Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (13)

  • Avatar

    Domenico Di Russo

    |

    Caro Giannuli,

    ai miei ragazzi di seconda media sto facendo leggere “Il giorno della civetta”, che ha il merito di saper appassionare anche i più piccoli, i quali l’hanno trovata una delle letture più stimolanti fatte finora a scuola e, dato che i ragazzi non si fanno troppi problemi a essere schietti quando qualcosa non gli piace, gli credo. A quelli di terza media, per l’estate, ho consigliato “Il contesto”. È poco ma è sempre meglio di niente.
    Un caro saluto

    Domenico

    Reply

  • Avatar

    victorserge

    |

    ho letto il libro giusto tre giorni fà.
    un libro piccolo, ma denso; un pò caro forse, però vale come quei vini che sono un pò cari, ma ne valgono la pena.
    quindi comprate il libro.

    saluti

    victor serge

    Reply

  • Avatar

    Tepozzino

    |

    Gentile Professore,
    mi congratulo con questa sua iniziativa assolutamente meritoria, specialmente oggi che tanti segnali ci avvertono che l’Italia è investita (e sempre di più lo sarà nei prossimi mesi) da stupefacenti inchieste giornalistico-giudiziarie, funzionali a distrarre l’opinione pubblica dalla più feroce crisi economica degli ultimi cento anni (le cui cause sono per lo più esogene) e ritagliare comodi capri espiatori, dietro cui occultare il fallimento dell’intera classe dirigente e la svendita del restante patrimonio pubblico italiano.
    La lettura o rilettura di Sciascia sarebbe un potente e benefico antidoto, poiché consentirebbe, facendo uso della ragione critica, di diffidare della lettura unanime del fatti che ci verrà propinata . Se mi permette però vorrei segnalarLe che Sciascia nell’intervento effettuato su La Stampa del 6 agosto 1988 (dopo un anno e mezzo dal famoso articolo apparso sul Corriere della Sera) chiariva in forma autentica il senso della sua polemica in ordine alla promozione di Borsellino ed era che “Il Consiglio superiore della Magistratura si era sottratto alla regola vigente (anzianità ndr) senza stabilirne un’altra. Se l’avesse da quel momento stabilita, il caso del dottor Falcone (sopravanzato per anzianità dal Dott. Meli ndr), con tutto quel che oggi importa, non ci sarebbe stato. Adottando un criterio per promuovere Borsellino e tornando invece alla vecchia regola per non promuovere Falcone, ecco il nodo che presto o tardi doveva venire al pettine. La situazione di oggi, insomma, non l’ho inventata io con quel mio articolo sul Corriere: c’era, e non poteva che esplodere. Io non ho fatto che avvertirla, e tempestivamente. Ed è vero che non mi piacciono le tensioni, di solito destinate a cadere: io voglio, da parte dello stato, decisione, fermezza, intelligenza, concordia tra i diversi organismi della pubblica amministrazione preposti a combattere la mafia”.
    La posizione di Sciascia era che la mafia (come del resto il terrorismo) una democrazia la combatte con il diritto (non quello eccezionale,derogatorio, sospensivo delle garanzie costituzionali, ma quello ordinario, che dovrebbe valere per tutti). Anche qui le riporto un passo dall’articolo apparso sul Corriere della Sera del 26 gennaio 1987 “…ma la democrazia non è impotente a combattere la mafia. Ha anzi tra le mani lo strumento che la tirannia non ha: il diritto, la legge uguale per tutti, la bilancia della giustizia. Se al simbolo della bilancia si sostituisse quello delle manette – come alcuni fanatici dell’antimafia in cuor loro desiderano- saremmo perduti irrimediabilmente, come nemmeno il fascismo c’è riuscito”.
    Ho tratto questi passi, da un suo piccolo ma grandissimo libro che raccoglie gli interventi apparsi sui giornali a partire dal 1979, libricino immenso già dal titolo: “A futura memoria (se la memoria ha un futuro)”.

    Reply

  • Avatar

    fortebraccio

    |

    egr.prof,o sciascia era complice,o come dice lei, un emerito ingenuo,da come trattava l argomento mafia,mostrandola come un fenomeno prettamente ,siciliano,locale e non per quello che era,e che in realta, è:un connubio di interessi,politici economici,nazionali ed internazionali,che usano i mafiosi a loro piacimento!

    Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    Ho letto ed apprezzato Sciascia quando avevo più o meno 17anni, nel ’64 o ’65.
    Leggendo l’articolo della Stampa del 6 agosto 1988, segnalato da Tepozzino, la frase che più colpisce e che credo illustri al meglio la personalità di Sciascia, è la seguente:
    “Io ho dovuto fare i conti da trent’anni a questa parte, prima con coloro che non credevano o non volevano credere all’esistenza della mafia e ora con coloro che non vedono altro che mafia.” .
    Paradigma di un ceto politico che si schiera di quà e di là, non in base a rispettabili convinzioni personali, ma a seconda delle convenienze del momento. Ed è così che nascono i Berlusconi ed i Renzi, che non si preoccupano minimamente delle idee della loro base, perchè sanno bene che anche quelli più critici tra di loro sono pronti a vendere le proprie coscienze per il classico piatto di lenticchie. E chi non si adegua, viene prontamente emarginato e sostituito in base al principio che “tutti siamo importanti, ma nessuno è indispensabile”.

    Reply

  • Avatar

    Gerardo

    |

    Grazie per la segnalazione. Ricordo che ad una lezione di Letteratura contemporanea alla Statale di Milano con Turchetta (di quindici anni fa) si parlava della capacità degli scrittori di preservare la loro memoria. In qualche modo è lo stesso scrittore che dovrebbe curare la propria immagine per i posteri. In quella lezione il confronto era tra Cassola (che aveva fallito in questo intento) e Calvino, che invece era stato abile nel predisporre il proprio lavoro in modo tale che perdurasse negli anni a venire. Ora credo che viviamo altri tempi, l’editoria è mutata rapidissimamente, e in generale la letteratura non stia passando un gran momento.

    Reply

  • Avatar

    Caruto

    |

    Nel 1975 Sciascia venne eletto come indipendente nella lista del PCI al Consiglio Comunale di Palermo; si dimise nel 1977.

    Su Wikipedia leggo: “La sua contrarietà al compromesso storico e il rifiuto per certe forme di estremismo lo portano infatti a scontri molto duri con la dirigenza del Partito comunista.” Io opterei per una versione piu’ cruda: il compromesso storico in Sicilia voleva dire realpolitik con la DC peggiore che c’era in Italia.

    Suggerirei di leggere “Gli zii di Sicilia” del 1958 e subito dopo “Candido, ovvero Un sogno fatto in Sicilia” del 1977: stessa ambientazione storica (Sicilia del dopoguerra), lettura politica completamente diversa; come se avesse maturato un giudizio politico sulla sinistra (PCI, PSI, Sindacato) e lo avesse voluto trasporre in forma di racconto.

    Personalmente ho gradito molto il libro del 1958 e molto poco quello del 1977, ma nella sostanza se la tesi del libro del 1977 la si attualizzasse, appunto, al 1977, Sciascia aveva ragione da vendere.

    La “Verita’” e’ roba preziosa e fragile, molto adatta alla ricerca scientifica ed alla speculazione intellettuale; quando si fa politica, in genere, si usa il machete e si combatte in maniera collettiva ed organizzata e Sciascia non era tipo da intrupparsi e da impugnare il machete: il personaggio era cervello fine ed appassionato, difficile da manipolare; “neo-illuminista” e’ definizione molto adatta.

    Detto questo, penso che la ricostruzione proposta da Perrone (per come leggo nell’intervento di Giannuli) debba essere integrata: il Corriere che pubblica “I professionisti dell’Antimafia” era diretto dal piduista Ostellino e nel 1987 stava montando l’onda lunga che avrebbe portato prima ad attaccare in maniera crescente Falcone e Borsellino e poi al massacro fisico dei due. Vedi l’intervista di Borsellino a Bolzoni e Lodato della primavera 1988 nella quale denuncia la progressiva marginalizzazione di Falcone a Palermo: per quella intervista Borsellino, messo sotto inchiesta, fu chiamato a discolparsi davanti il CSM .

    Ridurre tutto a Scalfari che punta sul PCI e sui magistrati per far fuori l’accoppiata DC-PSI con argomenti anti-mafiosi mi sembra fuorviante. Solo per la cronaca: Scalfari aveva appoggiato De Mita agli inizi degli anni ’80 e proprio alla fine di quel decennio stava maturando la sua sconfitta ad opera di quei sant’uomini di Andreotti, Craxi, Forlani che avrebbe dato vita al CAF (1989-1992).

    Se invece lo si inquadra all’interno di un ragionamento piu’ vasto allora si deve dire che il ceto dirigente italiano (tutto) avrebbe prima o poi cercato di liberarsi di un rompicoglioni come Sciascia. Gli avvenimenti successivi (il successo dei soldi e delle imprese criminali in tutta Italia) ne sarebbe la prova.

    Meglio allora richiamare “Il ritorno del Principe” di Scarpinato che sulla scia di una tradizione che va da Manzoni, a Prezzolini, a De Roberto, a Gramsci, parla delle caratteristiche Feudali e Corporative del ceto dirigente italiano: tutti quelli che hanno responsabilita’ di decisione vengono selezionati darwinianamente da quell’ambiente che ha esattamente quelle caratteristiche.

    L’ex magistrato Tinti puo’ testimoniare per la magistratura, il Prof. Giannuli per l’Accademia, ecc. ecc.

    Che ci fa qui, allora, uno come Sciascia che invoca lo Stato di Diritto, dove le regole sono (dovrebbero essere) uguali per tutti?

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      al di là di ogni altra cponsiderazione: Ostellino non è mai stato della P2, Lei confonde con Di Bella.

      Reply

      • Avatar

        Caruto

        |

        Allora e’ un mio errore.

        Pero’, e qui chiedo lumi, il mio ricordo e’ quello di un Corriere che alla fine degli anni ’80 era controllato da personaggi poco trasparenti.

        Sbaglio se dico che Ostellino e’ assimilabile a PGBattista?

        Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          direi che i due personaggi hanno stature diverse

          Reply

  • Avatar

    Paolo Federico

    |

    Perché Sciascia è finito nel dimenticatoio?
    Basta guardare la rai e i leggere i maggiori quotidiani italiani per capirlo.
    Leonardo Sciascia è con ogni probabilità il più grande scrittore italiano della seconda metà del novecento. Nel denudare il fenomeno mafioso è stato più importante degli stessi Falcone e Borsellino. Ateo e spirituale come denuncia il suo riferimento in Borges, schivo e onesto (non ingenuo), semplice e raffinatissimo nello stile, sospetto che lo stesso Camilleri, nel costruire corporeità e psicologia del suo Montalbano, gli sia debitore. Io non l’ho mai dimenticato.

    Reply

  • Avatar

    Marco Fraddosio

    |

    Ringrazio l’autore del libro ed il curatore del blog per tenere viva l’attenzione e provare a rischiarare il cono d’ombra su vicende tanto oscure.
    “La profezia di Sciascia” mi sembra molto significativo perché dà una preziosa e puntuale testimonianza della dimensione politica dello scrittore.
    I fatti narrati si riferiscono ad anni in cui ero molto giovane o addirittura piccolo. Tuttavia mi ha sempre colpito la figura di Sciascia che insieme a Carlo Levi e Calvino erano i miei autori preferiti da bambino. Memorabile la trasposizione cinematografica di Todo modo ad opera del grande Elio Petri che squarcia il velo dell’indicibile.
    “Il resto è silenzio”.

    Reply

  • Avatar

    Bruno Amoroso

    |

    La lettura del testo di Nico Perrone è anzitutto un piacere estetico per la delicatezza e ‘eleganza con cui tratta il tema, la precisione dello storico senza tuttavia perdere il filo del discorso. La vicenda di Sciascia ne esce illuminante di un periodo, quello della trasfigurazione della sinistra e del PCI in particolare. Una trasfigurazione che non abolisce la vecchia doppiezza togliattiana nel parlare di socialismo e di democrazia. Ma in Togliatti la doppiezza serviva a tenersi ancorato ad un progetto di società, quello dei comunisti, e al bisogno strategico di non dissociarlo dal bisogno di una visione internazioneale delle alleanze. La trasfigurazione, dal compromesso storico in poi, mantiene questa doppiezza ma capovolta. Abbraccia integralmente il progetto di società neoliberista ma lo fa giustificandosi con scelte tattiche di sopravvivenza e di condizionamenti internazionali senza costruirne di propri. La tattica diventa insomma strategia, diventa un’altra cosa. Da qui il tritacarne della politica italiana avviato con l’azione di “mani pulite” che tenta di coinvolgere e corrompere i personaggi di punta della vita politica e della cultura. In questo contesto si inserisce il tentativo di reclutare Sciascia per poi rottamarlo quando se ne scopre l’autonomia culturale e politica. Ma Sciascia non è solo in questa sorte. Lo stesso avviene a Federico Caffè, che prima si tenta di reclutarlo con inserimenti istituzionali e in parlamento da lui sempre cortesemente rifiutati, e poi, quando se ne scopre la sua irriducibilità a sposare la cultura di mercato e l’uso della legalità per fini politici (l’incriminazione dell’allora governatore Baffi della Banca d’Italia), di cui si serve abbondantemente la sinistra in quegli anni, se ne decide la sua marginalizzazione e sistematico isolamento che lo porterà al rifiuto esistenziale di restare dentro quel gioco. I danni e le vittime del “nuovo corso” della democrazia italiana iniziato in questi anni fino al presente decadimento delle persone e delle istituzioni ha lasciato sul suo percorso vittime illustri, come Sciascia e Caffè che sono divenuti gli innominati delle istituzioni e della politica italiana. L’oltraggio “post mortem” a Federico Caffè è quello di volerlo a tutti i costi recuperare a legittimittazione delle bande e scorribande oggi al potere in Italia e in Europa, vista la sua impossibilità di esprimersi, mentre su Sciascia sembra più comodo e possibile aver chiuso la partita col silenzio su di lui.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!