Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (26)

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Il primo ministro italiano è manovrato da servizi segreti stranieri?????
    Sai che novità!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Reply

  • Avatar

    GherardoMaffei

    |

    Prof.Giannuli, dal giorno in cui il maestro cinematografico de l’ horror, Alfred Hitchcook, girò a Dachau, un film propagandistico, che doveva far conoscere la leggenda storiografica sulla crudeltà insita nei barbari tedeschi, in sintonia con la nota bugia da perpetuare, che durante la prima guerra mondiale i germanici mozzavano le mani ai bimbi belgi, si è creato un vero e proprio tabù, un nervo scoperto,negli occidentali. Guai a criticare,denunciare le malefatte dei sionisti e delle loro marionette. D’Alema è l’unico “animale politico” superstite di quella che fu un ottima classe dirigente comunista.Se denuncia ciò, avrà le sue più che valide fonti e i motivi per farlo.La realtà è che quando si tocca questo nervo scoperto, scatta un automatismo,un meccanismo perverso, un riflesso condizionato del cane di Pavlov, per cui ogni critica, ogni denuncia, è antisemitismo: ergo inammissibile. Questa è la prova concreta che la denuncia di D’Alema è da prendere in considerazione.
    Post Scriptum. Lo spaccare il capello in quattro, degno di un leguleio, come fa lei circa la distinzione tra una branca e l’altra dei servizi segreti di Israele, è da guinness dei primati.

    Reply

    • Avatar

      adamenzo

      |

      rileggi e scopri che c’è della sottile ironia…………..

      Reply

    • Avatar

      Gaz

      |

      @ Maffei.
      Le sue affermazioni iniziali non le trovo condivisibili e mi sembrano sbagliate perchè:
      – Hitchcook non girò nei campi di sterminio film propagandistici a guerra conclusa,
      – ma documentò una tristissima realtà con le immagini,
      – affinchè nessuno mai potesse mettere in dubbio quelle realtà, amministrativamente certificate dagli stessi organizzatori ed esecutori di quel preciso regime politico di allora, rispetto al quale i tedeschi hanno fatto i conti. I protagonisti -loro malgrado- documentati da Hitchcook non sono figuranti, attori o falsi, ma solo alcuni dei divesi milioni di uomini europei sterminati. Purtroppo non si tratta di legende macabre, ma di tristtissime realtà. Le voglio ricordare che tra gli “ospiti” del terzo Reicht ci furono molti militari italiani che dopo l’8 settembre non ne vollero sapere di combattere a fianco ai tedeschi e preferirono l’internamento, conoscendo bene -era già nota- la realtà verso cui andavano. Furono circa 300 mila italiani in armi che dissero NO ai tedeschi e furono leali al loro giuramento. LEi finisce con l’aderire alle posizioni “alleate” che ritenvano indifferente e irrilevante il sacrificio di tanti soldati leali, esattamente come Clemanceau con il regio esercito.
      Se bugie ci sono, sono quelle dette dai negazionisti e da “alleati” filibustieri

      Reply

      • Avatar

        GherardoMaffei

        |

        @ Gaz. Vi è in rete un oceano di siti revisionisti, la esorto a documentarsi, in quanto vedo che ignora ogni tematica inerente a tale scabroso retroscena della storia. Perché gli “sterminazionisti” non accettano un pubblico dibattito, come da decenni viene loro richiesto, dai revisionisti. Sono solo capaci di invocare galera,censura, gogna mediatica, radiazione dalle cattedre universitarie e dalle scuole pubbliche, in pratica il ritorno alla medioevale santa Inquisizione, con la condanna a morte degli eretici, compresi il rogo per i libri revisionisti. Non moriamo idioti!
        Post Scriptum. Dei trecentomila militari italiani che si lasciarono catturare facilmente dagli ex alleati germanici,non attribuiamo a loro eroismi, che non ebbero.Erano in pratica dei disertori, degli imboscati, che preferirono la comoda e sicura attesa, come prigionieri di guerra,convinti della certa vittoria dei gangsters americani. Le stesse considerazioni valgono per le centinaia di migliaia di partigiani, sbucati fuori dal nulla a cose fatte; si salvano solo qualche centinaio di partigiani dei GAP. ex brigatisti internazionali, rivoluzionari professionali, costoro ma solo a costoro va riconosciuto l’onore delle armi. Siamo seri.

        Reply

        • Avatar

          Herr Lampe

          |

          Sono completamente d’accordo con Maffei. Il quale peraltro tace colpevolmente – qualcosa da nascondere? – del complotto eliocentrico ai danni del povero Tolomeo. Nemmeno Lui ha mai avuto il coraggio di mettere in discussione questo mito fondativo della plutocrazia massonico-giudaica-alsaziana-milanese-lodigiana…
          Perché mai gli eliocentrici/copernicani – che, guarda caso, sono in maggioranza ebrei e lodigiani – rifiutano un dibattito pubblico con i tolemaici?

          Meditate gente, meditate…

          Reply

          • Avatar

            Gaz

            |

            @Maffei.
            Per dovere mi è toccato leggere gli atti del processo di Norimberga, cosa che non le farebbe male, e di prove provate oltre ogni ragionevole dubbio ne emergono. L’acheologia dei campi di sterminio e la mole di documentazione raccolta parlano da sole. Registro che non porta nessuna prova contraria.
            Quanto alla libertà di pensiero, io non sono d’accordo con le sue idee, ma non per questo mi sogno di dire che dovrebbe essere rinchiuso in un lager o una prigione. L’accogliemnto del reato di negazionismo creerebbe più problemi di quelli che risolve. Qui, su questo blog, trava il Prof. Giannuli che la ospita e altri che le rispondono mentre lei forse sorseggia l sua tisana preferita. Durante gli anni dei due caporali non fu affatto così !
            Quanto ai militari che rifiutarono italiani che rifiutarono di fare le “competenze” ai tedeschi, voglio ricordarle che in alcuni casi lo decisero democraticamente votando per grandi unità, in altri ricordarono di aver giurato fedeltà al Re e non A Mussolini, la cui lettera autografa che invitava i soldati italiani in Grecia a combattere a fianco (ovvero: in subordinazione) fu disattesa e non poteva essere diversamente in ricordo di un presidente del consiglio che si vantava di poter mantenere il proprio esercito a pane e pomodoro, salvo scoprire che neppure quelli arrivano al fronte.
            Ricordi che molti soldati italiani morirono di stenti nei campi tedeschi in condizioni sub umane.
            Se lei si compiace di essere da italiano filotedesco e contento che altri abbiano comandato in Italia, io da italiano sono solo filoitaliano.
            E infine cosa si aspetta da un popolo il cui capo politico le ha sbagliate tutte, ma proprio tutte, trascinando una intera nazione nella guerra, nella fame, nella miseria ?
            Le risulta che l’Italia avesse i mezzi per fare una guerra contro UK, F, e udite udite USA, da sola 12-13 volte sovrastante il Pil dell’Italia?
            Sia serio, non segua mode clturali straniere, pure queste importate, come altri suoi miti, perchè alla fine di italiano le resterà solo la lingua in cui si esprime.
            Piuttosto si chieda i perchè del diverso trattameto politico e riconoscimeto internazionale della resistenza francese e di qeulla italiana, che pur facendo la stessa cosa, -combattevano contro lo stesso nemico- furono trttate diversamente.
            Le sue idee la portano ad essere un tardo epigono di Clemanceau, non a caso uno dei seminatori politici internazionali di Hitler e Mussolini. Alla fine tutto -nel suo Pantheon storico- si tiene.
            Se i francesi si permettono di chiamare la loro unica vecchia portaerei Clemanceau, noi la nostra prima l’abbiamo chiamata Cavour, morto avvelenato per ordine di Luigi Napoleone.
            P.s. Un viaggio a Dacau, Treblinka, Auswitz, Bergen-Belsen … perchè non lo lo intraprende per controllare di persona?

  • Avatar

    andrea z.

    |

    Le dichiarazioni di “baffino di ferro” nascono probabilmente da un’inchiesta del New York Post, sintetizzata in questo articolo:
    http://www.infiltrato.it/inchieste/l-inquietante-intreccio-dei-nomi-che-appoggiano-renzi-poteri-forti-che-vogliono-eliminare-la-sinistra/
    Gli uomini scelti a suo tempo dalla Clinton e da Obama come proconsoli della provincia italica sono stati Monti e Letta, in quanto esponenti insieme a Napolitano del settore della classe dirigente italiana vicina al Partito Democratico americano.
    Poi, il loro clamoroso fallimento, ha permesso ai neoconservatori americani, orfani di Berlusconi, di piazzare un loro uomo al vertice.
    Adesso siamo di fronte ad un nuovo flop ed è logico pensare che sia alle porte una sostituzione; però c’è un problema: i governanti italiani sono in genere scelti in base alla vicinanza con l’amministrazione americana del momento e, visto che le elezioni USA sono vicine e molto incerte è probabile che non verranno prese decisioni definitive su Renzi fino agli inizi del prossimo anno.

    Reply

    • Avatar

      giovanni d.

      |

      sottoscrivo quasi ogni parola del suo commento
      aggiungo solo che, a mio personale avviso:
      -A Monti, ambasciatore di lungo corso dello “scozzese” presso il regno “tedesco”, è stato semplicemente affidato il compito di evitare che l’ Italia diventasse il terreno di scontro definitivo tra i due eserciti dell’arte reale; Letta poi, rispetto a Monti, è stato più che altro figlio di un incidente: un garante delle parti seppur inadeguato e tuttavia l’unico disponibile in loco allo scatenarsi di un’improvvisa, inaspettata tempesta. Perciò, dirigente di I fascia il Monti ed ancora impiegato il Letta, anche quando vengono inviati a dare visibilità ai richiami all’ordine della Pax quando il disorientato giovin virgulto perde la strada (recente foto scala per un giro completo su tv/giornali) ;
      – Il vero plenipotenziario locale dello “scozzese” è stato e resta Napolitano totalmente assorbito dal suo terzo mandato;
      – il viaggio americano di Renzi nel 2007, accompagnato dal personale “testimone di battesimo” mr Ledeen (G.W.BUSH), dimostra che dietro certe scelte ci deve per forza essere qualcosa che va ben oltre lo schema democratici-repubblicani.

      A mio avviso se una risposta sembra prescindere da uno specifico territorio politico vuol dire solo che si trova a Londra

      saluti

      Reply

      • Avatar

        Alessandro Icardi

        |

        quel LEDEEN di cui parli è quello che ha ammesso in intervista a minoli di aver tradotto a suo uso e consumo a reagan quello che diceva craxi mentre giocavano a sigonella?

        Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          lui lui

          Reply

          • Avatar

            Alessandro Icardi

            |

            Non provo invidia nei confronti di molte persone. soprattutto di quelle di cui senti parlare sempre in qualunque decade uno viva. Quelle persone che sono la gioia di Boeri e simili: QUELLI CHE NON VANNO MAI IN PENSIONE.

  • Avatar

    Herr Lampe

    |

    Mi scusi, la conclusione del suo ragionamento mi sfugge. Perché mai una sconfitta alle amministrative dovrebbe determinare una scissione da destra nel PD?

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      da destra? Nin devo essere stato chiaro

      Reply

      • Avatar

        Herr Lampe

        |

        “un pezzo di maggioranza si stacchi per dar vita a una corrente di centro”.

        Pardon, ha ragione lei, avevo letto male.
        Se ho – finalmente – capito (arrivo sempre in ritardo, cit.), lei intende dire che si formerebbe una corrente interna al Pd, che si porrebbe tra ala renziana e sinistra (si fa per ridere) bersaniana (lo dite voi o lo dico io? Bersani chi?).

        Ho vinto qualche cosa?
        https://m.youtube.com/watch?v=mhlGxT2Nj7A

        Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Alla dx di Renzi non c’è il viceconte M. , ma l’attore Pippo Santonastaso, in uno dei suoi travestimenti meglio riusciti, roba che agli spioni gli fa due baffi.

    Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    Spiace constatarlo, ma sono ormai due anni buoni che immaginiamo scenari in cui il prode Renzi venga lestamente disarcionato. Purtroppo, resta attaccato alle sue poltrone più che una patella allo scoglio. Non mi piacerebbe passare davvero per un gufo, oltretutto con le ali spuntate.
    Tutti gli scandali di mala-qualcosa non l’hanno mai visto coinvolto in prima persona: sempre di sponda e per di più neppure in modo netto, vedi il caso Boschi che alla fin fine non è nemmeno indagata (è pur vero che le colpe dei padri ecc. ecc, ma nella Bibbia, non in politica, specialmente quella italiana).
    In alcuni casi ha persino fatto bella figura, come a Roma dove ha potuto defenestrare Marino, liberandosi oltretutto di un personaggio troppo indipendente per i suoi gusti e quindi inaffidabile: i classici due piccioni con una fava!
    A questo punto, forse conviene prendere atto che ce lo dovremo tenere per tutta la legislatura: può darsi che faccia passi falsi, ma l’unico leva per scalzarlo davvero sarebbe la prova di un chiaro e manifesto ladrocinio. Difficile, non perchè l’individuo sia particolarmente di specchiata onestà, ma perchè è troppo furbo per cascarci.
    Vediamola sotto l’aspetto positivo: in fondo, sta effettivamente rottamando tutta una serie di cariatidi che nulla hanno saputo fare negli ultimi 20 anni se non fare il tifo per la magistratura, ma solo quando riguardava fatti commessi da Berlusconi o dal suo entourage.
    Perdere Dalema, Veltroni, Bersani, ecc., non significa fare una buona politica per l’Italia e gli Italiani ma…, è qualcosa e a questo punto spero che completi l’opera.
    Vista sotto questo aspetto, persino la riforma del Senato ha i suoi lati positivi; basta immaginare da quanti vecchi marpioni ci libereremmo senza tanta fatica.

    Reply

  • Avatar

    GherardoMaffei

    |

    Vi è nella vita di D’Alema inoltre un dato significativo .La sua prima moglie, morta in un incidente stradale, era ebrea. Forse conoscerà a causa di ciò qualche scheletro nell’armadio del “popolo eletto” dal loro dio. Non dimentichiamoci che poi è stato anche presidente del COPASIR, quindi esperto di servizi segreti. La verità è che l’Italia da quando vi fu il primo governo laico e non democristiano, presieduto dal non compianto Giovanni Spadolini, (che in gioventù aderì alla RSI che fu storicamente la vera Resistenza e collaborò con Barna Occhini e al suo periodico Italia Civiltà) vi è stata una deriva filo sionista intollerabile, il cui apogeo lo si è visto prima in Berlusconi adesso in Renzi.Io reputo che da parte di ogni persona onesta si debba prendere le distanze da Israele, che è in possesso di duecento testate nucleari, in grado di distruggere mezzo globo terracqueo,ma soprattutto con una classe dirigente capacissima di farlo.Rammento le parole di un socialista onesto Sandro Pertini, dopo il massacro di Sabra e Chatila, che affermò che il paese responsabile di ciò doveva essere messo al bando dal consorzio delle nazioni civili.

    Reply

    • Avatar

      Gaz

      |

      Lo Spadolini cui lei fa riferimento aveva 16 anni.
      Come politico della prima repubblica nessuno ha potuto dire o insinuare che abbia preso una tangente. Sotto questo punto di vista è morto immacolato.
      Conosce altri politici coevi di quel livello così incommerciabili?

      Reply

      • Aldo Giannuli

        Aldo Giannuli

        |

        per la precisioneSpadolini nel 1944 aveva 19 anni e scriveva sui giornali fascisti, Mussolini, dopo aver letto un suo articolo chiese chi fosse “quel vecchio professore” che lo aveva scritto

        Reply

        • Avatar

          Gaz

          |

          Vero, aveva 19 anni.

          Reply

          • Aldo Giannuli

            Aldo Giannuli

            |

            ma era già un “vecchio professore”…..

          • Avatar

            Gaz

            |

            L’ennesima presa di lucciole per lanterne di un maestro .. nel genere.
            Nei fatti Spadolini già allora non lasciava parlare gli altri o meglio che gli altri parlassero. In questo era monarchico.

        • Avatar

          GherardoMaffei

          |

          Prof.Giannuli, visto che siamo in tema dei trascorsi giovanili dei politici, quando il “migliore” Palmiro Togliatti, sentì il giovane pioniere D’Alema per la prima volta pronunciare un dotto discorso, pronosticò un radioso avvenire per l’esordiente, cosa che poi si avverrò. Altre voci cattive invece sostengono che disse:”quello non è un bambino, ma un nano”.

          Reply

          • Aldo Giannuli

            Aldo Giannuli

            |

            le due cose non sono incompatibili, comunque propendo per la seconfda: è più nel carattere di Togliatti

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    A completamento del mio post precedente.
    In queste ore D’Alema sta portando un attacco frontale a Renzi, forte delle miserevoli vicende alle primarie, ma non solo. Finora si era limitato ai mugugni, ora sembra che faccia sul serio.
    10 a 1 euro che questo sarà il suo canto del cigno: a questo punto delle due l’una, o D’Alema sparirà definitivamente dal panorama politico, oppure Renzi sarà costretto a dimettersi da segretario del PD, con le ovvie conseguenze sul suo governo.
    Ma in quest’ultima ipotesi, non si capisce chi potrebbe prendere il suo posto: a parte la segreteria del partito, parafrasando padre Pizarro mettiamoci pure un grandissimo chissenefrega, chi e con quali maggioranze potrà formare un nuovo esecutivo?
    L’ennesimo governo del Presidente (quello vero, pero!)? Ho il sospetto che a Napolitano non stia particolarmente simpatico D’Alema.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!