Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (18)

  • Gaz

    |

    La Colombia con un piede nella NATO ed entrambi nell’OCSE sembrerebbe un’ACME NEWS.
    Donald Trump è molto più bravo di me. Lo ammetto.
    Alla Colombia non resta che far domanda per entrare nel Consiglio nordico.
    Per quel che vale la geografia !!

    Reply

  • Giovanni Talpone

    |

    Il mio commento fa riferimento agli ultimi due capoversi del lavoro di Angelo Zaccaria. Segnalo che il mio partito, Possibile, nel suo piccolo (è il caso di dirlo…) non ha mai avuto simpatie per questo tipo di “soluzioni”. Però il problema è maledettamente reale, come si può vedere da questo episodio (http://www.tango-noir.com/2018/06/16/full-list-of-members-of-the-european-parliament-who-voted-against-the-resolution-on-political-prisoners-in-russia/ anche qui, faccio notare che la deputata europea di Possibile, Elly Schlein, non è nella lista dei simpatizzanti di Putin). Insomma, la catastrofica crisi della sinistra italiana è caratterizzata da una spaccatura fra una ex sinistra a forte deriva liberista (PD) e una sinistra apparentemente radicale ma in realtà abbastanza permeata da pulsioni nazionaliste e autoritarie da rischiare la vicinanza con l’estrema destra. A mio parere, la sinistra è orfana di un Marx del XXI secolo: servirebbe una nuova grande interpretazione teorica e critica dei modelli di economia mondiali. In assenza, si è dominati da paure, ossessioni, convincimenti aprioristici. Oppure, banalmente, da chi è più forte o paga meglio.

    Reply

  • Gaz

    |

    Se organizzassero un incontro di comic boxe, arbitro Antonio Guterres, tra Micio Miao Duro, titolare dell’omonima ditta dura v.s. Miao Vero = Vero Miao, titolare dell’anonima ditta ministeriale in liquidazione, vincerebbe il primo per mancata presenza fisica dello sfidante, tanto siamo mal messi.

    Reply

  • Monia De Moniax

    |

    quando sento “moneta elettronica” mi prende il coccolone. La prima cosa che mi viene in mente è la moneta dei ricatti la BITCOIN, quella di help-decrypt e wannacry. Ce ne sono anche altre, della stessa risma, ma io non mi fido della logica ed onestà degli algoritmari. Abbiamo constatato che alla resa dei conti sono dei pastccioni inallocati, che non sanno dove stanno, né di casa, né di Cervello. Secondo me occorre tornare indietro per andare avanti. L’Italia ha 2450 e rotti tonnellate d’oro a Fort Knox. Gli usensi li hanno ridati solo alla germania, loro complice cane feroce a guardia degli europei, specialmente degli italiani. Ci riprendiamo l’oro, basta anche un semplice “voucher” dei nostri padroni armagedonnari che li avranno già tutti spesi in armi di distruzione dei civili afghani, iraqueni eccetera, e ci stampiamo gli € alla Zecca. L’idea l’ho copiata da quella del’autore della Marine Lepen, poi rimangiata, andata a peripatetica grazie al micron di scudorosso

    Reply

  • Venceslao di Spilimbergo

    |

    Buonasera Esimio signor Zaccaria
    Prendo atto del suo interessante punto di vista ma, spero non me ne vorrà, non riesco a condividerlo: come ebbi già modo di esprimermi in precedenti occasioni, io sono del parere che il signor Maduro non abbia tradito l’eredità lasciatali dal signor Chávez… bensì l’abbia portata sino alle estreme conseguenze, con tutte le problematiche che essa aveva palesato fin dalle sue origini (realizzare un sistema di “redistribuzione della ricchezza” presso un Paese non avente i fondamentali e le strutture per poter sostenere un simile progetto); il tutto facendo i conti con una congettura economica molto sfavorevole a Caracas, a causa del crollo del prezzo del petrolio. Persa la fragile copertura decorativa, del regime cosiddetto “Bolivariano” è rimasta solo la dura sostanza… anch’essa prossima a dissolversi, sia per l’azione di attori esterni, sia soprattutto a cagione di attori interni (forze armate).
    La saluto augurandole ogni bene e una buona serata

    P.S.
    Porgo le mie scuse ma, in tutta sincerità, ove/ quali siano le prove che in Sud America sarebbe in atto una sorta di “piano Condor 2.0” da parte Americana, non le trovate/ ho capite. L’America Latina è attualmente così insignificante da un punto di vista geopolitico che non riesco a capire perché Washington dovrebbe perdere tempo- energie- risorse per portare avanti simili progetti presso questa parte del mondo.
    Nuovamente ad Ella i miei ossequi

    Reply

    • foriato

      |

      “non riesco a capire perché Washington dovrebbe perdere tempo- energie- risorse per portare avanti simili progetti presso questa parte del mondo.”
      ________________________
      Presso quella parte del mondo… e tutte le altre! Diciamo che è la sua natura: “perdere tempo- energie- risorse”. Vietnam, Iran, Somalia, Iraq, Afghanistan, Siria, Crimea…

      Reply

  • Gaz

    |

    O.t. Salvini è stato bacchettato dai commisari europei sulla vicenda Rom, i quali non possono essere espulsi, perchè cittadini comunitari.
    Bene. Vogliamo spendere qualche parola sulla gendarmeria che espelle gli itlaliani da Mentone a Ventimiglia?
    https://www.youtube.com/watch?v=cC3JwWhZzig

    Reply

  • Gaz

    |

    Junker, -un nome, un programma- ha riunito di domenica i leader di Italia, Belgio, Olanda, Grecia, Spagna, Malta, Germania, Francia, Bulgaria e Austria, per discutere di immigrazione.
    Gli altri sono andati al mare, o ai laghi.
    Sorge il sospetto che siano 10 paste frolle, se hanno bisogno di un Salvini per smuoversi.
    Neppure Maduro riunisce di domenica i suoi ministri, nemmeno se qualcuno dei suoi sottoposti alza la voce !

    Reply

  • Angelo Zaccaria

    |

    Su ultimo commento. Alcuni limiti e problemi eran già presenti sotto Chávez, ma mentre questi perseguiva un progetto di nuovo socialismo fondato su consenso e partecipazione, con Maduro prevale conservazione del potere, e non mi pare roba da poco.
    Che per USA America Latina sia ancora molto importante, si deduce da quanto dicono e fanno gli stessi governi Usa, e non da quel che dico io.
    Su Colombia, confermo progetto di adesione a sistema Nato con statuto di “partner globale”.
    Su amico di Possibile. Concordo su doppia deriva della sinistra, dove la variante autoritaria e stalinoide viene alimentata nel mondo dalle stesse nefandezze che l’ occidente continua ovunque a commettere. In altre parole, dove si impone la logica della sopraffazione, della violazione di regole e diritti, in ultima analisi della guerra, è più difficile che una proposta di alternativa da sinistra partecipativa e dal basso si imponga. Problema già visto in altri scenari. Dove si impone la guerra, prevale la logica di esercito contro esercito e delle alleanze tattiche geopolitiche, ove la suddetta sinistra autoritaria e stalinoide si muove più a suo agio…. Un bel dilemma molto reale.

    Reply

  • Angelo Zaccaria

    |

    Colombia ha avviato processo di adesione a sistema Nato come “partner globale”.
    Chiaro che non tutti i limiti iniziano con Maduro, ma mentre con Chávez si intravedeva un progetto politico, con Maduro si vede determinazione nel mantenere il potere.
    Che per USA il sudamerica sia ancora molto importante, più che altro emerge da parole e azioni degli stessi governi USA.
    Su amico di Possibile.. Dato di fatto è che mentre sinistra autoritaria si occupa di Venezuela, appoggiando Maduro, il resto delle varie anime non appare molto attento o interessato.

    Reply

  • Lorenzo

    |

    Quando si ragiona sulla base di categorie sinistrate si inventano false soluzioni e falsi problemi.

    Il social-ismo (o comun-ismo), come già emerge dal dato semantico, esprime la primazia del vincolo sociale/comunitario sul suo opposto antitetico, la guarentigia individuale, colla quale (fuor di teofania mardochai-marxista) non può essere conciliato. Ecco il semplice motivo per cui tutti i socialismi realizzati hanno violato e violeranno i sacri diritti umani. La demoplutocrazia invece esprime il dominio di potentati economici che, dopo aver neutralizzato le élites politiche concedendo il voto universale, ne usurpano le competenze senza assumersene le responsabilità: 40 anni di catastrofi ne stanno disgregando (finalmente) l’egemonia.

    Il vincolo sociale/comunitario può adire varia natura (nazionale, razziale, linguistica, socioeconomica, religiosa…) ma tende a poggiare (magari tacitamente) su diversi di questi ambiti e specialmente su quello nazionale: il vincolo fra socialismo (anche marxista) e nazionalismo è strutturale.

    Infine in politica, ma specialmente nell’arena internazionale, esistono solo volontà di potenza convergenti o contrapposte: affabularla alla luce di intenti emancipatori equivale a fare analisi sociologica sulla base di citazioni evangeliche. Un popolo oppresso (al quale il sostegno interessato di Potenze terze offre una concreta, cioè polemologica, possibilità di emancipazione) è semplicemente un popolo più debole del suo oppressore. Tutti i nemici del conquistatore statunitense si rallegrano a vederne il cortile di casa compromesso dalle interferenze russe e cinesi.

    Reply

    • foriato

      |

      Quando si ragiona in modo categorico scuotendo alla buona discorsi vari, verdetti, soluzioni, problemi (non importa se falsi o veri), il solito risultato è un argomento immancabilmente sinistrato; oppure, nel caso del nostro Lorenzo, un bel sonaglino.

      “Tutti i nemici del conquistatore statunitense si rallegrano a vederne il cortile di casa compromesso dalle interferenze russe e cinesi.”? Quali Facebook o Cambridge Analytica, ribattezzata appunto come Emerdata Limited? O forse sta insinuando che il capo dei conquistatori Usa si è trasferito -a seguito della sovraesposizione- dalla White House al Cortile Bianco? Coraggio, un ultimo sforzo!

      Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!