Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (5)

  • Avatar

    ALESSIO ALESSANDRI

    |

    La cosa più importante è una netta sconfitta del Pd alle europee. Difficile, vero, ma sarebbe fondamentale. Il Partito Di Renzi (di democratico c’ è ormai solo il ricordo)è l’ asse portante di un’ involuzione di tipo autoritario, un fascismo strisciante non fatto col manganello e l’ olio di ricino (o almeno non ancora) ma che in combutta con Forza Italia sta realizzando il piano di rinascita democratica della P2 di Licio Gelli. Si comincia col taglio dei consiglieri comunali promosso da Brunetta “per tagliare la casta!!!” afferma con fare sicuro l’allora ministro della Funziona Pubblica. Il risultato è risparmi zero ma per entrare in consiglio comunale ci vorranno molti voti di più: in sostanza si avranno interi consigli comunali ridotti a Forza Italia e Pd, con un po’ di fortuna una terza forza avrà una sorta di diritto di tribuna. Questo i comuni ma anche quartieri e circoscrizioni non se la passano bene: la spending review di Monti prevede l’ abolizione dei consigli di quartiere e delle circoscrizioni anche se poi qualche comune le ha fatte risorgere sotto diverso nome. Le provincie? Diventeranno “enti amministrativi di secondo livello”. Andate in qualche facoltà di giurisprudenza e chiedete a studenti e professori “mi parli dell’ ente amministrativo di secondo livello”. Per tutta risposta avrete, nel 99% dei casi, un silenzio imbarazzato. In pratica le provincie non scompaiono, perché sì, le provincie fanno cose, funzioni. Le loro competenze possono essere ripartite su altri enti ma è un compito che prevede uno studio, un progetto. Invece, rincoglioniti dalla retorica del “fare” prima berlusconiana ora renziana si corre a chiuderle. Il premier è stato chiaro “bisogna impedire che gli italiani votino per le provincie”. Bisogna impedire che gli italiani votino (!!!). Ecco, l’ ha detto veramente, c’ è il video. Quindi le provincie e relativi costi resteranno ma anziché essere elette dai cittadini saranno gestite da un commissario governativo, verosimilmente un prefetto. Un burocrate romano direbbe Renzi per definire spregiativamente i dirigenti dello Stato.Un uomo che risponde a Roma e che se fregherà dei cittadini non dovendovi rispondere. Un podestà provinciale lo si potrebbe chiamare in ricordo dei bei vecchi tempi. Poi bisogna riformare il titolo V della Costituzione: in soldoni la riforma costituzionale del 2001 ha conferito alle regioni alcune competenze esclusive: sanità, commercio, turismo, etc..Ora stop, dopo anni anni di chiacchiere retoriche sul federalismo tutto deve tornare a Roma. La sponda per questa operazione sono e saranno le inchieste che gli uffici giudiziari periodicamente aprono su ruberie vere e presunte. Dai Fiorito alla consigliera che in Trentino si comprava il vibratore coi soldi pubblici. Che poi,come Pippo Civati, si venga assolti è poco importante. Tutto a Roma, adesso, subito. E poco importa di fare un’ analisi seria sui effetti e risultati del federalismo dopo 13 anni, su ciò che è anche corretto riportare a Roma e ciò è bene che resti in Regione. Tutto a Roma. Sì, ma a Roma che c’é? A Roma c’ era il Parlamento ma ora lo si vuol mutilare, amputando il Senato. Quindi una camera sola i cui membri se passa veramente il maialissimum, nome corretto per definire l’ italicum, verranno decisi a tavolino da 2, massimo 3 persone. Ora mettiamo in fila il tutto: via i consigli di quartiere (sono uno spreco ripugnante di soldi pubblici, dicono i cantori del nuovo), con la restrizione del numero dei consiglieri il 30%, 40% dei cittadini buttati fuori dai consigli comunali, le provincie gestite da un prefetto che risponde solo al ministro dell’ Interno, con la scusa che si ruba le Regioni saranno spogliate di competenze e risorse economiche (i 2 fatti sono scollegati ma tant’ è), il Parlamento viene amputato da 945 membri a 630 (o forse meno. Non ci credo ma chissà), il che non sarebbe un problema. Il problema è che saranno TUTTI nominati dai capi. In sostanza cosa decidono più i cittadini? Un regime strisciante che viene avanti giorno dopo giorno mentre Cuperlo è impegnato in acrobazie tattiche, Civati non sa neanche da che parte sorge il sole, Bersani è meglio che si riposi, il M5S risulta insignificante per via di una folle gestione politica, Sel aspetta che gli lancino un tozzo di pane dal carro di Renzi. Niente, insomma. Nel frattempo sarebbe opportuno un grande risultato per la Lista Tzipras, non tanto per il valore dei suoi candidati e sostenitori, ma per indebolire il Governo di Renzi e cercare di avere un’ Europa diversa che il Pse non può garantire.

    Reply

  • Avatar

    Gerardo

    |

    però della lista tsipras non si sente molto parlare..mediaticamente è piuttosto inconsistente. Personalmente ho firmato per la sua presentazione, ma il gazebo presieduto da due simpatici ma pur tristi personaggi, con le bandiere di rifondazione che penzolavano mosce, era uno spettacolo avvilente. Pochi si sono fermati, non dico a firmare ma soltanto a curiosare. E quando parlo con amici o conoscenti mi rispondono: “lista che?”

    Reply

  • Avatar

    Sergio

    |

    Giusto l’invito alla prudenza, stante il quadro descritto, sarà interessante capire quali messaggi (valori, programmi, promesse pecuniarie) riusciranno a trascinare al voto (ammesso che ci riescano) i tanti italiani disillusi. Il parlamento europeo è sempre stato votato da minoranze, forse in Italia – dove l’astensionismo è in crescita dall’inizio della crisi – potrebbe prodursi un’inversione, vista l’importanza politica dello scontro fra i tre blocchi; sarebbe un risultato storico se si verificasse un altro pareggio, come potrebbe succedere, benché ci siano poche speranza che il PD ne tragga le dovute conseguenze immaginando sostanziali inversioni di rotta

    Reply

  • Avatar

    Cinico Senese

    |

    Molto importanti saranno i risultati francesi. Se vince Le Pen, sono guai per la Merkel. La teme molto. Si rompe l’asse franco-crucco intorno a cui gira l’EU e l’euro.

    Noi contiamo come ammennicoli.
    Sicuro che vincerà Renzie, con quella mancia elettorale degli 85 euro e qualche altro razzo luminoso sparato nei cieli italici. Tutti i mass media lo sostengono, siamo all’agiografia fascista. Se non vince lui ora, quando mai succederà?
    Interessante test per Forza Italia in via di disfacimento senza il suo caponano prossimo alla mummificazione.
    M5stelle se va male confermerà i voti del febbraio, se va bene oltre pescando dagli incazzati dell’astensione. Ma anche qui da testare, perchè è un voto liquido. Magari da qui alle elezioni Grillo potrebbe fare delle caxxate.
    La situazione internazionale agli italioti interessa niente,interessano i mondiali. Sicchè non vedo effetti krimeici all’orizzonte.

    Reply

  • Avatar

    Roberto Buffagni

    |

    Modesto avviso del sottoscritto: in Italia, il risultato positivo sperabile è una sconfitta del M5S, che è il principale gatekeeper deell’opposizione e che aumenta la confusione e la divisione in merito al tema politico più importante, l’euro e la UE.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!