • Avatar

    Leonilde

    |

    E chi ci mettiamo? E parlo anche dell’Italia ….

    Reply

  • Avatar

    giovanni

    |

    quello che fa schifo dei neosocialdemocratici è la malafede spudorata. Quella che per negare l’evidenza arriva al ridicolo di censurare un articolo chiesto su PROPRIA commissione, perchè osa dire che, in queste condizioni, dire più Europa è liberista (e quindi contro i lavoratori), violando il sacro tabù dell’internazionalismo a prescindere. Parlo del Manifesto e del bellissimo articolo di Cesaratto, che grazie alla loro idiota censura è stato letto sul web da un numero di lettori dieci volte maggiore di quello dei censuratori.
    http://politicaeconomiablog.blogspot.it/2015/07/post-su-asimmetrie.html

    Reply

  • Avatar

    Gherardo Maffei

    |

    Alba Dorata viene costantemente e a sproposito citata; i sinistri italioti ed europei, possono dormire sonni tranquilli, la classe politica dirigente del movimento è ristretta in galera. Due giovani attivisti sono stati abbattuti a colpi di pistola per strada dagli adepti della setta anarchica ellenica, che nel vecchio continente, è un faro e un modello a cui si ispirano gli altri confratelli di fede. Tale efferato duplice omicidio ricorda lo stile di Acca Larentia, avvenuto nella cloaca romana negli anni di piombo ; con lo stesso risultato che gli assassini restano impuniti, d’altro canto si sa che uccidere i fascisti non è reato.Tsipras l’idolo fasullo di tutti i sinistrati europei si è dimostrato per quello che vale: un mancato teppista bloccato alla frontiera e rispedito in Grecia, ai bei tempi del G 8 di Genova, che ebbe tra i martiri il giovane Carlo Giuliani, nipote d i un’altra martire esplosa assieme alla bomba che stava collocando nei pressi dell’ambasciata USA di Atene.Il sangue non è acqua. Ma su tutto ciò un assordante silenzio è sceso, meglio evocare come nei peggiori incubi notturni Alba Dorata.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!