Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (12)

  • Avatar

    Luca

    |

    Le sue riflessioni sono illuminanti ma non riesco a non illudermi che, se in parlamento si facesse politica, si potrebbe anche raddrizzare il tiro e fare comunque una cosa giusta seppur nel momento sbagliato (dopo il bailamme sull’articolo 18).

    Il TFR, uno degli ultimi simboli della buona abitudine al risparmio, è però anche delle mille piccole complicazioni all’italiana. Toglierlo sarebbe una semplificazione, semplificazione di cui abbiamo bisogno come l’aria soffocati come siamo dalla burocrazia.

    Quindi mi illudo: perché non eliminare il TFR solo partendo dai nuovi contratti d’assunzione? Sarebbe una cosa graduale e pure meno demagogica.

    Certo obbligherebbe i neoassunti a considerare con ancora più attenzione la necessità di costruirsi nel tempo una pensione integrativa. Gli spicci che rimangono dal TFR tassato forse non basteranno, ecco perché, parallelamente ci vorrebbe un taglio del cuneo fiscale, almeno per i neoassunti.

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    COnsiderato che le aziende sopra i 50 dipendenti già versano cash il TFR, la misura colpirà le imprese minori facendone sparire un bel po’. Cui prodest??? Ma forse in questa pazzia non c’è neanche metodo, alla faccia di Amleto

    Reply

  • Avatar

    giandavide

    |

    oltretutto i soldi per la liquidazione sarebbero tassati al 4% e non al 25 e più: veramente un regalone, anche senza scatti contributivi. comunque dovremo iniziare a farci il callo a queste sparate: renzi è uno che cento ne pensa e un centesimo ne fa, sempre che non cambi idea, cosa che avviene abbastanza spesso. anche per questo sconsiglio di stare troppo dietro al vitellone: non fa altro che produrre aria, e a furia di inseguire le scoregge c’è il rischio di epredersi.

    Reply

  • Avatar

    Fabio Forgione

    |

    Con la domanda di lavoro così depressa, ragionevolmente, l’incremento salariale finirà in breve nelle mani dei datori, con risultato, per i lavoratori, di vedere addirittura ridotto la loro reddito complessivo.

    Reply

  • Avatar

    Ranieri saverio

    |

    Dopo averci detto per anni che la sola pensione INPS sarebbe sempre scesa fino a coprire forse solo il 60% dell’ultima retribuzione e quindi era necessario costruirsi la seconda gamba pensionistica, quella integrativa prevista dai CCNL, ora arriva il contr’ordine compagni, accompagnato da quella grande cretinata che sta prendendo piede, qual è l’affermazione che il TFR esiste solo in Italia e per di più è frutto dello Stato mammone. Cosa c’entri lo Stato nella contrattazione privata tra imprenditori e lavoratori su una forma di salario differito e dunque nella sola titolarità dei lavoratori, anche se nella disponibilità dell’impresa, non si comprende. Sulla questione seconda pensione, meno si versa nei fondi chiusi contrattuali e più danni si fanno ai lavoratori, basta leggersi i rendimenti oltre alla non trascurabile importanza del contributo aggiuntivo che l’azienda deve versare secondo gli accordi contrattuali. Mi sembrano operazioni a metà strada tra il mago Silvan ed un apprendista stregone.

    Reply

  • Avatar

    paolo

    |

    L’ennesimo specchietto per allodole!
    La busta paga presocchè invariata, il cuneo fiscale invariato, le piccole aziende impoverite di una risorsa minima cui poter attingere in caso di necessità…e Dio solo sa quanta necessità ci sia….se prima mi potevo illudere che forse Renzi avrebbe potuto fare qualcosa di buono (poco, mi ero illuso poco), adesso ho la certezza di essermi solo illuso come milioni di italiani.
    D’altronde in un paese dove si porta in parlamento un rigore di una partita della domenica, dove i boss della mafia possono entrare al Quirinale se lo chiedono per partecipare a un interrogatorio del Presidente della Repubblica per possibili collusioni fra Stato e Mafia, dove si parla di troppi corpi di polizia (in molti altri paesi europei ci sono gli stessi) invece di eliminare quel surplus di gente strapagata per fare nulla (dicasi alti generali di divisione senza divisioni da comandare)…. in un paese dei camanelli come questo direi che l’unica prossima grande iniziativa (già proposta in passato peraltro) sarebbe quella di ristabilire uno stemma al centro della nostra bella bandiera VERDE BIANCA E ROSSA….la maschera di pulcinella!!!
    …ma poi anche in quel caso avremmo il genio di Salvini che si opporrebbe perhè pulcinella è “terun”….allora potremmo affiancargli la faccia del Trota così per compensare con un pulcinella nordico!!!!

    Reply

  • Avatar

    mirko g. s.

    |

    C., è lo approfondimento sul blog di grillo che esamina altr i aspetti negativi della iniziativa renziana.

    Reply

  • Avatar

    Eli

    |

    E’ l’ennesimo, lucroso regalo alle banche, che anticiperebbero i soldi, ed ai fondi pensione, cui li destinerebbero i lavoratori che non ne avessero bisogno, nell’illusione di una pensione integrativa.
    Spero che i lavoratori dipendenti non si facciano fregare.

    Adesso Renzi fornirà agli imprenditori la carne da macello per le loro mire: la scuola sempre più degradata, meno soldi e dunque meno possibilità di far studiare i figli all’università, grosse lotte al ribasso del salario fra poveri.
    Costoro saranno i “cinesi” nostrani da impiegare nel futuro. Questo chiede l’Europa, la cinesizzazione dei paesi mediterranei, e naturalmente la svendita di beni demaniali ed imprese per quattro soldi, la privatizzazione dei beni comuni ed anche dell’aria che respiriamo.

    Reply

  • Avatar

    Francesco

    |

    L’idea di Renzi non è proprio da bocciare ma almeno aumentassero i controlli nel privato… Già che il tfr non tutte le aziende lo consegnano al “vecchio dipendente”. Se il tfr (che sia intero o dilazionato) venga consegnato direttamente dallo Stato al cittadino sarebbe un grande passo verso il futuro, ma c’è troppa mafia in Italia per far girare i contanti nelle mani dei comuni mortali vero!? Perché le aziende devono fare da tramite? E poi, non si può denunciare l'”EX” datore di lavoro altrimenti nessuno più ti darà un posto….e andremo sempre di male in peggio!

    Reply

  • Avatar

    alessandro

    |

    Caro Aldo,
    condivido i tuoi calcoli e le tue osservazioni, ma resta comunque il fatto che il TFR esiste praticamente solo in Italia, e il risultato è che i lavoratori sono poveri, e che si arricchiscono andando in pensione. Tutti gli studi dimostrano che la tendenza al consumo è più elevata a 30 che a 65 anni… Insomma, perché non lasciare alla gente la possibilità di scegliere e, fatti due calcoli, di fare come preferisce ? Io, personalmente, preferisco un uovo oggi che una gallina domani, altri la penseranno diversamente, ma siamo tutti maggiorenni e possiamo decidere autonomamente.

    Reply

  • Avatar

    cinico senese

    |

    Per la serie: sputtaniamoci il futuro che tanto il presente lo è già.

    Pensare che smobilizzare un risparmio futuro aumenti i consumi presenti quando le aspettative su lavoro e risparmi e futuro sono negative, è frutto di cretinismo economico. Chi non è un coglione se li ammuccerà ma avrà un rendimento inferiore a prima.

    Peraltro, poichè il TFR è una forma di finanziamento coattivo dell’impresa a basso costo, il bomba dovrà chiedere alle banche che gli facciano agli imprenditori il favore di prestare soldi allo stesso trattamento ex TFR. Quindi invece di semplificare la vita agli imprenditori, gliela complicano: voglio vedere quanti passaggi in banca ci vogliono per farsi dare un prestito tasso TFR dalle banche. Dai ridiamo!

    E tralasciamo sui casini che faranno per tassare in regime separato. Questi incapaci ne combineranno delle belle, tipo TASI.

    I più – fulminati dal libero arbitrio del liberalismo – dicono che così lo Stato non tratta più da minus habens il lavoratore, che potrà LIBERAMENTE decidere egli stesso dei suoi soldi, sputtanarseli o risparmiarli. Benissimo: però quando se li sputtana non vada poi a fare il piangino in giro che quando lo licenziano non avrà più manco un soldo per mangiare, perchè la funzione del TFR era proprio quella: costruire forzatamente un tesoretto da usare come cuscinetto di emergenza cessato il lavoro, prima della pensione o nell’attesa di trovarne un altro. Se lo vedremo fare il piangino tipo zingari, sputiamogli in un okkio senza pietà.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!