Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (26)

  • Avatar

    ilBuonPeppe

    |

    D’accordo su tutto, tranne un punto.
    “Se si ammette la candidatura di una persona, vuol, dire che la si ritiene eleggibile”
    Mi pare che il processo logico dovrebbe essere opposto: se non sei eleggibile nemmeno deve essere ammessa la candidatura. L’aspetto centrale è il diritto elettorale passivo, da cui deriva anche la candidabilità.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      è esattamente la stessa cosa, per cui se ti hanno ammesso la decisione è lasciata all’elettpre. La Costituzione lascia poco spazio ad interpretazioni diverse: chi non ha copndanne definitive e passate in giudiucato è eleggibile e dunque candidabile

      Reply

  • Avatar

    mirko g. s.

    |

    Professore non ci siamo. Prima discute sulla forma e dice che è incivile prevedere la sospensione di un soggetto eletto nelle maniere di De Luca che è stato sempre e cmq eletto dagli elettori campani (sebbene in odore di camorra) poi che vilipendere Napolitano è una benemerenza sebbene al tempo fosse un’altissima carica dello Stato.
    Poi mi dice che la falsa testimonianza in un processo è un reato meno grave e per un parlamentare si potrebbe chiudere un occhio, dimenticando che lo stesso parlamentare, che così disinvoltamente testimonia il falso per rubare i soldi alle assicurazioni, con tutto il grave problema delle trastole soprattutto al Sud che qui taccio (chi vuole intendere lo farà), si troverà molto probabilmente a discutere e ad approvare leggi su quel settore in cui lui ritiene si possa fare quello che si vuole, nonchè nel settore della giustizia civile e penale (ritenendo che i processi siano delle pagliacciate).
    Prof. ricordo ancora il suo post (francamente molto “discutibile”) dove arrampicandosi sugli specchi difendeva una vecchia che si era data al taccheggio di dolciumi e superalcolici in un supermercato, peraltro punita in modo alquanto simbolico nel processo penale.
    Come ha concluso? Cosa era? Il discorso sulla funzione delle orecchie?

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      mai detto che bisogna chiudere un occhio per un parlamentare ma che i reati vanno “pesati” in base alla loro pericolosità sociale per cui se una vecchietta “ruba” 20 euro al super mercato mi pare che si possa ancghe soprassedere, se uno fa un a falsa testimonianza per un incidente d’auto (non necesdsdariamente di un parlamentare ma di un qualsiasi cittadino) è già più grave, ma meno del prendere una tangente o ferire una persona ecc.
      Quanto al vilipendio personalmente sono per l’abrogazione dei reati d’opinione, se poi si riferisce ad una critica al peggior presidente della Repubblica che abbiamo avuto, insisto, è un titolo di merito.
      Onsomm torno sulla frase conclusiva: la testa non serve a dividere le orecchie

      Reply

  • Avatar

    Mario Vitale

    |

    Interessante tesi e largamente condivisibile. Faccio eccezione per il passaggio relativo alla soglia per non essere candidabili. Non sono d’accordo che sia necessaria almeno una condanna in primo grado. All’estero un politico toglie il disturbo solo per essere coinvolto in un’inchiesta. In Italia questa cultura si è persa, per cui trovo giusto che si provi a reinserirla attraverso regole etiche, anche rigide. Insisterei, invece, sulla tipologia dei reati per i quali scatterebbe l’interdizione, per evitare distorsioni a ciò che dovrebbe essere strumento di tutela e che potrebbe, manipolato da personaggi senza scrupoli di cui purtroppo non facciamo difetto, trasformarsi in ben altro.

    Reply

  • Avatar

    Salvio

    |

    La democrazia non e’ la dittatura della maggioranza sulla minoranza, come si e’ cercato di far credere negli ultimi anni in nome della “governabilita’”, ma l’equilibrio dei poteri che gestiscono la sovranita’ popolare. Pertanto, giudiziario, esecutivo e legislativo sono strumenti di esercizio della sovranita’ popolare, non di controllo della stessa. Ebbene, non capisco come la sovranita’ popolare possa essere condizionata da uno dei poteri, anche se giudiziario, che ne deve esserne mero strumento. Il popolo ha diritto di farsi rappresentare da chi vuole e cessa di essere sovrano nel momento in cui un potere, senza peraltro alcun controllo esterno, mette fuori gioco delle persone. Il resto e’ fazioso o infantile.

    Reply

    • Avatar

      filgor84

      |

      Non sono affatto d’accordo.
      La democrazia non è perfetta, il popolo sbaglia spesso nel valutare le persone, quindi ritengo sacrosanto che almeno ai delinquenti acclarati che hanno derubato lo stato venga negato il diritto di fare altri danni.
      Tanto per fare un esempio su quanto bene ragionano le masse, ti ricordo che uno schifoso ciarlatano completamente privo di alcun tipo di credenziali scientifiche, tal Davide Vannoni, è riuscito a far partire una sperimentazione clinica di una cura assolutamente inesistente per patologie gravi, bambini malati sono stati sottoposti a trattamenti medici potenzialmente pericolosissimi, tutto questo solo perché l’opinione pubblica è stata manipolata da servizi televisivi fraudolenti al punto da manifestare in piazza perché questo cialtrone potesse continuare a far soldi sulla pelle dei disperati.

      Reply

  • Avatar

    Marco

    |

    Tu sei il ‘grillo parlante’ dei cinque stelle. Dici cose ‘fastidiose’ e per di più argomentate (te possino…). Spero che le tue ‘sberle’ si rivelino utili come la medicina amara della fata turchina.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      solo che non sono affatto il gruppo parlante dei cionquestelle…

      Reply

      • Avatar

        Marco

        |

        Sia come sia, l’importante è che le Sue osservazioni siano prese attentamente e serenamente in considerazione.

        Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    1) Perché l’ossessione di Berlusconi? E’ solo lui il disonesto? Solo nel suo partito ci sono ladri? I fatti dimostrano il contrario. I fatti che si impongono anche ai viscidi trucchetti come quello del viscido D’Ambrosio -parlandone da vivo, pace all’anima sua- che avocò a se il troncone PCI dell’inchiesta Tangentopoli concludendo giudiziariamente che Greganti rubava per sé e non per il partito, fregando la Parenti che avrebbe concluso in modo diverso. I fatti poi li sappiamo. Greganti ha continuato a rubare ed è stato anche avvistato in senato a 20 e passa anni di distanza dove era entrato senza farsi registrare. Io quando vado alla biblioteca del senato mi fanno spogliare nudo e mi impongono anche l’ispezione anale. Quindi finiamola perché la storia del berlusconismo fa solo ridere i polli.
    2) Come dicevano F&L dietro i grandi disastri nazionali ci sono spesso i bischeri. E bischeri sono quelli che hanno aumentato dagli anni settanta in poi le competenze dello stato senza prevedere oltretutto i controlli perché avrebbero castrato le libere e oneste ibniziative della nuova classe dirigente proveniente da sinistra.
    Saluti glucosici

    Reply

  • Avatar

    cinico senese

    |

    Ma io in questo momento punterei il faro politico sulla questione economica che sta avanzando e accellerando con la Grecia. Fondamentalmente me ne frega una cippa della Severino se qui fra poco inizia a piovere.
    Di oggi: panic selling alle borse di Shangay, -27% in pochi giorni. Sta scoppiando la bolla cinese. A seguire: i derivati basati sugli assets cinesi; i prestiti delle banche fantasma; i bond sovrani in tensione con la Grecia (Tbill USA in aumento, idem gli altri EU) il debito privato investito in borsa a livelli galattici. I capitali stanno uscendo dagli assets. Potrebbero esserci crisi di liquidità. Se convergono in un unico punto, salta tutto. A seguire la economia reale, posto che oramai manco c’è la pistola di riserva del QE per abbassare i tassi e immettere liquidità al sistema economico.

    Prof: tenga acceso il riflettore sulla finanza mondiale. Arrivano cicloni. Cambieranno il quadro politico globale.

    Sulla Severino: ma ci voleva un luminare del diritto come l’avv Severino per fare una legge così stupida e anticostituzionale che manco loro stessi che l’han fatta vogliono applicare? siamo alle comiche

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      aspetta che sto scrivendo ulla Cina . Altro che cicloni in arrivo…

      Reply

      • Avatar

        Tenerone Dolcissimo

        |

        Appena il primo angelo suonò la tromba, grandine e fuoco mescolati a sangue scrosciarono sulla terra. Un terzo della terra fu arso, un terzo degli alberi andò bruciato e ogni erba verde si seccò.

        Reply

  • Avatar

    tonino basile

    |

    Aldo,
    e sia facciamo che la legge (fatta coi piedi dei politi corrotti…) ha prodotto l’ennesimo mostro, però, facciamo a capirci, esiste anche l’art. 54 della Costituzione che un popolo sovrano (serio!?) dovrebbe esigere venisse osservato anche dalle consorterie partitico affaristiche.
    saluti bakuniniani

    Reply

  • Avatar

    andrea

    |

    Buongiorno professore
    Come possono esserci competenza, capacità di mediazione politica o progettualità se prima non vi sono onestà, integrità e moralità.
    Qualsiasi competenza, capacità di mediazione politica o progettualità avrà sempre la macchia del “peccato originale” e la maggior parte delle capacità individuali saranno egoisticamente al servizio del proprio io. La nostra situazione lo dimostra, la nostra storia lo dimostra. Io sono propenso a dar maggior fiducia ad un onesto incompetente che ad un disonesto competente… prima o poi anche gli imcompetenti imparano, i disonesti invece faranno sempre i loro interessi… se non verranno beccati. In Italia gli esempi si sprecano e fino ad oggi sono i disonesti competenti che hanno creato il disatro in cui ci troviamo non il contrario.
    Saluti

    Reply

  • Avatar

    Paolo Federico

    |

    E’ inutile nascondersi dietro un dito, il problema di un certo fondamentalismo nel M5s esiste e Giannuli mi pare che lo focalizzi in modo chiaro ed articolato.
    Intendiamoci, è un fondamentalismo positivo volere l’austerità dei costumi, è una reazione uguale e contraria al lassismo morale di quasi tutta la classe dirigente italiana ( e forse anche di gran parte del popolo italiano? ).
    Essere stati scaraventati in questo magma può aver acuito, a partire proprio dallo stesso Beppe Grillo, l’ansia di dimostrare che si può e che si è diversi, che ha condotto ad un comprensibile e forse, almeno in una prima fase, necessario estremismo.
    E’ chiaro che la loro azione vuole essere anche e soprattutto un magistero in attesa che questo popolo cominci a capire che la democrazia è assunzione di responsabilità, che votare irresponsabilmente o non votare significa essenzialmente rinunciare alla democrazia, che l’unico controllo in qualche modo al di sopra delle istituzioni è proprio quello della volontà del cittadino.

    Reply

    • Avatar

      leopoldo

      |

      Si ma il m5s aspira a maggioranze assolute con un velato messaggio del tipo “o stai con me o contro di me”. Infatti nell’ultima tornata elettorale non è entrato in nessun consiglio comunale in coalizione.Si sta instaurando una ideologia, secondo me malsana, del tipo gli unici interessi sani sono quelli del popolo, dei cittadini, ecc… dimenticando che il popolo è costituito da delinquenti, industriali, gruppi di interesse, lavoratori, disoccupati, ecc… cioè nel popolo vi sono definiti e molteplici gruppi di interesse e non si capisce chi rappresenti il m5s il quale ormai ha preso una piega populista sotto lo slogan ‘noi non ci sporchiamo, non vi diamo giustificazioni’ che può andare bene al inizio per coalizzare la protesta -come dici- poi bisogna assumersi delle responsabilità e quello vuol dire governare e se non hanno la maggioranza assoluta devono mediare altrimenti scompaiono.

      Reply

      • Avatar

        Paolo Federico

        |

        Leopoldo, la domanda che io mi pongo e ti pongo è la seguente:” la democrazia è una illusione, un pregiudizio, o è una strada percorribile?
        Se è una illusione allora ha ragione Maffei e, parliamoci chiaro, il dubbio che possa aver ragione lui io ce l’ho e forte; se invece è una strada percorribile, essa lo è nella misura in cui proprio la eterogeneità degli interessi particolari ( religiosi morali politici economici ecc. )viene superata dall’assunzione di responsabilità nei confronti della nazione, nella fede nell’unità spirituale e culturale di un popolo.
        Poi si può sempre concludere che la mia sia vuota retorica, ma allora si torna a Maffei.

        Reply

        • Avatar

          Paolo Federico

          |

          a leopoldo
          Per essere più chiaro, l’assunzione di responsabilità a cui alludevo, non era riferita al M5s in rapporto alle sue strategie elettorali, ma al popolo come presa di coscienza.
          L’astensionismo al 50% o il votare apertamente per il malaffare ammetterai che qualche problema di democrazia lo pone.
          Il fondamentalismo a cui alludevo è quello chiosato da Giannuli “in un paese civile non può esistere l’ostracismo a vita”.
          Pertanto è mia opinione che non sia fondamentalismo il non volersi apparentare con alcuno, avendo di fronte una classe dirigente che ha sempre sistematicamente spacciato l’inciucio per mediazione, inquinando inesorabilmente le migliori aspirazioni (vedere per esempio lega), ma al contrario sia esempio di chiarezza e lealtà nei confronti del popolo.
          Se questa scelta dovesse condurre alla scomparsa del movimento, il problema , più che per il movimento stesso, sarebbe per la democrazia.
          Ora starebbe al popolo capire tutto ciò.

          Reply

        • Avatar

          leopoldo

          |

          Paolo, bisogna prima definire cosa intendiamo per democrazia oggi, potrei definirla come il sistema dove valutata la forza dei componenti sociali i medesimi trovano accordi e compromessi. Maffei per quello che scrive intende la volontà di rappresentanza del più forte a cui gli altri devono sottomettersi una realtà molto simile al mondo del lavoro italiano, dove non esiste nessuna possibilità di mediazione o collaborazione (se non in rari casi). Definiti rapporti e compromessi non saranno mai soddisfacenti a pieno ai diversi attori, dovrebbero permettere di coesistere in una relativa pace sociale frutto degli accordi. I partecipanti dovrebbero capire cosa si è mediato e cosa è il risultato, e la capacità di comprensione è andata scemando negli ultimi 40 anni. Per quali motivi? Impoverimento culturale, cioè allontanamento delle istituzioni dai cittadini, specializzazione dei linguaggi, fumosità del dibattito(il bunga bunga, la maggior parte delle persone invidiavano non poterci partecipare), scomparsa di un linguaggio che spieghi le questioni in termini comprensibili una carenza del linguaggio letterario, filosofico, politico a favore della manipolazione(fumosità o linguaggio matematico privo di relazioni causa effetto).

          sul inciuccio specificherei qualcosa: primo che quelli del m5s qualsiasi accordo per loro è un inciuccio [cioè follia]. Il Patto del nazzareno tra Renzi e Berlusconi è un accordo può non piacere, può avere un fine specifico contro qualcun altro, ma sempre accordo rimane. Allora che cosa intendo per inciuccio se due contraenti di un accordo se né aggiunge un terzo sotto banco che fa un accordo per fare fuori uno dei due precedenti, è quello che gli è successo a E. Letta? no, Letta ha avuto la peggio in uno scontro di potere nel quale si è fidato delle persone sbagliate, cmq in cambio gli hanno dato la posizione che voleva anche se diplomatica e non istituzionale. Berlusconi sul presidente della repubblica? neanche lì non è riuscito a trovare la quadra con Renzi, e poi R a preferito mettersi d’accordo con l’area ‘progressista’ e ciò ha escluso B )-:. La migrazione di Scilipoti e Razzi in FI ? quello si è un inciuccio, vi è un interesse personale, rivalta accordi preesistenti, manifesta un vivo disinteresse per la cosa pubblica e un fine doloso verso lo stato e terzi

          Reply

  • Avatar

    Riccardo

    |

    Mi sembra che stia cadendo nella classica abitudine italiota di inserire i distinguo, che pur partendo dall intento di migliorare la norma, si finisce per renderla più complessa e aperta a numerose interpretazioni (spesso di parte). C’è bisogno di tanta tanta onestà in questo paese, non se ne può più di scoprire quanta disonestà c’è intorno a noi anche nella vita più spicciola…… Siamo arrivati (spero) sul fondo è per ricominciare è necessario essere anche integralisti se poi le cose miglioreranno si può discutere su tutto. Siamo sicuri che la norma è stat scritta con i piedi o è il solito trucchetto di lasciare sempre una via di scampo?

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      mai visto un problema risolto dall’integralismo

      Reply

      • Avatar

        Riccardo

        |

        Ha ragione, mi correggo: rigore……

        Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Professore, mi permetta di citare l’art. 102 Cost.
    “La funzione giurisdizionale è esercitata da magistrati ordinari istituiti e regolati
    dalle norme sull’ordinamento giudiziario.
    Non possono essere istituiti giudici straordinari o giudici speciali. Possono
    soltanto istituirsi presso gli organi giudiziari ordinari sezioni specializzate
    per determinate materie, anche con la partecipazione di cittadini idonei
    estranei alla magistratura.”
    Cordiali saluti.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      verissimo, ma uno strappo l’abbiamo già fatto con la Procura antimafia e poi c’è sempre la possibilità di fare una cosa non chiamandola con il suo nome. Ad esempio istituendo una sezione particolare per reati di particolare gravità sociale e con minore aggravio di lavoro, senza toccare la competenza territoriale.

      Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!