Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (40)

  • Avatar

    paola sala

    |

    tiro fuori il kalashnikov

    Reply

    • Avatar

      Gherardo Maffei

      |

      Tipica mentalità fallocratica sciovinista, maschilista nonché prevaricatrice…in poche parole fascista!Proprio fuori luogo per una rappresentante del sesso debole.Pensare che Mussolini era solito affermare che la guerra sta all’uomo, come la maternità sta alla femmina. Amen.

      Reply

      • Avatar

        paola sala

        |

        a ghera’ ma n pacchetto no?

        Reply

        • Avatar

          paola sala

          |

          e poi debole lo vai a dire a qualcun’altro, io di certo non lo sono. inoltre la maternita’ oggie come oggi e’ una scelta e non un imperativo categorico…. mamma mia quante ovvieta’ sto dicendo!!!! ma perche’ me le fai tirare fuori?????

          Reply

  • Avatar

    Paolo

    |

    A parte le grasse risate che mi sono fatto nel leggere il suo articolo, immaginandomi puntualmente tutte le azioni descritte, sono assolutamente concorde con lei: parliamo, non tutti evidentemente, una lingua meravigliosa proprio perchè ci consente descrizioni in tempi e modi che altre lingue non vogliono descrivere. Evidentemente la “neolingua” immaginata da Orwell in 1984 sta prendendo piede

    Reply

  • Avatar

    gab

    |

    prof. non legga mai i commenti dei leghisti su internet…le verrebbe un infarto.

    Reply

  • Avatar

    Silvio

    |

    Capisco e condivido le motivazioni della protesta, ma sul caso specifico sarei molto meno drastico. La dipendenza al congiuntivo ha le sue eccezioni. Fin dall’origine della nostra letteratura, come ben dimostra questo esempio del padre Dante
    Cred’io ch’ei credette ch’io credesse/ che tante voci uscisser, tra quei bronchi/da gente che per noi si nascondesse. INF XIII 25 – 28

    Reply

  • Avatar

    victorserge

    |

    approvo,
    scrivere e parlare bene e correttamente non è vezzo: è la migliore forma di comunicazione possibile.
    anche meraviglioso dal punto di vista estetico ed edonistico, non vi pare?

    saluti

    victorserge

    Reply

  • Avatar

    Marco

    |

    Sob! Non me ne ero accorto! Sembrava giusto ‘conoscono’-‘amano’. Ho dovuto leggere e rileggere prima che dal profondo della memoria riaffiorassero antiche reminescenze e la sensazione di qualcosa di stonato. Com’è stato possibile?! Come è avvenuto? Eppure le mie letture comprendono autori classici (ho letto recentemente ‘le mie prigioni’, ‘Guerra e pace’), guardo pochissima TV e ascolto spesso trasmissioni culturali alla radio e su youtube.
    Visto che pensiamo con le parole dobbiamo averne maggiore rispetto. Una lingua approssimativa consente pensieri approssimativi, confusi. Il verbo è una questione fondamentale.
    Il principio E’ il verbo.

    Reply

  • Avatar

    mirko g. s.

    |

    Mi consideri arruolato.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      Mirko a lei dò i gradi di tenente: mi pare abbastnza tosto da pestare…

      Reply

      • Avatar

        mirko g. s.

        |

        Sono molto ossuto, professore, chi mi picchia si fa male, ma mi ciacco anche io, preferirei modi orientati a differente dialettica. Cmq professore io le consiglierei di non accentare la prima persona singolare del verbo dare in quanto solo di recente l’ho vista nei dizionari in quanto ci troviamo credo di fronte ad un’evoluzione linguistica, in passato l’accento serviva a distinguere la nota musicale mentre la voce evrbale era senza segno; adesso invece invale l’uso contrario, accentare la voce verbale mantenendo senza segno la nota musicale. Visto che ci troviamo in tema…

        Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          ed ha ragione, anche se in effetti ormai l’uso è opposto

          Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    sarò materialista e banale, ma credo che per vincere la guerra si deve (non si dovrebbe) investire sull’istruzione (pubblica).

    Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      Complimenti. Investiamo in coloro che si schierano contro i test invalsi e condannao il nozionismo e considerano come vecchiume lo studio della lingua italiana, asserendo che educare è formareed informare e la sQuola deve consentire la riappropriazione ludica e socializzante del sapere.
      Perché non proporre allora di affidare la lotta alla corruzione alla ditta Buzzi&Carminati con la consulenza di Scajola?
      giandavide, Le ricordo che sulla scuola è passato il 68.

      Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcisssimo

      |

      errata corrige
      il luogo di “asserendo che educare è formare ed informare” leggasi
      “asserendo che educare è formare e non informare”

      Reply

  • Avatar

    Valdo

    |

    D’accordo su tutto ma nel caso specifico della frase citata all’inizio credo che non si debba considerare un errore. A mio avviso (sono giornalista e se fossi stato incaricato di “passare il pezzo” probabilmente così avrei agito), il senso della frase è più o meno questo: ““Pensate anche voi che (sia corretto il detto che afferma:) più si conoscono gli uomini più si amano i cani?”. La frase “più si conoscono gli uomini più si amano i cani” è infatti un’asserzione comune (e che tale sia lo scrivente lo sa benissimo, infatti scrive “pensate ANCHE VOI”, ovvero: anche voi come tutti coloro che utilizzano questo detto). E, in quanto asserzione, vuole l’indicativo.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      be se ci leggiamo anche quel che non c’è scritto, diventa corretta qualsiasi frase

      Reply

      • Avatar

        Valdo

        |

        Via, non è così… Qui la frase si presta in modo particolare – e ho spiegato il perché – ad essere interpretata nel senso da me indicato. Comunque, come ho aggiunto sotto, bene sarebbe stato usare le virgolette, se proprio si voleva dare il senso della citazione di un detto comune…

        Reply

  • Avatar

    Valdo

    |

    Vero però che il redattore avrebbe dovuto mettere le virgolette: Pensate anche voi che “più si conoscono gli uomini più si amano i cani?”…

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Egregio Professore, premetto che sono d’accordo con Lei e sento piangere il mio Quore per la morte della nostra lingua italiano.
    Premetto anche che se prenderebbi questi analfabeti li faressi neri.
    Ma non sono d’accordo nell’individuazione della causa.
    Non pensa che essa risieda nella spasmodica ricerca di certezze di un’umanità che oramai non supera a condizione infantile, chiedendo allo Stato di “farsi carico” di ogni sua necessità e financo di decidere in propria vece in ogni occasione, come i tifosi della TV pubblica, incapaci anche di decidere che programma vedere????

    Reply

  • Avatar

    Marco

    |

    Letto poco fa su ‘La Stampa’:
    ‘Esplode fabbrica di fuochi d’artificio nel Napoletano: tre vittime e quattro feriti ‘
    Qualcuno puo’ spiegarmi per favore?

    Reply

    • Avatar

      Valdo

      |

      E’ che “morti” era troppo corto per chiudere la riga e quindi hanno optato per “vittime”, anche se una vittima non è per forza un morto. Scherzo, anche se non è impossibile che sia andata proprio così.

      Reply

      • Avatar

        Tenerone Dolcissimo

        |

        Gli è che la morte è stata scacciata dalle nostre vite e guai a nominarla. Ma la verità è che ella è vicina a noi ogni giorno ed in ogni momento. I giovani non se ne accorgono, ma alla mia età, specialmente la sera nel silenzio della camera da letto, si percepisce la sua presenza e il suo respiro. Saluti a tutti.

        Reply

      • Avatar

        Marco

        |

        grazie, ciao.

        Reply

  • Avatar

    Giovanni Talpone

    |

    Very bello.

    Reply

  • Avatar

    Adriano

    |

    A) La lingua ha il compito depressivo di comunicare abdicando all’onnipotenza per cui quel che so io, sai tu, perché io coincide con tu
    B) Pensare è mentalmente doloroso, diceva Freud, in quanto prevede la necessità di suddividere e di ri-articolare
    C) Pensare richiede un tempo mentale che è una sospensione (“tempo per pensare” dice Lacan) in attesa del “momento di concludere”
    D) La lingua è sempre più piegata ad esigenze di comunicazione rapida, piuttosto che alla preparazione e formulazione di un pensiero. Es. “debbio tenere conto nel DPF del rating, dello spread perché non sia undersized/oversized”
    E) Il congiuntivo non si usa più a causa di…Questo punto, esimio professore, lo compili lei ora che è membro, sia pure non analista, di una società di psicoanalisi.

    Adriano

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      .. perchè ormai pensare è diventato così doloroso che esce il sangue dal naso!
      Che ho vinto?

      Reply

  • Avatar

    Federica

    |

    Scusate, ma la frase: “Pensate anche voi che più si conoscono gli uomini più si amino i cani?” secondo me è scorretta e infatti “non suona bene”.
    Sono andata a controllare sul Dardano-Trifone (grammatica di riferimento nella cattedra di Grammatica italiana alla Statale di Milano, fino a quando c’era – l’insegnamento, non la Statale) qual è l’uso dei modi verbali nelle proposizioni oggettive. La scelta dei modi verbali dipende non solo dal verbo usato (ed è vero che i verbi di pensiero, ovviamente, reggono il congiuntivo, come per es.: “penso che tu sia bello”; “credevo che Carlo avesse fame”) ma anche dalla sfumatura di significato che il verbo assume. Per cui se il verbo pensare (e il Dardano-Trifone fa un esempio proprio con questo verbo, mi spiace non avere il volume con me per poter riportare la citazione) significa ad esempio “ritenere” si usa l’indicativo.
    Quindi:
    Pensate (=ritenete) anche voi che più si conoscono gli uomini più si amano i cani?
    Aggiungerei che le norme che regolano la lingua sono molto complesse, e che spesso la norma deriva dall’uso e non viceversa (così, peraltro, è stata codificata la grammatica della lingua italiana, che come noto era un volgare).
    Se poi vogliamo dire che l’uso e la manipolazione della lingua sono fondamentali per l’esercizio del potere (giustissimo il riferimento a Orwell) e per l’imposizione del pensiero unico, non posso che essere perfettamente d’accordo.
    Saluti
    Federica

    Reply

  • Avatar

    Teresa

    |

    La forma è sostanza. Quando la sostanza cambia porta con sé la forma e viceversa.
    Appoggio in pieno la fondazione di un Fronte Nazionale di Resistenza del Congiuntivo. Sono anni che mi batto in solitudine per proteggere la mia umanità e quella dei miei figli, dalla dittatura delle certezze.

    Reply

  • Avatar

    cinico senese

    |

    Ma questo è niente. Si provi a leggere i forum e i socialminkia: tra strafalcioni propri per ignoranza grammaticale e quelli causati dalla velocità di scrivere sullo smartcazz, ne esce fuori una folla di ignoranti totali. Non è solo colpa dei social ma sopratutto della scuola, che è fatta da insegnanti scazzati e ciucci che pensano solo a piazzarsi sulla cadrega e acchiappare lo stipendio, di insegnare nulla gli frega. Per lavoro ho a che fare con i prof delle scuole superiori: non avete idea di come scrivano, a parte veri errori di grammatica, manco sanno articolare uno scritto. E non sanno compilare l’autodichiarazione sostitutiva!

    Notare anche che è in via di estinzione l’uso del passato remoto, (il trapassato è defunto, una prece) e del futuro semplice.

    Reply

  • Avatar

    Junius

    |

    Sono basito.

    Ma solo Valdo si è accorto che in quella frase il congiuntivo non ci va?

    Questo post è un’altra perla esemplificatrice della “sinistra” post-moderna, quella che “sa di sapere” e per cui “tutto è relativo”: considerazioni pregevoli su premesse completamente sbarellate.

    In poche righe viene descritta la crisi della democrazia, nella forma… e nella sostanza.

    Tout se tient.

    Reply

  • Avatar

    Nicola Morgantini

    |

    Se fra tra tutti gli strafalcioni linguistici che si leggono e si ascoltano Giannulli va a prendere proprio una frase quanto meno ambigua (dato che la subordinata implicita a cui fa riferimento Valdo è assolutamente plausibile e dato inoltre che il verbo pensare, nel caso specifico, può benissmo intendersi nell’accezione di “essere convinto”), occorre domandarsene il perché. E la risposta mi pare che l’abbia data il lettore Junius.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      caro Morgantini, ogni volta che leggo un suo commento mi chiedo se ci è o ci fa.
      Ma pare di aver letto che lei legge raramente di questi articoli, ma vedo che non è così. Comunque ad italiano stamo un po’ scarsi perchè anche se al posto di poensare ci fosse “sono convinto” ci andrebbe lo stesso il congiuntivo..
      Infine, come tutti quelli del Pd lei non capisce il linguaggio dell’ironia e non solo quello

      Reply

      • Avatar

        Nicola Morgantini

        |

        “Sono convinto che lei cancellA alcuni messaggi che riceve e che non sono offensivi”.
        E ora mi venga a dire che in una frase del genere ci vuole il congiuntivo perché non esprime una verità condivisa ma solo una certezza del soggetto della predicazione.

        Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          Senta Morgantini, ho cancellato il suo messaggio perchè lei proprio non ha capito la frase di cui si parla ed ho già perso abbastanza tempo a cercare di spiegargliela, ma adesso basta così, ho altro da fare che spiegarle quel che non caspisce

          Reply

  • Avatar

    francesco cimino

    |

    Articolo stupendo…soltanto, professore, vuol davvero asserire che la lingua inglese esprime un’attitudine prevaricatrice o sta solo scherzando? Dal contesto direi la seconda, ma non si sa mai…

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      Be non esageriamo, per quale che possa essere la mia avversione ad inglesi ed americani,… posso dire di amare molto Shakesepaere, Marlow, Orwell…

      Reply

  • Avatar

    linuxfan

    |

    Io credo che il bello dell’Italiano stia nelle tante sfumature che è possibile esprimere, a volte anche stiracchiando le parole (quel “fuggisca con me” è una perla artistica) o la grammatica. Pertanto, usare un indicativo al posto di un congiuntivo può anche essere giusto in certe frasi e contesti.

    Detto questo, ritengo che la frase “Pensate anche voi che più si conoscono gli uomini più si amano i cani?” sia giustissima perché il congiuntivo dovrebbe essere presente nel verbo principale della frase subordinata, che però di verbi ne ha DUE! Che fare…?

    1. Pensate anche voi che più si conoscano gli uomini e più si amino i cani?
    2. Pensate anche voi che più si conoscono gli uomini e più si amino i cani?
    3. Pensate anche voi che più si conoscano gli uomini e più si amano i cani?

    Le tre formulazioni paiono tutte strane, ma hanno tutte un accento su un dubbio diverso…

    Reply

  • Avatar

    angelo

    |

    La colpa è della scuola e… degli insegnanti che sono stati “ignorantizzati” dai social, dove ciascuno parla come può…. e tutto si consolida divenendo sempre più frequente. Tale frequenza viene interpretata come liceità e tutto va a rotoli, con l’aggravante che se uno parla correttamente …. viene deriso!!! (dagli ignoranti, naturalmente)

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!