Aldo Giannuli
Martino Iniziato

Martino Iniziato

Laureato in scienze storiche presso l’università degli studi di Milano ha imparato a fare siti internet quasi per gioco e lo ha trasformato in un quasi-lavoro. Un po' giornalista, un po' cameriere, un po' promotore d'eventi culturali è tra i fondatori dell'Associazione Lapsus, collabora con Aldo Giannuli dal 2006 e si rivede molto nella definizione springstiniana di "Jack of all trade": tuttofare. Tra le altre cose, è il curatore di questo sito per conto di Tanoma.it. Su twitter è @martinoiniziato

Commenti (12)

  • Avatar

    Sebastiano

    |

    26000 guardie forestali? Che io sappia le guardie forestali in Sicilia sono state ridotte a poche centinaia. Altra cosa sono i forestali (operai forestali) che sono 26000 con contratti vari (spesso a “chiamata”?) ecc.

    Reply

  • Avatar

    Sebastiano Nicolosi

    |

    aggiungo: “a chiamata” significa che vengono chiamati quando ci sono gli incendi, quindi… Riguardo all’abolizione del Corpo Forestale (accorpamento ai CC) è un’idea di Renzi e a lui molto cara, il che mi fa insospettire…

    Reply

  • Avatar

    Paolo Selmi

    |

    Martino buongiorno! Ottimo intervento, così come accurata l’analisi, in cui mi ritrovo pienamente. Il reato di strage è il più appropriato: strage prima, con la devastazione del territorio, strage dopo, quando gli abitanti gireranno i centri oncologici di tutta Italia alla ricerca di una soluzione al loro male. E rabbia, tanta rabbia perché tutto accade nella passività generale. Hai citato giustamente gli organismi di sicurezza e controllo. Ed è giusto: è inutile prendersela con la passività di una popolazione stremata da decenni di lotte inutili, frustrata dal muro di gomma che ogni comitato spontaneo o no incontra al livello successivo e risolutivo, resa impotente, cornuta e mazziata dalla logica imperante che, con l’ultima parola sempre in bocca, gli dice, in genere nel dialetto locale visto che il tasso di cultura di questi signori decresce coll’aumentare del diametro del rotolo di banconote in tasca: a vistu? tuttu stu casinu? i ppi ‘ccene? ma ‘ba ‘ccurcate. (ognuno poi lo declini nel dialetto che meglio crede, tanto ormai da Lavagna (GE) a Brindisi siamo tutti nella stessa barca…) Abito a venti chilometri da una città che ha come appellativo la “Città giardino” (Varese). Ed è vero, ma ho imparato girandola e vivendoci che tutta l’Italia è un giardino, bellissimo, da Nord a Sud. Non c’è un luogo che non abbia un suo fascino particolare, una sua storia. Pur avendo un occhio abbastanza allenato e uso a codici urbanistici e paesaggistici ormai stranoti, non smetto mai di sorprendermi, e di immortalare il tutto in qualche lavoro in bianco e nero, quando penso che mi sia riuscito bene. https://www.flickr.com/photos/114270893@N02/ Per questo mi incazzo doppiamente, oltre che per esserne stato colpito in prima persona. Un caro saluto.
    Paolo Selmi

    Reply

  • Avatar

    adamenzo

    |

    innanzi tutto una precisazione: i 26000 forestali sono lavoratori a turno, ovvero lavorano dai 56 ai 100 gg l’anno. solo pochi hanno un contratto che li vede coprire l’intero anno solare.
    inoltre, considerata la, comprovata in altre epoche e per altre faccende, contiguità tra mafia e uomini dei servizi, possiamo essere sicuri che cosa nostra agisca esclusivamente in proprio e non sia invece “servizievole”?

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      be i forsetali sono stagionali anche in diverse altre parti del mondo, ma da nessuna parte si arriva a quei numeri

      Reply

      • Avatar

        adamenzo

        |

        forse in nessuna altra parte c’è “lu pitittu” (la disoccupazione e la fame) che attualmente c’è in sicilia……..
        se si tagliano con ogni pretesto (ventate di antimafia o di fedina penale pulita) anche queste risorse, nell’isola non resterà più nessuno.
        tuttavia una razionalizzazione (non alla maniera “governativa”) del servizio è indispensabile.

        Reply

  • Avatar

    Paolo Selmi

    |

    PS Parlando di Sicilia, sono venuto a conoscenza di questo comitato. Leggendo tra i documenti e i filmati prodotti, mi sono accorto di come sia emblematico di tante altre esperienze di comitati dal basso nel nostro Paese. http://www.maurizioscarpari.com/controterna/

    Reply

  • Avatar

    fortebraccio

    |

    l incendio è stato appiccato scientificamente da gente addestrata.hanno usato persino i gatti,per fare propagare l incendio.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Nei mafio piromani si legge un brutto senso di invidia e assoggettamento verso ciò che è più alto, come un albero, che pertanto va bruciato e livellato e verso la profondità della terra, che va sventrata e avvelenata per essere ricucita. In entrambi i casi -alberi e profondità- la cifra comune è la tortura dell’ambiete, di ciò che è più grande, che va rimpicciolito e sfruttato.
    … tanto loro bevono acqua minerale, come diceva un camorrista durante una intercettazione telefonica.

    Reply

  • Avatar

    andrea

    |

    non per fare il sudista a tutti i costi, ma anche con 26000 forestali, se poi i soldi per fare le opere di prevenzione vengono tagliati sia a roma che a palermo, non si fa un cippa. e non la farebbero manco in sud tirolo..

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!