Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (42)

  • Avatar

    luigi

    |

    Caro Professore,
    non disperi! Questi disastri li vedrà anche Lei, l’accelerazione dei processi è talmente grande che le catastrofi sono molto più vicine di quanto possa sembrare.
    L’unico politico di di questo periodo che passerà alla storia probabilmete sarà Papa Francesco.

    Reply

    • Avatar

      leopoldo

      |

      Poi coi miracoli della medicina, un po’ di accanimento terapeutico, magari un pizzico di ricredimento religioso (-:verso la fine non si sa mai:-), il miglioramento delle tecnologie potresti anche vedere un governo Civati con vice Fassina.;D

      Reply

  • Avatar

    Andrea

    |

    Illuminante come sempre

    Reply

  • Avatar

    FRANCESCO FACCIN

    |

    Auguri????…..non so se stiamo meglio noi o Lei!!!!!!!!!!

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      io e quelli della mia generazione, ormai siamo sulla via dell’ucita

      Reply

  • Avatar

    giospel

    |

    Data la carenza di persone eccezionali i monumenti del futuro avranno solo i cavalli!
    Disse un tale di cui non ricordo il nome.

    Reply

  • Avatar

    mario fragnito

    |

    Caro prof., non sono d’accordo con la sostanza del suo articolo. Io mi reputo essere marxista e per i marxisti le personalità che emergono nella storia sono solo quelle che ne interpretano bene il corso riuscendo di conseguenza a guidare il suo andamento. Ora sta avvenendo che il capitalismo, nella sua fase declinante e questo è evidente, può esprimere soltanto leader e personalità di basso spessore e profilo connaturati al corso storico che stiamo attraversando. I leader, tipo Berlusconi, come lei stesso ha affermato sopra, saranno ricordati solo per la loro mala politica o la loro inconcludenza. Non dipende da loro ma, scusi se lo ripeto, dalla fase storica che stiamo attraversando e non potrebbe essere altrimenti.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      si ma non vedo in cosa siamo in disaccordo

      Reply

  • Avatar

    david arboit

    |

    Passerà alla storia anche il fatto che gli Italiani dopo avere votato a milioni un politico miliardario che era un comico dilettante, hanno votato a milioni un politico che era un comico professionista. Io nei libri di storia questo lo scriverei.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      va bene ma vedo chenel tuo racconto non c’è proprio spazio per Renzi ed il Pd

      Reply

      • Avatar

        david arboit

        |

        Non so se la storia riterrà rilevante il fatto che un liberale poco democratico sia diventato il capo di un partito formato da cristiani democratici e comunisti democratici.

        Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          be qui cominciamo ad andare d’accordo

          Reply

        • Avatar

          Giacomo

          |

          Ne dubito. Ma certo lo ricorderà per aver tentato (e temo anche riuscito) di distruggere quello che era rimasto di parlamentarismo in Italia.

          Reply

    • Avatar

      Paolo Federico

      |

      Leggo sempre con interesse i suoi commenti, con i quali spesso concordo, ma questo suo ultimo commento proprio non lo capisco.
      Per quale arcana ragione votare a milioni un architetto professionista sarebbe dignitoso, mentre votare un comico professionista sarebbe disdicevole?
      Perché assimilare Berlusconi a Grillo? Lo trovo molto ingiusto: stiamo ai fatti e su questi e soltanto su questi si esprimano i giudizi!

      Reply

      • Avatar

        Paolo Federico

        |

        A David Arboit naturalmente

        Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    Mmmmmm. Brutta giornata prof.?
    Quando ha scritto questo articolo, il bicchiere doveva proprio sembrarle mezzo vuoto.
    Tanto da dimenticare che assieme ai lati negativi, i cambiamenti hanno in se anche i semi di quelli positivi, sebbene spesso indesiderati da chi ha dato inizio ai cambiamenti stessi.
    Poi, a proposito di D’Alema, ha anche lui la sua medaglietta da mostrare, in corresponsabilità con Prodi: l’aver dato inizio alla liquidazione delle aziende della galassia IRI. Che ha dato i suoi frutti velenosi: oggi non abbiamo più la ricerca applicata, perchè per i privati è costosa, rischiosa e non spesso non paga, e nel pubblico sopravvive solo nei centri universitari, che però non hanno fondi e soprattutto non sanno con chi dialogare.

    Reply

  • Avatar

    victorserge

    |

    aldo giannuli; una domanda: ma quanto hanno inciso le tue consulenze parlamentari sulle scelte politiche dei nostri rappresentanti?

    cordiali saluti

    victor serge

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      perchè avrebbero dovuto?

      Reply

      • Avatar

        victorserge

        |

        ma la domanda non era se era loro dovuto ascoltarti; ma se ritieni che le tue consulenze abbiano inciso sulle scelte dei politici: hanno inciso poco tanto o nulla?

        Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          nella prima occasione, gennaio-fennraio 1994 fine XI legislatura, lar realzione finale la scrissi io e fu votata all’unanimità salvo la Lega
          nella XII legislatura riuscii a far passare alcuni risultati partziali e tentai di rimettere insieme i cocci dopo l’incongrua uscita dei Dc che con una loro relazione di partito mandatono a pallinno l’ipotesi di una relazione conclusiva ma non ci riuscii perchè Pellegrino preferì non farlo e scrisse il suo libro intervista con Fasanella e Sestrieri
          nella XIII legislatura la commissione Mitrokhin finì seza nulla di fatto esemplicemente sciogliendosi

          Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Il vice conte Max, Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Piano, ha vinto molte lotterie per disporre di cospicui mezzi finanziari. Nel suo profondo è un vigneron, ma in pochi lo sapevano e lo sanno.
    P.s. L’Adagio di Albinoni non è di Albinoni, non ha nulla di barocco. Tra le tante interpretazioni si segnala quella dei Doors.
    https://www.youtube.com/watch?v=Bms33Rjj6iY

    Reply

  • Avatar

    roberto buffagni

    |

    D’Alema ha ordinato, illegalmente e incostituzionalmente, l’attacco alla Jugoslavia.
    Può passare alla storia come presidente del consiglio responsabile di alto tradimento.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      be in effetti…

      Reply

  • Avatar

    Andrea T

    |

    Il vero dramma di questo paese, ma più in generale di tutto l’Occidente che ha generato e abbracciato ciecamente quello stesso neoliberismo che lo sta seppellendo, è la distruzione delle organizzazioni politiche di massa che avevano una funzione positiva – oserei dire fondamentale per un certo tipo di democrazie (da non confondere con le postdemocrazie di oggi) – un ruolo di intermediazione tra i palazzi del potere e la società e, soprattutto, di selezione delle classi dirigenti.

    Queste organizzazioni che erano state costruite in secoli di lotte, di mediazioni sociali, di aggregazioni di corpi sociali prima sparsi e diffusi, sono state liquidate in pochi decenni con un danno forse non ancora compreso pienamente e calcolato interamente (e, in questo, personaggi come D’Alema in Italia e Blair in Inghilterra, con le dovute proporzioni in termini d’importanza, hanno avuto un ruolo e una responsabilità storica da non sottovalutare). E si badi che questo – ahime – è un aspetto del declino del nostro paese che non è stato adegutamente compreso nemmeno, ad esempio, da M5S e simili “movimenti dal basso”.

    Chissà quanto tempo ci vorrà per riscostruire questa “flora” sociale (se mai tale ricostruzione dovesse cominciare)…

    Tuttavia, secondo me prima o poi si capirà che alla lunga non è possibile reggere la baracca con classi dirigenti mediocri – “menti parziali” come direbbe un personaggio di Camilleri – provenienti dal mondo della finanza, che tendono a leggere e governare tutto con i paramentri (paraocchi?) dell’investimento finanziario. A dire la verità, forse, un modo c’è per consentire a questo tipo di classi dirigenti di reggere la baracca; uno e soltanto uno: il manganello.

    Speriamo che non si debba arrivare a tanto e speriamo che, se un giorno si potrà invertire la rotta e cominciare a ricostruire solidi corpi intermedi (rappresentativi di tutte le classi sociali e selezionatori delle migliori intelligenze di una comunità politica) non sia troppo tardi per fermare il declino di paesi come il nostro.

    Reply

    • Avatar

      luigi

      |

      Andrea T
      Temo che non si limiteranno al manganello ma utilizzeranno ben altri metodi……

      Reply

      • Avatar

        Andrea T

        |

        Il “manganello” naturalmente andava inteso nella sua accezione figurata.

        E’ chiaro che se l’unica idea dei governanti di questo tempo senza orizzonte è quella di “fare le riforme” per “diventare più competitivi” (in una prospettiva globale poi bisognerebbe chiedersi: “più competitivi” di chi, visto che tutti vogliono diventare “più competitivi”? dei marziani!?) tagliando i salari (compresa quella parte di salario che non viene monetizzata in busta paga come ad esempio – guarda tu – i contributi versati per il sistema sanitario nazionale pubblico e per il sistema prevvidenziale) e i diritti altrui (per poter spremere di più i lavoratori, maggiormente ricattabili, a parità di costo aziendale) è chiaro che si va in una direzione preoccupante.

        L’unico sbocco possibile di questa deriva verso la sistematica compressione del tenore di vita di ampie fasce della popolazione non può che essere una crisi istituzionale (che, temo, più probabilmente che con una inversione di tendenza, si risolverebbe con una stretta autoritaria per “manganellare” meglio chi non ci starebbe)

        Reply

  • Avatar

    io

    |

    Vado un po’ off topic…. non molto. Al netto della tipologia di aziende gestite, della fase storica diversa per quanto attiene al ruolo dei partiti, del fatto che uno dei due non partecipò alla vita politica, secondo lei potrebbe porsi un parallelo, nella vita del Paese, tra Berlusconi e Mattei?

    Reply

  • Avatar

    andrea z.

    |

    D’Alema, come gli altri politici italiani citati, ha dovuto subire la situazione di sudditanza di un Paese inglobato nel grande impero americano.
    Quando Clinton diede il via ai bombardamenti contro la Serbia, che segnarono l’avvio dell’allargamento della NATO verso est, cosa poteva fare il piccolo D’Alema?
    Vietare ai padroni l’uso delle basi italiane?
    Quando Obama, stufo del vecchiume politico italiano, ha imposto il giovane Renzi come capo del Governo, il nostro baffetto nazionale si è dovuto fare da parte.
    Per giudicare la pochezza dei nostri politici, bisogna considerare il contesto internazionale in cui hanno operato.
    Inoltre la fine di Mattei, Moro e Craxi, che si erano inimicati per differenti motivi i padroni d’oltreoceano, aveva fatto capire i rischi che si potevano correre in caso di insubordinazione.
    Anche l’imposizione delle politiche neoliberiste e lo smantellamento del sistema produttivo e dello stato sociale italiano, credo siano state decisioni prese ad un livello più alto della nostra politica nazionale: qui entriamo nella sfera dei centri finanziari e delle multinazionali angloamericane e della loro connessione col sistema militare statunitense.
    Davanti a questi interlocutori si può solo chinare il capo e obbedire senza indugi.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Questo è uno di quei scritti che ti mette il magone per giorni.Non credo che non ci siamo avveduti che l’orologio della storia sembra quello di fine ottocento o che lo Stato Keynesiano sia stato pugnalato, dissezionato e pappato. Non è che i disastri finanziari privatati e poi pubblici non si vedano all’orizzonte o che non si sappia che la nonna di Europa è Pasife. Sappiamo pure quali sono le conseguenze del riallineamento USa in Europa e chi dobbiamo temere di più. Sappiamo pure che *@$%& sciaguratamente vincerà le prossime elezioni. Di liberismo si soffoca, ma alla lunga il liberismo soffoca se stesso, perchè i fallimenti di cui si nutre non sono infiniti.

    Reply

  • Avatar

    arnaldo vitangeli

    |

    Che dire? Una riflessione non solo veritiera ma indispensabile! Che squallidi nanetti abbiamo al posto dei politici che un tempo furono, nel bene e nel male, giganti. Io aggiungerei che il processo è il prodotto CERCATO E VOLUTO del neo liberismo che, grazie al cielo, ormai volge al tramonto. Il turbocapitalismo liberista ha puntato su due obbiettivi, da un lato rimbambire le masse e allontanarle da qualsiasi forma di riflessione, dall’altro svilire la politica e svuotarla del suo potere, da trasferire all’economia. Oggi sono i banchieri a “programmare” il futuro mente, come Lei ha correttamente sottolineato, politicanti di bassa lega si affannano per ottenere consenso effimero (sempre meno a giudicare dalle statistiche sull’astensione) a suon di chiacchiere vuote e slogan da venditore di detersivi.

    Reply

  • Avatar

    benito

    |

    il fatto che in Italia, come anche in Europa e negli USA ci siano attualmente solo politici mediocri (voglio usare un eufemismo) e’ un segno dei tempi, ovvero del declino occidentale. E la stessa mediocrita’ la ritroviamo in tutta la classe dirigente. Ma non e’ cosi’ in tutto il mondo, Correa in Ecuador, Morales in Bolivia, sono tra quelli che hanno dimostrato di avere gli attributi, ma ce n’e’ soprattutto uno che nonostante i tanti e gravi difetti merita una speciale considerazione: Vladimir Putin. Basta vedere con quale freddezza e lucidita’ ha reagito ai tranelli delle crisi ucraine e siriane tesegli dai guerrafondai del pentagono i quali adesso dopo le sue ultime mosse sono spiazzati e non sanno piu’ cosa fare. Putin che piaccia o no e’ un vero cavallo di razza della politica, basta ricordare che ha rimesso ordine in un paese che Eltsin aveva portato al default e che ora e’ tornando a contare nello scacchiere internazionale. E a proposito di default, vorrei fare una piccola variazione sul tema sulla quale dovremmo riflettere: il sistema comunista considerato universalmente insostenibile sul piano economico, in realta non e’ fallito economicamente, il default c’e’ stato in Russia, ma dopo otto anni che erano ormai passati al capitalismo. Il fallimento del comunismo fu solo politico ed avvenne perche’ la “nomenclatura” vide la possibilita’, grazie anche all aiuto della mafia russa, di appropriarsi delle ricchezze dello stato, ed e’ cosi’ che sono nati gli attuali oligarchi russi.

    Reply

    • Avatar

      Roberto B.

      |

      Mah?! Quì sarebbe da dirimere il vecchio dilemma su chi è nato prima, se l’uovo oppure la gallina.
      Cioè, se il comunismo in Russia sia stato fatto fallire dalla nomenclatura per potersi appropriare delle aziende di stato, o viceversa pescecani e mafiosi (quindi non solo politici), hanno approfittato della situazione di disordine e smarrimento dell’era Gorbaciov/Eltsin per mettere le mani su tanto ben di dio.
      Io propendo per la seconda ipotesi; il comunismo in Russia è morto perchè non si è evoluto, e nulla può resistere immutabile all’azione del tempo senza evolvere in qualcos’altro, pena la dissoluzione.
      La dimostrazione l’abbiamo in Cina, dove hanno instaurato un sistema ibrido, cioè un capitalismo governato con i metodi del comunismo (o viceversa, a piacere).
      E il grande merito di Putin è quello di aver posto un freno alla completa disgregazione della società russa ad opera di mafiosi e capitalisti d’assalto, in qualche caso utilizzando anche i metodi del vecchio KGB, nel quale peraltro si era formato.

      Reply

      • Avatar

        benito

        |

        rispondo a Roberto B.
        indubbiamente i cambiamenti importanti, non sono mai dovuti ad una sola causa, bensi’ ad una concomitanza di cause. Nel caso sovietico lo scontento popolare c’era, ma non credo che da solo sarebbe bastato a far crollare l’URSS, c’e’ molto scontento anche laddove non crolla mai niente. Secondo me piu’ determinante e’ stato l’accaparramento delle risorse statali di pochi, facendo leva sullo scontento di molti.

        Reply

        • Avatar

          benito

          |

          P.S. in risposta a Roberto B.
          ribadisco che la Russia comunista sebbene in crisi non e’ mai andata in default, una volta passata al capitalismo invece ha fatto default (nel 1998). Mi chiedo allora quanto sia ragionevole l’idea secondo la quale il comunismo e’ un sistema economico insostenibile.

          Reply

          • Aldo Giannuli

            Aldo Giannuli

            |

            be per la verità la Russia non era presente sui mnercati finanziari sin dal 1918 er cui non poteva andare in default

  • Avatar

    Mario Vitale

    |

    In quale insolito errore è caduto stavolta, Professore! Evidentemente non ha letto l’articolo, con tanto di video, sul Fatto Quotidiano, dove il baffino si è prodotto nella realizzazione di un piatto da grande chef: la carbonara! Si, ma rivisitata, ok? D’altrone stiamo parlando di un genio.
    A questo punto la strada per una menzione sui libri di storia è in discesa.
    Per gli amanti del genere, consiglio la visione del video, che inizia con baffino che, come un cameriere qualsiasi, si avvicina al tavolo dove siedono alcuni avventori per consigliarli sul vino (ovviamente di sua produzione)

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      e tu così mi dai queste notizie? Fuori il link!

      Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          ho visto: la carbonara con il tartufo mi pare una trovata da parvenu

          Reply

          • Avatar

            Mario Vitale

            |

            Concordo, ma soprattutto: che rivisitazione è? Per rivisitazione di un piatto della cucina tipica io intendo la sostituizione di un ingrediente primario, oppure una trasformazione sostanziale, per esempio rendendo un piatto completamente vegetariano, mantenendo sapori e colori vicini all’originale (non sono né vegetariano, né tantomeno vegano, però almeno così si tratterebbe di dimostrare un po’ di fantasia). Visto che confessa candidamente di essere pure stato aiutato da uno chef vero (che autorizza anche a chiedersi cosa abbia mai fatto… grattato il tartufo?) poteva sforzarsi un tantino di più.

          • Aldo Giannuli

            Aldo Giannuli

            |

            peraltro il tartufo sta bene sull’uovo ma da solo, con la pasta, l’olio il guanciale o la pancetta, il formaggio ed il pepe mi sembra un inutile spreco per dire che si è aggiumto un ingrediente costoso. Il vero chef sa che tartufo, caviale e ingredieti particolari e costosi vanno usati con molta parsimonia ed in peparazioni in cui proprio ci vanno onde evitare la figura del cafone arricchito

  • Avatar

    mario fragnito

    |

    Per Roberto B. . Caro Roberto B. se lei si prendesse la briga di leggere un pochino Marx e solo in seguito di discettare di comunismo, verrebbe a sapere che il comunismo, per Marx, è determinato a livello sociale dall’affermazione definitiva del valore d’uso sul valore di scambio. Quindi comporta, in primis, l’abolizione dell’uso della moneta, oltre all’abolizione di tutte le altre forme di governo istituzionali:.stati ed istituzioni varie a favore di una forma di governo basata sull’autogoverno della libera comunità umana. Si documenti, per favore, prima di dare luogo ad affermazioni fantasiose.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!