Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (30)

  • Avatar

    mass1q

    |

    Dopo il “Matteo buongiorno” ascoltato questa sera, adesso lo conosce Artini o le serve anche la fotocopia dell’assegno che gli ha girato Renzi?

    Reply

  • Avatar

    Mario Sosso

    |

    Buongiorno a tutti, Professore ha visto la puntata di ieri di piazza pulita? Che ne pensa della telefonata tra Artini e il premier Renzi?
    La telefonata del Presidente del Consiglio Matteo Renzi all’espulso dal M5S Massimo Artini

    http://www.la7.it/piazzapulita/video/pronto-matteo-01-12-2014-142327

    Artini abbandona lo studio
    http://www.la7.it/piazzapulita/video/artini-abbandona-lo-studio-01-12-2014-142329

    Ho l’impressione/convinzione che Grillo abbia RAGIONE, il problema è che esterna le sue ragioni in modo ortodosso. Ho seguito anche l’incalzante Formigli nei confronti del sindaco di Parma Pizzarotti che è stato BRAVISSIMO a non farsi “fregare” dal conduttore che voleva trascinarlo in un buco nero. Artini al contrario si è rivelato per quello che è, un pollo da batteria, uno che all’età di 40 anni circa ancora non ha capito chi ha davanti e con chi ha a che fare, non credo neppure che lo abbia fatto per un suo fine pianificato prima, è solo un grandissimo imbecille! Spero vivamente che nell’arco di 15 giorni si trovi una linea e che sia quella, il M5S ha uno spazio enorme da cui attingere i propri voti, io non sono e non mi ritengo un “talebano” ma per me è l’unica forza che possa veramente dare una svolta a questo maledetto/sfortunato paese.

    P.S. Da destra sta salendo una fogna impressionante!

    Reply

    • Avatar

      grandavide

      |

      pizzarrotti ha evitato in tutti i modi di dire ciò che pensava, però ha mentito così male da apparire un bugiardo di livello medio basso: quando uno si mostra al pubblico in questo modo, in effetti è meglio che non si metta a fondare partiti. d’altra parte a comunicare meglio di artini credo che anche il mio tostapane.

      Reply

  • Avatar

    ilBuonPeppe

    |

    Il problema del M5S è quello di sempre: hanno delle “cose da fare” ma sono privi di un progetto politico. Stanno insieme senza sapere perché, fanno delle cose che non si inquadrano in un progetto più ampio. Non hanno un’anima, non hanno ideali condivisi.
    La loro politica quindi non può che essere di brevissimo periodo. Inutile aspettarsi qualcosa di più.

    Reply

    • Avatar

      Giacomo Bandini

      |

      Ma no, non è affatto vero. Abbiamo un progetto politico, l’ avvento della democrazia dal basso, ove la classe politica non sia separata dal popolo governato, anzi sia parte di esso,e condividiamo l’ideale di una politica diversa, a misura d’uomo. Siamo divisi sulle modalità con cui ottenere questo progetto: alcuni pensano di poter ottenere questo applicando per primi, su noi stessi, gli ideali della democrazia diretta; altri viceversa ritengono necessario passare da una fase di controllo assoluto da parte di un gruppo esecutivo, che solo in seguito si farebbe da parte. Insomma, per usare un linguaggio che immagino le sia caro. la differenza è fra quelli di noi che vorrebbero subito il “comunismo reale” e quelli che invece vogliono la “dittatura del proletariato”.

      Reply

      • Avatar

        ilBuonPeppe

        |

        Esatto: democrazia dal basso, politica a misura d’uomo, democrazia diretta. Sono tutte belle cose, ma sono metodi, strumenti, non obiettivi.
        Quando parlo di un progetto politico, di ideali, mi riferisco agli obiettivi; il M5S non ha un’idea di società alla quale aspirare. Ha un’idea sul “come” muoversi” ma non sul “dove” andare.

        Reply

        • Avatar

          Giacomo Bandini

          |

          In realtà non è affatto così, in quanto il metodo contiene in sè un idea di societa molto precisa. Mi spiego: noi stiamo inesorabilmente andando verso un tipo di società oligarchico, ove i pochi controllano i molti grazie al simultaneo controllo dei capitali, dei mezzi di informazione, e dei dati personali. Il progetto politico del m5s, implicitamente, controbilancia questa situazione, riportando – idealmente – il potere politico nelle mani del popolo, per poi, utilizzando questa leva, togliere almeno una parte del potere economico e “informativo” dalle oligarchie. Quindi la visione della società del m5s è decisamente antioligarchica.

          Reply

      • Avatar

        grandavide

        |

        insomma due tipi di persone che la pensano in modo completamente diverso ma che stanno insieme perchè credono che grillo li porti alla vittoria. benissimo. ma vorrei capire cosa pensereste di fare una volta accorti che state calvalcando un cavallo zoppo. che peraltro sta usando il pugno di ferro per conservare il suo potere. e ogni tanto arriva pure un tizio come me e ci bagna il pane. insomma non vi invidio

        Reply

        • Avatar

          Giacomo Bandini

          |

          E’ semplice, cerchiamo di curare il cavallo. Questo c’è. Non esiste nessuna alternativa logica – nessuna. Non in Italia, almeno.

          Reply

          • Avatar

            grandavide

            |

            insomma di fronte a un paese completamente ingolfato la cosa più importante è curare un cavallo morto. ciò rende bene l’idea di quanto ve ne importa poco della situazione politica attuale.

          • Avatar

            Giacomo Bandini

            |

            Chissà se è morto davvero – sa, non tutti hanno la verità rivelata come lei. E poi, anche se fosse, è più probabile che un cavallo apparentemente “morto”, come dice lei, si rianimi improvvisamente, che un cavallo inesistente si materializzi nell’aria. Battute a parte, mi sembra ipocrita da parte sua, che critica con un atteggiamento così distruttivo chi cerca di costruire qualcosa di diverso, accusare di disisnteresse verso l’attualità. Se c’è qualcuno che critica per ragioni ideologiche e non per considerazioni concrete, beh, quello è proprio lei.

          • Avatar

            grandavide

            |

            fatto sta che io non simpatizzo per alcun partito o movimento al momento, quindi non si capisce nemmeno quale sia la mia ideologia. al massimo ho delle opinioni politiche, ma non vedo chi possa rappresentarle. chi simpatizza per il m5s invece ne dovrebbe condividere la linea ideologica. quindi mi sa che siamo a livelli diversi.

          • Avatar

            Giacomo Bandini

            |

            Con queste parole lei conferma quello che sostengo: lei critica solo per il gusto di distruggere, senza nessun interesse costruttivo.E poi ipocriticamente critica il mio supposto “disinteresse per l’attualità”.

          • Avatar

            Micio Nero

            |

            Pare che non sia una mancanza di alternative quella che vedono i grillino, ma una marcia luminosa verso il partito unico che governerà i soviet 5 stelle. Quando l’alternativa non la si considera proprio e si delegittimano tutti gli avversari a priori – e chi vota per loro anche – c’è odore di regime.

          • Avatar

            Giacomo Bandini

            |

            Il tuo commento è un capolavoro di ipocrisia: quello che delegittima a priori, avversari e loro elettori, sei proprio tu. Se c’è odore di regime, quello che lo emana sei tu.
            Ciò detto, quanto scrivo che non ci sono alternative, faccio solo delle semplici e banali osservazioni: PD, NCD, Forza Italia sono tutte neoliberiste, e la lega di Salvini al di là del suo essere fascista, non ha nessun reale programma, nessuna reale strategia. QUanto alla sinistra cosiddetta radicale, SEL è succube del PD: inoltre, in generale, la sinistra radicale è schiava del sogno degli stati uniti d’europa, che oramai si è rivelato un illusione. Ho dimenticato qualcosa?

          • Avatar

            Micio Nero

            |

            Per me i 5 stelle non sono una alternativa. Li vedo, politicamente, come la classe media italiana qualunquista che di botto si crede statista e si pensa onesta a priori… o si attacca a questa idea moralista, d’essere migliori antropologicamente. Ma dove stavano mentre montava il marcio che tanto gli repelle? Per lo meno, ragionando con gli esempi della mia città, che in una dimensione locale posso parlare con cognizione di causa delle storie personali, i 5stelle sono in gran parte persone che spuntano dal niente. Ovvero che non hanno fatto politica nel senso ampio del termine, che non hanno un passato di lavoro politico sul territorio – e ribadisco, parlo di senso ampio della parola non di militanza in un partito.
            Quanto a delegittimarli, se ti riferisci alle ultime tre paroledel mio commento precedente, lì ne manca una sfuggitami: la “i” era “stereotipi” ma non so perché mi sono mangiato qualcosa nella scrittura. Il senso è comunque intellegibile. Non li delegittimo come persone o come soggetto politico: dico che hanno tendenze che in altri tempi contribuirono a creare una società fascista. E come tali mi repellono.
            Tornando alle alternative: io voterei la lista di Tsipras, ma in Italia credo che l’esperimento non sia riuscito aldilà di essere l’ennesimo cambio di nome di Rifondazione con il dubbio apporto di SEL e la solita fregatura per i comitati di base. Non gli dò molto credito. In questo momento di alternative non ne vedo, nessuna proprio. Men che meno i 5 stelle.

          • Avatar

            grandavide

            |

            la sinistra radicale in italia non ha molti elettori, al contrario del m5s. quindi avete ben poco da dire su partitini mezzi spaccati da risultati elettorali insoddisfacenti, specie simpatizzando per un partitone che si è rivelato ancora più inutile di sel.

  • Avatar

    Filippo

    |

    perchè dice “cercando interlocuzioni con le altre forze politiche, Pd in primo luogo” ?
    a me sembra che i temi dirimenti ad oggi siano i rapporti del nostro paese con l’Europa, e su questi temi il PD è il peggior avversario possibile, con tutti i media schierati al proprio fianco.

    Reply

  • Avatar

    grandavide

    |

    continuo a pensare che il professore sia troppo ottimista: il 15% secondo me è improbabile, e credo che sia il caso di pensare seriamente a cosa fare con il 10% circa, piuttosto che concentrarsi su come evitare un evento che probabilmente è già avvenuto. è vero che le possibilità di successo per una scissione sono basse, ma è anche vero che è molto difficile che un partito carismatico si trasformi in qualcos’altro: basta pensare ai radicali, partito per alcuni aspetti simile al m5s, e alle sue difficoltà di liberarsi da pannella.
    d’altra parte credo che artini sia stato stupido ad andarsene così. è normale che un premier senza maggioranza telefoni ai parlamentari espulsi da un partito d’opposizione. e questo lo dovrebbe sapere anche grillo. eppure è da mesi che sta spingendo i suoi tra le braccia di renzi. ecco, i casi sono due:
    1) il vate genovese è cretino, e sta involontariamente avvantaggiando il pd renziano regalandogli voti in parlamento e buttando merda su se stesso.
    2) il caro leader è in malafede, e quindi sostiene renzi in tutti i modi: facendo cacciare bersani, perdendo le europee apposta, regalando a renzi pezzi di una maggioranza che manca.
    fate vobis su qual’è la verità. ma il punto è un’altro: che opposizione volete fare stando dietro a una roba del genere?

    Reply

  • Avatar

    neander72

    |

    trovo il suo appello
    saggio quanto circostanziato nel tratteggiare i rischi di una scissione, però
    sappiamo che ormai lo sgretolamento è in corso, c’è chi dice inarrestabile,
    e allora mentre concordo nel giudicare la creazione del direttorio un passo
    avanti positivo per quanto perfettibile, penso che il perfezionamento di tale
    passo avanti stia solo nel rafforzamento della leadership di Grillo, non certo
    in un suo passo indietro, che darebbe campo libero alle defezioni e agli
    egoismi che già vediamo all’opera da diversi mesi.

    Come dimostrano le ultime vicende, non c’è
    niente di più funesto della trasognata democrazia in ordine sparso predicata
    dai piddini de sinistra, specie per un movimento che solo grazie al suo
    portavoce era riuscito a indirizzarsi (e con quali risultati) contro il sistema
    dei partiti e contro la corruzione come sistema politico – cioè non
    moralisticamente contro la mera o accidentale corruzione della politica (come
    troppo spesso si legge anche sulle pagine di questo blog) ma politicamente
    contro la politica della corruzione, contro la corruzione come metodo
    dominante, non opzionale, del fare politica.

    Non sono quindi d’accordo nel giudicare ugualmente
    funeste le espulsioni e le defezioni: le espulsioni non sono sicuramente un
    bene, ma se ci sono defezioni o tradimenti in vista, meglio buttarli fuori uno
    dopo l’altro.

    Reply

  • Avatar

    Roberto B.

    |

    EH, si, caro Giannuli! Nell’ultima frase Lei ha perfettamente fotografato il M5S. E’ vero, la politica non interessa, almeno non QUESTA politica. Per seguire QUESTA politica bisognerebbe essere un partito tradizionale e giocare secondo le regole dei partiti tradizionali.
    Ma ormai la maggioranza dei cittadini ha ben chiaro cosa sono, come e chi servono i nostri partiti tradizionali! Qualcuno vota M5S, altri non si fidano e non si informano, risolvono tutto non prendendo posizione (cioè non votando).
    Una curiosità: 7000 euro non è una cifra sufficiente per espellere. A quale importo si potrebbe arrivare prima di rischiare l’espulsione? La verità, almeno per come l’ho intesa io, è che queste persone erano già ben conosciute come soggetti inaffidabili, ma non si possono fare processi indiziari sulla pubblica piazza, per cui si utilizza il metodo Capone (Al Capone!), incastrato non per i suoi omicidi e per la sua pessima fama, ma da un funzionario delle tasse.

    Reply

  • Avatar

    grandavide

    |

    che questa sia la strategia lo capivo anch’io. solo che non penso sia un grande risultato calare dall’alto 5 dei suoi in un partito che era già praticamente suo. specie se sull’altro piatto della bilancia c’è l’accentuarsi della crisi del m5s e il regalo a renzi. a meno di non pensare che un’operazione dallo scarso carisma come quella del “direttorio” produca un qualsiasi risultato positivo. anche come termine suona male pure a pronunciarlo, e ricorda un vago clima di teste tagliate. per me è un’operazione così sfigata e patetica che non posso pensare che, come al solito, sia stata fatta apposta per allontanare altri elettori avvantaggiare quell’altro eccetera.

    Reply

    • Avatar

      Giacomo Bandini

      |

      Vedremo se porterà o meno nuovo consenso. In ogni caso, non credo che le espulsioni accentuino la crisi del m5s, come dice lei: credo sia abbastanza irrilevante, anche agli occhi dell’elettorato. Piuttosto Grillo teme Salvini, capace di intercettare il m5s sul lato destro: e per questo motivo, deve sbrigarsi a dare una differente identità al movimento. Per quel che riguarda il regalo a Renzi, penso che Grillo creda ad elezioni imminenti, e non ritenga importante dare uno o due deputati in più a Renzi, sopratutto in considerazione , del fatto che sono parlamentari della camera.

      Reply

      • Avatar

        grandavide

        |

        lo vedremo quanto sarà irrilevante: i danni di una caduta non si vedono mentre si cade ma quando si tocca terra.
        in realtà i fuoriusciti m5s se continua così non saranno uno, o due. e in caso di crisi di governo è molto probabile che sarà un numero sufficiente a non andare ad elezioni. orellana ad esempio è un senatore….

        Reply

        • Avatar

          Giacomo Bandini

          |

          “In realtà” : parola grossa, che lei usa con estrema leggerezza. Comunque, sì, lo vedremo a posteriori; è la natura della vita, non possiamo conoscere il futuro e dobbiamo scoprirlo giorno per giorno. A meno di non chiamarci grandavide: in quel caso, la nostra intelligenza superiore ci permette di avere una conoscenza assoluta del futuro, e di vivere in un mondo di certezze intoccabili. Dev essere bello vivere così.,

          Reply

          • Avatar

            grandavide

            |

            ci sono cose che si possono prevedere facilmente, come l’acqua che se la scaldi si mette a bollire. certo, forse è bello vivere in un modo di sorprese continue, ma anche no.

  • Avatar

    grandavide

    |

    ha fatto bene a parlare dei suoi risultati da sindaco, e delle regole, ma per il resto quando uno evita troppo palesemente di dire la sua opinione su qualcosa finisce con l’apparire come un politicante

    Reply

    • Avatar

      Mario Sosso

      |

      Credo che Pizzarotti non abbia il pelo e il contro pelo sullo stomaco come certi figuri, dunque a mio modestissimo parere si è comportato egregiamente non dando soddisfazione a quella p…. di Formigli sempre pronto a mettere una tacca al calcio della sua pistola.

      Reply

  • Avatar

    cesco

    |

    Le obbiezzioni sono tutte condivisibili. Il problema di fondo è però uno. Considerando il suicidio politico per entrambi all’indomani di una scissione, cui prodest?
    E’ chiaro che farebbe comodo solo a quel sistema putrescente che oggi si riafferma con MafiaCapitale. Da qui si confida nel buon senso di quella cittadinanza movimentista che entrata in parlamento si scopre politicante e impersonata in novelli politici mancati in cerca d’autore. Nessun dissidente mi pare abbia lasciato tracce dopo la effimera notorietà del momento. Se invece trovassimo alte personalità in grado di dare sostanza ad un nuovo progetto sarebbe un’altro discorso. Così non è.
    Tuttavia non butterei via nemmeno un movimento rinnovato che arrivasse alle prossime politiche ad un misero 10%. Sarebbe comunque una forza senza compromessi che nel tempo farà valere la propria credibilità e costantemente estranea a quelle logiche sporche che rendono la politica distante dai cittadini. Certo i tempi si allungano. Ma in attesa di nuove e valide alternative non resta altro.

    E’ poi da vedere come si produrrebbe questa scissione, con una maggiore iperdemocrazia degli
    Artini boys?
    Cioè una consultazione con la propria base di cui si è meri portavoce o con una delibera d’imperio mossa dalla coscienza del singolo parlamentare?
    Credo la seconda, come la scelta di cambiare le modalità di rendicontazione e di discreta corrispondenza con esponenti governativi.

    Se ci fossero i prodromi per un Podemos italiano potrei seriamente considerare le scelte di tutti gli Orellana di turno, in mancanza di ciò osservo il massiccio gioco contro un gruppo parlamentare che nella sua azione politica rimane fedele ai programmi elettorali e che articola l’opposizione in maniera encomiabile. Certamente le egoiche sparate di Grillo appaiono spesso scoordinate ed inopportune
    ma siamo alle pagliuzze e alle travi.
    La scelta del direttorio è un momento importante certamente critico e da cui avremo interessanti indicazioni sulla salute prossima del movimento. Ho fiducia in queste persone anche se solamente ratificate dalla rete, vedremo.

    Certo attendo ancora che i fuoriusciti, delusi dal movimento che ritenevano l’ultima spiaggia di una politica impresentabile, si accomiatino dal parlamento -postribolo che pensavano di segnare sotto l’egida di Grillo- nell’attesa di lavorare in autonomia per qualcosa di nuovo alla prossima tornata elettorale. Se si fermano la a bivaccare, qualcosa, nei principi ispiratori grazie a cui sono onorevoli, non gli era chiaro fin dall’inizio.

    Reply

  • Avatar

    Micio Nero

    |

    Mi scappa da ridere. Espulsioni una dietro l’altra e messa all’indice della morale di gente che i 5 stelle hanno portato in parlamento dal nulla, sull’oda del “siamo gente per bene (e già solo per questo motivo anche capace di governare) e ora si rivelano gente qualunque scacciata dal suo stesso partito e anche accusata d’essere incapace.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!