Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (10)

  • Gaz

    |

    … in tutto questo, il commercio estero, fondamentale per non “cappottare”, ma anche per non essere “cappottati”, non passa per il Mef, ma per il Mise …
    Non resta che sperare nello stellone..

    Reply

  • Venceslao di Spilimbergo

    |

    Concordo! L’unico modo per rendere sostenibile il nostro Debito Pubblico sarà mediante la crescita del PIL, così che il rapporto tra questi due fattori possa portare ad un ri- bilanciamento a favore del secondo; e affinché la “ricchezza prodotta” cresca, saranno necessari investimenti, tanto da parte dei privati, tanto da parte del pubblico (da intendersi questi sia come incoraggiamento verso i primi sopracitati, sia a causa del peso delle spese dello Stato sul totale del PIL: 47% circa). Tolta la “sterilizzazione” dell’aumento dell’IVA, se la parte della manovra riguardante il cosiddetto “reddito di cittadinanza” è stato voluto ed elaborato dal M5S (nel rispetto del “Contratto di Governo”), la parte concernente gli investimenti pare invece il frutto dell’azione della “Nuova Lega”, sia per tramite dei suoi referenti politici nell’Esecutivo (il Ministro Savona, i Sottosegretari Giorgetti e Gravaglia), sia attraverso i suoi esperti economici (i professori Bagnai, Borghi e indirettamente Sapelli). Indubbio che i mercati stiano attendendo di conoscere, innervositi dalle polemiche politiche in atto (sia dentro le mura di Roma, sia tra quest’ultima e Bruxelles), quanti e quali investimenti questa Maggioranza Parlamentare intenderà mettere in campo nel prossimo futuro. Importante e rassicurante sin da ora il fatto che sia stata annunciata una “cabina di regia”, sita a Palazzo Chigi (e quindi presieduta dal Ministro Savona in persona). Come ha affermato un caro amico operante in Borsa: “… i Mercati hanno de facto scisso questo DEF in due parti distinte: una, quella cara ai Cinque Stelle, è stata totalmente bocciata; l’altra, quella cara alla Lega, è invece benevolmente in attesa di una valutazione più approfondita”.
    La saluto augurandole ogni bene e una buona serata

    Reply

  • Giorgio Pirre'

    |

    Questo intervento mi convince piu’ del precedente.

    E’ come se il Gioco sia a scassare.

    Ci sono o ci fanno?

    Reply

  • GD

    |

    Caro Aldo, ho provato per tanti anni a fare politica locale spiegando che i piani industriali sono l’architrave di ogni programma politico serio, ma alla gran massa delle persone tutto ciò non interessava. Per lo meno ci sei ancora tu a ricordarlo!
    Oramai l’orizzonte politico è dominato totalmente alla dimensione emozionale e alla ragione è lasciato assai poco.
    Vivo all’estero da un paio d’anni ormai ma se torno a Milano d’autunno passerò di nuovo a sentire le tue lezioni.

    Reply

  • ilBuonPeppe

    |

    A me il reddito di cittadinanza (che poi tale non è) non piace, e anche la flat tax lascia perplesso. Ma una cosa è certa: se vuoi far ripartire i consumi devi mettere i soldi in tasca alle persone. Puoi farlo direttamente con strumenti come questi o indirettamente mediante investimenti, ma da qui non si scappa. Quindi prima di dire che non saranno efficaci ci andrei cauto.

    Reply

  • ilBuonPeppe

    |

    Tutta questa attenzione sul debito pubblico implica l’accettazione del principio per cui il debito è un problema in sé e quindi va risolto abbattendolo. Un principio molto caro a chi ci vuole male.
    Il debito pubblico NON è un problema di per sé, nemmeno quando raggiunge livelli molto alti, lo può essere in determinate condizioni; condizioni che in Italia non ci sono e la cosa è certificata dai bollettini BCE che riconoscono come il nostro sia il debito più sostenibile d’Europa.
    Ma per stare in tema c’è una cosa semplice che si può fare subito per ridurre gli interessi che ci paghiamo sopra (e di conseguenza per ridurre anche il debito stesso). Cambiare il metodo attualmente utilizzato dell’asta marginale con cui vengono venduti i BTP, e magari imitare (per una volta qualcosa di positivo) le modalità praticate dalla Bundesbank.

    Reply

  • Gaz

    |

    O.p.
    Perchè Salvini sbaglia ad occuparsi del fegato di Junker?
    Perchè non è un argomento politico, perchè J. ditta o storta svolge la sua funzione istituzionale. Nel momento in cui SAlvini non attacca gli istituti su cui si basano le dichiarazioni che non piacciono e preferisca puntare il dichiarante, lascia invariato e irrisolto il problema.
    Piuttosto Salvini cerchi teste d’uovo in grado di aiutarlo … ma questo presuppone aver negli anni precedenti alimentato il dibattito politico interno, cosa che la Lega, come i 5* non hanno fatto.
    C’è un etilista di troppo in carica? Si mobilitino le opinioni pubbliche … si pungolino i giornaloni internazionali, altrimetni si dovrà dedurre che sono assoldati dal poterei, perchè si scatenano solo contro i politici italiani e contro l’Italia.
    Vediamo quanto spazio hanno dedicato i giornaloni agli scandali di B. e quante a J. ?

    Reply

  • Gaz

    |

    O.t.
    Nella laica Francia in coro cantano a Macron nun te regghe più e lui non trova di meglio da fare che andare in pellegrinaggio sulla tomba di De Gaulle (in realtà posa per i fotografi di fronte a un muretto con la scritta AU GENERALE DE GAULE), quasi a volergli rubare lo spirito per scienza infusa.
    Un presidente che si lamenta che i francesi si lamentano può benissimo andare a casa.
    Dove sono seppelliti Napoleone, il Re Sole e Caterina de’ Medici?

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!