Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (16)

  • Vincenzo Cucinotta

    |

    Sì, devo dire che appena saputo che Bergoglio non sarebbe andato, almeno subito, ad abitare nell’appartamento papale, non ho potuto non pensare che temesse di essere ucciso come forse è avvenuto per papa Luciani: come dire, non si tratta solo di buone compagnie, ma proprio di sopravvivenza fisica…

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      e forse non solo paura fisica. Ad esempio, può essere molto fastidioso essere ascoltati durante una coinversazione risercvata. Oppure avere gente che, con la ascusa delle pulizie, caccia il naso nelle tue carte, come è già accaduto. Ti pare?

      Reply

  • Simone Mucci

    |

    Magari di lobby gay e di questioni simili Bergoglio può aver discusso con Ratzinger quando i due si sono incontrati privatamente a Castel Gandolfo, per discutere di alcuni documenti che il secondo ha consegnato al primo.

    P.s. a proposito di buona compagnia, anche l’enciclica scritta a quattro mani con Ratzinger potrebbe essere indicativa della ricerca di un qualche sostegno, umano e non?

    Reply

  • Caruto

    |

    L’abitare al santa Marta fin dall’inizio mi e’ sembrato un modo per avere piu’ liberta’ di manovra e meno controllo. Magari e’ stato un consiglio del papa uscente o del suo segretario.

    A rischio di apparire ingenuo, quello che non riesco a capire e’ perche’ sia cosi’ difficile sbloccare la situazione attuale, essendoci la volonta’ del papa, la sua determinazione ed una certa chiarezza di idee.

    Vittorio Messori ha espresso opinioni abbastanza critiche sull’attuale papa, ufficialmente per il suo proposito di intervenire sullo IOR.

    Posso pensare che insieme ai mascalzoni ed ai ricattati, ci sia una corrente conservatrice molto coriacea, e che i fronti innovazione/conservazione si dividano (anche) su fratture ideali.

    Cosa ne pensa il Prof. Giannuli?

    Reply

  • makno

    |

    gentile prof. giannuli, so che non è la sede appropriata ma gradirei una suo commento o intervento ad hoc su questa notizia “La crescita drogata dalle attivita’ di credito non reggera’ e il problema di una sovracapacita’ strutturale potrebbe provocare una deflazione alla giapponese”. Questo l’avvertimento del direttore dell’agenzia di rating Fitch a Pechino, Charlene Chu.
    Nelle dichiarazioni rilasciate al Telegraph, l’analista ha osservato che “non c’e’ alcuna trasparenza nel sistema bancario correlato e il rischio di una crisi sistemica sta aumentando progresivamente. “Non sappiamo chi sono i debitori, chi sono i creditori e quale e’ la reale qualita’ degli asset”.
    I prestiti a rischio pignormaneto delle banche rappresentano solo l’1%, ma i dati ufficiali nascondono una verita’ scomoda. I fondi pensione, quelli offshore e speculativi, cosi’ come altri veicoli di investimento irregolari costituiscono oltre la meta’ del nuovo credito.
    “Cio’ significa che gran parte dell’espozione del sistema bancario all’immobiliare non e’ messa a registro come mutui o prestiti immobiliare”.
    con stima e cordialità makno

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      makno: ne parliamo la prossima settimana. Per ora mi limito ad osservare che non c’è sessuna novità: è la situazione che ha portato al crollo del 2008 e che non è mai cambiata perche nessuno ha mai cercato di cambiarla davvero.

      Reply

  • Pietro Speroni

    |

    Susate l’ingenuitá, ma il papá non ha poteri enormi all’interno del vaticano? Cioé cosa lo ferma semplicemente dal sostituire tutte le persone.

    Grazie,
    Pietro

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      Pietro Speroni: sulla carta è come lei dice, ma in realtà il governo della Chiesa si è sempre retto su tre gambe: il Papa (che rappresenta il principio monarchico), la Curia (che rappresenta l’elemento oligarchico) e l’episcopato residenzale (che rappresenta quello democratico). D’akltra parte anche nelle monarchie assolute il re doveva fare i conti con la Corte.

      Reply

  • Mirko G. S.

    |

    Papa Luciani era molto malato quando fu eletto. Inoltre è vero come dice il prof. che un sacerdote prima di venir nominato ha una ideologia e dopo la nomina a papa le cose cambiano, tuttavia si sapeva a grandi tese che tipo era papa Luciani.

    Reply

  • puppa

    |

    lobby gay e mafia vanno a braccetto perchè la prima è estremamente ricattabile e la seconda sui ricatti basa i suoi affari , mi pare perfetto.

    Reply

  • salvo lombardo

    |

    e le altre lobby? i pedofili,gli usurai,i mercanti di armi? esistono ancora,o sono coperte dal grande paravento gay?

    Reply

  • Rosetta Gillespie

    |

    Roma, 11 giu. (Adnkronos) – “Nella Curia c’e’ gente santa, veramente c’e’ gente santa. Ma esiste anche una corrente di corruzione, anche questa c’e’, davvero. Si parla di ‘lobby gay’, ed e’ vero, e’ li’…dobbiamo vedere cosa possiamo fare…”. Sarebbero queste le parole pronunciate da Papa Francesco nel corso di un incontro pochi giorni fa con i rappresentanti della Confederacio’n Latinoamericana y Caribeña de Religiosas y Religiosos (Clar), secondo quanto riportato dal sito cileno ‘Reflexion y Liberacion’.

    Reply

  • giandavide

    |

    mah io trovo l’utilizzo del termine “lobby” abbastanza fuorviante: una lobby degna di questo nome dovrebbe essere in grado di influenzare l’ente in cui è impiantata per raggiungere i suoi fini. bene. risulta a qualcuno che la chiesa abbia aperto in qualche modo agli omosessuali, grazie alla “regia occulta” della “lobby gay”? a me no, quindi come lobby mi risulta che la “lobby gay” non conta un cazzo, al contrario di altre lobby ben più adatte a questa denominazione. poi non è nemmeno detto che il papa abbia pronunciato esattamente la parola lobby. non credo che bergoglio si sia accorto solo ieri che esistono i gay, e probabilmente si tratta di manovre circostanziate per isolare la curia e certi elementi tradizionalisti.
    d’altra parte misseri ha citato poco tempo fa il sito d’incontri per preti gay, che era pure presente dal 2007 e sul quale scrivono pure i tridentinissimi lefeviani, e sembra che l’argomento sia tornato in auge. e i casi sono due: oltre alla strategia di attacco alla curia, potrebbe essere possibile la preparazione all’apertura della chiesa ai gay. e non per la lobby, ma perchè i gay sono tanti e sono mediamente più devoti degli etero: per quanto tempo potranno ignorare una fetta di mercato così grossa?

    Reply

  • Roberto Buffagni

    |

    !Que viva el comandante Francisco! il papa garibaldino…

    Reply

  • Ugo Agnoletto

    |

    l’istituzione che condiziona troppo il papa sono i cardinali. Il Vaticano II dice che il potere del papa non deve essere disgiunto dal collegio episcopale, cioè il papa dovrebbe agire in comunione con vescovi, soprattutto attraverso i sinodi. Ora mi chiedo: Bergoglio, da quando è papa, ha appreso diverse cose che prima non sapeva. Dovrebbe chiedersi: come mai prima non sapeva o non voleva sapere? Ne aveva non solo il diritto, ma anche il dovere! Secondo: cosa stà facendo per coinvolgere, su questi problemi, i vescovi e cosa stà facendo per lasciarsi coinvolgere da loro? Non penserà mica di rivolvere tutto da solo! Lo stesso ragionamento vale per i vescovi nei confronti dei preti e dei preti nei confronto dei laici. Ormai è impensabile una riforma calata dall’alto e basta.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!