Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (7)

  • Avatar

    Adriano

    |

    Professor Giannuli, sulla grande confusione non si può non essere d’accordo con lei. Sulla scarsa qualità della politica in generale, e della politica della parte “progressista” in particolare, pure. Vorrei però soffermarmi sul fallimento del progetto “PD”. Il “nuovo” – uhm! – Partito Democratico, formato dalle classi dirigenti ex comuniste, ex pidiessine, ex diessine, ex democristiane, ex popolari, ex margheritiane, con una spolverata di ambientalismo, di socialismo, di radicalismo ecc, sulla base di un velleitario progetto maggioritario weltro-kennediano, nato nei loft, elitario e, insieme, fatto di grandi orizzonti ma di piccola politica, mi sembra non tanto padre, quanto figlio della confusione regnante. Un prodotto di consumo, che, andata male la vendita (le elezioni), è stato subito ritirato dagli scaffali, sostituito con i classici maccheroni, o, meglio, tortellini.
    Ma d’altro canto il PD è stato l’unico vero progetto, o, meglio abbozzo – detto anche in senso “edilizio” – di progetto politico dal 1992 ad oggi; l’unico tentativo di trovare altre vie alla stantia politica dei partiti italiani. Confuso, incoerente, liquido, ambiguo quanto si vuole, ma comunque è stato la sola novità di rilievo nella politica nostrana della seconda Repubblica. Andava progettato meglio, attorno a una meglio definita e concreta idea di società, e anche gestito meglio, magari riprendendo per esempio dai vecchi partiti non i dirigenti ma la loro formazione, e rivalutando l’idea di militanza in un senso più genuino di quello che le si dà oggi.
    Tenerlo in vita è “solo accanimento terapeutico”? Mah! Non ho risposta. Come lei, però, non vedo in giro nessuna alternativa credibile. E questa potrebbe già essere una risposta.

    Reply

  • Avatar

    marta

    |

    Sul super-attak che tiene saldamente incollati i politici alle poltrone, agli stipendi e ai vitalizi d’oro, ci vuole il potente solvente delle 2 legislature. La ripetitività non deve essere abbandonata.

    Reply

  • Avatar

    Marco

    |

    In realtà la situazione è così “gelatinosa”(tanto per usare un termine di moda) proprio perchè i due grandi partiti italiani rappresentano delle anomalie, delle distorsioni all’interno di un sistema che non funziona. Io il modello di Veltroni l’ho capito, come l’hanno capito tutte le persone che seguono la politica con piglio critico e attento; non era affatto confusa l’idea veltroniana, anzi era chiarissima: fondare una terza Repubblica cambiando le regole del gioco disegnandone i contorni sul modello americano. Puntare su una sfida a due, cancellando e inglobando quel 20% di restante tra i partiti oggi seduti in parlamento, annacquare le distanze politico-programmatica tra due grandi colossi divisi solo dalla battaglia per il governo del paese. Due colossi vicini, protesi in uno sforzo di difesa del capitalismo, del lavoro flessibile, del liberismo. Le differenze in materie di temi sociali, con maggiore attenzione del PD rispetto al PDL, seppur minime, avrebbero retto in realtà il gioco dell’alternanza, diversificando i due contenitori. Da questo punto di vista il progetto veltroniano era chiaro e va dato atto a Veltroni di averlo sostenuto pubblicamente, senza equivoci. E, critiche a parte, il disegno di Veltroni era chiaro, non criptico. Poteva non piacere(a me faceva paura), ma era noto. Se Berlusconi non avesse cominciato dopo 3 giorni a fare le cose strane che solo lui sa fare e se la leadership di Veltroni non fosse crollata il giorno stesso della sconfitta elettorale, oggi probabilmente ci ritroveremmo già con un sistema semi-presidenzialista, magari modellato su quello delle regionali. Fuori da questo sistema sarebbero rimasti l’Udc, che poteva eventualmente accasarsi in un Pdl a guida Formigoni e la Lega, che avrebbe potuto beneficiare di una corsa solitaria al nord con percentuali in aumento e, in ogni caso, dedicarsi al governo del territorio che al nord è cospicuo. Il Pd di oggi è un punto di domanda, Bersani non ha la forza per procedere con coerenza sul sistema tedesco, Berlusconi non è interessato, quindi è molto probabile che nel 2013 si voti con questa legge. Ciò non toglie che l’idea di Pd che aveva Veltroni era chiara, o meglio era poco chiara perchè lo doveva essere per natura. Parole come “voto utile”, “vocazione maggioritaria”, “autonomia” del resto si iscrivevano in un contesto chiaro e non discutibile. Chi stava in quel partito e lo trattava con disprezzo (non faccio nomi, Massimo D’Alema) evidentemente puntava ad altro. Legittimo per carità, ma inutile dal punto di vista del consenso e della credibilità.

    Reply

  • Avatar

    cesare laino

    |

    come vede le “liste movimento 5 stelle”? possono essere davvero espressione di un modo nuovo e soprattutto efficace di fare politica? potranno diventare espressione della politica del fare?

    Reply

  • Avatar

    Adriano

    |

    A Marco: giustamente individui quello che è stato il limite/carenza più importante del “disegno” – “strategico” più che politico – di Veltroni, allorché scrivi: “Le differenze in materia di temi sociali, … , seppur minime, avrebbero retto in realtà il gioco dell’alternanza, diversificando i due contenitori”. Infatti dietro, o, se vuoi, alla base dell’ “idea” veltroniana “made in USA” di … politico (idea di società, economia, ecc.) c’era ben poco, a parte i “sogni” che Veltroni ci faceva fare durante i suoi comizi (in Sardegna quello della Solar Valley, tanto per fare un esempio), che proprio perché tali erano confusi, o, se vuoi, “brumosi”. Da qui una certa difficoltà ad identificarsi con quel programma.
    In più l’ “idea” di partito, di organizzazione politica, che a Veltroni era ovviamente chiara ma, ti assicuro, a tanti altri un po’ meno, s’è scontrata con una radicata tradizione di partito, diciamo così, “pesante”, senza riuscire ad arrivare ad un compromesso. E qui il discorso si farebbe lungo.
    Comunque continuo a pensare che il PD, che non è affatto un’idea del solo Veltroni, “è stato la sola novità di rilievo nella politica nostrana della seconda Repubblica”.

    Reply

  • Avatar

    Marco

    |

    Non metto in discussione il fatto che l’idea di Partito democratico non fosse ad esclusivo appannaggio di Veltroni. Io sono stato per un anno e mezzo dirigente del partito sul territorio, ho visto quello che funzionava e quello che non funzionava. La campagna elettorale di Veltroni è stata oggettivamente buona dal punto di vista della comunicazione e della capacità di suggestionare il “popolo” del Pd e non solo. Il punto è che conteneva in nuce una sostanziale vacuità, una povertà di contenuti determinata anche e soprattutto dal fatto che la costruzione di un partito di quel tipo era affidata alla contingenza di una campagna elettorale estemporanea ed emotiva, imbastita in poco più di 2 mesi dopo la caduta annunciata ma improvvisa del governo Prodi. Ciò non toglie che quel modello di partito poteva essere sostenibile solo ed esclusivamente a condizione che fosse supportato dal consenso e dalla vittoria elettorale. Scemato l’entusiasmo della piazza e dei comizi, la questione veltroniana di apertura elastica a modelli sconosciuti all’elettorato e ai militanti classici della sinistra “ufficiale” si è sfarinata in un istante, proprio perchè vittima della sua vacuità e della sua labilità. Tornare a un modello di partito “popolare”, quello della trippa alle feste dell’unità è una scelta che contiene la sostanziale sconfitta del progetto veltroniano. Rimane il fatto che nè questo nuovo modello bersaniano, nè quello veltroniano avevano e hanno il potenziale per giocarsela con la concorrenza. Non credo che il pd abbia un futuro, probabilmente si ridurrà ad essere una “cosa 3”, un partito oscillante tra il modello socialdemocratico europeo(che mi pare stia avendo problemi significativi anche oltralpe) e qualche cosa che assimoglia vagamente all’ulivo di rutelliana memoria. Contenti loro…

    Reply

  • Avatar

    Jerold

    |

    Please let me know if you’re looking for a article writer
    for your blog. You have some really great posts and I think I would be a
    good asset. If you ever want to take some of the load off, I’d absolutely love to write some
    material for your blog in exchange for a link bac to mine.
    Please send me an e-mail if interested. Cheers!

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!