Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (9)

  • Avatar

    nicola picca

    |

    http://www.nocensura.com/2012/09/aldo-moro-morto-per-500-lire.html
    questa moivazione -per me nuova ma che trovo molto sensata- spiegherebbe perchè si muovessero parallelamente gli estremismi di dx e sx -e con l’aiuto dei servizi!- per farlo fuori con tanta ‘fermezza’, cosa non giustificata a pieno nè dal voler far entrare il pci nel governo nè dall’aiuto dato al mondo arabo (e a gheddafi in primis)

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    per me il bagaglino era un fatto inspiegabile: come è possibile che un coacervo di scarsezza come quello potesse avere avuto un benchèminimo successo e relative prime serate mediaset? ma in effetti dietro ogni cosa inspiegabile spesso ci sono dei misteri italiani alla base. il pippo franco andreottiano e massoneggiante mi era noto, ma il pingitore neofascista e golpista mi sfuggiva completamente. chiaramente sembra che l’opzione che volessero avvertire moro sia da escludere, dato che in tal caso moro lo avrebbe saputo. che volessero invece mettere qualcosa sul piatto mi sembra molto più semplice, dato che in effetti il potere contrattuale di questi neofascisti è stato grande, se si considera il fatto che molti sono riusciti a scappare all’estero, e in qualche caso anche portandosi dietro un pò di soldi. e tutto sommato credo che ancora oggi i contatti tra estrema destra e mondo istituzionale non si limitino alla giunta alemanno

    Reply

  • Avatar

    Edoardo

    |

    Gentile Giannuli, ammiro l’ironia con la quale chiude il pezzo…beh? Che c’e’da stupirsi in merito? I Servizi (ok, ma quali?)avranno semplicemente archiviato il piano per tirarlo fuori 14 anni dopo, semplicemente cambiando cavallo…
    Pur ringraziandola per la notizia, ahinoi non mi sembra una grande novita’…
    Con stima,
    Edoardo

    Reply

  • Avatar

    Stregatto

    |

    Ma..secondo me si viaggia molto con la fantasia.
    Posto che sul caso Moro dovrebbero (giudici e brigatisti) chiarire alcune cose su cui sono sempre molto vaghi (magari l’hanno fatto):

    – chi ha sparato metà dei colpi da una sola arma
    – il covo in via Gradoli
    – i memoriali di Moro

    Coltellacci era del Servizio…poi.
    Voglio dire, allora dobbiamo crede anche a Vinciguerra quando parla dell’eliminazione di Rumor.

    Quanto al libro io l’ho trovato interessante, ricordandosi appunto che è un libro di memorie.

    Reply

  • Avatar

    fabio

    |

    le cose da chidere sarebbero tante, ma come spesso cpaita in queste autoagiografie, è difficile che l’interessato risponda.

    Reply

  • Avatar

    demian

    |

    Concordo con Edoardo quando parliamo di servizi è ora che iniziamo a dire di quali servizi parliamo. Se vogliamo capire quello che successe dobbiamo iniziare a capire a chi interessava Moro morto, a chi dava fastidio la sua poltica filo-araba (in continuità con Mattei), perchè ne minacciava l’egenomia. Moro è come il caso Mattei e Matteotti, se si capisce chi ha fatto fuori Mattei si capisce chi ha fatto fuori Moro e Matteotti, o almeno da dove arriva la mano. Inoltre quando indichiamo le sette sorelle io vorrei che i giornalisti o gli addetti ai lavori fosse più precisi in merito, perchè come ha dimostrato il ricecatore Benito Li Vigni Kennedy non era contrario a Mattei. Ps: quel modo di pensare cristiano tipo dell’italiano, ovvero che Nerone abbia bruciano Roma è un pensiero fallace in partenza che non porterà mai da nessuna parte…E’ anche per questo motivo che la nostra è una storia senza verità, non cerchiamo mai nei posti giusti perchè affuscati da un ragionamento sbaglaito

    Reply

  • Avatar

    Giuseppe

    |

    scusate se vado fuori argomento un attimo..
    giorni fa si parlava di grillo…do’ sempre un occhiata al suo blog e l’impressione che mi e’ venuta e’ che dopo le “presunte” minacce ipotizzate su questo stesso blog,mi sembra come se si e’ un po eclissato..basta guardare appunto nel blog i suoi ultimi argomenti,a me non sembra un caso!
    scusate il “fuoriprogramma” ma ritengo che le notizie vadano approfondite sopratutto dopo che vi siano stati messi i riflettori sopra perche il rischio,anzi la realta dei nostri giorni sia proprio quella di ingurgitare una infinita di notizie per poi metterle inevitabilmente nel dimenticatoio..e secondo me questa e’ proprio una delle tattiche del potere.
    saluti

    Reply

  • Avatar

    MAURIIZO BAROZZI

    |

    Carissimo dott. Giannuli,
    quello che è accaduto in Italia nel quindicennio stragista e terrorista, ha una sua ragion d’essere nella subordinazione del nostro paese agli Stati Uniti e quindi nella sua collocazione Atlantica. Ora si da il caso che i nostri Servizi, per tutta una serie di situazioni, dirette e indirette, in virtù del diktat post bellico, e di accordi e protocolli successivi, palesi o segreti, sono sempre stati, di fatto, subordinati agli alti comandi militari Nato. Questo significa che, nelle questioni di rilievo e di importanza strategica, i nostri Servizi, qualunque possano essere stati i loro contrasti di carattere personale tra i vari dirigenti, o i riferimenti politici che questi dirigenti potevano avere, hanno agito, come hanno agito, in base a direttive provenienti dalle centrali atlantiche e statunitensi.
    E si badi bene che le centrali atlantiche hanno sempre controllato sia i nostri servizi militari e quindi il ns. Stato Maggiore, sia quelli civili. Non a caso U. F. D’Amato, alto dirigente degli AA.RR., nasce nella culla di J. J. Angleton e muore con una sala a lui dedicata nella sede Nato di Bruxelles.
    I personaggi della destra italiana, e a volte della sinistra, che hanno guidato o controllato gruppi e movimenti politici che troviamo nelle cronache della strategia della tensione, sono tutti creature dei nostri Servizi. Ergo sarebbe ora di finirla di parlare di Servizi deviati, Servizi infedeli o di neofascisti, perchè non esistono servizi “deviati” e non esistono fascisti. Che un qualunque manutengolo, colluso con i Servizi, abbia agito e operato sotto i simboli del fascismo non ha alcun significato.
    Solo quando diremo queste cose, ci potremo avvicinare alla verità. Mi sembra che V. Vinciguerra lo stia facendo da anni, ma si preferisce prendere da lui tutto quello che fa comodo, facendo spallucce al resto.
    Mauriizo Barozzi Roma ricercatore storico

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!