Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (9)

  • Avatar

    Franco Romanò

    |

    Caro aldo leggerò con attenzione come sempre ma una cosa la voglio dire subito. Perchè stupirsi delle testimonianze ritardate? Non è solo una questione di fare o non fare l’eroe o della paura per un uomo potente. Ma se io so, come so e come sai anche tu che se vado a denunciare qualcosa le probabilità che ho di parlare con lo sceriffo sono esattamente uguali a quelle di parlare con il capo della banda, capirai che forse un po’ di cautela è necessaria,

    Reply

  • Avatar

    menici60d15

    |

    Stiamo parlando di fatti di eccezionale gravità, sui quali è da incoscenti e poveracci accettare che non sia fatta chiarezza, perchè riguardano anche le nostre esistenze personali. Sul caso Ladu sto scrivendo un breve pezzo (attendo che mi arrivi il libro di Imposimato ”I 55 giorni che hanno cambiato l’Italia”) dove commento anche sulla mia proposta di Imposimato come candidato alla Pdr in risposta a quella di Giannuli di Guariniello (A. Giannuli Ancora sulle candidature al Quirinale
    , 5 marzo 2013). Quando lo avrò pubblicato posterò il link su questo sito, sperando di fare cosa utile.

    Un commento al post ““Non vollero salvare Moro”. Indagato per calunnia ex finanziere” Il Fatto quotidiano, 5 novembre 2013

    Paradosso di Gettier e depistaggi

    Una tra le varie possibilità è quella del paradosso di Gettier, dove una credenza è vera nonostante sia ritenuta tale sulla base di una giustificazione falsa (il libro “Il diavolo, certamente” di Camilleri ne contiene alcuni esempi). In questo caso il finanziere potrebbe avere effettivamente prodotto delle false evidenze; che supportano però un fatto vero. Il paradosso di Gettier costruito ad arte può essere una tecnica di depistaggio, per screditare una pista valida o intorbidire le acque su una verità raggiunta.

    Col conseguente procedimento per calunnia intimidisce il pubblico dal profferire ciò che d’altra parte si lascia intravedere: “L’iniquo che è forte … può adirarsi che tu mostri sospetto di lui, e, nello stesso tempo farti sentire che quello che tu sospetti è certo.” (Manzoni). Una nota, questa del negare e mostrare, presente in tutta la vicenda Moro.

    Bisogna distinguere tra valore di verità e giustificazione di una credenza, quando si tratta dei Misteri d’Italia. Nel caso Moro appare esserci stato almeno un altro caso di giustificazione falsa di una verità. Cossiga diceva che lui e i DC avevano ucciso Moro; intendendo di avere causato la morte di Moro indirettamente, come effetto collaterale previsto ma non voluto, e per una scelta autonoma di difesa dello Stato; mentre, come mostrano studi come quelli di Flamigni e De Lutiis, fu una responsabilità di tipo diretto, e in esecuzione di volontà esterne.

    Reply

  • Avatar

    MAURIZIO BAROZZI

    |

    Caro prof. Giannuli, le sue sono osservazioni ineccepibili.
    Ora è pur vero che su certi avvenimenti di grande portata ci sono spesso persone che “sanno” o pretendono di sapere certi particolari sconosciuti ai più e allo stesso tempo una semplice analisi della letteratura in argomento mostra lacune e fornisce obiettive ragioni per sostenere che le cose non possono essere andate come riportato, ma quando questo, a distanza di molti anni e scomparsi altri possibili testi, viene rivelato, bisogna sempre andarci molto cauti,a meno che non lo si comprovi con documetazioni. Ed invece spesso, con molta superficialità, su queste “rivelazioni” ci si imbastiscono nuove versioni e ci si pubblicano libri. Il risultato è quello di aumentare la confusione e di rendere con il tempo il tutto incomprensibile. Un caso evidente è quello dell’omicidio Kennedy, che a intervalli di decenni vede spuntare nuovi “testimoni” o nuove rivelazioni, il che ha prodotto decine di versioni antitetiche e spesso fantasiose, tanto che oggi possiamo dire che oramai sarà praticamente impossibile trovare la verità in quell’omicidio. Questo è il danno più evidente.

    Reply

  • Avatar

    MAURIZIO BAROZZI

    |

    A proposito di Moro e delle tardive testimonianze raccolte dall’ex magistrato Imposimato, con le quali ha suffragato buona parte della sua tesi che Moro fu SEMPRE tenuto prigioniero in via Montalcini, vorrei spendere due parole per sostenere l’assurdità di questa ipotesi.
    Non sto qui a riportare un gran numero di sospetti e di prove indiziarie, brillantemente esposte, tra gli altri, dal fratello di Moro e da Sergio Flamigni, senza contare le “dritte” provenienti da Pecorelli che, come sappiamo, non solo erano sempre veritiere, ma provenivano da “ambienti” ben informati, per le quali Moro non fu sempre nella stessa prigione, in particolare negli ultimi giorni di vita. Ma soprattutto vi è una ovvia considerazione che pur non costituendo prova inoppugnabile, ci si avvicina molto.
    Dunque, noi sappiamo che Mario Moretti, che gestiva il sequestro Moro, quasi ogni giorni usciva al mattino presto dall’appartamento ubicato in via Gradoli, (strano palazzo con appartamenti e locali in proprietà dei Servizi) per recarsi nella prigione di Moro che, con una certa ragionevolezza possiamo attestare in via Montalcini (anche se forse non come prima prigione).
    Orbene, il 18 aprile 1978, circa un mese dopo il rapimento, e poco meno di un mese alla uccisione del prigioniero, venne diffuso il falso comunicato Lago della Duchessa, ma soprattutto venne scoperto, con modalità e particolari divulgati anche alla stampa, il covo di via Gradoli dove Moretti viveva con la Balzerani. Anche uno sprovveduto poteva capire che la scoperta non era stata casuale, ma “programmata”.
    E ovvio che le BR non potevano non aver subito compreso che il covo di via Gradoli era da tempo sotto osservazione e quindi mettere in conto che gli spostamenti di Moretti erano stati notati con tanto di pedinamento. Pertanto la prigione di Moro in via Montalcini era stata sicuramente individuata, ma per qualche convenienza del “potere”, Moro non era stato liberato.
    Chiunque, in questa situazione e tanto più le BR che hanno sempre mostrato una eccessiva e maniacale prodenza, avrebbe immediatamente spostato il prigioniero da via Montalcini.
    Ergo Moro non può proprio essere stato sempre in via Montalcini.
    Ma probabilmente, da quel 18 aprile, le BR dovettero anche “cedere” la gestione del rapimento Moro ad altre “mani”.

    Reply

  • Avatar

    Gianluca

    |

    A tal proposito volevo chiederle cosa pensa delle dichiarazioni rilasciate da Steve Pieczenick a Minoli nell’intervista di due settimane fa, riguardo la morte di Moro.

    Reply

  • Avatar

    Rosario

    |

    Anche io mi associo all’intelligente domanda di Gianluca riguardo alle inquietanti dichiarazioni di Steve Pieczenick ambiguo ed inquietante “esperto” accolto da Cossiga tra i suoi consulenti. Ma chi è questo personaggio?

    Reply

  • Avatar

    C.Kurtz

    |

    Caro dott. Giannuli, alle domande che si pone in questo articolo credo abbia già risposto efficacemente il sig. Romanò.
    Chi scrive non ha vissuto direttamente quell’epoca, ma da ex uomo dello stato, posso confermare non solo da “Radio Fante” in anni più recenti, ma anche semplicemnte analizzando i fatti e gli elementi a disposizione, che il fatto che i Servizi sapessero benissimo dove era imprigionato Moro è un segreto di Pulcinella. E che non fecero volontariamente nulla per liberarlo (ma nazi favorirono il sequestro) in quanto inviso agli atlantisti come uomo che voleva il PCI al governo e troppo filo arabo.
    Questo ultimo ex militare , che ritengo credibile anche per altri motivi su cui non mi dilungo, è solo uno dei tanti che potevo incontrare e ascoltare negli ultimi 10 anni parlare di quei fatti.
    Credo abbia valutato che , essendo deceduti i 2 terminali politici, che gestirono quella vcìicenda (Cossiga e Andreotti) potesse togliersi qualche sassolino dalla scarpa.
    Purtroppo ha valutato male, in quanto già gli stanno facendo passare qualche guaio.

    Probabilmente c’è ancora qualche elemento a cui potrebbe disturbare la parte finale della carriera…

    Saluti

    Reply

  • Avatar

    MAURIZIO BAROZZI

    |

    Osservazione azzeccata quella di C. Kurtz, però non cambia il problema: come facciamo a stabilire quali tardive testimonianze sono valide e quali no?

    CONSIDERAZIONI INTERESSANTI QUELLE DEL SIG. MENICI60d15. DA LEGGERE NEL SITO.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!