Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (11)

  • Avatar

    mirko g. s.

    |

    Non è un po’ complottologico sostenere che la LB non sia fallita ma sia stata fatta fallire per esperire un esperimento sulle ripercussioni sul mercato per preparare il superamento del denaro tramite la criptovaluta? Per carità il ragionamento fila e il dialogo con Tremonti quantunque solo accennato è pur sempre suggestivo ma si potrebbero avere più fonti?

    Reply

  • Avatar

    Amedeo

    |

    Articolo illuminante per la sua semplicità: mai letto nulla di simile sul tema!

    Semplicità per semplicità, pongo solo una domanda: legge di Gresham (“la moneta cattiva scaccia quella buona”, perché la buona viene tesaurizzata e la cattiva circola – magari svalutandosi). Vale ancora? Chi fa da garante del valore dei bitcoin? Brutalizzo e banalizzo: se una moneta aurea incorpora il proprio valore, se una moneta a corso forzoso (un pezzo di carta come l’Euro) ha valore legale perché lo Stato lo impone “con la forza” e garantisce che ne accetta e soprattutto ne accetterà sempre pagamenti in tasse… chi garantisce per il bitcoin?

    Le singole banche private? Perfetto: bisogna però passare in toto dalla moneta convenzionale a quella elettronica (Svezia e India ci stanno lavorando…) e quindi lo stato (gli stati) dovranno accettarla come moneta legale: solo quando accadranno queste cose potrò comprare pane e latte in bitcoin.

    Si intuisce dall’articolo che vi sia, sottotraccia, un disegno in tal senso: è vero?

    Reply

  • Avatar

    foriato

    |

    Eccellente argomento per una quarta storia extra vagante… Riguardo alla misteriosa identità di Satoshi Nakatomo, come ricorda don Carlo Cipolla nel suo gustoso e amenissimo libro: «se c’è un posto al mondo in cui si profili qualche possibilità di guadagno, potete star certi che vi troverete un genovese», qualche sospettato?

    https://www.youtube.com/watch?v=opsVl2C1LcQ

    Reply

  • Avatar

    Chiara

    |

    So molto poco ..e mi chiedo come si accede al possesso dei Bitcoin ..dall articolo mi pare di capire che si paga in energia consumata ..a chi giova ..?
    La scomparsa del suo ideatore mi inquieta..così come la mancanza di trasparenza base della democrazia…

    Reply

    • Avatar

      mirko g. s.

      |

      Il bitcoin per poter essere usato ha bisogno di una ingente mole di calcoli criptografici per garantire le identità delle parti, questi calcoli richiedono computers molto potenti e quindi molta corrente elettrica, tanto che al momento i cd. “minatori” che estraggono i dati decriptandoli guadagnano una piccola commissione per questo lavoro. Al momento si stanno affacciando sugli scaffali dei computers con processori ottimizzati per il calcolo criptografico ma i calcoli continuano ad essere una sfida per pochi altamente attrezzati. Lessi qualche giorno fa di un americano che aveva installato un PC nel bagagliaio della propria Tesla per usare la corrente a sbafo per “spicconare” i dati delle transazioni in bitcoin mentre era parcheggiato ad una colonnina elettrica… : D

      Reply

  • Avatar

    Giovanni Talpone

    |

    Mancano però alcune informazioni di base: fino a che punto una transazione in bitcoin è tracciabile? E dove sono i punti di compravendita fra bitcoin e valute tradizionali?

    Reply

  • Avatar

    Massimo Soricetti

    |

    Ci sono già delle grosse somme di bitcoin “disperse” che non sono più in circolazione, famoso il caso di un tizio che ha buttato via per errore un hard disk con 180 milioni di dollari (al cambio attuale) di bitcoin. E il Bitcoin esiste da neanche dieci anni. Le criptovalute hanno un problema: se l’hard disk ti si rompe, PERDI TUTTO.

    Ed è inutile parlare di copie di sicurezza (che tanto uno non fa mai, e che in questo caso sono pure un rischio: se ti fregano una copia di sicurezza perdi tutto lo stesso, se non te ne accorgi subito e non reagisci immediatamente): il punto resta. L’hardware si rompe sempre prima o poi.
    Per cui, a lungo andare (decenni, secoli) è ragionevole supporre che tutti i bitcoin esistenti spariranno dalla circolazione. Non proprio il massimo, per una moneta, essere soggetta a svanire nel nulla.

    Questi due difetti, gravi, offrono una sponda al tanto vituperato sistema bancario: certificare il possesso di somme di bitcoin e garantirne la sopravvivenza in caso di guasti e smarrimenti. Non vedo molte altre alternative: se si vuole davvero che il sistema bitcoin prenda il posto della moneta reale, i suoi difetti devono per forza essere corretti in qualche modo.

    C’è anche un altro punto a favore di questo sviluppo: gli stati non cederanno MAI la loro sovranità monetaria (la Cina ha già vietato il sistema Bitcoin, la Russia sta creando una sua criptomoneta) e correggere i difetti delle criptomonete è un’occasione per rientrare in gioco.

    Reply

  • Avatar

    Mohicano79

    |

    Buonasera a tutti. Leggo con attenzione poiché ciò che non si conosce, può avere un uso distorto (esempio l’energia atomica che viene utilizzata per far esplodere una testata nucleare anziché una centrale). Ho avuto a che fare con il lato oscuro dei bitcoin, utilizzati come moneta di scambio proprio per un’estorsione online. Il cryptoloocker aveva bloccato i file del pc di un tizio che si è rivolto a noi e del quale anche la polizia postale non aveva contezza (parlo del 2013). Lavorando su server esteri, i criminali della rete godono dell’impunità totale, mentre chi si è trovato col riscatto, ha pagato con moneta REALE facendo una transazione estera per acquistare un BITCOIN IRREALE (che è stato immediatamente girato ad altro ignaro acquirente). Se questo è il futuro, l’era della pietra si ri-appropriera’ del 99% del globo e di quelli che non saranno in grado di difendersi. È un mio parere. Non è vangelo. Attendo un master del prof. Curioni.
    Cordialità

    Reply

    • Avatar

      Roberto B.

      |

      E’ di oggi la notizia di uno scivolone del Bitcoin, che perde in poche ore oltre il 20% del valore.
      Se qualcuno vuole giocare con i Bitcoin, si accomodi, ma si scordi di pagarmi per avere Vicolo Corto o altre caselle: se le vuole, deve pagarmi in moneta Monopoliana, altrimenti nisba!

      Reply

  • Avatar

    napalm51

    |

    del doman non c’é certezza; qualcuno diceva.

    attualmente è corretto quello che sostiene l’autore, ma la società è in evoluzione costante e nel prossimo entrano in gioco i sistemi di cryptografia quantistici e relativa messaggistica, e energia di fonti rinnovabili.
    Perciò se ho una fonte di energia eterna, il costo non si pone. La questione è il modello e come verrà gestito.
    Mentre una piattaforma elettronica senza possibilità di ritorno

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!