Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (20)

  • Avatar

    ilBuonPeppe

    |

    Gli aspetti tecnici del piano mi interessano poco, che il problema è tutto politico.
    Schematicamente:
    1) Il peccato originale di tutto è la menzogna di voler rimanere nell’euro senza le politiche di austerità; questo ha reso impraticabili molte scelte.
    2) Un governo che si avvia ad una trattativa di quella portata senza un piano B, è un governo di idioti.
    3) Un governo che ha un piano B e non lo usa quando vede che dall’altra parte non c’è spazio, è un governo di colossali idioti.
    4) Varoufakis ha anche detto che il suo ministero era controllato dall’estero: perché non ha denunciato la cosa a suo tempo? Perché questo aspetto viene dimenticato?
    5) La telefonata da chi è stata registrata? Chi era l’interlocutore? Chi l’ha resa pubblica? Perché? Siamo sicuri che non sia una manovra mirata ad un obiettivo ben preciso?
    6) Il deferimento di Varoufakis è chiaramente una mossa politica. Chi è il mandante? Quale scopo si prefigge?

    Reply

    • Avatar

      leopoldo

      |

      tutte le telefonate in streaming vengono registrate a prescindere degli interlocutori o del contenuto, poi col tempo vengono declassificate e cancellate dati e metadati. Ormai è una consuetudine dei servizi e delle policies dei fornitori. )-:

      Reply

  • Avatar

    leopoldo

    |

    ridere per non piangere. Però il caso Grecia proposto da Varoufakis pone alcune questioni come l’emergere della valuta elettronica, qui vi segnalo caso dell’ equador , col quale anche noi dovremo affrontare e non capisco perché il ministero continui a chiedere la tangente ai commercianti per i pagamenti elettronici [vadano a chiedere il pizzo alle banche]; altra questione il tipo di moneta qui una vecchia posizione interessante del gruppo inglese positive money il quale propone l’abolizione della moneta ex nihilo, il sorpasso della posizione debitoria nella creazione della moneta, ecc.. dove la componente elettronica può giocare un ruolo decisivo del credito/contante, per uscire dall’attuale crisi propongono delle modifiche sostanziali al sistema, almeno che il sistema della crisi non sia un modello di governo globale(-:c’è stata la guerra fredda, oggi la crisi debitoria:-).
    Che Tsipras e Varoufakis hanno commesso degli errori è fuor di dubbio, che lo hanno fatto per cialtroneria nostrana non mi convince, che si sono improvvisati governanti a scapito delle competenze politiche che hanno – tutti i politici improvvisano un po’ dipende non farsi prendere la mano -, che i governi greci hanno brutte carte da giocare non è una novità ed e difficile venirne fuori, perciò chiariti gli errori sia importante andare oltre con l’analisi. CMQ qui Varoufakis spiega un po’ la sua proposta e qui la traduzione

    Reply

    • Avatar

      leopoldo

      |

      c’è anche da aggiungere che la materia è complessa e li presentano pure male

      Reply

  • Avatar

    andrea

    |

    la follia è credere che la democrazia possa esistere con un intrasegente trasparenza.Il deficit di democrazia che abbiamo in occidente,non è la mancanza di un assoluta trasparenza,ma l’impossibilità di capire i meccanismi finanziari che guidano questa economia e le reazioni di questi meccanismi di fronte a dei cambiamenti.

    Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    … è una vicenda in cui i buchi di logicità e documentali sono frequenti. Il duo monetario anti greco Tsipras – Varoufakis, quanto ad illogicità, trovo che sia superato solo dal duo bellico anti italiano Mussolini – Badoglio. Prof. , possiamo oggi pensare che cinicamente sir Church Hill sul campionato mondiale di guerra anglo/franco-tedesco&alleatocombinaguai parlava per sineddoche? E se il boccone più grosso fosse la Franza da magnare a 7 ganasce senza pagare il conto? Questa è l’Europa del freca-fottere …

    Reply

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    |

    si sarebbe dovuti passare attraverso una manovra di hackeraggio per accedere alle posizioni dei singoli cittadini
    ***
    Problema che in italia non vi sarebbe considerato che lo stato sa tutto delle nostre posizioni finanziarie. Quindi faremmo meglio a pensare a una Norimberga italiana che a processo greci

    Reply

  • Avatar

    Fornazza

    |

    C’è solo da piangere! La solita manica di cialtroni di sinistra, pronti a manipolare il popolo, che non è mai in grado di comprendere i loro alti pensieri da statisti, armati di una cultura politica che sta alla democrazia come le frasi dei baci perugina ai sentimenti.
    C’è da chiedersi perché al sinistra di questo paese ce l’ha con Renzi e ama questi dementi.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      sai che gara fra Renzi e questi altri! Bella lotta!

      Reply

  • Avatar

    Leonilde

    |

    Non sono d’accordo sul tuo commento: Roma no, sono convinto che l’Italia sia l’unica a non averlo fatto.
    Forse Renzi e i nostri ministri da operetta, no, però ci sono forze in Italia che hanno preparato un piano B e che si collocano nelle aree di servizi deviati, golpisti, P2 e P3 vari, ecc.

    Reply

    • Avatar

      Antonio Castelli

      |

      Perché il piano di ripristino di una valuta nazionale sarebbe da golpisti?

      Reply

  • Avatar

    Pasquale Cocozza

    |

    Ritengo che il vero quesito piu’ che politico sia geopolitico,non dimentichiamo che la Russia prima ha offerto il suo aiuto e poi si e’ ritirata accusando la Cina di non voler cofinanziare l’uscita dall’euro,quindi come diceva Cicerone Cui Bono…Forse si sapra’ qualcosa tra una trentina d’anni se le condizioni lo permetteranno.

    Reply

  • Avatar

    Cinico Senese

    |

    Se in tutta questa vicenda ci fosse una strategia politica nel comportamento di Trippas, dovremmo concludere che in quelle famose 48ore post vittoria referendum finite con la sua capitolazione totale, sia successo un evento politico gravissimo, tipo seria e fondata minaccia (proveniente dall’interno o dall’esterno) di colpo di stato con conseguente dittatura, guerra civile, eliminazione fisica modello Pinochet. Perchè in una guerra non si è mai visto che dopo una vittoria schiacciante, ci si arrenda.

    Ma siccome Trippas & C. sono degli idioti, la spiegazione più semplice è quella giusta. Trippas in questi 6 mesi di trattativa non ha avuto alcuna strategia, tattica e piano B. Non sapendo che pesci prendere, ha tracheggiato tentando coi crucchi in modo levantino di rinegoziare il debito e ridurre l’austerità minacciando si e no l’uscita dall’euro. Intanto i crucchi stavano approntando recinti di sicurezza contro i danni collaterali da Grexit, non si sa mai. Arrivati a giugno, senza più soldi in cassa, che aveva usato per ripagare i debiti pregressi scadenti, Trippas decide di suicidarsi indicendo il referendum con l’intenzione di perderlo, così si sarebbe dimesso lasciando il posto oppure – più probabile visto ex post il suo attaccamento alla cadrega – restare al governo e eseguire gli ordini della troika con la giustificazione che aveva deciso così il popolo col referendum.

    Invece accadel’incredibile, come capita nelle vicende politiche e umane: che il referendum lo stravince! A quel punto, Trippas entra in panico totale: che fare ora che ho vinto ma volevo perdere ma non so che fare? mettersi a muso duro contro i crucchi significava uscire dall’euro senza averla preparata… impresa da condottieri spartani! ma Trippas non lo nacque. Così sceglie la via più facile per restare al potere: la capitolazione totale con l’umiliazione delle forche caudine. Il Varu si dimette per decenza. Ma anche lui non ha mai saputo che fare: i giochi di ruolo funzionano tra giocatori con pari armi, non in politica dove valgono i rapporti puri di forza.

    Prof: credo che voi storici abbiate avuto il privilegio di assistere live ad evento da libri di storia e … di psicopatologia politica.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      forse una cosa non esclude l’alttra

      Reply

  • Avatar

    Simone

    |

    In realta il piano B potrebbe avere senso, mi spiego (cercando di esser breve); é vero che dal punto di vista democratico é un abominio e che presenta dei problemi di gestione pratica ma l’unico vero ostacolo é quello che lei ha ben descritto, ovvero la scarsa/nulla credibilitá dell’acquirente agli occhi del venditore!
    Ma se, ASSECONDATEMI PLEASE, uno Stato amico avesse deciso “a tavolino” di accettare come nobili le promesse di pagamento da parte dello Stato greco ed avesse riconosciuto la moneta greca, una volta stampata, come moneta utile allo scambio commerciale tra se stesso ed Atene…Beh in questo caso le merci sarebbero regolarmente arrivate in Grecia, i commercianti le avrebbero proposte ai consumatori e lo Stato avrebbe coperto le spese con la sua nuova valuta sovrana! Ovviamente questo “stato amico” dovrebbe essere un BRICS, cosa che devasterebbe l’autonomia del popolo greco (piú o meno come ora) ma tecnicamente sarebbe stato fattibile … o almeno lo era fino a che il suddetto Stato non ha deciso di defilarsi e/o Tsipras non ha deciso che non era il caso di proseguire.
    Sono pazzo????
    Ovviamente accetto anche dei Sì come risposta!

    Reply

  • Avatar

    Riccardo

    |

    Con questi nemici il capitale può dormire sonni tranquilli per i prossimi 10.000 anni.

    Accando alla voce idioti sui vocabolari greci dovrebbero mettere le foto di questi due impiastri.

    Reply

  • Avatar

    Marcello Romagnoli

    |

    Il fatto che l’Italia non possa avere un piano B mi preoccupa parecchio, parecchio.

    Reply

  • Avatar

    Andrea Zani

    |

    Ho molta stima del dott. Giannuli e sono un attento lettore del suo blog ma credo che la valutazione su Varoufakis in questo post come in altri precedenti sia limitata dalla scarsa qualità delle fonti su cui si è informato.
    “Ma Vanoufakis dove ha studiato economia? A Tirana con Renzo Bossi? Al Luna Park di Afragola? In una osteria del Pireo?”…queste sono le domande che il dott. Giannuli si poneva nel post del 4 luglio dopo aver espresso le sue critiche all’ex ministro greco per aver studiato la possibilità di affiancare una seconda moneta a parità 1:1 o l’introduzione di una moneta elettronica…
    Ipotizziamo che la fonte di queste informazioni (sarebbe corretto riportarle) sia l’articolo di Fubini del Corriere della Sera che a sua volta probabilmente faceva riferimento ad un post del blog di Varoufakis sul bitcoin pubblicato il 1 aprile.. espressamente pubblicizzato come pesce di aprile.
    Se si analizzano invece i suoi interventi sulla materia (es.vedere qui: http://yanisvaroufakis.eu/2014/02/15/bitcoin-a-flawed-currency-blueprint-with-a-potentially-useful-application-for-the-eurozone/) si capisce quale era la sua proposta nel 2014 …la creazione di un sistema di pagamento sostenuto da imposte future e denominati in euro (quindi senza abbandonare l’euro) dove si sarebbe potuto utilizzare un algoritmo (come i bitcoin) per rendere il sistema trasparente, efficiente e con transazioni prive di costo.
    (il motivo del perché i bitcoin rendono il sistema efficiente è perché “l’offerta di moneta è algoritmicamente fissato e cresce a un tasso predeterminato” ….quindi la proposta non era passiamo ai bitcoin ma analizziamo le potenzialità di una moneta virtuale (il 90% della moneta “circolante” è virtuale ed emessa dalle banche in occasioni di erogazioni di crediti) per concedere liquidità ad economie asfissiate dalle regole della BCE
    La finalità di questa moneta:
    The great advantages of such a scheme is that it creates:
    source of liquidity for the governments that is outside the bond markets, which does not involve the banks and which lies outside any of the restrictions imposed by Brussels or the various troikas
    national supply of euros that is perfectly legal in the context of the European Union’s Treaties, and which can be used to increase benefits to society’s weakest members or, indeed, as seed funding for some desperately needed public works
    mechanism that allows taxpayers to reduce their inter-temporal tax bill
    free and fully transparent payment system outside the banking system, that is monitored jointly by every citizen (and non-citizen) who participates in it.
    Il post di Varofakis concludeva così:
    In summary, while Bitcoin is too deflationary by nature to act as a widespread currency alternative to the dollar or the euro, its design can be used profitably in order to help the Eurozone’s member-states create euro-denominated electronic payment systems that help them, at least in the medium term, overcome the asphyxiating deflationary pressures imposed upon them by the Eurozone’s Gold Standard-like (and, indeed, Bitcoin-like) austerian design.
    La materia è complessa e in Italia c’è chi propone per es. dei Certificati di Credito Fiscale in questo caso distribuiti gratuitamente ai disoccupati….vedere il libro pubblicato da Micromega: “Per una moneta fiscale gratuita. Come uscire dall’austerità senza spaccare l’euro”
    In relazione invece a questo ultimo post invito il dott. Giannuli a leggere cosa esattamente ha detto Varoufakis in occasione del OFFICIAL MONETARY AND FINANCIAL INSTITUTIONS FORUM: http://znetitaly.altervista.org/art/18081
    Leggendo la trascrizione esatta delle parole di Varoufakis si capisce che
    1) Il sistema monetario parallelo era mirato a una Grecia all’interno dell’euro e che non aveva il mandato per portare la Grecia fuori dall’euro e che si poneva il problema di come preparare la popolazione (contraria a uscire dall’euro) a questo eventuale passaggio se costretti…
    2) Che questo piano era uno di tanti “Noi stavamo pianificando su numerosi fronti. Ne citerò solo uno.” e che era finalizzato a creare un sistema parallelo di pagamento nel caso di crisi estrema con banche chiuse e bancomat bloccati per fare funzionare l’economia per un po’ e darsi quindi tempo e “ per dare alla popolazione la sensazione che lo stato ha il controllo e che c’è un piano”
    3) La segreteria generale delle entrate pubbliche in grecia è controllata interamente e direttamente dalla Troika. (questa si che è una notizia!!) da qui il motivo dell’hackeraggio…
    4) Questa moneta sarebbe potuta essere in una seconda fase usata attraverso smartphone….non che la moneta sarebbe girata solo sullo smartphone!!
    Infine nel passaggio sul suo rapporto su Tsipras si può capire un po’ meglio la natura della loro collaborazione.
    Ritengo i post su Varoufakis semplicisti e screditanti…si può non essere d’accordo con le sue proposte ma non si può affermare che è uno sprovveduto impreparato, il suo CV parla da se.
    Sarebbe invece interessante mettersi nei suoi panni e a partire dalle condizioni date e reali (e non quelle teoriche) valutare cosa si sarebbe potuto fare al suo posto.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!