Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (8)

  • benito

    |

    l’alleanza economica russo-tedesca e’ molto temuta dagli USA poiche’ minerebbe l’egemonia americana che comincia ormai a dare qualche segno di crisi. George Friedman titolare di un agenzia privata di intelligence e consigliere del governo USA ha apertamente dichiarato in una pubblica conferenza tenutasi a Chicago lo scorso febbraio che gli USA hanno interesse a provocare una guerra tra l’Europa (in primis Germania) per impedire questa alleanza, e la crisi ucraina alimentata dagli americani mira proprio a questo. Un altra dichiarazione pubblica e’ poi seguita da parte di Joe Biden il quale ha ammesso che gli USA hanno imposto ai recalcitranti partner europei le sanzioni alla Russia.
    Sono convinto pero’ che al contrario di quanto dicono i mass-media, non siano le sanzioni a creare problemi alla Russia (e neanche all’Europa) per due motivi:
    1) perche’ le multinazionali in pratica le rispettano poco (il south-stream e’ abortito ma si sta cercando di rifarlo in altro modo, ma il north-stream va’ avanti)
    2) perche’ e’ facilissimo aggirarle : basta fare arrivare le merci in Bielorussia che e’ pure sulla strada e di li’ poi arriveranno a destinazione in Russia.
    Il vero problema e’ casomai la caduta del rublo che fa si’ che i russi comprano meno dall’europa.
    Non credo neanche l’industria russa come tutti dicono sia cosi’ indietro, pare proprio che nella tecnologia militare i russi siano addirittura mezzo passo avanti agli USA, esperti militari americani hanno affermato di temere la tecnologia russa in caso di conflitto Russia-Nato

    Reply

  • Gaz

    |

    Mi è piaciuto. A tratti mi è sembrato di rileggere Tucidide.

    Reply

  • Gherardo Maffei

    |

    C’ stata più di una volta una intesa tra Germania e la Russia,intesa storicamente comprovata. Non solo il patto di non aggressione firmato alla presenza di Stalin tra Molotow e Ribbentrop, ma anche prima, agli albori del movimento crociuncinato, con reciproci contatti militari con forniture e scambi di materiale bellico,visite di delegazioni militari, tra i due regimi rivoluzionari. E’ celebre il caso di uno dei capi dell’armata rossa il maresciallo Tukacevschi, fucilato perché voleva instaurare un regime omologo e simile a quello tedesco. Ciò premesso Germania e Russia è l’unica alleanza possibile per la sopravvivenza ( ma temo troppo tardi) dell’attuale putrida, lercia Europa.E’ giunto il tempo però che venga riconosciuto alla Germania il suo primato e il suo ruolo storico, strategico, centrale: senza Germania e il suo grande popolo non esiste l’Europa.I due precedenti conflitti mondiali condotti essenzialmente contro la Germania, alla fine non furono altro che due criminali interventi per negarle il posto di assoluta preminenza che le spetta di diritto al mondo. Deutschland Erwache!

    Reply

    • Herr Lampe

      |

      Epperò sono slavi… Mein Gott, neanche i razzisti sono più quelli di una volta!

      Reply

  • Gaz

    |

    “Gigante economico e nanerottolo politico” la cui soft power è abbastana power per creare problemi agli europei e molto soft per non risolverne nessuno.
    Dobbiamo come Italia fare i compiti a casa .. e per tempo.
    I tedeschi la loro sovranità se la tengono ben stretta e per loro il sud europa è una carta sporca.
    P.s. Che Mitterand requiescat dove sta.
    Dove stanno Francia e Germania il caosino è assicurato.

    Reply

  • Gherardo Maffei

    |

    Inoltre voglio spendere due parole a favore della defunta DDR (Germania est) che ebbi modo di conoscere da turista. Ai miei occhi ebbe un grande merito storico: mai subì ricatti dalla stato canaglia di Israele, non un marco fu versato per gli assurdi risarcimenti a questo paese la cui classe dirigente è in gran parte composta da conclamati fanatici sionisti.che da sessanta anni viola ogni risoluzione ONU impunemente.L”esatto contrario della Germania “americanizzata” che tuttora finanzia un paese che di fatto applica un regime di apartheid ai palestinesi. Poi ebbi modo di constatare che la classe dirigente della DDR pur essendo costituita da marxisti militanti, per contrastare il cancro, il veleno letale dell’occidente, non esitò a rianimare il miglior prussianesimo. Non solo riedificando la statua di Federico il Grande, distrutta dai mongoli sovietici nel 1945, ma soprattutto richiamandosi alla più autentica tradizione militare germanica.E’ noto che nella vita dei bipedi umani la forma è sostanza: la Nationale Volks Armee, era l’erede in tutto per tutto della più autentica tradizione militare prussiana. Divisa, elmetto, marce militari di Ludwig Van Beethoven, a gamba tesa, lungo la storica Untern der Linden,tutto ciò la DDR non esitò a ripristinare. Nella Berlino est non vi era posto per nessuna puttana, nessun africano, nessun drogato strafatto, nessun zingaro, nessun alcolizzato, nessun delinquente a lordare le pubbliche vie.Bandiere e striscioni ovunque inneggianti al “sozialismus und vaterland”. Se fossi stato tedesco, personalmente non avrei esitato a varcare il muro ma nel senso contrario. Onore alla DDR un vero bastione teutonico, l’ultima trincea della migliore tradizione prussiana contro il vero unico nemico principale dei popoli esistente nella porcilaia-occidente. Inoltre aggiungo che la DDR per certi versi rappresentava le istanze della corrente di sinistra (nazionalbolscevica) del movimento crociuncinato, liquidato nella notte dei lunghi coltelli. La DDR fu quello che Giambattista Vico definì storicamente una eterogenesi dei fini.

    Reply

  • Pierluigi

    |

    Caro Aldo,
    ormai, pur di condurre la tua campagna noeuro, arrivi a sostenere l’insostenibile.
    Cui prodest?
    Riporti, e ci scrivi un post sopra, che …. ha iniziato a serpeggiare a tratti l’idea di una uscita tedesca dall’Euro con il ritorno al Marco. Questo determinerebbe la nascita di una moneta molto forte, tale da rendere molto difficili le esportazioni nel resto d’Europa ed in Usa, ma il compenso potrebbe essere cercato verso la Russia …..
    Tanto, dal punto di vista economico, è semplicemnte inverosimile se solo si considera che la UE, con circa 27.000 miliardi di pil, è la regione economica più grande del mondo, maggiore della North American Free Trade Area (24.000 miliardi).
    Qual’è invece il PIL russo? 2097 miliardi.

    D’altro canto, anche se l’Unione politica appare lontana, l’Euro dà all’Europa il rango di potenza finanziaria.
    Infatti, a proposito della Cina che tanto ti appassiona, è stato scritto: …la guerra valutaria è un strumento politico di medio termine, per ottenere un obiettivo dichiarato: fare diventare il renminbi una valuta di riserva mondiale. Essere una valuta di riserva può comportare dei vantaggi notevoli per il Paese che la emette; ne sanno qualcosa gli Stati Uniti, che, soprattutto a partire dal secondo dopoguerra, hanno visto consolidarsi il ruolo del dollaro come valuta di riserva. Se una moneta è valuta di riserva, la sua domanda aumenterà, consentendo al Paese di emissione di aumentare la quantità di passività a rendimento zero in circolazione. Quanto più l’aumento di passività a tasso zero è coerente con gli obiettivi macroeconomici del Paese di emissione, tanto meglio sarà per il Paese in questione; in ogni caso, modificando i tassi di interesse la banca centrale del Paese di emissione ha la possibilità di fronteggiare le oscillazioni della domanda della moneta di riserva, tipicamente a suo vantaggio. La Cina vuole che il renminbi diventi una valuta di riserva.http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2015-08-12/la-guerra-non-dichiarata-valute-070211.shtml?uuid=ACmNkYg

    Reply

  • Gaz

    |

    La questone può essere anche vista dall’altro lato: Russia ed Europa; ovvero Germania.
    Nel succedersi dei leader russi, ci sono state personalità che hanno guardato di più all’occidente e altre che si sono chiuse verso una dimensione più domestica.
    Un mercato di 140 milioni di abitanti di buoni prodotti di non eccelso livello tecno-scientifico, come quelli prodotti dalle industrie tedesche o italiane, fa gola, molta gola.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!