Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (12)

  • Avatar

    mauro

    |

    l’analisi è realistica. Unica nota: Perchè “Fukushima”? Rispetto danni che hanno avuto a causa del terremoto e del maremoto i danni causati dalla centrale sono insignificanti. Fosse stato “solo” quello un’economia come quella giapponese non avrebbe avuto problemi a pagare i danni e a mettere in sicurezza.

    Reply

  • Avatar

    Riccardo

    |

    o peggio una guerra

    Reply

  • Avatar

    mario bottoni

    |

    complimenti x la competenza. A fronte di tutto questo disastro creato dai satrapi della finanza e da un capiatalismo estremo, la cosa che più rimane angosciante, è, che, nessuno esecutivo, sienziato, saggi vari, tentano di riscrivere il modo di vivere della società. Io credo che non cè altra strada di salvezza se non quella dell’economia reale. Ogni moneta deve rispondere ad una valore esistente. Inoltre bisogna ridare un forte incentivo alla ruralità.
    cordialità

    Reply

  • Avatar

    antimafia

    |

    per quello che riguarda la cina oltre a l’inflazione,stanno facendo l’esperienza di una bolla immobiliare di 64 milliones di appartamenti sfitti,secondo dei giornalisti austaliani.visto video su ZERO HEDGE.

    Reply

  • Avatar

    ugo agnoletto

    |

    è positiva o no la tendenza, soprattutto di giovani ed extracomunitari a spendere senza preoccuparsi per il domani? Tanto, farsi la casa è impossibile, la pensione non ci sarà e il domani appare incerto, incertissimo. Quindi perché risparmiare? qualcuno ci penserà! Ecco allora che quando arriva il licenziamento, ai giovani ci pensano i genitori, agli extracomunitari la caritas.

    Reply

  • Avatar

    Paola Pioldi

    |

    Scusate,
    quando si accenna ad un’eventuale miseria o a una guerra … il riferimento è ai poveri cristi come al solito vero? Chi ha patrimoni, potere, conoscenze altolocate, immanicamenti vari e denaro … per un po’ di anni potrà ancora cavarsela … giusto?
    Se il popolo è bue, governanti e abbienti sono dei poveri asini. Va bè, mettiamoci una famigliola di sfigati così completiamo il patetico presepe, icona del nostro misero futuro.
    Paola

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      rò c’è una consolazione quando la nave va giù, colapeno a pico anche le cabine di prima classe.

      Reply

  • Avatar

    Trader

    |

    Anch’io avevo pensato in questi giorni che la situazione è di una gravità paragonabile a quella del 2008 dopo il crollo di Lehman, ma le armi sono spuntate: i tassi sono già bassi ed il ciclone si è spostato sugli stati, che hanno aumentato eccessivamente il loro debito pubblico. I governi sono costretti a prendere provvedimenti contrari a quelli intrapresi nel 2008, cioè stanno riducendo il deficit e la spesa, per rientrare a livelli di debito accettabili. Queste azioni, come insegnano le teorie keynesiane, sono dannose, per cui è più probabile aspettarsi una contrazione della crescita economica e dell’occupazione.
    Il problema è che certi stati, come l’Italia, sono entrati nella crisi con un livello di debito pubblico già alto. Inoltre i problemi di insolvenza di uno stato non sono solo legati alla dimensione del suo debito pubblico, in passato molti stati hanno ripudiato il proprio debito con una percentuale del debito pubblico bassissima, per esempio l’Albania nel 1990 andò in default con il 16,6% di debito pubblico. Il Giappone, con il suo debito pubblico al 200%, non preoccupa i mercati, mentre nello stesso tempo il 120% dell’Italia sta seminando il panico.

    Reply

  • Avatar

    Trader

    |

    Purtroppo non sono pienamente d’accordo su questa tua affermazione. Certo, può assottigliarsi e sparire la classe media, trasformandosi in classe povera, ma i ricchi, i grandi ricchi e potenti, restano sempre al loro posto, o almeno non finiscono certo a chiedere l’elemosina. La crisi ha fatto perdere denaro anche al miliardario, che diventa milionario, magra consolazione per l’operaio che ha perso il posto di lavoro!
    L’ad di Lehman Brothers Fuld con il fallimento della banca, se n’è andato con una buonuscita di milioni di dollari, invece gli impiegati se ne sono andati con i loro effetti negli scatoloni. Come si dice: sono sempre gli stracci ad andare all’aria.
    Questo è un post che ironicamente parla di come sia dura per i ricchi in questi anni:
    http://www.haisentito.it/articolo/crisi-economica-classifica-dei-ricchi-che-hanno-perso-di-piu/14745/

    Reply

  • Avatar

    rick

    |

    il prezzo dell’oro è destinato a salire ancora per 10 anni. Il ciclo al rialzo è cominciato nel 2001 (a 285,00 Us $ l’oncia) e di solito i cicli sono ventennali. Con la crisi in corso e con i QE che le Banche Centrali saranno costrette a emettere, difficile che possa scendere, non siamo in una “bolla”……….mi aspetto che vada verso i 5.000 US $ tra qualche anno, in assenza di iperinflazione…..se andassimo in iperinflazione allora le quotazioni andranno verso la stratosfera

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!