Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (11)

  • victorserge

    |

    io sono per la dittatura dei sovieti.
    che è la massima forma di democrazia mai esistita sulla faccia della terra.
    con un presidente che ratifichi le supreme volontà dei sovieti; non che formi governi o metta a capo dei governi elementi nemmeno votati dal popolo.
    la democrazia è e deve essere un cosa pratica, non una pratica corruttiva nelle forme del potere.

    saluti

    victorserge

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      la dittatura dei soviet “massima forma di democrazia mai esistita”?
      Mha! Per lo meno non firmarti victr serge che sarebbe inorridito per uan bestialità del genere

      Reply

      • victorserge

        |

        caro aldo, non intendo darti lezioni, lungi da me perversioni simili, però non mi sembra fossero proprio un organismo che avrebbe fatto inorridire victor serge visto che fece parte dell’urss fin dagli inizi e poi fù ingiustamente perseguitato dagli stalinisti.

        tratto da:

        http://www.pbmstoria.it/dizionari/storia_mod/s/s136.htm

        SOVIET
        (consiglio) Organismo elettivo russo, cellula base della democrazia di massa su cui fu originariamente organizzata la struttura statale dell’Urss. Il primo soviet nacque a Pietroburgo durante la rivoluzione del 1905. Risorti con la rivoluzione del febbraio 1917, i consigli degli operai, soldati e contadini si svilupparono come strumento rivendicativo e luogo privilegiato d’intervento politico delle correnti socialiste. I bolscevichi, in particolare, fondarono la loro strategia insurrezionale sull’egemonia dei soviet come strumenti di potere alternativo sia all’apparato burocratico zarista che ai governi provvisori borghesi (Tutto il potere ai soviet fu la parola d’ordine di Lenin). Allo scoppio della rivoluzione d’ottobre (1917) il II Congresso panrusso dei soviet seguì le indicazioni dei bolscevichi proclamandosi depositario del potere statale e approvando i decreti sulla pace e sulla terra redatti da Lenin. Da allora i soviet divennero la base del nuovo ordinamento statale, anche se progressivamente svuotati d’autonomia decisionale e sempre più direttamente condizionati dalle decisioni del Partito comunista. L’ordinamento sovietico si costituì in forma piramidale partendo dai soviet dei villaggi e delle città (eletti da tutti i cittadini), passando per quelli delle repubbliche, fino al Soviet supremo, il parlamento federale dell’Urss.

        cordialità

        victor serge

        Reply

  • giandavide

    |

    d’accordo sulle basi ma non sulle conclusioni. io il presidenzialismo non lo vorrei comunque. come in generale preferirei che questo parlamento faccia il meno possibile, data la forte tendenza a fare danni ogni volta che aprono bocca

    Reply

  • stefano re

    |

    Addavenì l’Isis 🙂

    Reply

  • mauro suttora

    |

    caro Professore,
    concordo su tutto, e complimenti per l’abituale acutezza.
    Un’unica curiosità: lei scrive che non c’è mai stato un governo durato tutta una legislatura. Forse però Berlusconi che ha governato dal 2001 al 2006 può essere considerato tale, anche sei i governi furono due.
    L’uscita dell’Udc nel 2005 (che fece cadere il Berlusconi 2 dopo la sconfitta del centrodestra alle regionali) fu un evento minore, infatti i ministri più importanti (Interni, Esteri, Giustizia, Economia, Difesa, Istruzione) non cambiarono

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      ma con questo criterio anche diversi governi della prima repubblica dovrebbero essere consuderati uno, ad esempio lo “Spadolini fotocopia”, scegliendo un criterio omogenero il risultato è di un a durata media di poco superiore dei governi nella seconda repubblica. Poi anche la mini crisi del 2006 fu tutta interna alle dinamiche dei governi di coalizione che l’adozione del maggioritario non riuscì a mutare

      Reply

  • Vincemaggi

    |

    Caro Professore, come al solito le sue analisi sono, per me, allo stesso tempo stimolanti e irritanti. Stimolanti in quanto anche uno di cultura e intelligenza politica media come me resta affascinato e incuriosito dalla elefantiaca memoria storica che Lei possiede e dall’uso analitico preciso e didattico che ne fa. E’ molto stimolante, mi creda, e di questo la ringrazio. Dove mi irrito e quando passa alla attualizzazione di quanto analizzato. Trovo purtroppo i limiti concettuali propri di certa sinistra italiana che esauriscono la loro funzione nella denuncia guardandosi bene dallo sporcarsi le mani con il presente. E cosa c’è di più esaltante di stare perennemente all’opposizione con la coscienza pulita di aver fatto la critica più feroce ad ogni atto del governo? Non me ne voglia, ma la sinistra in Italia ha perso troppe occasioni in passato. Un passato di errori in cui anche molti come lei hanno dato il loro contributo.

    Reply

    • victorserge

      |

      il suo post è interessante: quali occasioni ha perso la sinistra in passato?
      e soprattutto, quali sono le responsabilità di giannuli e di quelli come lui?
      si spieghi meglio, se può.

      grazie

      cordialità

      victorserge

      Reply

  • Clemente

    |

    Un metodo per garantire la durata dei governi è quello tedesco della sfiducia costruttiva, che funziona con il proporzionale. Infatti la Germania ha avuto i governi più stabili d’Europa da cinquant’anni in qua. Questo sistema avrebbe altri vantaggi, ad esempio quello di ridurre l’abuso del ricorso alla fiducia da parte dei governi, perché la minaccia del provocare lo scioglimento del parlamento sarebbe un’arma spuntata dato che il governo non cadrebbe con un semplice voto di sfiducia.

    Reply

  • Paolo Federico

    |

    Un mio amico catanese raccontava che ai tempi dell’università un gruppo di laureandi in giurisprudenza formò una associazione e si diedero uno statuto che, a suo dire, era meglio della costituzione italiana. Inutile dire che nonostante ciò l’associazione non durò neanche un anno.
    E’ la costituzionale slealtà del politicante italiano che vanifica qualsiasi riforma, mandiamo in parlamento esseri umani dalle caratteristiche spiccatamente subumane, in loro non si rintraccia nulla, ma proprio nulla di edificante. Ne volete degli esempi? Vi posso fare un elenco con nomi e cognomi.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!