Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (30)

  • Avatar

    ilBuonPeppe

    |

    A me pare che il futuro della destra sia già stato definito da tempo, con tanto di investitura del nuovo capo. Una operazione ormai consolidata con la soddisfazione di tutti gli interessati (non so gli elettori, ma quelli se li fila qualcuno?), a cominciare proprio da Berlusconi che in questo giro di amministrative ha lavorato in perfetta sintonia col nuovo capo.
    Come? Ah, non ho detto chi è? Ma Renzi, che domande…

    Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    Visto i giganti politici che si vedono in giro, io aspetterei a dare per morto Berlusconi (politicamente parlando, of course). E non per scaramanzia.

    Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Signore perdonami per avere criticato Andreotti e Fanfani e Rumor IN QUEGLI ANNI (che ora so essere stati) FELICI.
      Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa.
      Mi pento, mi pento, mi pento.
      A Monti. Letta et Renzi libera nos domine

      Reply

      • Aldo S. Giannuli

        Aldo S. Giannuli

        |

        qui siamo d’accordo

        Reply

        • Avatar

          Tenerone Dolcissimo

          |

          Sarebbe il caso di organizzare una manifestazione ad imitazione dei flagellanti medioevali

          Reply

    • Avatar

      SILVIA

      |

      Con la verve che ha, concluso il periodo di riabilitazione, che potrà
      essere lungo ma 5 mesi sarebbero molti, mi aspetto che si butti a fare ostacolo al si del referendum…. contro gli aspiranti sudditi!!!:-)

      Reply

      • Avatar

        Tenerone Dolcissimo

        |

        Puo’ anche essere, ma ricorderei che la schiforma Renzi è funzionale ad un maggiore assoggettamento ai desideri europei. E da quel punto di vista la schiforma ha dei padri nobili ben piu’ potenti di Berlusca Capisc’a mme

        Reply

  • Avatar

    Mohicano79

    |

    La destra italiana è sempre in cerca del Badoglio di turno. Il Badoglio del ’43, s’intende

    Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Badoglio è arrivato a fine 2011 cacciando Berlusconi, ma non mi sembra che fosse la destra a mandarlo né che la destra abbia esultato

      Reply

  • Avatar

    Lorenzo

    |

    Ma tanto per curiosità… la competizione fra la destra non dichiarata ma estremamente effettuale di Renzi e un futuro centrodestra in doppiopetto, dichiarato ma forse un po’ meno effettuale, quali prospettive di cambiamento schiuderebbe al Paese? La possibilità di intercalare governi Renzi con governi Monti (o faccioni equivalenti)?

    Se poi il binomio diventasse trio coll’introduzione di un Di Maio, che rassicura i banchieri e ammira Cameron per come ha gestito le spinte centrifughe rispetto all’eurodittatura, il quadro migliorerebbe sensibilmente?

    Il sistema ormai è troppo corrotto e rattrappito per offrire soluzioni riformatrici interne al suo quadro istituzionale.

    Reply

    • Avatar

      mirko g. s.

      |

      Queste storie di Di Maio leccaculo dei banchieri e di Cicciolina vergine andrebbero giustificate alla luce di prove concrete considerato che i fatti compiuti dagli anzidetti parlano chiaro in senso diametralmente opposto.

      Reply

      • Avatar

        Roberto B.

        |

        Credo che certe persone si sentono tutti i giorni con Di Maio, Di Battista, ecc. e naturalmente con Grillo. Ricevono informazioni di prima mano e strettamente confidenziali, ma naturalmente non possono rivelare le fonti.

        Reply

      • Avatar

        Tenerone Dolcissimo

        |

        Dovrebbero giustificare prima come fanno prevedere la pioggia di zolfo infuocato su Londra nel caso vinca il Brexit

        Reply

        • Avatar

          mirko g. s.

          |

          “a me interessa molto l’atteggiamento di David Cameron, che si è fatto rispettare nell’Ue: non è come il nostro premier che urla in patria e poi va con il cappello in mano da Merkel e Hollande. Anche noi dovremmo mettere delle condizioni sul piatto e discuterle”.
          Scusate, da dove si dovrebbe capire che Di Maio è un leccaculo delle banche e Cicciolina è vergine?

          Reply

    • Avatar

      Mario Vitale

      |

      Una destra liberale potrebbe essere funzionale alla nascita di una sinistra socialista, magari entrambe in lotta contro un liberismo che, neo o meno, ha prodotto un disastro sociale devastante. Ovviamente vale il contrario, ma con Renzi alla guida del PD non vedo probabile l’ipotesi di una ripresa socialista; ha molto più spazio e possibilità, nel quadro attuale, una destra liberale, che potrebbe fare concorrenza a Renzi, che come tutti qui convengono, sottoscritto compreso, non è certo un socialista.

      Reply

  • Avatar

    Herr Lampe

    |

    Non so professore, mi lascia un po’ perplesso il suo punto di vista.
    In buona parte dell’Europa (e non solo) si affermano soggetti politici radicali (dall’una e dall’altra parte).

    Dire, fra le ipotesi in campo in questo quadro, che il nuovo centrodestra potrebbe avere un’impronta à la Casini (al di là del soggetto specifico) mi pare poco probabile. Data l’incapacità della Lega di “sfondare” vedrei più probabile una sostanziale subalternità del “centro” al Pd e un’irrilevanza del resto di quell’area (che sarebbe poi l’esito “implosione”).

    Ma, se sbaglio, mi corigerà.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      be questa è la particolarità italiana del M5s che esercita un ruolo di contenimento tanto verso le formazioni di sinistra (alle quali sottrae i voti in libera uscita del Pd) quanto verso la Lega. Comunque qui nel giro di qualche mese tutte le forrmazioni politiche (compreso il M5s) entraranno in una fase di forti turbolenze interne

      Reply

      • Avatar

        mirko g. s.

        |

        Mi preoccupa del M5* che raccolga voti e non attivisti. Finchè voti perchè Di Maio è simpatico e la Raggi è una bella femmina, sarai sempre tentato da votare per il kaimano di turno o per il Marchini colla dentiera lucidata di fresco. Finchè gli elettori del M5* non inizieranno a leggere il blog, ad informarsi, a partecipare alla politica non si potrà parlare davvero secondo me di crescita del MoVimento.

        Reply

  • Avatar

    Paolo Selmi

    |

    Professore buongiorno!

    I fatti superano l’immaginazione: Forza Italia l’hanno appena comprata i cinesi! Ne daranno presto il lieto annuncio Silvio, Piersilvio e Sal Galatioto. Con questa mossa contano di prendere i voti di milanisti, interisti, tifosi del Pavia, maoisti (ex e non), “Cina rossa”, padroni di cani chowchow e gatti siamesi, industriali italiani cui la Cosco ha promesso uno sconto del 10% sul nolo dei container da Shanghai e altre facilitazioni con la nascenda Forza Italia Card. Prevista impennata sui tesseramenti della stagione 2016/2017 in virtù di altrettante facilitazioni per acquisti online su Alibaba, sempre presentando la magica carta. Il nuovo inno sarà “Kong-fu fighting” di Carl Douglas, cercando di intercettare così ulteriori voti (revival anni settanta-ottanta) e dando comunque quell’immagine di egemonia “soft power” gradita a Pechino e che va tanto di moda oggi. Del resto, anche Tolkien lo aveva profetizzato: ” Look to my coming at first light on the fifth day; at dawn, look to the East.”

    Scherzi a parte, spero di non aver dato nessun involontario consiglio a qualche think tank della destra che legge questo blog… va bene “che cento fiori sboccino”, ma fino a un certo punto!

    Un caro saluto
    Paolo Selmi

    Reply

    • Avatar

      Herr Lampe

      |

      È un’idea geniale!!! Deve metterci il brevetto, altrimenti poi si prendono il merito e la gloria. 😉

      Reply

      • Avatar

        Paolo Selmi

        |

        Son passato oggi all’Istituto Confucio ma mi han detto che sono arrivato troppo tardi… scherzi a parte, spero davvero che resti una buttata paradossale. Pensavo tra me e me, pensa un sommergibile atomico cinese nel porto di La Spezia che deve dare la precedenza o chiederla a quelli a stelle e strisce… c’eravamo prima noi! Si, ma noi ci siamo comperati porto, gru, camalli e capannoni fino al casello dell’autostrada! Hard power vs soft power, faremmo la fine dei vasi di coccio contro vasi di ferro!

        Reply

  • Avatar

    benito

    |

    della destra capeggiata da Berlusconi, Indro Montanelli disse:
    ” Io sono sempre stato di destra, ma a questa destra non mi associo perche’ questa e’ una destra col manganello. L’Italia ha dimostrato di non sapere andare a destra senza il manganello. ” E aggiunse anche: ” non temo il castigo da parte di Berlusconi, bensi’ i premi che distribuira’ per corrompere”. Nel momento in cui l’ UE lo ha destituito in favore di Monti, e’ cominciata la sua discesa perche’ non aveva piu’ premi da elargire ai suoi squallidi adulatori, tanto ambiziosi e arrivisti quanto nulli intellettualmente e politicamente. In definitiva e’ stato lui stesso la causa del suo tramonto molto piu’ che l’opposizione (sinistra radicale compresa) o certi magistrati.

    Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Io non farei i salti di gioia al pensiero che la UE possa destituire il PdC italiano, regolarmente eletto, anche se pensassi che tale PdC è satana in persona.

      Reply

      • Aldo S. Giannuli

        Aldo S. Giannuli

        |

        regolarmente eletto Renzi? Da chi?

        Reply

        • Avatar

          benito

          |

          appunto, ma il fatto che cio’ che sia venuto dopo Berlusconi (penso a Monti e Renzi) sia stato cosa persino peggiore e’ un altro discorso, ed e’ per questo che dico che forse le cose in Italia andranno meglio quando la vedova di Renzi andra’ al funerale di Berlusconi. In quanto a Monti e Fornero non sembrano avere un futuro politico ma quando passeranno a miglior vita stappero’ una bottiglia di spumante.

          Reply

        • Avatar

          Tenerone Dolcissimo

          |

          Mi riferivo a Berlusconi

          Reply

  • Avatar

    Riccardo M

    |

    Il nodo è il referendum di ottobre. Se Renzi lo vince, la destra “moderata” ex F.I. confluirà tutta nel PD, che diventerà ufficialmente il centro destra (ufficiosamente lo è già).
    Se non lo vince ci sarà un periodo di caos, ma non cadrà nessun governo fino alla ridefinizione degli equilibri.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      non credo che siano queste le dinamiche ma ne riparliamo dopo i ballottaggi

      Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Chiamiamola con il suo vero nome: non “destra moderata” ma “destra socialisteggiante o tesa al sociale”. La destra liberale, che tutto è fuorchè moderata, se becca chi ha messo il canone in bolletta lo squarta dopo aveerlo appe per le palle al lampadario

      Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!