Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (19)

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Professore se col caffé si riferiva a Pisciotta Le ricordo che si sta affermando la teoria che il veleno che uccise il luogotenente di Giuliano era contenuto nelle medicine.
    Scherzi a parte, questo servizio privato di Scajola, Lei ritiene che funzioni ancora? E quanto e’ “esteso” secondo Lei?

    Reply

  • Avatar

    Paola

    |

    Credo si riferisse a Sindona…
    Articolo molto interessante, come semore del resto. Grazie.

    Reply

  • Avatar

    Leprechaun

    |

    C’è un’altra faccenda che emerge da questa telefonata.
    Da dove viene fuori questa intercettazione? E’ lecito la abbia in mano il Fatto? E’ lecito pubblicarla?
    Le mie conoscenze in materia sono limitate, ma credo di no.
    Se così fosse, c’è magari qualche altra domanda da farsi.
    Cari saluti.

    Reply

  • Avatar

    Giovanni Talpone

    |

    E se fosse solo un bluff molto grossolano? In una situazione complicata come quella, chi potrebbe dichiararsi certo “di aver lavorato molto molto bene” e quindi di non aver commesso errori? A me sembra una dimostrazione di sicumera eccessiva, e quindi molto mal recitata. A quanto pare, la moglie lo capisce, e sta di conseguenza al gioco cercando di non farsi sfuggire una parola di troppo, e non si sbilancia in complimenti (la bella signora ha l’aria di essere parecchio più intelligente del marito).

    Reply

  • Avatar

    leopoldo

    |

    Credete che scajola abbia un gruppo di investigatori, avvocati, segretari che gli preparassero documenti riservati? se archiviasse il lavoro svolto in modo opportuno è già tanto saprà qualcosa perché era lì in mezzo, se si trattasse di gianni letta allora….

    xTenerone nei penitenziari italiani che pessima marca di caffé ;D.

    Reply

  • Avatar

    Sergio

    |

    La sola cosa certa (o quasi) è che la telefonata non ha funzionato, visto che il nostro è finito dentro, anche se probabilmente le cause dell’arresto nulla hanno a che vedere con la telefondata.

    Però mi chiedo: non potrebbe aver pesato anche qualcosa che Scaiola si è lasciato scappare, qualche parola di troppo?
    Per es. quando la moglie gli chiede di Napoli, e lui spiega che li ha tranquillizzati dicendo che qualcosa potrebbe anche dire….e che loro vogliono inchiappare il capo… Non sarà che c’è (ancora) qualcuno nelle segrete stanze che lavora affinché il capo non sia (del tutto) inchiappato?

    Reply

  • Avatar

    andrea

    |

    nell’inchiesta si parla di un agente del servizio militari (sismi) che collaborava con l’ex ministro ,quindi “teoricamente”,nulla a che vedere direttamente con il trascorso da ministro degli interni.Allora le cose sono due, o i servizi hanno volutamente rapporti diretti con politici,al di fuori dei loro ruoli ministeriali e quindi la cosa è gravissima,oppure lui stesso è un agente del servizio,cosa ancora più grave.infine mi sembra incredibile che scajola stesso abbia conservato la lettera sulla richiesta di scorta per biaggi,è molto più probabile che sia stata inserita in quel’archivio ad arte per screditarlo definitivamente.

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    Domanda da un milione di dollari per il professore. Sergio dice che la telefonata non ha funzionato e potrebbe aver pesato anche qualcosa che Scaiola si è lasciato scappare.
    Ipotesi: non sarà che qualcuno invece ha fiutato che il tempo sta cambiando e sta correndo ad adeguarsi???

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      tenerone: ma forse la telefonata non era diretta ad evitare l’arresto. Forse era l’apertura di una trattativa per il dopo o forse era un messaggio lanciato a terzi che non abbiamo identificato. Non traiamo conclusioni troppo affrettate perchè la storia qui è appena cominciata. Però la puzza di bruciato è fortissima

      Reply

  • Avatar

    andrea

    |

    la telefonata potrebbe essere un semplice tentativo di prendere tempo e posticipare così l’arresto ,cercando di stimolare indagini più accurate da parte degli inquirenti verso direzioni difficili da verificare e magari del tutto nuove per loro.

    Reply

  • Avatar

    leopoldo

    |

    io seguirei più la linea di Leprechaun e se non riscuote nessun interesse giuridico mi sa che è un buffala

    Reply

  • Avatar

    michiamoaldo

    |

    Quella di qualcosa “per il dopo” è un’ipotesi che mi ricorda la frase celebre della “casa a mia insaputa”. Quando la disse ci fu una risata generale ma poi gli è servita (eccome) per essere assolto (o quasi).

    Reply

  • Avatar

    LUCIO CHIORRINI

    |

    E SE QUEL CAFFE’ FOSSE INVECE/ANCHE PER IL SIGNOR “B” ? CHE CI DICE GIANNULI ?

    Reply

    • aldogiannuli

      aldogiannuli

      |

      chiorrini: quel caffè è una specialità dlle carceri e il signor B è ai servizi sociali…

      Reply

  • Avatar

    davidem

    |

    Mah, a parte il ricatto a Berlusconi a me incuriosisce la storia della Crimea, per cui pur senza avere le idee chiare butto lì un paio di sospetti.

    1. In queste ultime settimane si è messo in dubbio il futuro del gasdotto southstream che doveva portare il gas russo nel sud dell’europa, progetto fortemente voluto da berlusconi e dal suo ministro scajola. All’epoca non solo scajola andava in russia per occuparsene ma garantiva che le tensioni (di allora) con l’ucraina non avrebbero messo in dubbio il progetto. Oggi pare che l’annessione della crimea alla russia lo renderà difficile anche per via di un rifiuto europeo a trattare con putin (maggiore indipendenza), sia per il congelamento dei fondi di alcuni magnati russi da parte degli americani. Che Scajola abbia ancora mani in pasta come mediatore?

    2. Nelle carte dell’inchiesta si parla di rapporti di amicizia tra la moglie di matacena, caltagirone, billè e alcuni banchieri russi “ormeggiati” a monaco e con affari in libano. Che abbiano anche loro affari e commesse sul mar nero?

    3. Rivangando i cabli di wikileaks mi pare ci fosse un riferimento ai sospetti della clinton su interessi privati (e guadagni) di berlusconi nell’affare del gasdotto (osteggiato dagli americani). Che sia anche questo un fattore che lega i due temi?

    magari poi verrà fuori qualcosa di più e si capirà qualcosa.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!