Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (12)

  • Avatar

    fortebraccio

    |

    terrorismo ed intelligence,due facce della stessa medaglia!

    Reply

  • Avatar

    Salvio

    |

    I rimedi sopra prospettati sono ben noti a chi li potrebbe adottare. C’e’ un motivo per cui cio’ non avviene?

    Reply

  • Avatar

    leopoldo

    |

    l’isis non è la grecia che si può destabilizzare come gli pare e piace almassimo i greci emigrano. Quelli del isis qualche problemino lo possono creare, ricordiamo il wtc :D.
    Poi c’è il principio di troppa efficienza non paga, i giornali non parlano, la gente pensa che la sicurezza sia uno spreco, infine ti levano i fondi. E cmq intervenire troppo non è la filosofia che si sta affermando, secondo alcuni commentatori è meglio che certe regioni trovino un loro equilibrio poi si tratta )-:

    Reply

  • Avatar

    Mattia

    |

    Approfondire l’argomento “intelligence e terrorismo islamico” è affascinante quanto frustrante.
    Come l’articolo dice in maniera chiarissima, basterebbe seguire i flussi di denaro o controllare gli stati che supportano l’Isis per cominciare a pensare a come indebolirlo.
    Eppure sono argomenti rarissimamente toccati nella discussione “pubblica” a riguardo, che invece generalmente verte su due temi principali (per quanto ho potuto notare): 1) la propaganda jihadista, sia di arruolamento che di terrorismo vero e proprio e 2) la capacità dei servizi segreti di prevedere azioni terroristiche tramite infiltrazioni sul campo o sulla rete.
    Sulla propaganda di reclutamente è già stato detto bene dal prof. Giannuli riguardo la chiusura dei siti ecc.
    Per quanto riguarda la propaganda terroristica, mi pare siano i nostri giornali stessi a condurla al posto de – o in concerto con – l’Isis: non passa giorno che le pagine titolino di attacchi (sventati quando va bene), arresti, minacce… mai che si parli di numeri, statistiche, che si tenti di ridurre il fenomeno mettendolo in prospettiva e ragionandoci su, a partire dal principio che senza il terrore non vi può essere terrorismo (vedi [1] che, per quanto mancante nelle su statistiche degli attacchi sventati, dà un’idea delle grandezze in discussione).
    Per quanto riguarda le azioni di prevenzione dei servizi mi stupisce sempre come si pretenda da loro che abbiano la sfera di cristallo e possano prevedere, non solo gli attacchi programmati alla Charlie Hebdo, ma anche i singoli che decidono di farsi saltare in aria; perchè non si pretende la stessa capacità di prevenzione anche nei confronti dei vari “folli” che ogni tanto decidono di aprire il fuoco in una scuola, o in una chiesa?
    E tutti a dire che i servizi e le forze dell’ordine in generale hanno bisogno di più fondi, che bisogna concentrarsi sulla sicurezza ma… non si parla mai di come i fondi siano poi spesi e la sicurezza organizzata (nei limiti di ciò che si può dire).
    Certo è che a sentire alcune notizie, che come al solito in Italia vengono completamente (e scandalosamente, aggiungerei) taciute – mi riferisco soprattutto ai sistemi di intercettazione, elaborazione e ricerca delle comunicazioni private [2] – sorge il dubbio su quanto i fondi destinati alla sicurezza siano ben riposti. O anche, alla sicurezza di chi siano rivolti.

    [1] https://firstlook.org/theintercept/2015/06/24/greatest-obstacle-anti-muslim-fear-mongering-bigotry-reality/
    [2] https://firstlook.org/theintercept/2015/07/01/nsas-google-worlds-private-communications/

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    L’unico sistema per battere il terrorismo -duole dirlo- è quello degli squadroni della morte. I servizi individuano i rei, senza perdere tempo a procacciarsi prove utili in sede processuale, passando poi alla terminazione: tuffo carpiato da aereo in volo o colpo alla nuca e dissolvimento dei resti. Pare che anche in Italia abbiano seguito tale sistema buttando i cadaveri in discarica. Dubito però che per l’ISIS ci sia la “volonta’ politica” di portare avanti iniziative cosi’ meritorie.

    Reply

    • Avatar

      Roberto B.

      |

      In perfetta sintonia con il Sartori-pensiero, che sogna di veder trattato l’Isis come Cesare fece a suo tempo con i pirati. Ma i tempi sono un po’ cambiati. E poi, alcuni di quelli che dovrebbero combatterli, in realtà li sostengono con armi e soldi.

      Reply

    • Avatar

      leopoldo

      |

      Tenerone se l’isis non rappresentasse alcune idee del mondo ‘islamico’, come l’abolizione delle frontiere istituite dopo la I° guerra mondiale, un sistema efficiente per i giovani nel senso che sentono di realizzare qualcosa di diverso e formare un senso di appartenenza [durante la guerra del vietnam molti reduci volevano tornare in Vietnam perché i loro compagni erano ancora lì]; pensi che sarebbe ancora in piedi? Il sistema isis imploderà quando non sarà più utile o imploderà perché non offrirà più l’idea di trasformazione in un mondo pan-islamico e non offrirà una idea di resistenza verso un occidente coloniale che va a fare le vacanze sulle loro spiagge. !-:

      Reply

      • Avatar

        Tenerone Dolcissimo

        |

        @ leopoldo
        Non a caso ho detto
        “Dubito però che per l’ISIS ci sia la “volonta’ politica” di portare avanti iniziative cosi’ meritorie.”

        Reply

    • Avatar

      Zerco

      |

      Tutto giusto, se non fosse che i nostri squadroni della morte sono già pienamente operativi, e sono proprio loro, i terroristi, che agiscono per conto nostro per rovesciare governi sgraditi.

      Reply

  • Avatar

    david arboit

    |

    La strapotenza dei mezzi tecnologici non viene utilizzata per reprimere il terrorismo, ma per usarlo, per strumentalizzarlo. All’apprendista stregone capita che ogni tanto accadano incidenti imprevisti, ma poco male, sono danni collaterali che vengono messi in conto. Chi vuole terminare il terrorismo lo fa, si può fare: chiedere know how al Mossad.

    Reply

  • Avatar

    Giovanni Talpone

    |

    Breve commento tecnico sulla protezione dei luoghi strategici, per suffragare la tesi di Giannuli: a Milano la protezione alle sedi consolari è fatta da soldati regolarmente attorniati da passanti a pochi centimetri. Non vi rivelo poi qual sia la procedura effettiva di cambio della guardia adottata dai Carabinieri, perché passerei per un agente del Califfato. E’ vero che tale servizio è stato introdotto da Ignazio La Russa, e ne conserva l’impronta, per così dire, culturale, ma ora… ah, già, c’è Alfano agli Interni. Poveri ragazzi in mimetica.

    Reply

  • Avatar

    bah...

    |

    Professore, non ho capito se questo scritto qui è un consiglio o una lezione per “addetti ai lavori” o un articolo che ha la pretesa di essere un’analisi.

    Perchè, guardi, detto con estrema simpatia, si tratta di un articolo permeato da una estrema superficilialità, con qualche colpo ad effetto qua e là. Una lezioncina con “soluzioni” in stile “chiavi in mano”, che lasciano il tempo che trovano.

    Una volta era solito approfondire i problemi.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!