Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (5)

  • Avatar

    Gatti renato

    |

    Concordo sia sulla tesi keynesiana per cui chi e’ cronicamente esportatore rischia a lungo termine che l’insolvenza dell’importatore cronico lo coinvolga; sia sull’accenno allo standard retributivo altrove approfondito dal prof. brancaccio

    Reply

  • Avatar

    paolo agnello

    |

    secondo me tutti i paesi europei e non dovrebbero prendere esempio dall’islandia ossia RInazionalizare la moneta e le banche!!!!

    Reply

  • Avatar

    steffa88

    |

    avanzi o disavanzi del 5% mi sembrano ben poca cosa, specie se parliamo di paesi che adottano la stessa moneta. Ad ogni modo per raggiungere la parità nella bilancia dei pagamenti l’Italia dovrebbe a mio avviso investire nel risparmio energetico e nella produzione di energia, soprattutto per quanto riguarda la ricerca e sviluppo, considerato che buona parte del deficit è causato dall’importazione di combustibili fossili

    Reply

  • Avatar

    Tommaso Coen

    |

    l’intervento del prof brancaccio mi lascia parecchi dubbi sinceramente, nell’ordine:
    1- dice :”Le analisi empiriche rivelano infatti che gli spread sui tassi d’interesse sono correlati a numerose variabili: in particolare anche ai deficit e ai debiti verso l’estero, privati e pubblici[…] Il surplus commerciale segnala che il Paese non avrà bisogno di deprezzare la propria moneta per reggere la concorrenza, il che rassicura i creditori circa il valore futuro atteso dei titoli emessi.” mi domando che valore abbia questo argomento nello spiegare lo spread tra titoli italiani e tedeschi, condividendo Italia e Germania la stessa valuta…se questo è il canale di trasmissione che lega bilancia commerciale e spread, qui semplicemente manca!!
    2-“Il problema sorge quando le vendite speculative colpiscono più Paesi…” quali vendite speculative? Se ne è parlato tanto e gli si è assegnato un ruolo centrale nella fase più recente della crisi europea, ma è un ruolo che in realtà pare essere stato principalmente delle vendite EFFETTIVE, non di quelle SPECULATIVE! (si veda qui http://www.noisefromamerika.org/index.php?module=comments&func=display&cid=73931 o, semplicemente, si noti che da quando le vendite allo scoperto son state vietate non è cambiato nulla!)
    3- completo accordo sul bisogno che il paese ha di ricominciare a crescere (probabile disaccordo sul come, argomento sul quale l’articolo non si sofferma)
    4- mi è completamente oscura l’ultima parte dell’articolo…quando avrò capito concretamente cosa significhi saprò dire se mi trova d’accordo o meno.

    come convivono le tesi dell’articolo coi miei punti 1 e 2? sono confuso io o sono queste ad essere campate per aria e inapplicabili al caso italiano?

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!