Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (28)

  • Avatar

    T.S.

    |

    Caro prof.
    la reazione dell’insegnante potrebbe sembrare anche un po’ fascista 😉

    Reply

    • Avatar

      antonino litrico

      |

      professor giannulli,il vero mistero e che ci sono 70 inediti rivelati dal padre alfiero che sono bloccati,lei che conosce tutti i misteri potrebbe farli uscire in edizione critica,il vero fascista era il padre comandante della milizia,era ammirato da bowie con cui ebbe un incontro segreto,ed era tifoso della lazio,il figlio luca filippo carlo vive tra rimini e londra e fa il tecnico del suono

      Reply

  • Avatar

    Ugo Agnoletto

    |

    va ancora di moda dire che tutto è politica, e non è bastato il risultato dell’ultimo referendum per capire che un po’ di distinguo non fanno male. Ma forse c’è un problema più grosso, ed è quello chi rendersi conto che ognuno di noi ragiona con dei pattern per cui certe cose uno non se le leverà mai dalla testa finché non di rende conto di questo. Ma purtroppo, capire come funziona la propria mente, come suggeriva SIlvio Ceccato, non è mai di moda.

    Reply

  • Avatar

    andrea z.

    |

    In un vecchio documentario della RAI su Lucio Battisti si diceva che la presunta simpatia del cantante per la destra era nata durante un suo intervento ad uno spettacolo televisivo: al momento di chiudere la canzone Lucio aveva alzato il braccio per indicare al complesso la chiusura e il gesto era stato assurdamente interpretato come un saluto fascista.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      è possibilissimo anche se non ricordo l’episodio

      Reply

      • Avatar

        andrea z.

        |

        Gli anni ’70 sono stati un decennio un pò folle; ricordo un amico di Milano pestato dagli extraparlamentari perchè girava con una vespa, considerata da questi fanatici un simbolo di capitalismo borghese.
        Bastava poco per essere etichettati di destra o di sinistra.

        Reply

  • Avatar

    Francesco

    |

    Fermo restando che non ho letto la notizia e che ne vengo a conoscenza tramite il suo articolo, mi sento di dire due cose:
    1 il fatto che sia riportata dai giornali, come che siano andate le cose, più che a una crisi isterica del professore mi fa pensare che i genitori della ragazza abbiano voluto tirare fuori un polverone da un evento presumibilmente insignificante;
    2 tutti i testi di Battisti, fino agli anni ’80, sono scritti da Mogol, compreso quello della citata “il mio canto libero”, quindi, a meno che non si voglia sostenere che melodie e accordi possano essere catalogati come fascisti, la questione sarebbe se mai se Mogol sia mai stato fascista.

    PS Anche la lega ha adottato “Va pensiero” come inno, questo però non fa di Verdi un leghista.

    Reply

  • Avatar

    marco dei monti

    |

    Se quelli ‘di destra’ amano Battisti ed Ezra Pound allora mi sono un po’ meno antipatici. Un tale diceva ‘…non ciò che divide ma ciò che unisce’. Che parlasse della bellezza?
    Grazie prof., come sempre

    Reply

  • Avatar

    Herr Lampe

    |

    Sottoscrivo ogni singola parola.

    La voce l’avevo sentita circolare anche io, ma ho sempre pensato, seguendo la saggezza di un grande capo pellerossa, Estiqaatsi?

    https://m.youtube.com/watch?v=JpJ0V15hOMU

    Reply

  • Avatar

    david cardillo

    |

    Professor Giannuli, la risposta che Lei avrebbe dato sarebbe stata perfetta. Io, con estrema umiltà, aggiungerei la seguente chiosa: a rendere speciale Battisti non sono stati soltanto il suo immenso talento, e la portata di aria fresca che ha portato nella stantia musica italiana, ma anche il coraggio che ha avuto nel cantare fuori dal coro conformista, e nel far librare in un sublime canto libero i sentimenti, gli aneliti, le passioni e i desideri esistenziali di tutti (copie dei suoi dischi sono stati trovati nei covi delle Brigate Rosse, strano ma vero) in un’epoca in cui l’Italia era soffocata dal totalitarismo ideolgico. Lo sapeva, Professore, che Dario Fo teneva pubbliche letture dei testi di Mogol-Battisti per denunciarne l’assenza di realismo di classe, sottintendendone la conseguente natura reazionaria?

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      conoscendo Dario Fo e il periodo ci credo

      Reply

  • Avatar

    Francesco Cimino

    |

    Perché sarebbe plausibile la lettura in chiave fascista de ” Il mio canto libero ” ? Ora non ricordo tutto il testo della canzone…il ” mondo prigioniero ” potrebbe esser quello delle ” plutodemocrazie ” post belliche?

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      In un mondo che
      non ci vuole più
      resèpiriamo liberi
      io e te…..

      Reply

  • Avatar

    massimo

    |

    Aldilà della questione Battisti fascista o di simpatie fascistoidi, vorrei ricordare il percorso fatto da molti esponenti di spicco del mondo sessantottino, da Adraino Sofri a Paolo Liguori, Giampiero Mughini e molti altri….della serie spesso si invecchia malissimo.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      io però distinguerei fra Sofri da un lato e Liguoiri dell’altro. Mughini poi è un caso a sè e non è giuusto essere troppo severi

      Reply

  • Avatar

    mssimo

    |

    E questi a cui mi riferisco erano in movimenti ultrasinistra, tipo Lotta Continua ad esempio, il che mi fa pensare che anche se Battisti fosse stato fascista, meglio lui che ha dato grande lustro alla canzone italiana di certi “compagni” che invecchiando male, ci hanno mostrato la loro vera natura in età matura.

    Reply

  • Avatar

    Paolo Selmi

    |

    “Per te che è ancora notte e già prepari il tuo caffé
    che ti vesti senza più guardar lo specchio dietro te”…
    Che bella canzone! Anche il Grande Timoniere si commosse (cosa gli tradussero rimase tuttavia un mistero), e limitò la campagna inizialmente orchestrata “Contro Lin Biao, contro Confucio, contro Battisti” ai soli Lin Biao e Confucio. 🙂

    Un caro saluto
    Paolo

    PS Complimenti per il bianco e nero d’Autore, davvero notevole!

    Reply

  • Avatar

    Mario Vitale

    |

    Prof, nell’elenco mi dimentica Guccini? Guardi che Le tolgo il saluto! :-))

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      be se è per questo oltre Guccini che dire di Bennato, di stefano rosso, ce ne sarebbero ancora….

      Reply

  • Avatar

    Mohicano79

    |

    Italia 2016. La maleducazione di un’alunna diventa oggetto sule simpatie politiche di questo o quello. I genitori che difendono l’arroganza di certi figli prendendone le difese a prescindere dalla realtà. Quello si è totalitarismo. Povero Lucio…
    P.s. prof. Penso che se uno studente le avesse iniziato a interrompere una lezione con altri argomenti fuori luogo, all’università l’avrebbe gentilmente invitato a… cambiare corsi di studi.
    Cordialmente

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      probabilmente si, ma il 4 che c’entra?

      Reply

      • Avatar

        Mohicano79

        |

        Mi sembra che la notizia ormai sia andata in soffitta e verteva esclusivamente sul fatto “Battisti era fascista”. Non si è data la possibilità al prof. di controbattere quindi c’è solo una campana che suona e per giunta “de relato” (il genitore che parla). Diciamo che l’alunno disturba. Viene ripreso. Da qui la nota. Viene interrogato. Da qui il 4. Ma il prof. diventa fascista e non può difendersi alla stessa stregua dei Pm “giustizionalisti”. La chiave di lettura mi sembra questa.
        Cordialmente

        Reply

  • Avatar

    Gianluca

    |

    I gruppi di estrema destra dei tempi andati, ma anche quei quattro sfigati che ci sono oggi (soprattutto casapound) non avendo riferimenti culturali molti se li sono “presi” a forza come Battisti, che anch’io ho sempre sentito essere definito tendenzialmente apolitico, oppure li hanno scippati alla sinistra, quali Rino Getano e De Andrè, che al massimo erano anarchici, ma anche personaggi storici come Che Guevara e Fidel, perfino Il Signore degli Anelli hanno fascistizzato per quanto il povero Tolkien si sia sgolato nel ripetere che la politica non c’entrava niente. Il ridicolo dovrebbe avere un limite anche per questa gente.

    Reply

  • Avatar

    GherardoMaffei

    |

    Nell’attuale regime scolastico imperversante che impone dogmaticamente una sola liturgia, una sola teologia ideologica, imperversa solo la nuova religione di stato obbligatoria per tutti fin dall’asilo nido: indovinate quale? Noto con disappunto che anche il movimento 5 stelle ha approvato la recente e vergognosa liberticida legge contro il revisionismo storiografico, che rimane l’unico metodo valido e credibile per riscrivere la storia.L’insegnante in argomento è il tipico esempio di diseducazioni in cui versa la classe degli insegnanti italiani, che non perdono occasione per propinare ai pargoli ,la solita minestrina rancida e riscaldata.Battisti era inviso ai compagni anche perché non andava a cantare alle feste dell’Unità, a diversità di tutti gli altri suoi colleghi. Non solo vi è la nota che lei ha citato degli Affari Riservati,ma vi era anche un’altra nota che in realtà credo sia una leggenda metropolitana messa in giro dai compagni vale a dire che Battisti fosse uno dei finanziatori di Ordine Nuovo.In conclusione con una simile classe di insegnanti il risultato è matematicamente certo:intere generazioni di giovani asini e somari e bulli!

    Reply

  • Avatar

    Pier

    |

    Oltre a “Il mio canto libero” la canzone che scatenò i sospetti fu “La collina dei ciliegi”, con la strofa incriminata:
    “e noi, ancora ancor più su
    planando sopra boschi di braccia tese”.

    Reply

  • Avatar

    Lorenzo

    |

    Quando ero ragazzo parlavo volentieri politichese (ovviamente dicevo solo scemenze, ma facevano tendenza) e c’era anche un insegnante a cui sarebbe piaciuto sanzionarmi, ma non ci si è mai provato. Erano tempi in cui le opinioni politiche aderivano alla pelle come la crema Nivea.

    Se l’insegnante di cui parla Giannuli continua a camminare sulle sue gambe vuol dire che la gioventù di oggi merita questo tipo di sanzioni.

    Per fortuna il regime è alla frutta e torneranno i bei tempi, quelli che danno senso alla vita individuale.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!