Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (8)

  • Avatar

    AM

    |

    Analisi come sempre lucida, mirabile, condivisa.

    Ma in cosa si traduce questo suo racconto in noi che leggiamo?

    Nell’ennesima conferma di cosa sia davvero la politica oggi nel XX secolo. Un gioco di prestigio illusorio che mai piu’ sara’ (o forse mai e’ stato) in grado di inquadrare e risolvere i piccoli problemi del territorio di un popolo. Un gioco di prestigio cosi’ evoluto che ormai perfino gli anziani dimenticano per cosa era nato realmente all’inizio dei tempi, quando intervenne negli individui la coscienza politica.

    Si’, perche’ perfino le “ideologie di una volta” sono state gia’ e evidentemente una antica deriva, di quando la politica piu’ spicciola e necessaria, forse l’unica richiesta dalla coscienza politica, cesso’ di funzionare.

    Oggi siamo oltre, l’ideologia di squadra – stremata – si e’ aggiornata al triste fenomeno del tifo inspiegabile per i singoli corridori. Culto dell’immagine e bombardamento mediatico spiegano bene tale involuzione.

    Non vorrei apparire disfattista del suo lavoro di analisi, che e’ sempre un piacere intellettuale per noi, ma probabilmente oggi anche gli studi di politica dovrebbero evolversi e cominciare, se lo volessero, a cercare di capire cosa accade all’interno dei cervelli degli elettori e su, a salire, di chi si occupa di politica a vari livelli. Il Renzi di turno puo’ essere anche escluso dalle analisi perche’ e’ lampante che il problema nasce e si amplifica nelle teste di chi osserva e partecipa al fenomeno.

    Lasciatemi lo spazio per un piccolo ulteriore sfogo surreale: sarebbe piu’ sano avere un popolo che si occupa di politica moderna come puo’ fare una schedina di Enalotto. Un partecipare giocoso, un credere, un provarci, senza troppa aspettativa.

    Intanto quel metro quadro sotto casa nostra andrebbe spazzato, via foglie e cartacce, per il solo piacere di pulire e… stupire.

    Reply

  • Avatar

    ilBuonPeppe

    |

    Berlusconi ha tracciato il solco, Renzi lo ha trasformato in un’autostrada.

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    mah innanzitutto attribuirei la relativa stabilità degli umori dell’elettorato al fatto che i sondaggisti tendano a proporre numeri vicini tra loro per presentare un quadro stabile e coerente con il passato. ciò spesso impedisce ai sondaggi di percepire i cambiamenti nelle intenzioni di voto, come dimostra il forte distacco tra le previsioni e la realtà nelle scorse politiche. non mi stupirei che anche in questo caso i numeri siano molto diversi da quelli che leggiamo sui giornali, ma non ci sarà modo di accorgersene se non nel 2018. detto questo, è anche vero che l’espressione se si votasse oggi” non ha molto senso: le elezioni vengono svolte in un contesto di martellamento mediatico in cui l’elettore subisce una certa forma di ricatto. quindi un contesto molto diverso dalla normalità. se poi ci si aggiungesse il dato più recente della elevata volatilità delle intenzioni di voto ce ne sarebbe abbastanza per non fidarsi affatto dei sondaggi.
    d’altra parte per come renzi sta governando/governerà non sembra che abbia molte speranze per il 2018. ma dato che la partita si gioca sull’offerta complessiva, anche le sue tecniche di venditori di aspirapolveri potrebbero funzionare se i suoi avversari saranno assenti o demenziali come al solito: almeno offre una narrazione con qualche speranza per il futuro: sempre meno speranze sempre meno credibile, ma anche le aspettative degli elettori si abbassano col tempo.

    Reply

  • Avatar

    Dafni Ruscetta

    |

    Bene Professore…come sempre buona analisi…soprattutto condivido la scarsa visione, anocra una volta, della vecchia classe dirigente del partito, divenuta ormai minoranza poco incisiva e quasi ininfluente. Tuttavia, oggi mi sarei aspettato qualche commento o analisi da parte sua su quanto accaduto ancora una volta nel canale di Sicilia. So che lo ha fatto in più momenti e conosco abbastanza bene la sua posizione, ma avrei gradito un qualche cenno sul tema proprio oggi.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      io preparo i pezzi al sabato per la settimana successiva e raramente scerivo pezzi a caldo

      Reply

  • Avatar

    GUB

    |

    Analisi corretta e drammatica. Ma sui flussi elettorali di Renzi ho da fare qualche osservazione. E’ chiaro che il Renzi-PD si è preso quasi per intero i voti di Forza Italia e molti dei precedenti astenuti. Così facendo il partito PD ha cambiato la composizione del suo tradizionale elettorato, anche perché tutta la sinistra non vota e sta tra gli astenuti. Il PD non è più il partito di riferimento per lavoratori/ pensionati/ precari/ disoccupati/ ecc e questo si vede nei sommovimenti all’interno della CGIL . Anche la Camusso, pur distinguendosi dall’iniziativa Landini, ha dichiarato apertamente che se si andasse al voto non voterebbe PD! Il Renzi-PD è diventato solo la brutta copia di FI!

    Reply

  • Avatar

    cinico senese

    |

    Tanto tempo fa scrissi qui sul blogghe suo quando vinse Renzi: il PD si è allevato una serpe in seno. C’avevo ragione. Infatti…
    Ma fui ottimista: non pensavo che i suoi lettori ex PCI fossero così idioti da ingoiare rospi che quelli del Berluska erano rospetti in confronto. Pensavo fossero diversi: l’ottimismo della ragione mi ha sempre fottuto 🙂

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!