Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (43)

  • Avatar

    Valerio

    |

    Questo movimento resta ancora una risorsa per il paese</i.
    Bisogna capire per quale paese.

    Reply

  • Avatar

    Silvia

    |

    Come ho scritto nel commento al precedente articolo sul tema e che qui riporto, non credo.
    Se si ascolta l’intervista di DI Maio a Porta a Porta la sua logica non fa una grinza e tutto sommato lo rivaluta anche rispetto alla Lega.
    https://www.raiplay.it/video/2018/05/Intervista-a-Luigi-Di-Maio—02052018-4791abca-8d64-4a92-967b-f37ad2919090.html
    M5s ha portato nel sistema Italia logiche nuove e ha spostato il dibattito politico. Comincio a pensare controcorrente che alle prossime elezioni invece che Lega voterò M5s

    Reply

  • Avatar

    Silvia

    |

    Questo non significa che ci sia bisogno di fare crescere una classe dirigente e che il rischio che corre sia quello che Lei dice. Come sa dalle poche righe che ho scritto in questo blog ho votato M5 ad una camera la scorsa legislatura pentendomene amaramente per la loro apertura alla strada del pd neoliberista. Ho sempre guardato con sospetto ad un movimento che ha lasciato le porte aperte all’avversario neoliberista con le sue scelte e che tutto sommato sembra continuare su questa logica.
    Sono convinta che perderà voti. Ma l’intervista a Di Maio mi ha fatto cambiare idea sulla sua logica e mi è piaciuta.

    Reply

  • Avatar

    Silvia

    |

    Non so perché Salvini si ostini a rimanere con Berlusconi e a non prendere la via del cambiamento ammesso che Di Maio nella sua intervista dica il vero.
    Comincio davvero a pensare che adesso se gli daranno l’incarico si farà bruciare, come auspica Renzi, lasciando la strada aperta a un governo a guida PD/FI o ad altro e con le prossime necessità Italiane sempre più governate da tecnici o neoliberisti.
    Non capisco il legame ostinato con Berlusconi che ha dimostrato più volte di essere più libero di lui nella “coalizione”.
    Penso che nuove elezioni siano necessarie perché gli italiani hanno capito che devono votare Lega o m5s. Voteranno Lega. Ma comincio a dubitare che questa voglia il cambiamento che dichiara.
    Attendo ovviamente commenti contrari…

    Reply

    • Avatar

      Augusto

      |

      Il legame “ostinato” della Lega con FI e FdI deriva direttamente dal fatto che tutti i parlamentari eletti con il maggioritario lo sono stati UNENDO i voti dei tre.
      Chi dovesse abbandonare la coalizione, sconfesserebbe non Berlusconi, non Salvini, non Meloni; ma i votanti della coalizione.
      Differente discorso dovrei fare (e faró) per M5S ed, in particolare, Di Maio.
      Basta un minimo di memoria storica per ricordare, oppure qualche giro in Google o YouTube, sempre per ricordare. Ricordare che il M5S é nato come euroscettico; tanto per citare un fatto: il tale, proposto, referendum anti euro.
      Oggi, in effetti, qualche giorno fa, Di Maio si é dichiarato atlantista ed europeista; vedete il suo discorso all’uscita delle prime consultazioni…
      Quindi, chi ha “tradito” i propri elettori?
      La sola via del cambiamento era un governo M5S + coalizione; e non raccontatemi la storia del Berlusca; in quel governo avrebbe avuto( il Berlusca), circa, un 17% contro un 50% di M5S+Lega+FdI; tutti e tre eusoscettici.
      E, adesso, prepariamoci ad un bel governo tecnico, stile Monti.
      Ecco il mio commento contrario. Non del tutto, anche io sono stato un estimatore di M5S.

      Reply

      • Avatar

        SILVIA

        |

        @Augusto

        Riprendo per punti:
        1. Abbandonare i votanti della coalizione?
        Ma nessuno ha votato la coalizione.
        1.a chi ha votato Lega non ha votato Silvio. Io non l’avrei mai votato. Al limite Casa Pound o Giulietto Chiesa. Salvini è certamente più convincente e piace.
        1.b Berlusca se avesse avuto lui la maggioranza si sarebbe alleato col PD portando dietro la Lega. Sono certa. Di seggi ammetto di non capire nulla ma questo discorso non mi convince piu di tanto.

        2. Differente discorso dovrei fare (e faró) per M5S ed, in particolare, Di Maio.
        2.a M5 s è nato convincente fino alle decisioni della scorsa legislatura che hanno consegnato l’Italia ha Letta, Renzi, Gentiloni.
        2.b M5s ha di nuovo venduto l’Italia quando Di Maio è andato a consacrasi alla Nato, alla Ue ect. Ma è stato votato ugualmente. Messora lo ha sconfessato su Byoblu. Chi non ha convinto ha votato Lega. Io ho votato Lega.
        2.c Anche il messaggio di Grillo di queste ore può essere visto come sconfessione a Di Maio ma anche come messaggio a funzionari UE per dire intervenite su Berlussca se no giro su posizioni euroscettiche.

        3. Cambiamenti
        3.a Ma come fa Salvini a riformare la Giustizia con il Berlusca fra i piedi?
        3.b Salvini e Di Maio hanno l’occasione di costruire un percorso e gli elettori capirebbero. Non capiscono invece questo tiramolla con l’estabilshment (FI/PD) e puniranno Di Maio più che Lega. Ma anche Salvini dovrebbe osare di più mollare Berlusca e osare. Ha dalla sua tutti gli Italiani.
        E se sono sinceri governeranno bene, se no avranno paura del confronto tra loro.

        Reply

        • Avatar

          Augusto

          |

          @ Silvia
          Commento anche se, penso, non mi leggerá.
          Concordo, in linea generale, su tutti i punti; esclusi 1 e 1a.

          Con questa legge elettorale sono stati eletti senatori e deputati comuni alla coalizione Lega/FI/FdI.
          Quindi, il deputato “Tale” eletto in un collegio per la coalizione ha ricevuto INDISTINTAMENTE voti dei tre partiti.

          Per quanto possano valere i voti dell’estero… i votanti NON hanno votato un partito ma: un simbolo unico della coalizione.

          Per quanto sopra i due punti citati non sono corretti.

          Per fortuna, a come la vedo io, é ancora possibile un governo M5S+Lega+”altri”.

          Reply

          • Avatar

            Silvia

            |

            Tardi, ma l’ho letta. Grazie 🙂

    • Avatar

      Paolo

      |

      @Silvia
      @Augusto

      al commento di Augusto io ci aggiungo questa trasmissione sugli “sbianchettamenti “e “aggiornamenti ” ad uma uma fatti dai 5Stalle ..ormai noti perché da sempre sono una “costante” del loro modo di procedere…è una trasmissione RAI
      https://www.youtube.com/watch?v=Z4yQZG67_4Q

      altro:
      La pretesa (piuttosto pretesa…condizioni imposte da un punto di forza da parte di “quello” ..il Di Maio..di sganciarsi da Berlusconi ..cioè Lui dice che non puo tradire il suo elettorato però impone a Salvini di farlo…forse nell’ottica simil piddina “quello” pensa che l’elettorato di centro destra sia di qualità inferiore e meriti “tradimento” …ha fatto non bene ma benissimo Salvini ad essere irremovibile…) dicevo la pretesa di mollare Berlusca sulla quale ho da fare una considerazione: Silvio Berlusconi non è eleggibile , non è parlamentare non può ricoprire cariche di governo e al netto di questo i voti di forza italia non è che siano indispensabili e decisivi per la maggioranza…quindi non capisco (o meglio faccio finta di non capirlo ) tutto questo “impuntarsi ” con presupposti sbagliati (Il Di Maio che deve rispondere all’elettorato notoriamente e piddinamente ossessionato da Berlusconi ..come se Salvini non dovesse “altrettanto” rispondere al suo elettorato e cercare di essere fedele alla parola data ..) …e da qui…come “giustificazione” le illazioni (perché di questo si tratta ) su ipotetici e mai dimostrati , su debiti della Lega pagati da Berlusca e sempre in via ipotetica che il marchio della Lega sia stato ceduto a SB…cosa di cui “dimostrato” non c’è assolutamente nulla…ma dalle parti dei 5stalle funziona il modus operandi dei piddini (essendo sostanzialmente del medesimo ceppo di provenienza: cioè piddini ) quindi si lancia l'”illazione” e poi su questa si ci marcia…(e da 25 che funziona il metodo ) .
      Ma detto questo , non regge comunque…per il semplice fatto che se cosi fosse (ammesso e non concesso ..non si danno mai per buone le illazione senza nessuna dimostrazione/prova ..) ..anche staccandosi ..Berlusconi potrebbe ricattare la Lega stando fuori dalla maggioranza di governo (o no ? ) e quindi come conseguenza logica il M5stalle già dall’inizio avrebbe dovuto rigorosamente escludere ogni possibile accordo anche con la Lega (in quanto in base alle illazioni , ricattabile ..)

      Salvini , che si condivida o meno il suo modus operandi (per me sin qui ottimo: fermo e coerente ..non cazzaro, prepotente, democristiano, avido di poltrona come quello di “quello”..il Di Maio…che ormai appare stucchevolissimo a tanti fuori e dentro il M5stalle…perché non ha dato una buona impressione …e si sente nei commenti della gente…)
      le motivazioni di Salvini , sono chiare e ferme :
      —->>un governo con una maggioranza solida e ferma cioè il centrodestra +il M5stalle ….e non debole, risicata , al limite cioè M5stalle +Lega
      —->> mantenere fede all’accordo preso in campagna elettorale con gli elettori del centrodestra (non come “quello” il DM che giustifica le sue vessatorie condizioni come una sua esigenza di rispettare e non tradire il suo elettorato ..pretendendo che Salvini invece tradisca il suo….ma che pretese da cialtrone…e non dico altro…)
      —–>> Evitare problemi seri alle amministrazioni locali ove il centrodestra governa unito …
      —–>>> Essere al governo con una coalizione che pesa per il 37 % e non come una formazione politica che pesa per il 17 % alla mercè dei voleri già impositori da oggi , del M5stalle.

      La verità è un altra ..ma non ne ho voglia di dirla , ma una cosa la dico: è una formazione politica di cialtroni. E lo hanno dimostrato.

      Mattarella nominerà un Cassese qualsiasi a far il continuo di Monti…(sperando che non gli venga permesso…)

      Reply

  • Avatar

    Augusto Pesce

    |

    Aggiungerei la svolta (ad U) europeista ed atlantista.

    Reply

  • Avatar

    Giorgio Frabetti

    |

    Io, per temperamento, sono come Sciascia, sarei sempre all’opposizione. E anche come elettore 5Stelle, vedrei più congeniale la posizione all’opposizione del mio partito. Anche a me (forse anche a Lei?) piacerebbe un M5s un pò come il vecchio PCI, partito apparentemente ai margini, in realtà forte perchè vigile e tutto sommato credibile forza di controllo e opposizione ad un potere non solo “politico”, ma anche “di classe”. Altri tempi, Professore! Purtroppo, 5S ha un problema: che i tradizionali partiti “di sistema” attorno a lui stanno crollando e non è irrealistico che il MoVimento si trovi al Governo: è capitato in molti Comuni, capiterà (non illudiamoci!) anche al Governo Nazionale, Ed è un problema. E’ chiaro che i partiti che adesso stanno affondando confidano che il M5S, andando al governo, si disfi: come è capitato a certi partiti “anti-sistema” (vedi Rifondazione 2006-08), che, una volta al potere, si sono liquefatti e mai più ricostruiti. Lei auspica questo, Professore? E’ da questo problema che nasce la candidatura di Maio, il copione del “contratto alla tedesca”: il M5S sa che, per avere ragione degli avversari, che lo bollano come parolaio e anti-sistema, deve dimostrarsi, al contrario, costruttivo. E’ una opzione non esente da rischi e incognite. Ma ogni opzione presenta rischi oggi: anche l’opzione della “opposizione permanente” (mi pare, quella tracciata da Lei?): e tra i due rischi preferisco prendermi quello di Di Maio, che tutto sommato, al momento punta a consolidare il partito.
    PS. Mi può dire che M5S ha un problema: è una formazione solo politico-istituzionale. Non è come il PCI (ma anche il PRI storico, in fondo parte della DC), che aveva un retroterra sociale, associativo, comunitario, mi si passi il termine. M5s non ha le proprie cooperative, le proprie associazioni di Commercianti, i propri Sindacati… Io all’antica vedrei bene una forza così socialmente radicata, soprattutto di opposizione, perchè potrebbe meglio incarnare quel “mondo alternativo” da tale forza vagheggiato. Ma siamo sempre nel mondo della poesia, del sogno; la prosa, la realtà, Professore, sono molto diversi. M5S vive nelle Istituzioni e la sua sopravvivenza è legata a come saprà districarsi nelle Istituzioni: Amministrazioni Comunali, Governo Nazionale.
    Adesso mi scuso per la lunghezza e con stima, La saluto.

    Reply

    • Avatar

      Andrea Corritore

      |

      Il problema è che il M5S è un partito-azienda di proprietà di una srl milanese, non può esistere democrazia interna perché, banalmente, è proprietà privata. E un partito del genere, per di più con le tentazioni autoritarie che ogni giorno mostra, è, molto semplicemente, pericoloso per la democrazia.

      Reply

      • Aldo S. Giannuli

        Aldo S. Giannuli

        |

        approccio sbagliano. Le cose non stanno così

        Reply

        • Avatar

          Andrea Corritore

          |

          Ok, professore, mi fido, però mi dica perché ho ho torto (il mio giudizio lo do sulla base di una intensa frequentazione con il mondo grillino, analizzando da vicino modi, idee -o non-idee-, persone).

          Reply

  • Avatar

    Alessandro

    |

    Speriamo si tolgano presto dai piedi, loro, i loro accoliti e tutta la marmaglia ignorante, becera e violenta che hanno nutrito.
    Il primo M5S, quello di Tavolazzi, Favia, Pizzarotti e tanti altri (ormai da tempo allontanati o allontanatisi) ha ancora solide radici sottoterra. Nel momento in cui questa fogna si dissolverà queste persone (mi auguro) torneranno a fare politica e ad occuparsi del bene pubblico (l’attuale progetto di Pizzarotti lo ritengo perdente in partenza però).
    Al momento tutto è svilito dalla loro ossessiva propaganda, ma fino a quando potranno con essa mascherare la loro totale inadeguatezza? Per quanto negativa la figura di Casaleggio padre aveva il merito dell’intransigenza sulla linea, adesso siamo al paradosso opposto, al 1984, al riscrivere il copione anche più volte nello stesso giorno.
    Semplicemente ridicoli.

    Reply

  • Avatar

    Mauro Buffolo

    |

    “…conseguenza positiva: creare le condizioni per la formazione di un vera sinistra non neo liberista”. Idealista inguaribile lei, bene. Tuttavia credo, se mai una nuova sinistra non neoliberale nascerà, non sarà a breve e non in Italia ma da un movimento di rinnovamento transnazionale. A situazioni storiche caratterizzate dalla sovranazionalità (posso dire così?) credo non si possa rispondere con un pensiero italo-centrico seppure di una nuova “sinistra”. Una nuova “sinistra” nascerà solo quando le premesse di un’azione politica a livello europeo saranno presenti. L’europa non è di casa in Italia, nemmeno nella sinistra, per il momento. In bocca al lupo.

    Reply

  • Avatar

    Peucezio

    |

    Aldo, però, al di là della tua legittima preferenza per il proporzionale, ammetterai che per un partito del 32% poco incline, per sua stessa essenza, alle alleanze e ai compromessi, visto che fa della purezza e dell’alternativa a tutti gli altri la sua bandiera, volere un sistema proporzionale è suicida. Semmai dovrebbero chiedere il doppio turno o un consistente premio di maggioranza al partito.

    Reply

  • Avatar

    Leone 1977

    |

    Sono totalmente d’accordo con lei professor Giannuli. Lo scorso 4 marzo 14 milioni di italiani hanno votato in massa una forza antisistema, e allo stesso tempo hanno votato per un vero cambiamento, parlo del movimento 5 stelle appunto. Purtroppo il nuovo “capo Politico” Luigi di Maio, con il suo “giglio magico” hanno snaturato totalmente questo meraviglioso progetto nato nel 2007 dal vaffaday, trasformandolo nel classico partito di sistema, europeista, atlantista, globalista, e facendolo deragliare completamente. Tutto ciò ha fatto ribollire il sangue all’ 80 – 90% del popolo grillino, e nello stesso tempo provocando, a distanza di 50 giorni dalle politiche, un fortissimo calo di consensi (vedi regionali Molise e Friuli). Secondo me ancora fanno in tempo a salvarsi, e perciò consiglio a Beppe Grillo di intervenire immediatamente, deve prendere il signor Di Maio e scaraventarlo fuori dalla finestra possibilmente, perchè è stato un totale fallimento. Se al contrario non cambieranno registro e leader, nel giro di qualche mese i pentastellati passeranno dal 33% al 15% a livello nazionale!!!!!

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      … e i guai non sono finiti

      Reply

  • Avatar

    Robespierre

    |

    E’ notizia di oggi che il redivivo Grillo (il garante della poltroncina di Di Maio), rispolvera il referendum sull’Euro. O sull’Europa, boh, chi li capisce è bravo.
    Che ne pensa professore, questa panzana verrà giudicata come l’ennesina capriola (pagando relativo dazio alle prossime elezioni) o gli elettori abboccheranno alla ritrovata “linea dura”?

    Reply

    • Avatar

      Silvia

      |

      ll messaggio di Grillo di queste ore può essere visto come sconfessione a Di Maio ma anche come messaggio a funzionari UE per dire intervenite su Berlusca se no mi giro su posizioni euroscettiche.

      Reply

  • Avatar

    Allora ditelo

    |

    Beppe Grillo rilancia il referendum sull’euro
    https://www.huffingtonpost.it/2018/05/04/la-legge-elettorale-usata-per-un-colpo-di-stato-alla-rovescia-ci-hanno-impedito-di-governare_a_23426877/

    Di Maio rilancia il ballottaggio a “giugno”
    https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/voto-a-giugno-col-rosatellum-rifare-la-legge-e-impossibile/

    il premio di maggioranza alla prima lista non va mica bene per chi è in svantaggio. 😀

    PS: Tanti casini sono una ghiotta occasione per persuadere gli italiani ad alterare la Costituzione.

    Reply

  • Avatar

    adamenzo

    |

    si sono cacciati in un vicolo cieco:
    – se si va al voto………friuli 7%
    – se sostengono il governo del PDR fanno la fine del PD
    – se, facendo opposizione contro un governo cd, riformattano il programma e ne esce uno 3.0 (vedi le sparate di grillo contro l’euro di stamane) non saranno più credibili
    fu vero dilettantismo?

    Reply

  • Avatar

    songanddanceman

    |

    Analisi impeccabile ( non per niente il dott. Giannulli è uno -Storico- )
    Tra le cose positive del M5st. , io aggiungerei :
    a): I Costi della Politica .
    Se non ci fosse stato il M5st. il problema non si sarebbe mai aperto e divulgato al “popolo bue ” ( poi il fatto che , in concreto, non hanno risolto quasi niente è un’altro discorso )
    b): La ” politica ” si può fare senza soldi ( o quasi ) e senza il controllo delle TV & giornaloni .
    Il M5st. lo ha dimostrato battendo il PD & F.I.
    c): Quelli del M5st. non rubano i soldi degli Italiani .
    Anche questo fatto mi sembra meritato .
    Tra le cose negative del M5st. , io aggiungerei :
    a) : ha tradito la sua natura originaria : l’Anti-Establishement , l’Anti-neoliberismo ( poteri forti & banche private ) , Euroscettico , Anti-EUROzona ( Beppe Grillo fu il primo , in tempi non sospetti , a parlare di “signoraggio bancario ” , moneta locale , di Germania padre-padrone, Tecnocrazia/Plutocrazia , di Bruxelles & Salisburgo , ecc.
    b) : io sono “nato” con gli spettacoli/comizi di Beppe Grillo , ed infatti adesso mi tocca votare … Lega !

    Reply

    • Avatar

      songanddanceman

      |

      … Bruxelles & Salisburgo leggi : Bruxelles & Strasburgo , ovviamente

      Reply

    • Avatar

      Augusto

      |

      Io sono nato, molti anni fa, radicale; poi non votante; poi M5S senza votare; adesso Lega, votando.
      Il peggio di M5S, a mio parere, é esattamente quanto descritto al punto a) negativo.
      Concordo sui punti positivi ed ancora spero in una rinascita del M5S “originale”.

      Reply

  • Avatar

    Gianpaolo Cappello

    |

    Capisco che l’atteggiamento di Di Maio possa sembrare un partito del leader, ma non avendoli ancora visti all’opera è difficile giudicare. Vero che la formazione politica sarebbe importante, ma chi la può fare in modo obbiettivo? Anche Giannuli che sembrava obbiettivo comincia a esserlo un po’ meno e poi? Grazie Gianpaolo

    Reply

  • Avatar

    Alessandro Bonanno

    |

    Professore, cosa fa? Inizia a fare l’apripista, il gregario per il suo nuovo sponsor politico, il sindaco di Napoli che ha deciso di accaparrarsi gli elettori del M5S? Cerchi di essere più obiettivo.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      brtvhi fompm dotr sciocchzze: non facciol’apriposta di nessuno

      Reply

  • Avatar

    io

    |

    Una piccola lettura “integrativa” sempre gradevole, seppur a distanza di 20 anni http://www.rivistameridiana.it/files/Lupo,-Il-mito-della-societa-civile.pdf tratta dal numero http://www.rivistameridiana.it/38-39,-2000.html dedicato all’Antipolitica…Come scrive correttamente Lei, non si capisce se il M5S possa essere un’integrazione dell’articolo su Prima e Seconda Repubblica e se, invece, possa diventare qualcosa di nuovo. Sarà il tempo a consegnarlo alla storia

    Reply

  • Avatar

    Giovanni Talpone

    |

    Per quel che ho visto, fin dall’inizio il M5S ha praticato la “democrazia diretta” soprattutto sulle scemenze, le simpatie no vax e verso le terapie alternative, le scie chimiche, il complottismo universale ecc. Sulle cose importanti è sempre stato un partito di leader fin dal primo istante, probabilmente con l’aiuto di nuove tecniche di marketing virtuale interno per manipolare il consenso dei propri seguaci. Il M5S è sempre lo stesso, è un giocattolo che è servito ad accelerare la crisi di una casta dirigente comunque screditata, ma che non funziona per produrre egemonia, proposta politica e gruppo dirigente. La tesi di Giannuli è insostenibile: implicherebbe o che Grillo e Casalaggio siano improvvisamente impazziti o che Di Maio li abbia scalzati. Entrambe le possibilità sono escluse dai dati di fatto.

    Reply

  • Avatar

    Paolo

    |

    Ma questi veramente pensano che la gente sia scema (o forse lo è per davvero ? come si fa continuare a dar credito a questi buffoni …)

    ecco Scenari Economici
    https://scenarieconomici.it/emporio-m5s-presenta-collezione-pro-euro-autunno-inverno-di-cristina-bicceri/

    di cui evidenzio:
    “Non mi soffermo più su questo argomento, perché dà adito solo a strumentalizzazioni. Io confido che il referendum non si debba fare, anche perché l’Europa è molto cambiata”. ( Di Maio 28 Dic 2017)
    Uscire dall’euro? «Non è più il momento» (Di Maio 9 Gen 2018)
    ——–>>>“Abbiamo ribadito al presidente della Repubblica un punto sulla politica estera. Con noi al governo l’Italia rimarrà alleata dell’Occidente, del Patto atlantico, dell’Unione europea e monetaria.” ( Di Maio 5 Apr 2018)
    -COLLEZIONE NO-EURO PRIMAVERA-ESTATE.

    ——->>>“Ho proposto un referendum per la zona euro. Voglio che il popolo italiano si esprima. Il popolo è d’accordo? C’è un piano B? Bisogna uscire o no dall’Europa?”( Grillo 4 maggio 2018)

    aggiungo la stessa notizia da questo link

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/beppe-grillo-rilancia-referendum-sulleuro-italiani-si-devono-1522217.html

    Al netto delle strategie politiche inciuciare o meno, si sa come funziona …Salvini non apra la porta della disponibilità a questi teatrali cialtroni pericolosi.

    Reply

  • Avatar

    ciccio

    |

    sinceramente: non si può non essere d’accordo. E immagino che Grillo sia arrivato alle medesime conclusioni ed il suo ritorno (se lo è effettivamente) è la conseguenza diretta. E come ognuno di voi (presumo) conosco qualcuno che vota e/o supporta ancora il movimento, pertanto vi chiedo: avete la stessa esperienza relativamente al mancato accordo col PD? vedo che sclerano perchè nel PD hanno rifiutato l’accordo col movimento. Non finiscono di stupirmi.
    Dato che il m5s ha preso tanti voti per via del reddito di cittandinza, qualcuno sé preso il compito di spiegare effettivamente la proposta? Ho il dubbio che la maggioranza di chi ha votato abbia una visione distorta della realtà del reddito di cittadinanza, mentre ho la certezza di chi conosco personalmente.

    Reply

  • Avatar

    ilbuonsoldatoscveik

    |

    L’esperienza del Movimento 5 Stelle è arrivata al suo chiarimento finale. Lunedì grazie alla posizione infantile di Di Maio e del Movimento con la richiesta di elezioni a Giugno, impossibili anche tecnicamente come qui nel blog è già stato perfettamente spiegato, il presidente Mattarella potrà mettere a segno il secondo golpe bianco dopo quello di Napolitano del 2011. Il governo tecnico ruberà nelle tasche dei cittadini come ha già fatto quello di Monti e Fornero per pareggiare le perdite sul bilancio dello Stato derivanti dai soldi facili fatti dai banchieri e dall’assistenzialismo ai loro amici politici della sinistra catto-comunista. Il tutto seguendo il principio classico di “intascare i profitti e socializzare le perdite”. Nel 2011 il golpe fu avvallato dalla sua stessa vittima Berlusconi per mantenere la proprietà delle aziende di famiglia, che altrimenti gli sarebbe stata sottratta con l’attacco in borsa. Berlusconi fornì in parlamento i voti per la fiducia a Monti. Ora sarà il Movimento 5 Stelle la sponda del presidente golpista. La proposta di Salvini di un governo a tempo per sbarrare la strada ai tecnici delle tasse al servizio dei banchieri internazionali sarà bloccata dal Movimento. E cosa è il Movimento? Una creatura del banchiere Sassoon che costruì la Casaleggio & Associati partendo da WebEgg. E’ servito ad attirare il voto popolare per renderlo inutile e tradirlo. L’operazione fu tentata prima con il politico Di Pietro ma, al rifiuto di costui di essere usato come impiegato, si dirottò sull’assunzione del comico Grillo che infatti, per prepare l’operazione di lunedì prossimo, ha in queste ore rilanciato il referendum sull’euro in modo da fornire al presidente golpista gli argomenti per confermare l’inaffidabilità dei 5 Stelle, ignorare Salvini, ed imporre i tecnici delle tasse. Riusciranno nell’impresa il presidente golpista e i 5 Stelle? Purtroppo per i cittadini italiani ce la faranno. Il richiamo alla piazza di Salvini non avrà seguito, forse lui stesso sarà “convinto” a desistere. I cittadini rimangono disorientati, alcuni di loro sono timorosi di perdere lo stipendio statale (quelli che lo hanno ancora) e il Movimento 5 Stelle potrà infine essere rottamato avendo assolto la sua funzione al servizio dei banchieri e dei burocrati internazionali.
    Per chi avesse dei dubbi sulla correttezza del termine “golpe” relativo a quanto operato dai presidenti nel 2011 e lunedì prossimo, è bene ricordare che è anticostituzionale e illegale secondo il diritto costringere un governo non sfiduciato in parlamento alle dimissioni (come è avvenuto nel 2011) ed è parimenti anticostituzionale ed illegale dare l’incarico di formare un governo ad una personalità che non sia espressione delle forze risultanti dalle elezioni dei cittadini, come si appresta a fare lunedì l’attuale presidente, senza aver prima affidato un incarico pieno a qualcuno che sia espressione delle forze politiche elette.
    Il governo di uno stato formalmente libero, come è attualmente l’Italia, si dimostra così in mano a consorterie finanziario-politiche e non hai cittadini elettori.

    Reply

  • Avatar

    pierfrancesco

    |

    professore si vada a vedere l’intervista di luigi di maio a in 1/2 ora, ascolti la risposta sulla differenza tra l’elezione di rodotà come presidente della repubblica e il caso attuale del presidente del consiglio, capirà che bestialità ha detto sulla svolta presidenialista del m5s, assolutamente falsa, luigi di maio ha una profonda cultura democratica e istituzionale fondata sulla nostra democrazia parlamentare costituzionale.

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      che di maio abbia una cultura profonda di qualsiasi cosa è davvero una notizia!!!

      Reply

  • Avatar

    Giuseppe

    |

    Salve a tutti,è la prima volta che scrivo in questo sito,e non so se sia possibile aprire un nuovo tema di discussione,proviamo…ho ascoltato Aldo Giannuli in TV da Mirta Merlino e con un discorso di pura ragioneria amministrativa ha fatto intendere che qualsiasi nuovo governo che prenderà la guida di questo paese dovrà attenersi scrupolosamente alle logiche finanziare dell’€uropa.Questo si verificherà se si istalla un governo filo€uropeo vincitore perché votato da cittadini che credono interessante l’unione €uropea; in questi anni molti italiani hanno costatato che questa coalizione di stati non sia proprio a misura d’uomo e l’affezione al sistema è venuta a scemare!
    Questo stato d’animo ha caratterizzato il risultato delle ultime elezioni,infatti sono stati premiati i 2 partiti che mettono in discussione le regole €uropee(e probabilmente costruiranno un governo)mentre gli altri sono sprofondati.
    Si evince che uno stato non si governa con il criterio del dare-avere come se fosse una azienda,ma data la difformità di quest’ultima con una società formata da: bambini,vecchi,abili,disabili,campioni,malati,lavoratori,disoccupati,eccellenze,svogliati,stacanovisti,sfortunati,veloci,lenti,intelligenti,ritardadati ecc.ecc. che andrà governata dalla politica(quella vera) è mai da manager.
    Quindi caro Aldo Giannuli eticamente un nuovo governo in contrapposizione con quello precedente dovrebbe avere spazio per attuare le proprie politiche perchè mandatario della sovranità popolare.
    Gradirei un commento

    Reply

    • Aldo S. Giannuli

      Aldo S. Giannuli

      |

      non ho sostenuto che occorra allinearsi all’Europa, ma, al contrario che occorra aprire un ghrande contenzioso con l’Europa, ma questo bisogna averlo chiaro in testa e dirlo apertamente, i due vincitori, invece girano intorno al tema senza affrontarlo di petto, nella convinzione che i problemi si risolvano da soli

      Reply

      • Avatar

        Giuseppe

        |

        Grazie per la risposta,probabilmente hanno idee chiare di come muoversi sul tema €uropa,e sentite le parole di mattarella-il nuovo governo non deve essere ostile alla eu…-evitano accuratamente di esporsi…una volta portato a casa il risultato…vediamo.
        Altrimenti qualsiasi governo ligio e prono ai dettami della finanza internazionale(alias Bce,alias eu)bravo,capace,onesto che sia non ha spazio e possibilità di fare qualcosa di buono per i cittadini,ma applicare solo politiche di austerità.
        Saluti

        Reply

  • Avatar

    Marzio

    |

    Corre voce che il vendifumo Vittorio Sgarbi sia tra i papabili presidenti del consiglio. Ma scherziamo?

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!