Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (24)

  • Avatar

    Gaz

    |

    Qui di gassoso ci sono GAS e Gaz: bastano ed avanzano.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Libero non è un giornale, ma il Giornale non è libero. (battuta non mia)
    Il Foglio è un giornale, o piuttosto un ossimoro, per non dire una sineddoche ??

    Reply

    • Avatar

      Gaz

      |

      Penso che non sia un sintagma.

      Reply

      • Avatar

        Tenerone Dolcissimo

        |

        E se fosse uno zeugma?
        Io non scarterei a priori questa ipotesi

        Reply

        • Avatar

          Gaz

          |

          Come specie di ellissi ci può stare.

          Reply

  • Avatar

    Svero

    |

    Macron farà più danni (sociali) di Holland. Un pericoloso finanziere (psicologicamente molto particolare) il primo e un imbecille di prima grandezza il secondo. Non penso che passato un po’ di tempo verrà voglia a qualche personalità di centro-sinistra di riferirsi al nuovo presidente francese come modello da imitare (il PD non è un partito di centro-sinistra). A nozze invece gli amanti dei questo piffero di tecno-europa (minuscolo intenzionale) da incubo. I “poteri forti” si inventeranno qualcosa , ma i nodi stanno arrivando al pettine.

    Reply

  • Avatar

    Venceslao di Spilimbergo

    |

    Buonasera professore
    Interessante il suo commento, di cui condivido sia l’affermazione di quanto sia inutile de facto trovare in Italia un “Macron nostrano” (egli è un fenomeno esclusivamente Francese e spiegabile solamente tenendo conto del sistema istituzionale, nonché della attuale congettura politica, esistente Oltralpe), sia la critica alla moda molto italica (progressista in particolare, ma non solo) di cercare all’esterno dei propri confini patri un modello di riferimento, a cui ispirarsi teoricamente ma in realtà da cui copiare spudoratamente nella pratica (implicita ammissione questa della assoluta mancanza, da parte delle nostre classi dirigenti, di idee e di programmi da proporre alla cittadinanza). Non me ne voglia invece se le confesso che non sono molto d’accordo con la sua ultima affermazione, secondo cui in questo periodo stiamo assistendo alla gestazione della cosiddetta “Terza Repubblica”; rifacendomi al pensiero di un caro ma oramai scomparso amico Britannico che guardava alla realtà Italiana con occhi stranieri (e pertanto probabilmente più obiettivi dei nostri), ritengo che noi oggigiorno non stiamo assistendo alla conclusione della cosiddetta “Seconda Repubblica” e alla nascita della sua “discendente”, bensì stiamo contemplando il progredire della decomposizione della Repubblica originaria (la cosiddetta “Prima Repubblica”), la quale, nata nel 1946, è venuta a mancare dopo una vita alquanto complicata e sofferta nel periodo 1989- 1992/3. Venuta al mondo con la “Guerra Fredda”, nella “Guerra Fredda”, in funzione della “Guerra Fredda”, plasmata sin dalle origini dalle ideologie di quell’età storica, la nostra Repubblica non poteva che terminare sia da un punto di vista ideale, sia da un punto di vista pratico- materiale, con la conclusione di quella esperienza storica che ne costituiva l’habitat per la sopravvivenza (si vedano a tal proposito le tanto criticate, ma in verità profondissime “esternazioni” che l’allora Presidente Cossiga aveva esposto tramite i mezzi di comunicazione: un grido di allarme con cui invitava la politica Italiana a rendersi conto di cosa stava avvenendo a livello storico nel mondo e di cosa ne sarebbe conseguito a livello nazionale. Come comprese il signor Guzzanti, lo Statista Sardo non era un “picconatore” ma un disperato “pompiere”). Purtroppo però non solo la classe dirigente Italiana (o quantomeno le fazioni più attive di essa) non ha voluto seppellire dignitosamente la “venerabile defunta”, voltando pagina come già accaduto in altre occasioni nella Storia… no! Le nostre elite, sostenute in questo da una parte cospicua della nostra popolazione, o per motivi di interesse o per ragioni ideologiche, non hanno proprio voluto accettare l’avvenuto decesso; il risultato è quello che abbiamo di fronte agli occhi ogni giorno: un cadavere lasciato in casa, in piena decomposizione, cui dobbiamo assistere e subire le varie fasi di mutazione biologica. L’Italia, riprendendo le esatte parole del mio scomparso amico, è tuttora <>. Forse sarebbe finalmente ora di seppellire il nostro passato politico/istituzionale e andare avanti.
    La saluto augurandole ogni bene e una buona serata

    Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    Beh, con tutto il rispetto per il personaggio, non mi par proprio che il settantenne Draghi possa essere definito “giovane e belloccio”.
    Comunque, dare per finito il rampante Renzi (abbastanza “giovane e belloccio”), soprattutto potendo contare sull’appoggio esterno di Berlusconi, mi sembra il classico vendere la pelle dell’orso prima di averlo preso.
    Frequentando qualche ambiente PDino, ci si rende presto conto di quanto sia radicato il mito del fiorentino, come hanno ampiamente dimostrato anche le primarie; dato per scontato che Minniti sia lì solo per arricchire l’ipotesi, la base PD non seguirebbe altri soggetti, soprattutto se, come per Draghi e Cairo, sono sconosciuti alla nomenclatura. Anche e sopratutto perchè non sarebbero controllabili e tantomeno manovrabili.
    Di questi due, infatti, mi manca un elemento essenziale: chi sono i loro Grandi Elettori?

    Reply

    • Avatar

      Roberto B.

      |

      P.S.: aggiungo per finire che proprio non ce lo vedo Renzi nel ruolo di portaborse di Draghi, Cairo o di chicchessia. L’uomo è un Berlusconi da giovane; non si rassegnerà a ruoli di secondo piano.
      Se davvero non si rimetterà in pista, mi pare molto più probabile che continui a mandare avanti Gentiloni ed a fare il manovratore dietro le quinte.

      Reply

  • Avatar

    Tommaso B

    |

    La Lega non più Lega, ma partito di Salvini, non è mai stata di disturbo, ma è stata usata per tenere lontani gli elettori moderati dal “populismo”, facendone una macchietta, e contemporaneamente per spaccare l’elettorato “populista” e non far prendere troppi voti al M5S. Dividi et impera.

    Per quanto riguarda il Macron italiano nessuno di quelli citati è adatto, forse Calenda era più adatto, ma chiunque sia farebbe da stampella al futuro governo Renzi, come fece Monti con Scelta Civica.

    Il punto è che Macron è il Renzi francese, quindi è inutile porsi la domanda di chi potrebbe essere il Macron italiano.

    Reply

  • Avatar

    ilBuonPeppe

    |

    Alle prossime elezioni Renzi sarà il candidato premier del PD per garantire, grazie alla repulsione ormai dilagante nei suoi confronti, la vittoria del M5S. Di Maio sarà lo Tsipras italiano (mentre Renzi avrà una comodissima poltrona da capo dell’opposizione) e in capo a tre mesi saremo sotto il controllo completo della Troika. Tutto quello che succederà verrà addebitato (a torto e a ragione) al M5S che resterà al governo il tempo necessario a spolpare quel che resta dell’economia italiana. Al giro successivo potrà tornare la politica tradizionale nel tripudio generale.
    Finirà male.

    Reply

  • Avatar

    Paolo Selmi

    |

    Professore buongiorno!
    mi vengono in mente altri due punti.
    f. che l’establishment, ovviamente, non solo non tiene conto dell’esito referendario ma lo sta, di fatto, aggirando, relegando in un angolo la Costituzione, distruggendo definitivamente la forma partito e l’idea di rappresentanza e partecipazione alla vita politica “permanenti” cui questa modalità soggiace. In particolare, è completamente azzerato il ruolo post-elettorale di monitoraggio e impulso all’attività politica dato dal
    g. cittadino elettore, ridotto a comparsa “necessaria” nel momento di rinnovo della legittimazione politica a governare. Voto ridotto a tele-voto, in tutti i sensi. Rinnovo che, come in altre branche della vita sociale, è sempre più ridotto a momento cerimoniale privo di qualsiasi significato, se non quello di ridurre al silenzio qualsiasi forma di dissenso di classe organizzato, più efficace di qualsiasi manganello e olio di ricino, in quanto nessun partito con una visione di classe alternativa, verosimilmente, oggi può pensare di crescere immediatamente da 0 a più del 5%. E non avere voce in parlamento, equivale a non esistere. Per assurdo, 13 milioni di lumpenproletariat, più quello che resta dei salariati, ridotti a sperare in sogni altri dai loro, ad avere progetti politici, ammesso che li abbiano, del tutto distanti dai loro interessi di classe, a essere “rappresentati” nelle sedi istituzionali da soggetti alieni, e che alla fine o non votano, o votano Macron, o votano Trump… sempre più sulla via di Weimar.

    Grazie per questa analisi e
    un caro saluto.

    Paolo

    @Foriato ciao! ti ho poi risposto solo ora sulla tua di due giorni fa. Molto interessante. ciao

    Reply

    • Avatar

      foriato

      |

      Ricevuto, passo!

      Reply

  • Avatar

    Giovanni Talpone

    |

    >>un nuovo partito “liquido” (anzi gassoso) che si presenti come “né di destra né di sinistra” …. raccolto intorno ad un personaggio con simpatie trasversali e che si presenti in rottura delle tradizioni politiche precedenti.
    Lasciamo perdere che di solito questi discorsi preparano un partito di destra e che un partito del genere sarebbe tutto interno al sistema neo liberista ed affatto nuovo ma solo ben truccato<<
    Chissà perché, questa descrizione mi ha ricordato il M5S…. comunque ci sono differenze sostanziali fra Francia e Italia, per cui un Macron italiano è impossibile. Intanto, loro hanno l'ENA e da noi sia arriva a dirigere la Banca d'Italia da professori di lettere, e comunque chi ha studiato in facoltà umanistiche si fa vanto di non capire nulla di matematica: e si vede quando scrivono sentenze, leggi, regolamenti, riforme della PA e sistemi elettorali. Ma soprattutto in Italia non si va da nessuna parte senza scendere a patti con l'evasione fiscale, la corruzione diffusa e i sistemi mafiosi: quanti Comuni ci sono in Francia che da anni non riescono a eleggere un sindaco per controllo mafioso? E se il famoso ponte sospeso inaugurato gli anni scorsi, fosse stato realizzato dalle ditte che hanno realizzato il Mose o la Salerno-Reggio Calabria, non sarebbe sospeso… in tutt'altro senso?

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Ci sono cose migliori che fidarsi e ancor meno affidarsi a Macron, del cui emulo italiano non si sente il bisogno.
    Forse Macro è il Berluscò di Francia?

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Non so se ci sarà un Macron italiano, ma di sicuro ci sono tanti servi pronti ad incensarlo.
    Ho visto un servizio alla tv di regime (mah … oramai anche LA/ e’ un trombettiere di regime) in cui zuccherosamente si parlava della stupenda storia d’amore fra Micron e nonna Abelarda. Il tono era quello usato per descrivere la storia d’amore fra William e Kate, ma senza valutare che nel secondo caso si trattava di due giovani e belli e ricchi … una tipica fiaba dei nostri tempi, che può anche commuovere e far digerire i chili di melassa che la accompagnano.
    Ma nel caso di Masson anche un cerebroleso si accorgerebbe che siamo dinanzi ad uno psicopatico il cui sviluppo mentale si è fermato alla preadolescenza e che ancora ha bisogno della mamma che lo porti a far pipì e gli sgrulli il pisellino.
    Il guaio è che questo psicopatico ha in mano la valigetta coi codici nucleari e oltretutto li hanno pure i Rothschild adesso.
    E pensare che i francesi sghignazzavano perché avevamo eletto un leader “malato” perché correva dietro alle ragazzine.

    Reply

    • Avatar

      Gaz

      |

      @Tenerone Dolcissimo.
      Riguardo all’ultimo punto, sarà un pregiudizio, ma funziona.
      Hanno come politici i soliti str …., la cui parola vale meno di zero.

      Reply

  • Avatar

    Lorenzo

    |

    Di Maio e il mov 5 stelle, un po’ lavorato ai fianchi e scontando una scissioncella, rappresentano una rispettabilissima approssimazione ai prototipi di Macron e del movimento gassoso né di destra né di sinistra. Del resto basta vedere come lavorano le giunte 5S: assenza di qualsiasi posizione o progetto radicale, sostanziale continuità colla politica delle giunte precedenti, certo con un po’ di rapacità in meno (per il momento).

    L’assenza di una cultura politica propria e definita è ciò che consente al movimento-prenditutto di crescere a 360°, ma è anche ciò che lo porterà irresistibilmente a mutuare la cultura politica dominante una volta assunto il potere e costretto a fare scelte concrete.

    Reply

    • Avatar

      Roberto B.

      |

      Chissà perchè tutto questo tifare contro il M5S, senza peraltro uno straccio di proposta alternativa.
      Un M5S che non ha mai predicato la Rivoluzione con le barricate nelle strade e che, se anche fosse vero che non è il massimo della progettualità, non ha certo contribuito allo sfacelo che vediamo, almeno finora.
      Mi correggo, par di capire che l’alternativa auspicata è un cataclisma planetario che cancelli buona parte del genere umano, in se corrotto e inemendabile, governabile solo con la violenza ed il terrore. Una specie di secondo Diluvio Universale, per un nuovo inizio.
      E poi dice che sono i mussulmani i tagliatori di teste!
      C’è una bellissima battuta di Pirandello in Il piacere dell’onestà, che suona così:
      “è più facile essere eroi che onesti, perchè eroi si può esserlo una volta, onesti bisogna esserlo sempre”.

      Reply

      • Avatar

        Lorenzo

        |

        Eh eh, le massime che iniziano col Sein e finiscono col Sollen non brillano per correttezza concettuale.

        Reply

        • Avatar

          Roberto B.

          |

          Boh!

          Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Un M5S che non ha mai predicato la Rivoluzione con le barricate nelle strade
    ***
    Forse è proprio quella la sua colpa. Tutte le grandi democrazie sono nate da significative spremute di sangue.
    In particolare per aversi democrazia e libertà occorre necessariamente scannare un buon numero di coloro che mettono tasse o riscuotono tasse o che si dichiarano favorevoli alle tasse.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Boston Tea Party USA,
    Luigi XVI FRancia,
    Martin Lutero Germania,
    Italia ?

    Reply

    • Avatar

      Tenerone Dolcissimo

      |

      In Italia si registra solo un misero linciaggio di un ministro delle finanze, tale Prina, imposto da Napoleone.
      Un po’ poco considerato che pure i greci ci stanno sorpassando avendo quasi spanzato Papademos e cioe’ il loro Monti, mentre il nostro di Monti continua a girare tranquillo e indisturbato.

      Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!