Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (15)

  • Avatar

    Mario Vitale

    |

    Caro professore, questa volta dissento in modo netto dalle Sue conclusioni. Se è vero che nel passato le guerre erano fonte di diffusione culturale, per cui concetti come democrazia e repubblica viaggiavano sulle punte di sarisse e pila, l’evoluzione dell’umanità tende a spostare lo spazio di confronto dal piano fisico a quello intellettuale. Ovviamente questo non è sinonimo di cancellazione delle sofferenze: se le mie idee spazzano via le tue, tu potresti averne la vita rovinata con sofferenze comunque pesanti. Di più, questo certamente non troverà ancora applicazione nei paesi arabi, dove lo stile di vita è ancora troppo arretrato, ma se guardiamo alla nostra Europa vediamo che le armi sono si rimaste, per fortuna, confinate nelle caserme, mi riferisco a scontri interni fra nazioni europee, però di sconvolgimenti ce ne sono stati parecchi ed hanno causato mutazioni sociali non certo indolori.
    In conclusione, i bagni di sangue stanno ‘passando di moda’, ma non le sofferenze umane; nei paesi arabi sono ancora la mannifestazione di uno scontro fra centri di potere, mentre i paesi occidentali hanno elaborato metodi più raffinati.

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      Mario Vitale: temo che lei abbia una filosofia della storia molto ottimista. Troppo ottimista

      Reply

  • Avatar

    Mauro

    |

    Gentile Professore, potrei solo aggiungere alla Sua interessante analisi che in questo momento l’Egitto e il canale di Suez potrebbero ritornare particolarmente strategici per i “masters of universe”.
    Da Suez passa praticamente tutto il greggio per l’occidente essendo chiusi gli oleodotti siriani (A), passano le merci da e per l’Asia (B), e passano le flotte militari occidentali ed il loro naviglio di rifornimento per il controllo delle rotte nell’Oceano Indiano (C).
    Tuttavia si stanno coagulando consensi russi attorno all’idea cinese di trasferire B dalla nave al treno lungo la transiberiana, grazie ad una nuova tecnologia ferroviaria sperimentale che farebbe risparmiare agli spedizionieri asiatici molto tempo e carburante. Gli accordi dell’Aprile 2012 a Varsavia tra il premier cinese e quelli di quasi tutti Paesi dell’Europa Orientale sono stati un primo passo tangibile in questo senso. La reazione angloamericana non si è fatta attendere: se gli esperimenti di quella tecnologia progrediranno gli USA potrebbero da subito creare problemi a B tramite il nuovo Stato Maggiore egiziano, inducendo Pechino ad abbandonare l’idea prima di realizzarla.
    D’altra parte Pechino ha interesse comunque a riportare la dialettica all’interno della politica egiziana e trovarvi degli interlocutori compiacenti, non solo per garantire B, ma anche nella molto probabile ipotesi che C si trasformi in una massiccia “spedizione umanitaria” in Myanmar (di cui ho riferito già in altre due occasioni su questo sito) organizzata da Washington proprio per impedire l’applicazione di quella tecnologia ferroviaria al corridoio meridionale, in progetto fra Cina, India e Indocina.

    Reply

  • Avatar

    leopoldo

    |

    a me quello che preocupa di quella situazione che dal Mali al mar Rosso, escluso piccole zone, è terra di nessuno. non vi sono autorità non stati e ho la senzazione che vogliano creare la stessa situazione in medio oriente, e ci stanno riuscendo, sarà molto dura per il mondo islamico mantenere una identità giuridica

    Reply

  • Avatar

    mimmotron

    |

    Voglio essere banale: bellissimo ed interessantissimo post. Come sempre, d’altronde.

    Reply

  • Avatar

    leonida reitano

    |

    Bella analisi, ma parziale. Quali sono i global trends entro i quali si colloca il “sommovimento mediorientale”?
    Quali le fratture tra aree geopolitiche insomma?
    Gibilterra può essere considerata l’inizio della faglia di rottura tra Europa del Nord ed europa del sud, tra l’area angloamericana e i paesi “latinos” del sud mediterraneo? (Italia, Spagna, Portogallo, Grecia…)

    Reply

  • Avatar

    MAURIZIO BAROZZI

    |

    Disamina molto interessante e in buona parte condivisibile, tuttavia è carente di un aspetto storico e geopolitico. Come a metà del 1800 i giochi internazionali in quella regione furono stravolti dalla apertura del canale di Suez con ciò che questo comportava (non a caso gli Inglesi, ma anche i francesi, immediatamente presero a sostenere concretamente il Risorgimento in Italia, intuendo quanto era importante il controllo del mediterraneo attraverso il nostro paese), così ora, nelle evoluzioni politiche, militari e sociali sempre di quella regione, ha un ruolo determinante la presenza di Israele.
    Si da il caso che Israele non è uno Stato democratico innocuo, anche se inserito con la forza delle armi nel 1948 nella regione, ma è una potenza mondiale, con una sua volontà di potenza e con sogni teocratici di espansione violenta, come attestano non solo le cartine geografiche dal 1948 ad oggi, ma anche gli insediamenti e le edificazioni continuate che denotano la volontà di un repulisti etnico e di una espansione appunto.
    Qualcuno poi si dovrebbe anche chiedere come abbia fatto Israele a diventare una potenza nucleare di tutto rispetto, quando le grandi potenze Occidentali sono così attente e suscettibili e reattive verso chi persegue l’uso del nucleare financo per scopi pacifici. Ma la risposta, è secondaria, mentre invece le conseguenze di una potenza del genere nella regione, animata da questa volontà di dominio, ha le sue conseguenze.
    Per la stessa legge della eterogenesi dei fini, ad ogni azione, corrisponde una reazione e quindi questa presenza di tipo guerrafondaio non può che determinare tutta una serie di conseguenze, anche perchè appare evidente che la strategia occidentale ed israeliana è quella di persegue due fini: primo, l’eliminazione di ogni stato laico e pluriconfessionale che attutisca le rivalità del mondo islamico e punti decisamente alle modernizzazioni. In pratica ogni politica diciamo, seppur non proprio adeguatamente, di tipo nasseriano. Secondo, di favorire, finanziando e armando ogni tipo di ribellione e terrorismo, tutte le rivolte possibili, in modo da arrivare alla creazione di una regione con stati a macchia di leopardo, divisi da rivalità tribali e religiose, possibilmente retti dal fanatismo islamico, fastidioso per il sionismo, ma sostanzialmente innocuo.
    Ecco sarebbe stato opportuno sviscerare questi aspetti e metterli in relazione alla situazione mediorientale attuale, perché la sola analisi delle vicende sociali e politiche non è sofficiente per individuare le cause e concause che stanno sconvolgendo il medioriente, sarebbe come lo analizzare le vicende storiche dell’America Latina, per secoli il giardino di casa degli Usa e area di primario interesse per le multinazionali, senza mettere in primo piano la presenza appunto dell’imperialismo americano e della sua volontà di potenza.

    Reply

  • Avatar

    Massimo Copetti

    |

    Articolo molto interessante, di cui condivido pienamente toni e conclusione. Colgo l’occasione per chiedere scusa ad Aldo per avergli dato del para-pacifista. (Mario Vitale, non me ne voglia, ma quanto afferma non é nuovo, anzi era sulla bocca di tutti gli europei fino all’estate del 1914…).
    Anch’io tuttavia inviterei Aldo a fare un ulteriore sforzo di analisi in senso geopolitico: considerare cioè il peso strategico di Suez (anche noi italiani ne sappiamo qualcosa per averlo vissuto sulla nostra pelle) ed inserire il tutto nel contesto dello scontro Usa-Cina. Aiuterebbe a comprendere meglio tutto quello che sta accadendo nell’area, non solo in Egitto.
    Penso valga la pena anche accendere i riflettori sulla Francia, intraprendente e determinata come non si vedeva da tempo (vedi gli interventi in Libia, Mali e Siria).

    Reply

  • Avatar

    Peucezio

    |

    “ma i cambiamenti comportano sempre convulsioni più o meno traumatiche e la soluzione non è mai contentarsi dell’esistente. E, se superare l’esistente, comporta sacrifici amarissimi, rassegniamoci all’idea di pagare certi prezzi.”

    Aldo, ma siamo sicuri che, anche sul lungo periodo, siano cambiamenti in meglio e che invece non ci facciano rimpiangere l’esistente?

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      peucezio: assolutamente no, nessuno ci dà quesdta garanzia… ciò non di meno…

      Reply

  • Avatar

    Andrea T

    |

    Sospetto che tutti gli “sconvolgimenti” verificatisi nel mediterraneo (sia quelli di nord africa e medio oriente, sia quelli dell’europa meridionale), manifestatisi con le dovute differenze di contesto e a cagione di differenti concause e per il resto anche molto eterogenei tra loro, abbiano in comune un fattore: l’indebolimento del controllo strategico del mediterraneo da parte degli USA e l’emergenza di nuovi potenze regionali tutte in grado, in varia misura, di avere un’influenza NON determinante su tutta la regione del Mediterraneo, ma su parti di essa, provocando smottamenti che si ripercuotono a catena

    Penso a Francia, Germania, e Russia (con consistente perdita di peso dell’Italia, che temo vada di pari passo al disinteressamento degli USA) per quando riguarda la sponda europea; Francia, Turchia, Russia,Israele, Iran, Arabia Saudita e, forse anche Cina (che è un attore di primo piano, con consistenti interessi, su tutto il continente africano) per la sponda mediorientale e nordafricana.

    Reply

  • Avatar

    antonella policastrese

    |

    Ciò che lei afferma professore è vero, scientifico direi. Siamo solo agli inizi di un’epoca e le rivolte vanno lette in un sistema globale. In tutto questo bisogna tenere conto degli interessi finanziari che stanno cambiando il volto dell’occidente e dell’oriente. La destabilizzazione delle varie realtà gioca a favore delle super potenze protese ad accaparrarsi materie prime per avere il dominio assoluto nel panorama geo politico. Ecco perchè io sono convinte del grido della giovane Malala nell’affermare che le guerre si vincono con libri e penne. Ciò che va distrutta è l’ignoranza e l’avvento di una conoscenza che possa essere il baluardo di una cultura attraverso la quale si giocano i destini degli uomini scrivendo nuove pagine di storia.

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    argomento spinossissimo, ma affrontato bene. e in fondo è possibile rintracciare anche in europa epifenomeni simili, soprattutto per quanto riguarda il ritorno al nazionalismo che sta caratterizzando questi anni. da un lato i nazionalismi seguono le traiettorie diplomatiche e geopolitiche che i singoli stati si sono creati e che presentano grosse differenze reciproche, elementi che con il venire meno del multipolarismo americano hanno accentuato le differenze di vedute nella ue. nonostrante dubiti seriamente che questi interessi nazionalisti corrispondano realmente a quelli della popolazione di riferimento, noto che i media tendono invece a riproporre la stessa pappina che gli italiani vogliono rubare ai tedeschi e i tedeschi vogliono svenare gli italiani. insomma stanno sviluppando la classica nozione di nemico tanto cara a shmitt. per ora si basano solo sull’elettorato di estrema destra, che per l’occasione oggi veste un completo anti banche (sara tommasi al riguardo ha sensibilizzato il pubblico della nuova destra usando gli unici argomenti che interessano a questi pecoroni, e il risultato si vede) ma che tende perfettamente ad integrarsi agli interessi del neroliberismo. ma è evidente che ci sono grossi interessi economici sui gruppi dell’estrema destra europea, cresciuti e pasciuti dai poteri forti in quanto rappresentano sempre i migliori strumenti della strategia egemonica mostrata in the clash of civilization di hutington. d’altra parte il neoliberismo non potrebbe esistere senza i regimi autoritari, dato che si basa su quella mancanza di trasparenza che se si vivesse tutti in una democrazia non potrebbe esistere. e quindi è logico che fomenti la nascita di regimi autoritari e fascistoidi di qua e di là.

    Reply

  • Avatar

    Mirko S.

    |

    Io non sono uno storico è vero però pare anche a me ci sia un lento miglioramento riguardo al ricorso allo strumento bellico. Senza dubbio il XX secolo ha conosciuto dei lutti immani, tuttavia rispetto al passato mi pare di vedere un miglioramento sia per il ricorso alle armi che per la considerazione dei diritti umani. Le guerre costano sempre più soldi e politicamente la morte dei propri soldati è sempre più difficile da sostenere. Si aggiunga la problematica dei diritti umani: se Carlo Magno non ha anuto problemi nel genocidare gli Avari adesso, dopo le “meraviglie” compiute nella II guerra mondiale, c’è molta più attenzione alla sorte dei civili. Sia chiaro: le pulizie etniche nei Balcani o il caso del Burundi o l’utilizzo delle armi chimiche contro i Curdi sono tutti eventi che ricordo, non voglio dire che il mondo sia diventato l’Empireo dantesco, tuttavia mi pare che qualche passo avanti in questo senso la stora lo stia facendo.

    Reply

  • Avatar

    Viaggio in Egitto

    |

    Ciao, trovo un peccato un bel luogo come l’Egitto che venga rovinato da queste c****te.
    Ci sono stata in vacanza con la mia famiglia due anni fà e da allora non vedo l’ora di tornarci, tra piramidi e sole tutto l’anno, vacanze ai livelli della Sardegna a costi ridicoli, che peccato.
    Scusate per lo sfogo, un abbraccio e grazie per condividere questi bellissimi post con tutti noi.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!