Aldo Giannuli
Jacopo Custodi

Jacopo Custodi

Laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla sinistra post-sovietica in Europa orientale e in Russia, Jacopo Custodi è attualmente uno studente magistrale di Relazioni Internazionali e vive a Lisbona. È stato direttore editoriale del mensile pavese Kronstadt, dove si è occupato di tematiche internazionali e in maggior modo della sinistra latinoamericana, seguendo da vicino realtà politiche diverse quali Cuba, il Venezuela o le comunità zapatiste. Da maggio 2014 scrive per East Journal, in cui si occupa prevalentemente della sinistra sociale e politica nei paesi post-socialisti. Su twitter è @JacopoCustodi

Commenti (5)

  • Avatar

    Gherardo Maffei

    |

    Ogni popolo ha alla fine ciò che si merita. I compagni greci scaricano le proprie colpe sulla Germania,pretendono che siano i risparmiatori tedeschi a pagare i propri obbrobri economici. Un paese di evasori fiscali, di baby pensionati, di corrotti e corruttori, di malavitosi, di impiegati statali, che campano da parassiti, abbronzati e in attesa che arrivano i turisti, devono recitare solamente il “mea culpa”. Ora dovremmo pagare noi italiani i quaranta miliardi di euro che abbiamo sborsato, per un paese che ricorda molto il nord Africa e non l’Europa. Piuttosto dico io , qualche “sinistro” italiota che esulta per la vittoria del demagogo comunista, non riesce a scorgere molte similitudini con l’Italia? Il fallimento epocale dei “sinistri” a livello mondiale, non ha evidentemente nulla insegnato a costoro. In un dibattito televisvo un pennivendolo greco ha preteso dal collega tedesco, il pagamento dei danni da loro provocati durante il secondo conflitto mondiale. Costui ha dimenticato di aggiungere che i tedeschi accorsero in soccorso degli italiani, che stavano per essere ributtati in mare, nel vano tentativo di “spezzare le reni ai greci”. Quindi i primi a pagare i danni di guerra dovremmo essere noi italiani e non i tedeschi.

    Reply

    • Avatar

      Mario

      |

      Carissimo Gherardo, tu li chiami ancora sinistri? Aspetta 3/4 mesi e poi ti accorgerai anche te che Tsipras sta alla Grecia come Renzi sta all’Italia. Non esite più nulla dei concetti sx e dx esiste solo il tuo, il mio culo e quello di 450 milioni di cittadini europei e meglio ancora di circa 7,5 miliardi di esseri umani che popolano la terra. Chi decide non è ne di dx ne di sx di queste cose non gliene può fregare un C…., ma la convenienza di mettere gli uni e gli altri in due o più recinti è da sempre una delle forme di potere più efficaci dalla notte dei tempi. Tranquillo nessuno farà concessioni a Tsipras e tanto meno alla Grecia e quindi ai greci. Riporto queste parole che sono l’essenza della storia che si sta scrivendo da anni in questo paese ed oggi siamo siamo all’epilogo!
      Così il comico Dario Vergassola commenta il patto sulle riforme, il patto del Nazareno tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. “Ho firmato l’appello del Fatto Quotidiano perché queste larghe intese sono diverse da prima. Adesso le riforme le fanno in due. Mentre uno ti infila il cetriolo, l’altro ti tiene fermo”.
      Cordiali saluti.

      Reply

      • Avatar

        Gherardo Maffei

        |

        Egregio Mario, tu dimentichi le differenze antropologiche che esistono tra i bipedi umani. Sono d’accordo con te, destra sinistra, sono delle forme di semi paresi mentali. Poi ritenere che i popoli siano i protagonisti della storia è pura illusione, così pure il regime democratico, da tutti invocato, è solo una maschera prediletta dal capitalismo da rapina che oggi regge le sorti del pianeta. Ma tornando ai bipedi umani il paragone tra i greci (comprese le genti che vivono al sud del vecchio continente) e i popoli nordici, non regge. Perfino un “sinistro” come Stalin ad esempio, riconobbe la grandezza storica del popolo germanico, affermando che ” gli Hitler passano il popolo tedesco rimane”. Non scordiamoci che la defunta DDR (Germania comunista) seppe far funzionare perfino il comunismo, raggiungendo da un paese devastato dalla guerra che era, il primato a livello di vita all’interno del blocco sovietico.Come non bastasse è trascorso qualche decennio e l’ex DDR è stata parificata alla consorella. Da noi in Italia la “questione meridionale” è quasi un secolo che si trascina, senza mai vedere una concreta soluzione, se non per le varie organizzazioni criminali, che imperano e imperversano. No i bipedi umani non sono tutti uguali!

        Reply

      • Avatar

        NoliMeFrangereColeos

        |

        Madonna che palle quelli che hanno sempre capito tutto meglio degli altri.
        E Grillo è un gatekeeper, e il Papa è al servizio del male, e le palle di Menelik.
        Io dico che L’elezione di Tsipras è il primo piccolo ma importantissimo passo verso un grande cambiamento non solo politico ma di mentalità nei popoli.

        Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!