Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (16)

  • Avatar

    Gaz

    |

    ACME NEWS
    Un dirigente del M5*, richiesto dalla nostra Agenzia di un commento a caldo sull’ultimo articolo del Professor Giannuli, candidamente ha ammesso: ” Finora abbiamo sbagliato, perchè i nostri leggevano i manuali di Istituzioni di Diritto Pubblico. D’ora in poi seguiremo il consiglio del Professor Giannuli. Compreremo manuali di diritto costituzionale per tutti”

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    .. e se un onorevole di un gruppo diverso chiede di aderire a quello dei 5*, lo festeggiano con la veste bianca, ammazzano il maiale grasso e gli donano 100.000 euro?

    Reply

  • Avatar

    Pierfrancesco

    |

    Ci andrei cauto sulla “multa” per i cambi di casacca, i 100.000 euro non mettono un vincolo di mandato, lo fanno semplicemente a pagamento, un parlamentare 5 stelle nella legislatura restituisce dai 2 ai 300.000€ , nessuno dei ” dissidenti ” finora ha continuato a farlo, mi sembra giusto assicurarsi che almeno una parte la diano comunque, questo non gli impedisce di lasciare il partito, semmai si assicura che non lo facciano solo per i soldi. D’altra parte anche l’articolo 32 stabilisce il diritto all’assistenza sanitaria ma tutti paghiamo profumati tiket…tranne gli indigenti assoluti.

    Reply

    • Avatar

      mirko g. s.

      |

      Il piano civilistico e quello publicistico sono diversi ma il codice civile stesso parla di nullità radicale in caso di violazione di norma imperativa (lo fa anche nel caso di apposizione di condizione) e interpretare l’assenza di vincolo di mandato come fa lei temo sia impercorribile come strada. Forse però sono percorribili altre strade per raggiungere il risultato.

      Reply

  • Avatar

    Valerio

    |

    Dovrebbero cominciare anche a pensare di rinnovare il nome.
    Se rimane un movimento, la sigla MVHNLN mi pare adatta.
    Se diviene partito, PFR è senz’altro il nome più adeguato.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    O.T.
    La Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Noemi Di Segni ha proposto di togliere dalla toponomastica e dalle intitolazioni di edifici pubblici il nome di quella sottospecie di regnante che pensava ai fatti suoi e si disinteressava degli italiani.
    Mi associo.
    E’ stato il politico italiano più importante, ma in negativo, del secolo scorso.
    Due paroline gli vanno però dette: Lloyds. Standard Oil.

    Reply

  • Avatar

    Ettore Mussato

    |

    NOI
    Possiamo sbagliare, i nostri “errori” restano comunque VENIALI confronto ai FURTI DEI POLITIMAFIOLADRI !!!!
    MEGLIO NOI CON I NOSTRI SBAGLI CHE FARABUTTI SERIALI POLTRONAI A VITA !!!

    Reply

  • Avatar

    massimo pizzo

    |

    Buonasera, ringrazio Giannuli per questo articolo molto concreto.

    Il tema di come sono organizzati i partiti non è una questione tecnica da esperti e politologi.

    E’ uno dei temi più sottovalutati dai giornali e dall’opinione pubblica eppure determina gli scarsi risultati di questi anni: poche idee per risolvere vecchi e nuovi problemi, poco ricambio generazionale e una classe politica sempre più isolata dalla società civile molto più dinamica e ricca di competenze.

    Abbiamo bisogno di partiti nuovi o rinnovati che siano democratici nei metodi e capaci di crescere una classe di politici con idee e competenze per governare la politica locale e nazionale.

    Reply

  • Avatar

    Allora ditelo

    |

    Non è chiaro per quale ragionamento l’obbligo di votare la fiducia NON violerebbe l’art 67 Cost (divieto di mandato imperativo) alla stessa maniera una “sanzione pecuniaria” o una “espulsione”.

    C’è un motivo per cui i parlamentari sono insindacabili ed il governo no anche se sembra che alcuni decreti “d’urgenza” rimandassero l’applicazione di alcune disposizioni in essi contenuti alla eventuale conversione in legge.

    Bisogna poi fare attenzione che a pasticciare con le leggi elettorali per ridurre il numero di soggetti politici indipendenti diventi invece un tassello di qualche marchingegno studiato per verticalizzare il potere.

    Se ci fosse il proporzionale puro senza soglie il “mandato imperativo” non genererebbe le stesse conseguenze che si avrebbero in un panorama politico distorto (per osannare oligopoli contro la “frammentazione”).

    Più si riducono artificiosamente il numero di soggetti politici meno l’elettore è libero di scegliere liberamente se è rappresentato meglio dal “capo politico” o da chi è stato espulso.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    ACME NEWS
    Anticipazioni sul blog che verrà.
    Il Professor Giannuli, approfittando dei giorni di vacanza, si è rinchiuso nel suo antro, dove ha portato seco una buona provvista di candele, molto inchiostro, carta e calamaio.
    Seduto sulla sua poltrona, sta covando i lavori che nel corso dell’anno non ha potuto portare a termine. Schiusa dopo schiusa, intorno al Professore c’è un pigolio di pezzi. Altro che i soliti Twitt liofilizzati !! Tra questi v’i è uno che parla una lingua diversa da quella di tutti gli altri: é quello sulla questione linguistica europea.
    (fonte anonima)
    (fonte

    Reply

  • Avatar

    Giulio Antonio Brianza Troisi

    |

    La disamina sul tema, compresa quella del 2014, è dal punto di vista scolastico impeccabile come è tipico del prof Giannulli. Ma dal mio punto di vista (di comune attivista) che ha osservato e vissuto il M5S, mi permetto di avanzare la critica che non bastano i “canoni” tradizionali per inquadrare il M5S, innanzitutto come movimento (figurarsi come partito) per cui se non ci si tolgono le lenti accademiche, non si può che finire in categoriche conclusioni come quelle qui avanzate.
    Cerco di essere sintetico dando contenuto alle mie affermazioni, sperando di essere anche efficace. Il M5S nasce come movimento culturale trasversale attraverso un blog di un SINGOLO INDIVIDUO, che accetta la sfida di ALCUNI chi lo seguono di “formare” (dare forma) a un movimento che possa entrare nelle ISTITUZIONI politiche per realizzare le idee scaturite dai confronti del blog (maturate in una rete, e in quanto tali sempre in divenire) sperando che esse possano coinvolgere la maggior parte degli italiani. Già qui si indentificano i soggetti principali, un SINGOLO, ALCUNI, e la loro azione fondamentale che è quello di ISTITUZIONALIZZARE un movimento culturale “liquido” (passatemi il termine in riferimento all’ontologia dell'”informazione” che lo costituisce) allo scopo di coinvolgere l’intero popolo: cosa questa mai avvenuta prima nella Storia, o almeno non in queste dimensioni e durate (il Professore può confermare?).
    Purtroppo questo tentativo RIVOLUZIONARIO era inevitabile che venisse incompreso e talvolta mistificato: erroneamente da subito ad esempio sono stati identificati il SINGOLO e ALCUNI come “il capo e la base”; mentre il singolo era garante (tra poco vediamo perché ora doveva diventare capo) e ALCUNI erano semplicemente “parte della base”. ALCUNI i quali diventavano sempre più numerosi a mano a mano che il movimento è cresciuto, ma con a fianco però anche ALTRI dellla base, da distinguere dagli ALCUNI in linea con i principi del Movimento, ossia approfittatori, infiltrati, improvvisati, curiosi, simpatizzanti, confusi, e quanti non potevano che andare a comporre le le fila dei cosiddetti “dissidenti”.
    Aggiungiamo quindi che una volta che si formalizza la propria identità per entrare nelle istituzioni sia inevitabile che si assumano connotati sovrapponibili (nella forma, nei contenuti tutto è da verificare) dei partiti tradizionali? Ma basta questo per catalogare un movimento culturale formalizzato a isituzione, a un partito vero e proprio? Secondo me no. Tuttavia si è dimostrato che basta questo affinchè gli ALTRI della base rispetto agli ALCUNI facessero più casino e creassero un’infinità di problemi a tutto il M5S. E questo quando sono arrivati a rivestire ruoli istituzionali di “portavoce” tanto ALCUNI quanto ALTRI (ricordiamoci che il ruolo di portavoce è transitorio nel progetto del M5S, che vuole abolire la delega e quindi i partiti stessi. Come può essere dunque un partito il M5S?). Ma approfondiamo. Proprio perché ci sono questi ALTRI a vivere il M5S come un partito “a prescindere” (è nella loro forma mentis, nella loro educazione, nel loro isitinto) è stata necessaria la recente “ristrutturazione” di regole e ruoli del M5S. E’ stata una base “patologica” a indurre verso questa evoluzione il M5S, non il contrario. Forse c’è stato un errore di calcolo iniziale dove si dava per scontato che nel M5S sarebbero entrati solo “onesti” e avrebbero contagiato gli ALTRI con l’informazione (culturale). Mentre poi si è constatato che distinguere gli onesti tra le mille facce degli ALTRI è un’impresa sempre più dura, se non impossibile, ma in fondo in fondo inutile. Perché alla fine quello che conta sono quegli ALCUNI che faranno la vera differenza, per una rivoluzione culturale anche in politica (così come è sempre stato nella Storia dell’Umanità d’altronde).
    Quindi, anche senza sapere se in numero assoluto siano più gli onesti o i disonesti tra i partecipanti al progetto politico del M5S, quel che conta è che i primi non siano sopraffatti dai secondi, e per arginarli si è dovuto ricorrere a ruoli e regolamenti siffatti.
    Ultimissima considerazione veloce sul richiamo a studiare un po’ di più il diritto prima di fare regolamenti, per evitare penalità fuorilegge e/o comiche. Forse lo scopo di siffatte penalità non è tanto quella ottenere risarcimenti, ma di simboleggiare un deterrente con un’attribuzione di indignità. Una sorta di “lettera scarlatta” da imprimere su chi inganna, mente, tradisce, con cifre simboliche. Ricordiamoci che a San Pietro, si narra, furono consegnate le chiavi del Paradiso pur avendo rinnegato Cristo. Giuda invece avendolo tradito, fu gettato nel più profondo degli inferi. Dobbiamo rassegnarci che nel nostro diritto penale e in constituzione l’inferno non è contemplato. Forse lo è nel diritto islamico pare, e su quest’ultimo dovremo farci presto una cultura se torneranno ancora a governare il 4 marzo i soliti partiti dell’ormai nota compravendita di popoli, e non il popolo stesso in movimento.

    Reply

    • Avatar

      Allora ditelo

      |

      La cosa più interessante di certe iniziative è che tutti possono essere portavoce prima di essere espulsi.

      Reply

    • Avatar

      Allora ditelo

      |

      Il riconoscimento dei diritti vigenti può essere considerato una informazione culturale.

      L’invito a prendere atto del diritto risulta benevolmente rivolto con la fiducia che venga poi rispettato in buona fede (e non il contrario).

      Reply

  • Avatar

    Edoardo

    |

    Professore,

    Che ne dice di Potere al Popolo?

    La ringrazio, con stima

    Edoardo

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      mi sembra un tentativo un po’ in ritardo e con poche possibilità di affermazione, per di più non so se ce la farannoa raccogliere le firme (personalmente se me lo chiedono firmo per loro, anche se a Milano non credo abbiano problemi) Posso guardarli con simpatia ma mi sembra una operazione ultraminoritaria

      Reply

  • Avatar

    Venceslao di Spilimbergo

    |

    Buonasera Professore
    Porgo le mie scuse per il disturbo… e per il contenuto (apparentemente provocatorio) del quesito che desidero presentarle ma, sinceramente, non sono riuscito a trattenermi dal farle presente un dubbio che (come già esposto in precedenti occasioni, sempre in questo sito) non mi da tregua: Chiarissimo, secondo Lei è possibile e/o auspicabile che una forza politica presentatasi come “rivoluzionaria” (o quantomeno intesa come tale dalla maggioranza dei suoi simpatizzanti, elettori e iscritti) possa in un qualche modo “normalizzarsi”? Ovvero, è possibile e/o auspicabile che un movimento (anche sociale, pertanto culturale) dichiaratamente di “rottura”, di piena contrapposizione con il passato politico di questo Paese, possa ad un certo punto accettare le regole del sistema (tanto nella forma, tanto nella sostanza) che vuole nella migliore delle probabilità modificare totalmente e nella peggiore distruggere dalle fondamenta? E se fosse possibile che una simile cosa possa accadere (ma personalmente ne dubito), quanto apparirebbe credibile? Non rischierebbe di essere intesa solo come una mossa tattica, adottata solamente per poter accrescere il proprio bacino elettorale e pertanto per vincere le elezioni? E, prescindendo dalle opinioni esterne alla formazione, come verrebe percepita una simile “mutazione” dai simpatizzanti, dagli elettori e dagli iscritti? Non vi è il rischio che si possano sentire traditi o quantomeno possano rimanere delusi… similmente a quanto accadeva all’elettorato Comunista ogni qual volta “Botteghe Oscure” abbandonava le posizioni “massimaliste” a favore di quelle più “moderate”? Questo ultimo paragone non l’ho esposto casualmente: più passa il tempo e più colgo infatti similitudini interessanti tra l’attuale esperienza politica del Movimento Cinque Stelle e la fu esperienza politica del PCI (almeno dalla Segreteria del signor Berlinguer in poi). Anche i rispettivi gruppi di simpatizzanti, elettori e iscritti denoto siano simili… tanto nei modi di porsi verso i loro avversari, tanto nelle speranze; persino le percentuali di voto (ma non le cifre assolute) si rassomigliano. E anche gli intenti rivoluzionari, pur nelle diversità evidenti, non sono trascurabili. Per fortuna o purtroppo, al pari del fu Partito Comunista”, anche per il Movimento “Pentastellato” credo che una “normalizzazione”, da alcuni legittimamente desiderata, sia però tanto teoricamente quanto praticamente impossibile… se non controproducente (per loro stessi, si intende). Professore, Lei che è abbastanza dentro questa forza politica, che idee si è fatto riguardo la questione accennata entro mio quesito? Sarei veramente curioso e interessato a conoscere il suo pensiero.
    Nel frattempo, scusandomi nuovamente per il disturbo arrecato, la saluto augurandole ogni bene una buona serata

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!